Decreto salva precari, il testo degli emendamenti: proroga al 2016

    A.C. 1682-A
    EMENDAMENTI
    S. 1015 – Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 31 agosto 2013, n. 101, recante disposizioni urgenti per il perseguimento di obiettivi di razionalizzazione nelle pubbliche amministrazioni (Approvato dal Senato).

    Relatori: SISTO (per la I Commissione) e DAMIANO (per la XI Commissione), per la maggioranza; INVERNIZZI, di minoranza.

    N. 1.

    Seduta del 23 ottobre 2013

    ART. 1.
    (Disposizioni per l’ulteriore riduzione della spesa per auto di servizio e consulenze nella pubblica amministrazione).

    Dopo il comma 1, aggiungere i seguenti:
    1-bis. All’articolo 5, comma 2, primo periodo, del decreto-legge 6 luglio 2012, n. 95, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 135, le parole: «50 per cento» sono sostituite dalle seguenti: «40 per cento».
    1-ter. Il risparmio generato dalle disposizioni previste ai sensi del comma 1 e del comma 1-bis è destinato al Corpo nazionale dei vigili del fuoco, in particolare ai comandi provinciali che lavorano in tutti i contesti di particolare difficoltà operativa e di pericolo per l’incolumità delle persone

    e a quelli che lavorano alla ricostruzione a seguito degli eventi sismici del maggio 2012 in Emilia.
    1. 17. Dell’Orco, Catalano, Nicola Bianchi, Liuzzi, Cozzolino, Dadone, Cristian Iannuzzi, Ferraresi, De Lorenzis.

    Dopo il comma 1, aggiungere il seguente:
    1-bis. All’articolo 5, comma 2, secondo periodo, del decreto-legge 6 luglio 2012, n. 95, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 135, dopo le parole: «alle autovetture utilizzate», sono aggiunte le seguenti: «dalle università e dagli enti di ricerca per i propri servizi istituzionali,».

    Conseguentemente, al comma 2, dopo le parole: legge 7 agosto 2012, n. 135, aggiungere le seguenti:, come modificato dal comma 1-bis.
    1. 200. Chimienti, Rostellato, Tripiedi, Bechis, Cominardi.

    Dopo il comma 1, aggiungere il seguente:
    1-bis. All’articolo 5, comma 2, secondo periodo, del decreto-legge 6 luglio 2012, n. 95, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 135, dopo le parole: «alle autovetture utilizzate», sono aggiunte le seguenti: «dalle università e dagli enti di ricerca per i propri servizi istituzionali,».
    1. 6. Cecconi, Baroni, Dall’Osso, Di Vita, Silvia Giordano, Grillo, Lorefice, Mantero, Dadone, Dieni, Rostellato.

    Al comma 2, primo periodo, sostituire le parole: 50 per cento con le seguenti: 20 per cento.
    1. 16. Lombardi, Cozzolino, Dadone, Dieni, D’Ambrosio, Fraccaro, Nuti, Toninelli.

    Al comma 2, primo periodo, sostituire le parole: 50 per cento con le seguenti: 80 per cento.
    1. 201. Matteo Bragantini, Invernizzi, Fedriga.

    Al comma 2, primo periodo, sostituire le parole: 50 per cento con le seguenti: 30 per cento.
    1. 202. Fedriga, Matteo Bragantini, Invernizzi.

    Al comma 2, primo periodo, sostituire le parole: 50 per cento con le seguenti: 70 per cento.
    1. 203. Matteo Bragantini, Invernizzi, Fedriga.

    Al comma 2, primo periodo, sostituire le parole: 50 per cento con le seguenti: 60 per cento.
    1. 204. Matteo Bragantini, Invernizzi, Fedriga.

    Al comma 2, primo periodo, dopo le parole: l’acquisto di buoni taxi aggiungere le seguenti: e per l’acquisto di nuove auto.
    1. 7. Grillo, Baroni, Cecconi, Dall’Osso, Di Vita, Silvia Giordano, Lorefice, Mantero, Dadone, Dieni, Rostellato.

    Al comma 3, dopo le parole: spesa per auto di servizio aggiungere le seguenti: e della spesa per l’acquisto di buoni taxi.
    1. 15. Lombardi, Cozzolino, Dadone, Dieni, D’Ambrosio, Fraccaro, Nuti, Toninelli.

    Al comma 3, sostituire le parole da: illecito disciplinare fino alla fine del comma con le seguenti: grave illecito disciplinare, punito immediatamente con la decadenza dei dirigenti preposti e con la loro immediata sostituzione, e sono inoltre puniti con una sanzione amministrativa pecuniaria, a carico di ciascun dirigente responsabile della violazione e dei dirigenti massimi per omesso controllo da cinquantamila a centomila euro, alla cui irrogazione provvede l’autorità amministrativa competente in base a quanto previsto dalla legge 24 novembre 1981, n. 689, salva l’azione obbligatoria di responsabilità amministrativa per danno erariale presso la Corte dei conti.
    1. 205. Cecconi, Baroni, Dall’Osso, Di Vita, Silvia Giordano, Grillo, Lorefice, Mantero, Dadone, Dieni, Rostellato.

    Sopprimere i commi 4, 5, 7, 8, 9.
    1. 4. Terzoni, Busto, Daga, De Rosa, Mannino, Segoni, Tofalo, Zolezzi, Dadone.

    Al comma 4, sostituire le parole: Con modifiche al decreto con le seguenti: Entro 30 giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, con l’emanazione di uno o più decreti del Presidente del Consiglio dei ministri, modificativi del decreto.
    1. 30. Cozzolino, Dadone, Dieni, D’Ambrosio, Fraccaro, Lombardi, Nuti, Toninelli.

    Al comma 4, sostituire le parole: modifiche al decreto con le seguenti: l’emanazione di uno o più decreti del Presidente del Consiglio dei ministri, modificativi del decreto.
    1. 14. Lombardi, Cozzolino, Dadone, Dieni, D’Ambrosio, Fraccaro, Nuti, Toninelli.

    Al comma 4, aggiungere, in fine, le parole: e comunque garantendo ai piccoli comuni un numero minimo di autovetture necessarie allo svolgimento dei servizi tecnico-amministrativi.
    1. 18. Matteo Bragantini, Invernizzi, Fedriga.

    Sostituire il comma 4-bis con il seguente:
    4-bis. I modelli delle auto destinate alle pubbliche amministrazioni per uso civile devono essere di cilindrata non superiore a 1800 cc e tutte obbligatoriamente alimentate a GPL o a metano o ibride allo scopo di ridurre l’impatto ambientale e abbattere i consumi, inoltre devono essere tutte dotate di scatola nera per monitorare, una volta ogni sei mesi, i chilometri percorsi, i consumi, i giorni e gli orari di movimento. Tale monitoraggio è effettuato da agenzie specializzate esterne, scelte previo avviso nazionale entro il 30 giugno 2013.
    1. 206. Cecconi, Baroni, Dall’Osso, Di Vita, Silvia Giordano, Grillo, Lorefice, Mantero, Dadone, Dieni, Rostellato.

    Al comma 4-bis, sostituire le parole: Nei casi in cui è ammesso l’acquisto di nuove autovetture, con le seguenti: Per gli acquisti effettuati per le esigenze del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, per i servizi istituzionali di tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica, per i servizi sociali e sanitari svolti per garantire i livelli essenziali di assistenza, ai quali non si applicano le disposizioni di cui al comma 143, della legge 24 dicembre 2012, n. 228, come modificato dai presente articolo, per l’acquisto di nuove autovetture.
    1. 29. Cozzolino, Dadone, Dieni, D’Ambrosio, Fraccaro, Lombardi, Nuti, Toninelli.

    Al comma 4-bis, dopo le parole: minor costo di esercizio aggiungere le seguenti: prodotte in Italia.
    1. 9. Rostellato, Bechis, Rizzetto, Baldassarre, Ciprini, Cominardi, Tripiedi.

    Sopprimere il comma 4-ter.
    1. 207. Matteo Bragantini, Invernizzi, Fedriga.

    Al comma 4-ter, sostituire le parole: un numero di autovetture sufficienti a garantire la corretta erogazione con le seguenti: di autovetture, al fine di garantire l’erogazione.
    1. 208. Matteo Bragantini, Invernizzi, Fedriga.

    Dopo il comma 4-ter, aggiungere il seguente:
    4-quater. Al fine di assicurare i controlli antifrode alimentari e il contrasto al falso made in Italy, le disposizioni di cui all’articolo 1, commi 141 e 143, della legge 24 dicembre 2012, n. 228, come modificati dal comma 1, primo periodo, del presente articolo, nonché i limiti di spesa di cui all’articolo 6, comma 14, del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122, non si applicano alle autovetture dell’Ispettorato centrale della tutela della qualità e repressione frodi dei prodotti agro-alimentari del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali.
    1. 31. Airaudo, Pilozzi, Di Salvo, Placido, Migliore, Kronbichler.

    Al comma 5, primo periodo, sostituire le parole da:, sostenuta dalle amministrazioni pubbliche fino alla fine del comma con le seguenti: o a singoli professionisti e/o tecnici e/o specialisti dei vari settori, a società private e/o pubbliche e/o a cooperative e/o a ONLUS e ONG, sostenuta dalle amministrazioni pubbliche inserite nel conto economico consolidato della pubblica amministrazione, come individuate dall’Istituto nazionale di statistica (ISTAT) ai sensi dell’articolo 1, comma 3, della legge 31 dicembre 2009, n. 196, nonché dalle autorità indipendenti e dalla Commissione nazionale per le società e la borsa (CONSOB), incluse le università, le ASL, le ASP, le Aziende sanitarie miste ospedaliere universitarie e gli IRCCS, gli enti e le fondazioni di ricerca e gli organismi equiparati, nonché gli istituti culturali e gli incarichi di studio e consulenza connessi ai processi di privatizzazione e alla regolamentazione del settore finanziario, non può essere superiore al 60 per cento del limite di spesa per l’anno 2013 così come determinato dall’applicazione della disposizione di cui al comma 7 dell’articolo 6 del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122. Non si può applicare alcuna deroga, comprese quelle previste dall’articolo 6, comma 7, ultimo periodo, del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, nella legge 30 luglio 2010, n. 122.
    1. 209. Cecconi, Baroni, Dall’Osso, Di Vita, Silvia Giordano, Grillo, Lorefice, Mantero, Dadone, Dieni, Rostellato.

