Tar Lazio, ordinanza 1731/2012

    N. 01731/2012 REG.PROV.CAU.

    N. 02867/2012 REG.RIC.

     

    REPUBBLICA ITALIANA

     

    Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio

    (Sezione Seconda Ter)

    ha pronunciato la presente

    ORDINANZA

     

    sul ricorso numero di registro generale 2867 del 2012, proposto da:

    Associazione Riprendiamoci La Notte, La Rotonda 2011 S.r.l., Mokagest S.r.l., ****** ******, ****** di ************** & *********, ************, ********************, Neos S.r.l., Portorotondo S.r.l., Annifo Immobiliare S.a.s., *************, ***************** e ***********, Caffè del Porto S.r.l., Bar Trilussa S.r.l., Fincasa 2060 S.r.l., T. Navona S.r.l., Il Capriccio S.r.l., *****************, Zcr S.r.l., Moco S.r.l., *******************, ************* di *********************, F&B S.r.l., Baccatrio S.r.l., ***************, Antico Caffè della Pace S.r.l., **************** di ***************, ***********, ***************** di *************** & *********, *******************, Wine Bar Cesaretto di *********************, Arco degli Aurunci S.r.l., **********, ************, ****** di ************** & *********, ******************, Enoteca Trastevere S.r.l., Le Mani in Pasta di della Porta Piras & *********, Campo dei Fiori Cocktail Bar S.r.l., *************, Anfiteatro S.r.l., Bar Gelateria Li…Llà S.n.c., Bar **************************************, Sessantaquattro S.r.l., Reggio Giorgio S.r.l., Rox Trastevere S.r.l., Caffè Aventino S.r.l., Da ************, *****************, ************* di *****************, ****************, ****************, ******** S.p.A., *****************, La Scuderia S.r.l., Ristorante al Presidente S.n.c., ****** ******, ***** di *************, Teatro Centrale S.r.l., Drink Art S.r.l., Sempre e Comunque S.r.l., Tre Esse S.a.s., **************, ****************, Futurarte S.r.l., *************************************, Ma.Re. 2000 S.r.l., Ca. Ma. Dif. ******, Ai *********** Dal 1896 Fr.An. ******, **********, **************, **** ******, Imosca S.n.c. di ************ & ***********, ***********************, ************************, ***********, in persona dei legali rappresentanti pro tempore, rappresentati e difesi dagli avv. *************, ****************, con domicilio eletto presso ************* in Roma, via Ennio **************** 11 int 2;

    contro

    Roma Capitale, in persona del Sindaco pro tempore, rappresentato e difeso dall’avv. **************, domiciliata in Roma, presso l’Avvocatura Comunale, via Tempio di Giove, 21;

    per l’annullamento

    previa sospensione dell’efficacia,

    dell’ordinanza del Sindaco di Roma n. 75 del 16.3.2012 con la quale viene fatto divieto di somministrare o vendere bevande alcoliche per l’asporto o il consumo al di fuori del locale di vendita dopo le ore 23.00 e sino alle ore 06.00 in determinati ambiti urbani sino alla data del 30.09.2012

    Visti il ricorso e i relativi allegati;

    Visto l’atto di costituzione in giudizio di Roma Capitale;

    Vista la domanda di sospensione dell’esecuzione del provvedimento impugnato, presentata in via incidentale dalla parte ricorrente;

    Visto l’art. 55 cod. proc. amm.;

    Visti tutti gli atti della causa;

    Ritenuta la propria giurisdizione e competenza;

    Relatore nella camera di consiglio del giorno 16 maggio 2012 il dott. ***************** e uditi per le parti i difensori come specificato nel verbale;

    Considerato che, ad una prima sommaria delibazione, il ricorso appare assistito da sufficiente fumus boni iuris in quanto:

    la reiterazione di ordinanze con il medesimo contenuto sembra escludere la presenza della contingibilità ed urgenza della situazione, presupposto necessario per l’esercizio del potere sindacale di cui all’art. 54, co. 4, d.lgs. n. 267 del 2000;

    la reiterazione di ordinanze con il medesimo contenuto è potenzialmente idonea a differire sine die gli effetti di un provvedimento di urgenza, che dovrebbero essere necessariamente limitati nel tempo;

    la motivazione dell’ordinanza, facendo riferimento ad un singolo episodio, non dà sufficientemente conto delle ragioni dell’adozione dell’atto contingibile ed urgente e del perché la situazione non possa essere fronteggiata con i mezzi ordinari;

    la diminuzione dei disagi legati al fenomeno della c.d. movida notturna e del connesso allarme sociale nel periodo di vigenza dell’ordinanza sindacale n. 296 del 16 dicembre 2011 non sembra tenere conto del diverso periodo dell’anno preso in considerazione e, comunque, non costituisce una sufficiente ragione per escludere che la fattispecie possa essere disciplinata con gli ordinari strumenti di pianificazione e programmazione dagli organi comunali competenti;

    Ritenuto, in ragione della assoluta peculiarità della fattispecie, di disporre la compensazione delle spese della presente fase cautelare.

    P.Q.M.

    Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio, Sezione Seconda Ter, accoglie l’istanza cautelare e, per l’effetto, sospende l’esecuzione dell’efficacia dell’atto impugnato.

    Compensa le spese della fase cautelare.

    Fissa per la trattazione del merito della controversia l’udienza pubblica del 18 dicembre 2012.

    La presente ordinanza sarà eseguita dall’Amministrazione ed è depositata presso la segreteria del tribunale che provvederà a darne comunicazione alle parti.

    Così deciso in Roma nella camera di consiglio del giorno 16 maggio 2012 con l’intervento dei magistrati:

    *****************, Presidente

    *****************, Consigliere

    *****************, ***********, Estensore

     

    L’ESTENSORE

    IL PRESIDENTE

    DEPOSITATA IN SEGRETERIA

    Il 17/05/2012

    IL SEGRETARIO

    (Art. 89, co. 3, cod. proc. amm.)