Referendum Radicali, il testo del quesito per i reati minori di droga

    Volete che sia abrogato il D.P.R. 9 ottobre 1990, n. 309, limitatamente all’articolo 73, comma 5, limitatamente alle parole: “della reclusione da uno a sei a anni e” e comma 5-bis, limitatamente al primo periodo, limitatamente alle parole: “detentive e”, e al terzo periodo: “In deroga a quanto disposto dall’articolo 54 del decreto legislativo 28 agosto 2000, n. 274, il lavoro di pubblica utilità ha una durata corrispondente a quella della sanzione detentiva irrogata?” 

    Se vincesse il referendum, verrebbe eliminata per tutte le violazioni che riguardano fatti di lieve entità  (ad es coltivazione domestica,  possesso e trasporto di quantità medie, condotte border line tra consumo e piccolo spaccio) la pena detentiva mentre rimarrebbe la sanzione penale pecuniaria della multa da 3mila a 26 mila euro.

    Per via referendaria, a causa delle convenzioni internazionali stipulate dall’Italia, una legalizzazione completa non è raggiungibile. Ma è la nostra prospettova

    Effetti:

    • Mai il carcere per fatti di lieve entità
    • Probabile riduzione pressione investigativa su condotte scarsamente offensive e conseguente riduzione carico giudiziario e penitenziario.
    • Propedeutico a riforma politica criminale e uso corretto forze polizia