    Al comma 5, primo periodo, sopprimere le parole da:, escluse le università fino a: regolamentazione del settore finanziario.
    1. 12. Lombardi, Cozzolino, Dadone, Dieni, D’Ambrosio, Fraccaro, Nuti, Toninelli.

    Al comma 5, primo periodo, sostituire le parole: 80 per cento con le seguenti: 40 per cento.
    1. 5. Rostellato, Baldassarre, Ciprini, Bechis, Cominardi, Tripiedi, Rizzetto.

    Al comma 5, primo periodo, sostituire le parole: 80 per cento con le seguenti: 50 per cento.
    1. 13. Lombardi, Cozzolino, Dadone, Dieni, D’Ambrosio, Fraccaro, Nuti, Toninelli.

    Al comma 5, primo periodo, sostituire le parole: 80 per cento con le seguenti: 60 per cento.
    *1. 28. Cozzolino, Dadone, Dieni, D’Ambrosio, Fraccaro, Lombardi, Nuti, Toninelli.

    Al comma 5, primo periodo, sostituire le parole: 80 per cento con le seguenti: 60 per cento.
    *1. 214. Fedriga, Matteo Bragantini, Invernizzi.

    Al comma 5, primo periodo, sostituire le parole: 80 per cento con le seguenti: 90 per cento.
    1. 212. Matteo Bragantini, Invernizzi, Fedriga.

    Al comma 5, primo periodo, sostituire le parole: 80 per cento con le seguenti: 85 per cento.
    1. 213. Matteo Bragantini, Invernizzi, Fedriga.

    Al comma 6, dopo le parole: legge 31 dicembre 2009, n. 196 aggiungere le seguenti: nonché presso le ASL, le ASP, gli IRCCS e le Università.
    1. 215. Cecconi, Baroni, Dall’Osso, Di Vita, Silvia Giordano, Grillo, Lorefice, Mantero, Dadone, Dieni, Rostellato.

    Al comma 6, sostituire le parole: fatti eventualmente salvi con la seguente: inclusi.
    1. 216. Cecconi, Baroni, Dall’Osso, Di Vita, Silvia Giordano, Grillo, Lorefice, Mantero, Dadone, Dieni, Rostellato.

    Al comma 6, dopo le parole: o regolamentari aggiungere le seguenti: derivanti da obblighi di legge.
    1. 19. Invernizzi, Fedriga, Matteo Bragantini.

    Al comma 6, aggiungere, in fine, le parole: e al decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118.
    1. 11. Lombardi, Cozzolino, Dadone, Dieni, D’Ambrosio, Fraccaro, Nuti, Toninelli.

    Dopo il comma 6, aggiungere il seguente:
    6-bis. Al fine di favorire il contenimento delle spese per consulenze esterne e velocizzare l’immissione in ruolo dei vincitori dei concorsi, in deroga al limite del 20 per cento previsto all’articolo 66 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, a 133, per l’anno 2014, nei limiti delle risorse finanziarie derivanti dalla riduzione di cui ai commi 5 e 6, sono autorizzate le immissioni in ruolo, in numero pari ai posti messi a bando, dei vincitori e degli idonei dei concorsi, così come risultanti dalle graduatorie definitivamente approvate.
    1. 32. Airaudo, Pilozzi, Kronbichler, Di Salvo, Placido.

    Dopo il comma 6, aggiungere il seguente:
    6-bis. Al fine di favorire il contenimento delle spese per consulenze esterne e velocizzare l’immissione in ruolo dei vincitori dei concorsi, in deroga al limite del 20 per cento previsto all’articolo 66 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, a 133, per l’anno 2014, nei limiti delle risorse finanziarie derivanti dalla riduzione di cui ai commi 5 e 6, sono autorizzate le immissioni in ruolo, in numero pari ai posti messi a bando, dei vincitori e, nel caso di esaurimento dei vincitori, degli idonei dei concorsi, così come risultanti dalle graduatorie definitivamente approvate.
    1. 27. Lombardi, Dieni, Dadone, Cozzolino, D’Ambrosio, Fraccaro, Nuti, Toninelli, Rizzetto, Baldassarre, Cominardi, Tripiedi, Bechis, Ciprini, Rostellato.

    Al comma 7, secondo periodo, sostituire le parole: da mille a cinquemila euro con le seguenti: da 5.000 a 25.000 euro.
    1. 217. Cecconi, Baroni, Dall’Osso, Di Vita, Silvia Giordano, Grillo, Lorefice, Mantero, Dadone, Dieni, Rostellato.

    Al comma 7, secondo periodo, sostituire le parole: salva l’azione con le seguenti: con obbligo di azione.
    1. 218. Cecconi, Baroni, Dall’Osso, Di Vita, Silvia Giordano, Grillo, Lorefice, Mantero, Dadone, Dieni, Rostellato.

    Al comma 7, aggiungere, in fine, il seguente periodo: Qualora gli atti adottati in violazione arrechino danni, ovvero risultino impegnativi dal punto di vista economico verso terzi, oltre alla sanzione amministrativa il responsabile è chiamato al risarcimento in proprio del terzo danneggiato.
    1. 20. Invernizzi, Matteo Bragantini, Fedriga.

    Al comma 8, sostituire le parole: possono disporre con le seguenti: dispongono almeno una volta l’anno.
    1. 219. Cecconi, Baroni, Dall’Osso, Di Vita, Silvia Giordano, Grillo, Lorefice, Mantero, Dadone, Dieni, Rostellato.

    Al comma 8, dopo la parola: denunciando aggiungere le seguenti: obbligatoriamente entro una settimana.
    1. 220. Cecconi, Baroni, Dall’Osso, Di Vita, Silvia Giordano, Grillo, Lorefice, Mantero, Dadone, Dieni, Rostellato.

    Dopo il comma 8-bis, aggiungere il seguente:
    8-ter. All’articolo 1, comma 5, della legge 30 dicembre 2004, n. 311, è aggiunto, in fine, il seguente periodo: «L’elenco delle amministrazioni pubbliche inserite nel conto economico consolidato individuate dall’ISTAT ai sensi del periodo precedente, ai fini statistici, è composto da due sezioni: la prima riservata agli “enti pubblici di previdenza e assistenza”, ai quali sono indirizzate le disposizioni in materia di finanza pubblica; la seconda contenente gli “altri enti di previdenza e assistenza” di cui al decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509, e al decreto legislativo 10 febbraio 1996, n. 103.».
    1. 210. Chiarelli.

    Dopo il comma 8-bis, aggiungere i seguenti:
    8-ter. In relazione ai poteri di autonomia regolatoria degli enti di cui al decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509, e del decreto legislativo 10 febbraio 1996, n. 103, l’articolo 3, comma 12, della legge 8 agosto 1995, n. 335, e successive modificazioni, si interpreta nel senso che il rispetto del principio del pro rata e della proporzionalità della pensione contributiva deve essere contemperato, secondo ragionevolezza, con il principio di autonomia di tali particolari enti di natura collettiva e a struttura democratica; tale principio, condizionato dall’autosostenibilità che esclude i predetti enti da finanziamenti pubblici diretti o indiretti, comporta la solidarietà di tutti gli iscritti estesa necessariamente anche ai pensionati.
    8-quater. L’ultimo periodo dell’articolo 1, comma 763, della legge 27 dicembre 2006, n. 296, si interpreta nel senso che gli atti e le deliberazioni in materia previdenziale adottati dagli enti di cui al medesimo comma 763 e approvati dai Ministeri vigilanti prima della data di entrata in vigore della citata legge n. 296 del 2006 si intendono legittimi ed efficaci a condizione che siano finalizzati ad assicurare l’equilibrio di bilancio.
    1. 211. Chiarelli.

    Dopo l’articolo 1, aggiungere il seguente:
    Art. 1-bis. – (Riduzione delle spese per le auto blu). – 1. Nessuna amministrazione pubblica, comprese le forze armate, può avere in dotazione auto di servizio, ad esclusione di quelle adibite a funzioni di difesa nazionale, sicurezza interna e soccorso pubblico.
    2. Fermo restando quanto stabilito al comma 1, hanno diritto all’utilizzo per fini istituzionali dell’auto di servizio esclusivamente i titolari delle seguenti cariche: il Capo dello Stato, i Presidenti del Senato e della Camera, il Presidente del Consiglio dei Ministri e il Presidente della Corte costituzionale. Ciascun Ministero può avere in dotazione non più di un auto di servizio.
    3. Il personale in esubero per effetto dell’applicazione dei commi 1 e 2 è collocato in mobilità.
    4. Con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, da adottarsi entro 90 giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, su proposta del Ministro per la pubblica amministrazione e per la semplificazione e del Ministro dell’economia e delle finanze, sono individuate le autovetture di proprietà pubblica risultanti in eccesso per effetto dell’applicazione dei commi 1 e 2 e sono disposte le modalità per la loro dismissione.
    1. 01. Matteo Bragantini, Invernizzi, Fedriga.

    ART. 2.
    (Disposizioni in tema di accesso nelle pubbliche amministrazioni, di assorbimento delle eccedenze e potenziamento della revisione della spesa anche in materia di personale).

    Al comma 1, premettere il seguente:
    01. Il numero dei dipendenti pubblici per ciascun territorio regionale, con riguardo a tutte le amministrazioni pubbliche di cui all’articolo 1, comma 2, del testo unico n.165 del 2001, deve comunque essere rapportato alla popolazione ivi residente ed alle competenze spettanti.
    2. 31. Fedriga, Invernizzi, Matteo Bragantini.

    Al comma 1, lettera a), numero 1), primo periodo, dopo le parole: nelle altre aree, aggiungere le seguenti: nel limite massimo del 50 per cento.
    2. 204. Cecconi, Baroni, Dall’Osso, Di Vita, Silvia Giordano, Grillo, Lorefice, Mantero, Dadone, Dieni, Rostellato.

    Al comma 1, lettera a), numero 1), primo periodo, sopprimere le parole: «da computarsi al netto di un numero di posti equivalente dal punto di vista finanziario al complesso delle unità soprannumerarie di cui alla lettera a)».
    2. 64. Airaudo, Pilozzi, Migliore, Kronbichler, Di Salvo, Placido.

    Al comma 1, lettera a), sopprimere i numeri 2) e 3).
    2. 208. Cecconi, Baroni, Dall’Osso, Di Vita, Silvia Giordano, Grillo, Lorefice, Mantero, Dadone, Dieni, Rostellato.

    Al comma 1, lettera a), sopprimere il numero 2).
    2. 206. Fedriga, Matteo Bragantini, Invernizzi.

    Al comma 1, lettera a), numero 2), sostituire le parole: 31 dicembre 2016 con le seguenti: 31 dicembre 2015.
    2. 205. Fedriga, Matteo Bragantini, Invernizzi.

    Dopo il comma 1, aggiungere il seguente:
    1-bis. A decorrere dal 1o gennaio 2014 i concorsi unici di accesso nelle pubbliche amministrazioni sono organizzati dalle regioni, in raccordo con il Dipartimento della funzione pubblica.
    2. 23. Fedriga, Matteo Bragantini, Invernizzi.

    Sopprimere il comma 2.
    2. 207. Colletti, Agostinelli, Turco, Micillo, Businarolo, Sarti, Ferraresi, Bonafede.

    Dopo il comma 2-bis, aggiungere i seguenti:
    2-ter. Alla legge 18 febbraio 1989, n. 56, recante «Ordinamento della professione di psicologo», sono apportate le seguenti modificazioni:
    a) sostituire, ovunque ricorrano, le parole: «Ministro di grazia e giustizia», con le parole: «Ministro della Salute»;
    b) all’articolo 12, comma 2, lettera i), sopprimere le parole: «ai sensi dell’articolo 27»;
    c) l’articolo 27 è abrogato.

    2-quater. Gli organi di cui agli articoli 12 e 28 della legge 18 febbraio 1989. n. 56, sono prorogati fino al 15 dicembre 2015, nella composizione esistente alla data di entrata in vigore del presente decreto-legge.
    2-quinquies. In materia deontologica si applica agli iscritti all’Ordine degli psicologi quanto previsto per le altre professioni sanitarie di cui al decreto legislativo 13 settembre 1946 n. 233.
    2. 63. Aiello, Pilozzi, Airaudo, Migliore, Kronbichler, Di Salvo, Placido.

    Dopo il comma 3, aggiungere il seguente:
    3-bis. Gli enti territoriali e gli enti locali, al fine di riorganizzare le proprie strutture amministrative e ridurre le spese di personale, possono procedere alla risoluzione del rapporto di lavoro, previo consenso del lavoratore, nei confronti dei propri dipendenti in possesso dei requisiti anagrafici e contributivi che avrebbero comportato la decorrenza del trattamento pensionistico entro il 31 dicembre 2015, secondo la disciplina vigente prima dell’entrata in vigore dell’articolo 24 del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito con modificazioni dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214, con conseguente valenza dei requisiti anagrafici e di anzianità contributiva nonché del regime delle decorrenze previsti dalla predetta disciplina pensionistica: il trattamento di fine rapporto è corrisposto al momento della maturazione del diritto alla corresponsione dello stesso sulla base di quanto stabilito dall’articolo 1, commi 22 e 23 del decreto legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito con modificazioni, dalla legge 14 settembre 2011, n. 148. Tali enti procedono conseguentemente alla rideterminazione della dotazione organica entro 90 giorni dalla cessazione del rapporto di lavoro dei dipendenti di cui al periodo precedente. Le cessazioni dal servizio dei predetti dipendenti possono essere calcolate come risparmi utili per definire l’ammontare delle disponibilità finanziarie da destinare ad assunzioni, secondo la vigente legislazione in materia di limiti alle assunzioni, realizzabili nell’annualità successiva a quella in cui si verifica il collocamento a riposo per gli enti locali e entro il limite massimo del 30 per cento per gli enti territoriali. La presente disposizione trova applicazione anche nei confronti degli enti non economici dipendenti e ausiliari e nei casi di soppressione delle Comunità montane.
    2. 65. Airaudo, Pilozzi, Migliore, Kronbichler, Di Salvo, Placido.

    Al comma 4, sostituire le parole: di un qualsiasi diritto a pensione entro il 31 dicembre 2011 comporta obbligatoriamente con le seguenti:, al pari di tutti gli altri lavoratori, di un qualsiasi diritto a pensione entro il 31 dicembre 2011 comporta facoltativamente, su richiesta del lavoratore,.
    2. 209. Bechis, Dadone.

    Al comma 5, aggiungere, in fine, il seguente periodo: Sono fatti salvi i trattenimenti in servizio oltre il limite anagrafico ordinamentale eventualmente accordati dalle amministrazioni fino alla data di emanazione del presente decreto su istanza formulata dai dipendenti ai sensi dell’articolo 24, comma 4, secondo periodo, del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito con modificazioni dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214, in conformità a quanto asserito dal TAR Lazio nella sentenza n. 2446/2013.
    2. 22. Bargero, Baruffi.

    Al comma 5, aggiungere, in fine, il seguente periodo: I dirigenti del servizio sanitario nazionale con 40 anni di contribuzione a domanda possono accedere al pensionamento con le norme e decorrenze previgenti rispetto all’entrata in vigore del sopracitato articolo 24 del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge. 22 dicembre 2011, n. 214.
    2. 17. Dall’Osso, Cecconi, Baroni, Di Vita, Silvia Giordano, Grillo, Lorefice, Mantero, Dadone, Dieni, Rostellato.

    Dopo il comma 6, aggiungere i seguenti:
    6-bis. Le pensioni ovvero i vitalizi erogati da gestioni previdenziali pubbliche in base al sistema retributivo, non possono superare i 5000 euro netti mensili. Sono fatti salvi le pensioni e i vitalizi corrisposti esclusivamente in base al sistema contributivo.
    6-ter. Qualora il trattamento di cui al comma 11-bis sia cumulato con altri trattamenti pensionistici erogati da gestioni previdenziali pubbliche in base al sistema retributivo, l’ammontare onnicomprensivo non può superare i 10.000 euro netti mensili.
    2. 25. Matteo Bragantini, Fedriga, Invernizzi.

    Sopprimere il comma 8.
    2. 210. Cecconi, Baroni, Dall’Osso, Di Vita, Silvia Giordano, Grillo, Lorefice, Mantero, Dadone, Dieni, Rostellato.

    Al comma 8, secondo periodo, dopo le parole: i rapporti di lavoro aggiungere le seguenti: esclusivamente del personale appartenente ai ruoli dirigenziali dell’amministrazione.
    2. 51. Dadone, Cozzolino, Dieni, D’Ambrosio, Fraccaro, Lombardi, Nuti, Toninelli.

    Sopprimere il comma 8-bis.
    2. 53. Dadone, Cozzolino, Dieni, D’Ambrosio, Fraccaro, Lombardi, Nuti, Toninelli, Cecconi, Baroni, Dall’Osso, Di Vita, Silvia Giordano, Grillo, Lorefice, Mantero, Dadone, Dieni, Rostellato.

    Al comma 8-bis, primo periodo, sostituire le parole: 31 dicembre 2014 con le seguenti: 30 giugno 2014.
    2. 211. Cozzolino, Dadone, Dieni, D’Ambrosio, Fraccaro, Lombardi, Nuti, Toninelli.

    Sopprimere il comma 8-ter.
    2. 54. Cozzolino, Dadone, Dieni, D’Ambrosio, Fraccaro, Lombardi, Nuti, Toninelli.

    Al comma 8-ter, capoverso, sostituire il secondo e il terzo periodo con il seguente: Gli incarichi di cui ai commi 1, 2, 4 e 5 possono essere conferiti entro il limite del 10 per cento della dotazione organica dei dirigenti appartenenti alla prima fascia dei ruoli di cui al medesimo articolo 23 e del 5 per cento della dotazione organica di quelli appartenenti alla seconda fascia.
    2. 20. Rostellato, Baldassarre, Ciprini, Bechis, Cominardi, Tripiedi, Rizzetto.

    Sostituire il comma 8-quater, con il seguente:
    8-quater. All’articolo 19, comma 6, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, sono apportate le seguenti modificazioni:
    a) il quarto periodo è soppresso;
    b) dopo l’ultimo periodo è aggiunto il seguente: «La formazione universitaria richiesta dal presente comma non può essere inferiore al possesso del diploma di laurea».
    2. 55. Cozzolino, Dadone, Dieni, D’Ambrosio, Fraccaro, Lombardi, Nuti, Toninelli.

    Dopo il comma 8-quinquies aggiungere il seguente
    8-sexies: Dopo il comma 3 dell’articolo 90 del Decreto legislativo n. 267 del 18 agosto 2000 è aggiunto il seguente: «4. La direzione degli uffici di cui al comma 1 può essere affidata ad unico dirigente per singolo ente, anche esterno secondo quanto previsto nel presente articolo, al fine di garantire le attività gestionali previste nel regolamento degli uffici e dei servizi che comunque debbono essere connesse all’organizzazione degli uffici posti alle dirette dipendenze del sindaco, del presidente della provincia, della giunta o degli assessori ed alle funzioni di collaborazione e supporto delle attività di indirizzo e di controllo propri degli organi di direzione politica.».
    2. 201. Burtone.

    Dopo il comma 8-quinquies, aggiungere il seguente:
    8-sexies. Nelle more del completamento del processo di riforma delle province e dei servizi per il lavoro previsto dalla legge 28 giugno 2012, n. 92, e nel rispetto del patto di stabilità interno e della vigente normativa di contenimento della spesa pubblica, è autorizzata la proroga dei contratti a tempo determinato in essere per assicurare la funzionalità dei centri per l’impiego di cui al decreto legislativo 23 dicembre 1997, n. 469.
    2. 202. Nardi, Rigoni.

    Dopo il comma 8-quinquies, aggiungere il seguente:
    «8-sexies. Nelle more del completamento del processo di riforma delle province e dei servizi per il lavoro previsto dalla legge 28 giugno 2012, n. 92, è autorizzata la proroga dei contratti non a tempo indeterminato i cui oneri sono finanziati con fondi dell’Unione europea in essere per assicurare la funzionalità dei centri per l’impiego di cui al decreto legislativo 23 dicembre 1997, n. 469».
    2. 203. Nardi, Rigoni.

    Dopo il comma 8-quinquies, aggiungere il seguente:
    8-sexies. All’articolo 7, comma 3, della legge 30 dicembre 2010, n. 240 dopo il primo periodo, è aggiunto il seguente: «La mobilità universitaria è altresì favorita dalla possibilità di effettuare trasferimenti di professori e ricercatori consenzienti attraverso lo scambio contestuale di docenti in possesso della stessa qualifica tra due sedi universitarie consenzienti».
    2. 72. Pisicchio.

    Al comma 9, sopprimere le parole: e al computo del rispetto dei limiti percentuali di incarichi conferibili a soggetti esterni ai ruoli dei dirigenti di prima fascia della Presidenza.
    2. 16. Rizzetto, D’Ambrosio, Rostellato, Baldassarre, Ciprini, Cominardi, Tripiedi, Bechis, Dadone, Dieni, Cozzolino, Fraccaro, Lombardi, Nuti, Toninelli.

    Al comma 9, sostituire le parole: e al con le seguenti: ma non al.
    2. 49. D’Ambrosio, Dadone, Dieni, Cozzolino, Fraccaro, Lombardi, Nuti, Toninelli.

    Al comma 9, sostituire le parole: della legge di conversione del presente decreto con le seguenti: del presente decreto.
    2. 212. Cecconi, Baroni, Dall’Osso, Di Vita, Silvia Giordano, Grillo, Lorefice, Mantero, Dadone, Dieni, Rostellato.

    Dopo il comma 9-bis, aggiungere il seguente:

    9-ter. In considerazione dell’eccezionalità della situazione economica nazionale ed internazionale, in via sperimentale per un triennio, a decorrere dall’entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto-legge, sui redditi percepiti dal personale di cui all’articolo 15 e seguenti del decreto legislativo n. 165 del 2001, è applicato un contributo di perequazione del 2 per cento, destinato ad alimentare i fondi di cui all’articolo 3, comma 19 e seguenti, della legge 28 giugno 2012, n. 92.
    2. 26. Matteo Bragantini, Fedriga, Invernizzi.

    Dopo il comma 9-bis, aggiungere il seguente:

    9-ter. Al comma 1 dell’articolo 38 del decreto legislativo n. 165 del 2001, le parole: «e i loro familiari non aventi la cittadinanza di uno Stato membro che siano titolari del diritto di soggiorno permanente» sono soppresse.
    2. 27. Fedriga, Matteo Bragantini, Invernizzi.

    Al comma 10, sopprimere le parole: con esclusione degli organi costituzionali e di rilievo costituzionale.
    2. 19. Rostellato, Baldassarre, Ciprini, Bechis, Cominardi, Tripiedi, Rizzetto.

    Al comma 10, sostituire le parole: con esclusione degli con le seguenti: compresi gli.
    2. 213. Cecconi, Baroni, Dall’Osso, Di Vita, Silvia Giordano, Grillo, Lorefice, Mantero, Dadone, Dieni, Rostellato.

    Al comma 11, capoverso, dopo le parole: «pubblica utilità», aggiungere le seguenti: «le società o aziende che beneficiano in forma diretta o indiretta di interventi pubblici in funzione anticrisi».
    2. 30. Invernizzi, Matteo Bragantini, Fedriga.

    Al comma 11, capoverso, dopo le parole: servizio pubblico generale radiotelevisivo, aggiungere le seguenti: ovvero con le testate giornalistiche che beneficiano in forma diretta o indiretta di finanziamenti pubblici.
    2. 224. Matteo Bragantini, Fedriga, Invernizzi.

    Dopo il comma 11-bis, aggiungere il seguente:
    11-ter. A decorrere dall’anno 2014, in sede di contrattazione integrativa delle amministrazioni statali, le retribuzioni dei pubblici dipendenti sono commisurate anche al costo medio della vita nelle province in cui i dipendenti svolgono la loro attività lavorativa. Entro il 30 novembre di ciascun anno l’Istat elabora e fornisce al Ministero dell’economia e delle finanze un indice del costo medio della vita su base nazionale con la relativa suddivisione su base provinciale. La perequazione delle retribuzioni dei pubblici dipendenti, per tener conto del costo medio della vita, è calcolata il primo di gennaio di ogni anno con la seguente modalità: adeguamento proporzionale ove l’indice del costo medio della vita in quella provincia sia differente rispetto a quello medio nazionale.
    2. 24. Fedriga, Matteo Bragantini, Invernizzi.

    Dopo il comma 11-bis, aggiungere i seguenti:
    11-ter. Per il perseguimento delle finalità di cui il decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82, entro un anno dall’entrata in vigore della presente legge, tutti i flussi informativi in materia di personale dipendente dagli enti ed aziende di cui ai commi 10 e 11, attivati dalle amministrazioni centrali dello Stato, confluiscono nel conto annuale di cui al comma 2, articolo 60 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n, 165. Successivamente a tale data ogni nuovo flusso informativo della medesima natura deve essere attivato esclusivamente nell’ambito del citato conto annuale.
    11-quater. Qualora vi siano esigenze di rilevazioni urgenti in materia di personale dipendente dagli enti ed aziende di cui ai commi 10 e 11 determinate da ragioni di pubblica sicurezza, protezione civile, sanità pubblica e da tutela dell’ambiente e del territorio, non riscontrabili con informazioni già presenti nella banca dati costituita tramite la rilevazione dei conto annuale, il Ministero competente invia una richiesta motivata alle sole amministrazioni interessate, le quali, salvo diverso termine indicato nella richiesta, rispondono entro 10 giorni dall’arrivo della richiesta.
    11-quinquies. Le modalità e i tempi di applicazione di quanto previsto ai commi 11-ter e 11-quater per quanto riguarda i flussi informativi riguardanti le regioni, gli enti e aziende del servizio sanitario nazionale e gli enti locali, sono definite con intesa in Conferenza unificata.
    2. 67. Pilozzi, Airaudo, Migliore, Placido, Kronbichler, Di Salvo.

    Al comma 12, sopprimere le parole: e per l’anno 2014.
    2. 215. Cecconi, Baroni, Dall’Osso, Di Vita, Silvia Giordano, Grillo, Lorefice, Mantero, Dadone, Dieni, Rostellato.

    Al comma 12, aggiungere, in fine, il seguente periodo: Il 50 per cento dei posti è riservato al personale interno risultato idoneo nelle graduatorie per il passaggio dall’area B all’area C di cui ai bandi susseguenti la procedura negoziale diramati con circolare 183/2007.
    2. 214. Taglialatela.

    Dopo il comma 12, aggiungere il seguente:
    12-bis. All’articolo 11 del decreto-legge 8 agosto 2013, n. 91, il comma 13 è sostituito dal seguente:
    «13. Per il personale risultante in eccedenza all’esito della rideterminazione delle dotazioni organiche di cui al comma 1, le fondazioni di cui al medesimo comma, fermo restando per la durata del soprannumero il divieto di assunzioni di personale, applicano l’articolo 72. comma 11, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112. convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133. In caso di ulteriori eccedenze, prima di criticare la possibilità di trasferimento nella società Ales S.p.A., le singole fondazioni inviano al Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo elenchi del personale interessato che può essere assegnato, con uno o più decreti del Presidente del Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo di concerto con il ministro per la pubblica amministrazione e la semplificazione e con il ministro dell’economia e delle finanze, presso gli uffici periferici del Ministero della provincia sede della fondazione o di altre amministrazioni centrali, regionali e locali di cui sia stata verificata la carenza di personale sul territorio provinciale per l’esercizio delle funzioni connesse all’attività di promozione culturale».
    2. 69. Airaudo, Pilozzi, Migliore, Placido, Kronbichler, Di Salvo.

    Dopo il comma 12, aggiungere il seguente:
    12-bis. Al fine di assicurare l’espletamento delle funzioni di tutela, fruizione e valorizzazione dei patrimonio culturale statale secondo i principi di efficienza, razionalità ed economicità, con priorità per gli interventi conservativi di prevenzione, manutenzione e restauro da realizzare negli istituti e nei luoghi della cultura, nonché al fine di far fronte alle richieste di una crescente domanda culturale nell’ottica di uno sviluppo del settore tale da renderlo più competitivo e in grado di generare ricadute positive sul turismo e sull’economia del Paese, in deroga all’articolo 2, comma 11, del decreto-legge 6 luglio 2012, n. 95, convertito, con modificazioni, dalia legge 7 agosto 2012, n. 135, fermo restando il divieto di effettuare nelle qualifiche o nelle aree interessate da posizioni soprannumerarie assunzioni di personale, al Ministero dei beni e delle attività culturali e dei turismo continuano ad applicarsi per l’anno 2013 e per l’anno 2014 le disposizioni di cui all’articolo 30, comma 8, del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214.
    2. 68. Airaudo, Pilozzi, Di Salvo, Migliore, Kronbichler, Placido.

    Dopo il comma 12, aggiungere il seguente:
    12-bis. Per gli anni 2014 e 2015 l’Agenzia per le erogazioni in agricoltura (AGEA) è autorizzata a destinare all’attuazione dell’articolo 18, commi 1 e 2, della legge 23 luglio 2009, n. 99. le somme previste dall’articolo 18, comma 11, della predetta legge presenti sul proprio bilancio e non ancora utilizzate.
    2. 70. Airaudo, Pilozzi, Placido, Migliore, Di Salvo, Kronbichler.

    Sopprimere il comma 13.
    * 2. 28. Caon, Fedriga, Invernizzi, Matteo Bragantini.

    Sopprimere il comma 13.
    * 2. 15. Rostellato, Lombardi, Dieni, Cecconi, Cozzolino, Bechis, Rizzetto, Baldassarre, Ciprini, Cominardi, Tripiedi, D’Ambrosio, Fraccaro, Nuti, Toninelli, Dadone, Gallinella, L’Abbate, Benedetti, Massimiliano Bernini, Gagnarli, Lupo, Parentela, Baroni, Dall’Osso, Di Vita, Silvia Giordano, Grillo, Lorefice, Mantero, Dadone, Dieni, Turco, Agostinelli, Businarolo, Colletti, Ferraresi, Micillo, Sarti.

    Al comma 13, primo periodo, sopprimere la parola: anche.
    2. 57. Cozzolino, Dadone, Dieni, D’Ambrosio, Lombardi, Nuti, Toninelli.

    Al comma 13, primo periodo, sostituire le parole: anche attingendo con le seguenti: attingendo in via prioritaria.
    2. 58. Cozzolino, Dadone, Dieni, D’Ambrosio, Fraccaro, Lombardi, Toninelli.

    Al comma 13, secondo periodo, sostituire le parole: si provvede mediante corrispondente riduzione di spesa si cui all’articolo 1-quinquies, comma 2, del decreto-legge 9 settembre 2005, n. 182, convertito, con modificazioni, dalla legge 11 novembre 2005, n. 231, con le seguenti: si provvede riducendo in misura corrispondente, a decorrere dall’anno 2013, i regimi di esenzione, esclusione e favore fiscale, di cui all’allegato C-bis al decreto-legge 6 luglio 2011, n. 98, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 luglio 2011, n. 111, con l’esclusione delle disposizioni a tutela dei redditi di lavoro dipendente e autonomo, dei redditi di pensione, della famiglia, della salute, delle persone economicamente o socialmente svantaggiate, del patrimonio artistico e culturale, della ricerca e dell’ambiente. Con uno o più regolamenti del Ministro dell’economia e delle finanze, da emanare ai sensi dell’articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400, sono stabilite le modalità tecniche per l’attuazione del precedente comma con riferimento ai singoli regimi interessati.
    2. 48. Placido, Kronbichler, Pilozzi, Di Salvo, Airaudo, Migliore.

    Dopo il comma 13, aggiungere il seguente:
    13-bis. 1. Le pensioni ovvero i vitalizi erogati da gestioni previdenziali pubbliche in base al sistema retributivo, non possono superare i 5.000 euro netti mensili. Sono fatti salvi le pensioni e i vitalizi corrisposti esclusivamente in base al sistema contributivo. Qualora il trattamento di cui al comma 11-bis sia cumulato con altri trattamenti pensionistici erogati da gestioni previdenziali pubbliche in base al sistema retributivo, l’ammontare onnicomprensivo non può superare i 10.000 euro netti mensili.
    2. 14. Tripiedi, Cominardi, Ciprini, Bechis, Rostellato, Rizzetto, Baldassarre.

    Sopprimere il comma 13-bis.
    2. 21. Lombardi, Cozzolino, Dadone, Dieni, D’Ambrosio, Fraccaro, Nuti, Toninelli.

    Sopprimere il comma 13-quater.
    2. 60. Dadone, Cecconi, Cozzolino, Dieni, D’Ambrosio, Fraccaro, Lombardi, Nuti, Toninelli, Baroni, Dall’Osso, Di Vita, Silvia Giordano, Grillo, Lorefice, Mantero, Dadone, Dieni, Rostellato.

    Al comma 13-quater, primo periodo, sostituire le parole: anche eccedenti la quota di cui all’articolo 19, comma 6, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, possono essere prorogati con le seguenti: possono essere prorogati, nell’ambito della quota di cui all’articolo 19, comma 6, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165.
    2. 62. Cozzolino, Dadone, Dieni, D’Ambrosio, Fraccaro, Lombardi, Nuti, Toninelli.

    Al comma 13-quater, primo periodo, sostituire la parole: dicembre 2014 con le seguenti: dicembre 2013.
    2. 216. Fedriga, Matteo Bragantini, Invernizzi.

    Al comma 13-quater, primo periodo, sostituire la parole: 31 dicembre 2014 con le seguenti: 30 giugno 2014
    2. 61. Cozzolino, Dadone, Dieni, D’Ambrosio, Fraccaro, Lombardi, Nuti, Toninelli.

    Dopo il comma 13-quater aggiungere il seguente:
    13.1. Le pubbliche amministrazioni debbono adempiere all’adozione dei piani di cui all’articolo 50-bis, commi 3 e 4, del decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82, entro e non oltre il 30 giugno 2014. Con decreto del Presidente del consiglio dei ministri, da emanarsi entro 30 giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, sono individuate le sanzioni da irrogare alle amministrazioni inadempienti.
    2. 59. Cozzolino, Dadone, Dieni, D’Ambrosio, Fraccaro, Lombardi, Nuti, Toninelli.

    Dopo il comma 13-septies, aggiungere, in fine, il seguente:
    13-octies. L’articolo 4 comma 3 della legge 7 marzo 2001, n. 78, è sostituito dal seguente:
    «Entro il 31 marzo 2014 è istituito, presso il Ministero per i Beni e le attività culturali, un Comitato tecnico scientifico speciale per la promozione del patrimonio storico della prima Guerra mondiale, con particolare riferimento al centenario del conflitto. Tale Comitato, che sostituisce il precedente Comitato speciale istituito ai sensi della presente legge, dura in carica cinque anni. Esso è composto da un rappresentante ciascuno dei Ministeri dei beni e delle attività culturali, della Difesa e degli Affari esteri, nonché da un rappresentante delle Regioni e provincie autonome interessate dal fronte, cioè Veneto, Trentino e Alto Adige, Friuli Venezia Giulia e Lombardia.».
    2. 2. Fedriga, Invernizzi, Matteo Bragantini.

    Dopo il comma 13-septies, aggiungere, in fine, il seguente:
    13-octies. Al fine di ridurre presso le amministrazioni degli enti locali l’utilizzo di personale esterno a tempo determinato per ricoprire ruoli di responsabili di aree o settori per carenza di personale interno appartenente alle categorie D1/D3, eccezionalmente in deroga a quanto previsto dall’articolo 52, comma 1-bis del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, degli articoli 24 e 62 del decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150, i dipendenti degli enti locali che hanno con le rispettive amministrazioni contratti di lavoro a tempo indeterminato da almeno 15 anni e sono in possesso del diploma di laurea o laurea magistrale debbono essere inquadrati per soli titoli, come previsto dall’articolo 1, comma 1, lettera a), del decreto del Presidente della Repubblica 9 maggio 1994, n. 487. al fine del contenimento della spesa pubblica, a compensazione delle carenze organiche degli enti locali e finalizzata a riconoscere e valorizzare le competenze professionali sviluppate negli anni di servizio dai dipendenti.
    I dipendenti che hanno conseguito anche titoli post laurea/master di II livello, nelle materie degli enti locali possono essere collocati in tutte le posizioni di responsabilità ascritte alle categorie D1/D3 ad esclusione delle aree o settori tecnici per i quali sono previsti titoli di studio specifici.
    Le amministrazioni degli enti locali che hanno posti vacanti e sono economiche non deficitarie adegueranno il proprio fabbisogno triennale secondo quanto stabilito dal presente articolo e procederanno all’inquadramento del personale nelle categorie per le quali sono previsti il titolo di laurea secondo le esigenze e le capacità delle piante organiche. Dove il personale con il titolo di studio sopra descritto è superiore ai posti in organico si procederà a selezione per titoli.
    2. 46. De Mita.

    Dopo il comma 13-septies, aggiungere, in fine, il seguente:
    13-octies. All’articolo 23, della legge 31 dicembre 2012, n. 247, sono apportate le seguenti modificazioni:
    a) al comma 1, ultimo periodo, le parole: «Nel contratto di lavoro è garantita l’autonomia e l’indipendenza.» sono sostituite dalle seguenti:«Gli enti provvedono affinché, nel contratto di lavoro, agli avvocati inquadrati presso i rispettivi uffici legali sia garantita l’autonomia di giudizio intellettuale e tecnica nell’esercizio delle funzioni di avvocatura per conto della pubblica amministrazione di appartenenza»;
    b) al comma 2, le parole da «la responsabilità dell’ufficio legale è affidata», fino alla fine del comma, sono soppresse;
    c) dopo il comma 2 è aggiunto, in fine, il seguente: «2-bis. La responsabilità dell’ufficio legale è affidata a un avvocato iscritto nell’elenco speciale, che esercita i suoi poteri in conformità con i principi della legge professionale. L’inottemperanza di tale condizione da parte degli enti presso cui sono istituiti gli uffici legali non costituisce motivo di esclusione dall’elenco speciale degli avvocati inquadrati nell’organico dei medesimi uffici, che presentino istanza documentando la sussistenza delle condizioni di cui al comma 2».
    2. 200. Bargero.

    Dopo il comma 13-septies, aggiungere il seguente:
    13-octies. Il personale tecnico amministrativo Direttore di ragioneria (Area EP/1) e Collaboratori (Area 111) del comparto Afam, assunto a seguito di procedure concorsuali per titoli ed esami, su posti vacanti, in servizio con contratto a tempo determinato, al compimento dei 24 mesi di servizio viene stabilizzato con contratto di lavoro a tempo indeterminato nelle sedi di servizio con effetto immediato.
    2. 71. Airaudo, Migliore, Pilozzi, Di Salvo, Placido, Kronbichler.

    Dopo il comma 13-septies, aggiungere, in fine, il seguente:
    13-octies. In occasione dei rinnovi dei contratti collettivi nazionali del pubblico impiego successivi all’entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto-legge, l’orario ordinario di lavoro applicato al settore del pubblico impiego dovrà essere elevato a quaranta ore settimanali, armonizzandolo a quello del settore privato. L’aumento delle ore contrattuali di lavoro non comporta un incremento di salario.
    2. 32. Fedriga, Matteo Bragantini, Invernizzi.

    Dopo il comma 13-septies, aggiungere, in fine, il seguente:
    13-octies. Ai fini del contenimento della spesa pubblica, a decorrere dall’anno 2014 la spesa annua per aspettative, distacchi e permessi sindacali nei confronti delle amministrazioni di cui agli articoli 1, comma 2 e 70, comma 4, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, in base ai contingenti fissati dagli accordi quadro di cui all’articolo 50 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e dai contratti collettivi di cui al comma 4 dell’articolo 70 del medesimo decreto legislativo, non può essere superiore, rispettivamente, al 30 per cento per i distacchi sindacali ed al 70 per cento per i permessi sindacali di quella sostenuta nell’anno 2012.
    2. 35. Fedriga, Matteo Bragantini, Invernizzi.

    Dopo il comma 13-septies, aggiungere, in fine, il seguente:
    13-octies A decorrere dal 1o novembre 2014 il buono pasto è riconosciuto esclusivamente al personale delle amministrazioni pubbliche inserite nel conto economico consolidato della pubblica amministrazione, come individuate dall’istituto nazionale di statistica (ISTAT) ai sensi dell’articolo 1, comma 2, della legge 31 dicembre 2009, n.196, di qualifica non dirigenziale.
    2. 34. Invernizzi, Fedriga, Matteo Bragantini.

    Dopo l’articolo 2 aggiungere il seguente:
    Art. 2-bis 1. Entro il termine di tre mesi dall’entrata in vigore della presente legge di conversione sono soppresse le Prefetture e le funzioni ad esse conferite dalla normativa vigente sono trasferite ai questori, ai sindaci, ai presidenti di provincia e alle camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura secondo le disposizioni di cui ai commi seguenti.
    2. Sono trasferite al questore le seguenti competenze del prefetto:
    a) la facoltà di vietare la detenzione delle armi, munizioni e materie esplodenti alle persone capaci di abusarne, prevista dall’articolo 39 del testo unico di cui al regio decreto 18 giugno 1931, n. 773;
    b) la potestà di provvedere in casi di urgenza all’ordine di esecuzione delle ordinanze anche all’esterno della rispettiva circoscrizione, prevista dall’articolo 7 del testo unico della legge sugli ufficiali ed agenti di pubblica sicurezza, di cui al regio decreto 31 agosto 1907, n. 690;
    c) i provvedimenti per incarichi a funzionari di pubblica sicurezza, previsti dall’articolo 4 del regolamento di cui al regio decreto 6 maggio 1940, n. 635;
    d) l’esercizio delle attribuzioni di pubblica sicurezza della provincia, gli atti di convocazione, l’autorizzazione alle passeggiate militari, il potere di disporre la consegna per ragioni di ordine pubblico di armi, munizioni e materie esplodenti, il potere di annullamento dei provvedimenti del sindaco contrari alla sanità o alla sicurezza pubblica, previsti dagli articoli 1, 15, 29, 40 e 65 del testo unico di cui al regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, e successive modificazioni;
    e) la possibilità di requisizione in uso in casi di urgente necessità di immobili demaniali o appartenenti ad enti pubblici o a privati per assicurare l’accasermamento temporaneo dei reparti di Polizia, nonché la requisizione in uso o in proprietà in casi di urgente necessità di cose immobili occorrenti ad assicurare l’accasermamento e la determinazione delle indennità per le requisizioni, di cui agli articoli 5, 6 e 7 del decreto legislativo 20 gennaio 1948, n. 15;
    f) la facoltà di vietare la detenzione di armi, prevista dall’articolo 7 del regolamento di cui al decreto del Ministro dell’interno 14 aprile 1982, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 153 del 5 giugno 1982;
    g) il potere sanzionatorio di sospensione o revoca della patente di guida, di cui all’articolo 30 della legge 24 novembre 1981, n. 689;
    h) l’attuazione da parte delle Forze dell’ordine dei servizi straordinari di vigilanza, la richiesta di intervento delle Forze armate, l’adozione di provvedimenti per assicurare la disponibilità di mezzi di soccorso, gli adempimenti per l’addestramento e l’impiego di volontari per la protezione civile, il recepimento della domanda, dell’istruzione e l’addestramento di volontari per la protezione civile, l’autorizzazione all’impiego di volontari, l’attivazione delle predisposizioni di misure di protezione civile, previsti dagli articoli 14, 23, 25 e 34 del regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 6 febbraio 1981, n. 66;
    i) la possibilità di nomina ad Alto commissario per il coordinamento della lotta contro la delinquenza mafiosa, di cui all’articolo 1 del decreto-legge 6 settembre 1982, n. 629, convertito, con modificazioni, dalla legge 12 ottobre 1982, n. 726, e successive modificazioni;
    l) la competenza concernente la richiesta al Ministero dell’interno di rinforzi di personale o di un loro invio, prevista dall’articolo 38 del regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 28 ottobre 1985, n. 782;
    m) il rilascio della certificazione della condizione di invalido civile a causa di atti di terrorismo, di cui all’articolo 9 della legge 20 ottobre 1990, n. 302, e successive modificazioni;
    n) il rilascio di passaporto per le salme da estradare dal territorio nazionale a Stati aderenti alla Convenzione internazionale di Berlino, l’autorizzazione all’ingresso in Italia di salme provenienti da Stati non aderenti alla Convenzione, l’autorizzazione all’estradizione dall’Italia di salme provenienti da Stati non aderenti alla Convenzione, previsti dagli articoli 27, 28 e 29 del regolamento di polizia mortuaria, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 10 settembre 1990, n. 285;
    o) l’avvio del procedimento per lo scioglimento dei consigli comunali e provinciali nei casi in cui emergano elementi su collegamenti di amministratori con la criminalità organizzata o su forme di condizionamento, il potere di sospensione degli organi dalla carica ricoperta per motivi di grave e urgente necessità in attesa del decreto di scioglimento, la possibilità di assegnazione in via temporanea di personale amministrativo e tecnico nei comuni e province in cui sussiste la necessità di assicurare il regolare funzionamento dei servizi a seguito dello scioglimento del consiglio e il potere di richiesta di interventi di controllo e sostitutivi, previsti dagli articoli 143 e 145 del testo unico di cui al decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267;
    p) la concessione degli alloggi di servizio in temporanea concessione, la revoca della concessione e il recupero coattivo in caso di mancato rilascio dell’alloggio in temporanea concessione, previsti dagli articoli 4, 10 e 12 del regolamento di cui al decreto del Ministro dell’interno 6 agosto 1992, n. 574;
    q) il potere di nomina del collegio di ispettori per la verifica delle procedure di appalto, di cui all’articolo 14 del decreto-legge 13 maggio 1991, n. 152, convertito, con modificazioni, dalla legge 12 luglio 1991, n. 203;
    r) l’istruttoria per l’acquisto o la concessione della cittadinanza, prevista dall’articolo 1 del regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 18 aprile 1994, n. 362;
    s) l’invio di funzionari di Polizia nei comuni in cui mancano i commissari di pubblica sicurezza per eccezionali esigenze di servizio, di cui all’articolo 15 della legge 1o aprile 1981, n. 121;
    t) le funzioni in materia di sospensione e decadenza degli amministratori locali, previste dall’articolo 59 del testo unico di cui al decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, e successive modificazioni;
    u) i poteri in materia di prevenzione dei tentativi di infiltrazione mafiosa nelle attività riguardanti appalti, concessioni, subappalti, previsti dall’articolo 135 del testo unico di cui al decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267;
    v) i poteri in materia di irrogazione delle sanzioni amministrative, di chiusura degli esercizi pubblici, di espulsione degli stranieri, di segnalazione al servizio pubblico per le tossicodipendenze, previsti dagli articoli 75, 79, 86 e 121 del testo unico delle leggi in materia di disciplina degli stupefacenti e sostanze psicotrope, prevenzione, cura e riabilitazione dei relativi stati di tossicodipendenza, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 9 ottobre 1990, n. 309, e successive modificazioni;
    z) i poteri in materia di divieto di soggiorno, di espulsione amministrativa, di assunzione di lavoratori stranieri, previsti dagli articoli 6, 13 e 22 del testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell’immigrazione e norme sulla condizione dello straniero, di cui al decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286, e successive modificazioni;
    aa) i poteri in materia di espulsione amministrativa dello straniero, di modalità del trattenimento nei centri di identificazione ed espulsione, di funzionamento degli stessi centri, di attività di prima assistenza e soccorso, di funzionamento dello sportello unico per l’immigrazione e dei consigli territoriali per l’immigrazione, previsti dagli articoli 12, 21, 22, 23, 30 e 57 del regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 31 agosto 1999, n. 394, e successive modificazioni;
    bb) i poteri in materia di regolamentazione della circolazione, di competizioni sportive su strada, di distanze di sicurezza dalle strade, di pubblicità sulle strade e sui veicoli, di autorizzazioni e concessioni sulle strade, di demolizione o consolidamento di fabbricati o di muri fronteggianti le strade, di condotta delle acque, di piani del traffico, di uniformità della segnaletica, dei mezzi di regolazione e controllo delle omologazioni, destinazione ed uso dei veicoli, di richiesta di accertamento dei requisiti fisici e psichici per il conseguimento della patente di guida, di revoca, revisione, sospensione, ritiro della patente, di ricorso avverso i verbali di contestazione di violazioni del codice della strada, di annotazioni sulla patente delle sentenze e dei decreti definitivi di condanna, previsti dagli articoli 6, 7, 9, 19, 23, 26, 30, 32, 36, 45, 82, 119, 120, 128, 129, 186, 187, 203, 204, 205, 206, 210, 211, 212, 213, 214, 215, 216, 217, 218, 219, 220, 223 e 224 del codice della strada, di cui al decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, e successive modificazioni.

    3. Sono trasferite al sindaco le seguenti competenze del prefetto:
    a) l’autorizzazione al trasferimento, al cambiamento di specie, ad ampliamenti o trasformazioni di locali di un esercizio pubblico addetto alla vendita di alcolici, nonché l’autorizzazione per l’anticipazione o la protrazione degli orari stabiliti per gli esercizi pubblici, previste dagli articoli 167 e 172 del regolamento di cui al regio decreto 6 maggio 1940, n. 635;
    b) la preventiva autorizzazione delle pubbliche manifestazioni non a carattere nazionale di scienza, intellettualità, beneficenza, sport, commemorazioni ed onoranze, nonché il riconoscimento del carattere di tradizionalità per le manifestazioni non necessitanti autorizzazione, previsti dagli articoli 1 e 3 del regio decreto-legge 6 agosto 1926, n. 1486;
    c) l’approvazione del progetto per la costruzione o rinnovazione di un teatro o locale di pubblico spettacolo, prevista dall’articolo 143 del regolamento di cui al regio decreto 6 maggio 1940, n. 635;
    d) la determinazione dei criteri per l’impiego della polizia municipale nel procedimento di rilascio di immobili adibiti ad uso personale, di cui all’articolo 3 del decreto-legge 29 ottobre 1986, n. 708, convertito, con modificazioni, dalla legge 23 dicembre 1986, n. 899, e successive modificazioni;
    e) la determinazione delle forze di pubblica sicurezza a disposizione del municipio per l’esecuzione dei provvedimenti straordinari relativi all’igiene, all’edilizia e alla polizia locale, prevista dall’articolo 20 del testo unico di cui al regio decreto 31 agosto 1907, n. 690;
    f) il conferimento e la revoca della qualità di agente di pubblica sicurezza, di cui all’articolo 5 della legge 7 marzo 1986, n. 65, e successive modificazioni;
    g) l’istruttoria per la concessione del merito civile, prevista dall’articolo 5 del regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 23 ottobre 1957, n. 1397;
    h) l’istruttoria per la concessione di ricompense al valor civile, prevista dall’articolo 1 del regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 6 novembre 1960, n. 1616;
    i) il ricorso avverso il rifiuto opposto dall’ufficiale di anagrafe al rilascio dei certificati anagrafici e in caso di errori contenuti in essi, previsto dall’articolo 36 del regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 30 maggio 1989, n. 223;
    l) l’istruttoria per il ripristino del cognome nella forma originaria, di cui all’articolo 2 della legge 28 marzo 1991, n. 114;
    m) la verifica metrica degli strumenti per pesare, prevista dall’articolo 33 del testo unico delle leggi sui pesi e sulle misure, di cui al regio decreto 23 agosto 1890, n. 7088.

    4. Sono trasferite al presidente della provincia le seguenti competenze del prefetto:
    a) l’emanazione di provvedimenti indispensabili per la tutela dell’ordine pubblico e della sicurezza pubblica nel caso di urgenza o per grave necessità pubblica, prevista dall’articolo 2 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza, di cui al regio decreto 18 giugno 1931, n. 773;
    b) l’emanazione di decreti motivati di requisizione nei casi in cui per grave necessità pubblica l’autorità amministrativa debba, senza indugio, disporre della proprietà privata, di cui all’articolo 7 della legge 20 marzo 1865, n. 2248, allegato E, come modificato dall’articolo 2 della presente legge;
    c) l’approvazione delle guardie particolari di comuni, enti e privati, prevista dall’articolo 44 del testo unico di cui al regio decreto 31 agosto 1907, n. 690;
    d) il rilascio dell’autorizzazione all’associazione di enti per la nomina delle guardie particolari, previsto dall’articolo 133 del testo unico di cui al regio decreto 18 giugno 1931, n. 773;
    e) le competenze in materia di radiazioni ionizzanti di cui agli articoli 29, 44, 48, 53, 100, 115, 115-bis, 118, 119, 120, 122, 123 e 126 del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 230, e successive modificazioni;
    f) l’emanazione dei provvedimenti intesi ad assicurare la disponibilità di alloggi, automezzi e altri mezzi di soccorso e manodopera nei casi di pubbliche calamità, prevista dall’articolo 14 del regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 6 febbraio 1981, n. 66;
    g) la partecipazione al comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, di cui all’articolo 20 della legge 1o aprile 1981, n. 121, e successive modificazioni;
    h) la partecipazione e le competenze nella commissione consultiva relativamente alla graduazione degli sfratti in tema di misure urgenti per fronteggiare l’eccezionale carenza di disponibilità abitative, di cui all’articolo 13 del decreto-legge 23 gennaio 1982, n. 9, convertito, con modificazioni, dalla legge 25 marzo 1982, n. 94;
    i) la vigilanza sull’esecuzione degli accordi di programma, prevista dall’articolo 34 del testo unico di cui al decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267;
    l) la vigilanza sull’attività del comitato provinciale della pubblica amministrazione, sentiti i sindaci interessati, di cui all’articolo 17 del decreto-legge 13 maggio 1991, n. 152, convertito, con modificazioni, dalla legge 12 luglio 1991, n. 203;
    m) la partecipazione e le funzioni del comitato provinciale di censimento, previste dall’articolo 12 del regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 23 luglio 1991, n. 254;
    n) la fissazione della data delle elezioni dei consigli provinciali, di cui all’articolo 9 della legge 8 marzo 1951, n. 122, e successive modificazioni;
    o) i compiti sostitutivi in caso di ritardo da parte dei comuni nel compimento delle operazioni in materia di propaganda elettorale, di cui all’articolo 2 della legge 4 aprile 1956, n. 212, e successive modificazioni;
    p) la fissazione della data della elezione per ciascun comune e il provvedimento di rinvio per sopravvenute cause di forza maggiore e contestuale fissazione della nuova data, previsti dall’articolo 18 del testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 16 maggio 1960, n. 570, e successive modificazioni;
    q) l’autorizzazione alla riunione di più sezioni elettorali in un unico fabbricato, prevista dall’articolo 38 del testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 20 marzo 1967, n. 223;
    r) l’emanazione del provvedimento di sospensione dei comizi elettorali in caso di modificazioni intervenute nelle circoscrizioni comunali che rendano necessaria la compilazione delle liste elettorali, prevista dall’articolo 48 del testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 20 marzo 1967, n. 223;
    s) la convocazione dei comizi elettorali e gli altri adempimenti di cui all’articolo 3 della legge 7 giugno 1991, n. 182, e successive modificazioni;
    t) la predisposizione del piano di emergenza per gli incidenti derivanti da attività industriali, di cui agli articoli 20 e 24 del decreto legislativo 17 agosto 1999, n. 334, e successive modificazioni;
    u) le sanzioni amministrative per la mancata o tardiva comunicazione di disponibilità ad uso abitativo di immobili di proprietà di enti pubblici, di cui all’articolo 17 del decreto-legge 23 gennaio 1982, n. 9, convertito, con modificazioni, dalla legge 25 marzo 1982, n. 94, e successive modificazioni;
    v) l’istruttoria e l’omologazione della domanda per la costituzione di consorzi per la costruzione o conservazione di ripari o argini, l’approvazione dei bilanci dei consorzi se lo Stato o la provincia concorrono alle spese, la compilazione dell’elenco generale dei soggetti che devono fare parte del consorzio e l’omologazione dello schema di statuto del consorzio stesso, l’omologazione dei progetti per la modificazione di argini e per la costruzione e modificazione di opere che possono direttamente o indirettamente influire sul regime dei corsi d’acqua, la decisione sulle questioni tecniche relative all’esecuzione di tali opere e la prescrizione delle condizioni per la conservazione di argini pubblici concessi a privati, opere eseguibili solamente con permesso speciale, previste dagli articoli 21, 29, 38, 57, 58, 59 e 97 del testo unico delle disposizioni di legge intorno alle opere idrauliche delle diverse categorie, di cui al regio decreto 25 luglio 1904, n. 523, e successive modificazioni;
    z) il rilascio della licenza di attingimento dell’acqua, previsto dal regolamento di cui al regio decreto 14 agosto 1920, n. 1285, e successive modificazioni;
    aa) la decisione definitiva sul ricorso contro il diniego di autorizzazione all’apertura degli alberghi, la decisione definitiva sul ricorso contro l’ordinanza che prescrive la chiusura o i lavori di risanamento di alberghi, la vigilanza, d’intesa con l’ente provinciale per il turismo, sull’osservanza del regolamento per le migliorie igieniche negli alberghi e la promozione delle ispezioni opportune, previste dagli articoli 2, 3 e 17 del regolamento di cui al regio decreto 24 maggio 1925, n. 1102;
    bb) la vigilanza, d’intesa con gli enti provinciali per il turismo, sull’osservanza della legge recante disciplina degli affittacamere, di cui agli articoli 11 e 12 della legge 16 giugno 1939, n. 1111, e successive modificazioni;
    cc) l’autorizzazione all’apertura e alla chiusura dei complessi ricettivi, la vigilanza sui complessi ricettivi, il ritiro o la revoca temporanea dell’autorizzazione, di cui agli articoli 2, 7 e 10 della legge 21 marzo 1958, n. 326;
    dd) la dipendenza del servizio di pubblica sicurezza, prevista dall’articolo 1 del testo unico di cui al regio decreto 31 agosto 1907, n. 690;
    ee) le competenze generali in materia di pubblica sicurezza, di cui all’articolo 13 della legge 1o aprile 1981, n. 121, e successive modificazioni;
    ff) il rilascio di porto d’armi per le rivoltelle, pistole o bastoni armati, il rilascio della licenza per l’arma lunga da fuoco per solo uso di caccia al minore che abbia compiuto il sedicesimo anno di età dietro presentazione di consenso scritto di chi esercita la patria potestà, la revoca delle licenze di porto d’armi per situazioni di condizioni anormali di pubblica sicurezza, l’autorizzazione alla fabbricazione, deposito, vendita e trasporto di polveri piriche od esplodenti, previsti dagli articoli 44, 45 e 47 del testo unico di cui al regio decreto 18 giugno 1931, n. 773;
    gg) il rilascio della licenza di porto d’armi previsto dall’articolo 61 del regolamento di cui al regio decreto 6 maggio 1940, n. 635, e successive modificazioni;
    hh) il rilascio della licenza per l’importazione definitiva di armi da sparo, il rilascio del nulla osta per la compravendita di armi comuni da sparo commissionate per corrispondenza, il rilascio della licenza per i direttori e gli istruttori delle sezioni dell’Unione di tiro a segno nazionale, di cui agli articoli 12, 17 e 31 della legge 18 aprile 1975, n. 110, e successive modificazioni;
    ii) il rilascio della licenza per la prestazione di opere di vigilanza o custodia di proprietà mobiliari e immobiliari, la determinazione della misura della cauzione per il rilascio della licenza di vigilanza o custodia, e l’approvazione della nomina delle guardie particolari, previsti dagli articoli 134, 137 e 138 del testo unico di cui al regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, e successive modificazioni;
    ll) le competenze generali in materia di protezione civile, l’esame delle domande dei volontari che intendono operare nella protezione civile, l’individuazione degli enti per l’istruzione e l’addestramento dei volontari, la costituzione di squadre operative a supporto dei centri assistenziali, l’autorizzazione all’impiego dei volontari, l’attivazione degli organismi di protezione civile, l’invio di squadre di soccorso sanitario, previsti dagli articoli 3, 14, 23, 25, 34 e 43 del regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 6 febbraio 1981, n. 66;
    mm) il ricorso contro il provvedimento dell’iscrizione d’ufficio delle mutazioni o delle istituzioni delle posizioni anagrafiche, di cui all’articolo 5 della legge 24 dicembre 1954, n. 1228;
    nn) la risoluzione delle vertenze in materia di trasferimento di residenza dei comuni appartenenti alla stessa provincia che interessano uffici di anagrafe, prevista dall’articolo 18 del regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 30 maggio 1989, n. 223;
    oo) il procedimento conciliativo nel caso di fondato pericolo dei diritti della persona costituzionalmente garantiti a causa del mancato funzionamento dei servizi di preminente interesse generale conseguenti all’esercizio del diritto di sciopero, di cui all’articolo 8 della legge 12 giugno 1990, n. 146, e successive modificazioni;
    pp) i poteri informativi alle pubbliche amministrazioni che intendono stipulare, approvare o autorizzare contratti, subcontratti, concessioni ed erogazioni, di cui all’articolo 4 del decreto legislativo 8 agosto 1994, n. 490, e successive modificazioni;
    qq) la designazione di un componente effettivo e di un componente supplente della commissione elettorale circondariale per la tutela delle liste elettorali e la nomina per il compimento in caso di ritardo degli atti dovuti, previste dall’articolo 21 del testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 20 marzo 1967, n. 223, e successive modificazioni;
    rr) il potere sostitutivo anche a mezzo di commissario ad acta in caso di mancato espletamento dei compiti del sindaco in materia di controllo dell’esistenza dello stato delle urne, delle cabine e del materiale occorrente per l’arredamento delle varie sezioni, previsto dall’articolo 33 del testo unico delle leggi recanti norme per la elezione della Camera dei deputati, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 30 marzo 1957, n. 361, e successive modificazioni;
    ss) la nomina del commissario ad acta in caso di ritardo nell’adempimento dei compiti in materia elettorale, prevista dall’articolo 53 del testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 20 marzo 1967, n. 223;
    tt) le competenze previste dal regolamento per la revisione e la semplificazione dell’ordinamento dello stato civile, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 3 novembre 2000, n. 396, e successive modificazioni;
    uu) il potere sostitutivo di convocazione dei consigli comunali e provinciali in caso di inosservanza degli obblighi di convocazione, il potere di ispezione per accertare il regolare funzionamento dei servizi svolti dal sindaco quale ufficiale di Governo, la nomina del commissario per l’adempimento delle funzioni di competenza del sindaco quale ufficiale di Governo in caso di inadempimento, il potere sostitutivo in caso di mancata adozione da parte del sindaco di provvedimenti contingibili e urgenti in materia di polizia locale, sanità, edilizia e igiene, la procedura di scioglimento dei consigli comunali e provinciali, i poteri di sospensione dei consigli comunali e provinciali per i motivi di grave ed urgente necessità e contestuale nomina del commissario per la provvisoria amministrazione dell’ente, il potere di sospensione degli amministratori locali per motivi di grave e urgente necessità, previsti dagli articoli 39, 54, 141, 142 e 247 del testo unico di cui al decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, e successive modificazioni;
    vv) la predisposizione dei programmi per fronteggiare le situazioni di emergenza nella provincia, la direzione unitaria dei servizi di emergenza e l’adozione dei provvedimenti necessari ai primi soccorsi, di cui all’articolo 14 della legge 24 febbraio 1992, n. 225.

    5. La tenuta dell’Albo nazionale degli enti cooperativi, di cui all’articolo 15 del decreto legislativo 2 agosto 2002, n. 220, è affidata alla competenza delle camere di commercio, industria artigianato e agricoltura.
    6. Entro tre mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, il Governo provvede ad apportare le necessarie modifiche al regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 3 aprile 2006, n. 180, conseguenti ai trasferimenti di competenze disposti ai sensi della presente legge.
    7. A seguito dei trasferimenti di competenze disposti dalla presente legge, il personale che intende continuare a essere impiegato nell’amministrazione statale invia, entro tre mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, richiesta scritta al competente dipartimento del Ministero dell’interno con l’indicazione della sede presso la quale intende prestare servizio. Il trasferimento, a fronte della richiesta, deve avvenire non oltre dodici mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge.
    8. Ove possibile, il dipartimento del Ministero dell’interno di cui al comma 1 provvede al trasferimento nella regione di residenza del personale statale che ha presentato la richiesta ai sensi del medesimo comma 1.
    9. Con decreto del Ministro dell’economia e delle finanze sono adottate le variazioni di bilancio per trasferire agli enti locali le risorse correlate alle spese per il personale statale assorbito dai medesimi enti.
    2. 0200. Matteo Bragantini, Invernizzi, Fedriga.

    Dopo l’articolo 2 aggiungere il seguente:
    Art. 2-bis. – Ai fini dell’equiparazione dei trattamenti disciplinari tra il settore pubblico ed il settore privato, il Governo è delegato ad emanare, entro sessanta giorni dall’entrata in vigore della presente legge, uno o più decreti legislativi volti a regolare i licenziamenti individuali per giusta causa o giustificato motivo soggettivo nel pubblico impiego secondo i seguenti principi e criteri direttivi:
    1) il licenziamento deve essere comunicato in forma scritta;
    2) la comunicazione deve contenere la specificazione dei motivi che lo hanno determinato;
    3) il termine per il ricorso giudiziale è fissato in 180 giorni;
    4) previsione di un’indennità risarcitoria onnicomprensiva determinata tra un minimo di dodici ed un massimo di ventiquattro mensilità dell’ultima retribuzione di fatto.
    2. 33. Fedriga, Matteo Bragantini, Invernizzi.

    Dopo l’articolo 2 aggiungere il seguente:

    Art. 2-bis.

    1. Al fine di realizzare un sistema unitario di interventi nel campo della formazione dei pubblici dipendenti e della misurazione dei risultati e dei costi dell’azione pubblica, la Scuola Superiore per la formazione e la specializzazione dei dirigenti della Pubblica Amministrazione locale e delle scuole regionali e interregionali prevista dall’articolo 104 del testo unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali, di cui al decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267 è soppressa e le relative funzioni, compiti e attribuzioni sono esercitate dalla Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione istituita ai sensi dell’articolo 150, del decreto del Presidente della Repubblica 10, gennaio, 1957, n. 3.
    2. Con regolamento adottato mediante decreto del Ministro dell’interno di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze e del Ministro della semplificazione normativa, ai sensi dell’articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400, da adottarsi entro novanta giorni dall’approvazione della presente legge sono stabilite le date di effettivo esercizio delle funzioni trasferite e sono individuate le risorse umane, strumentali e finanziarie riallocate presso la Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione. I dipendenti a tempo indeterminato sono inquadrati nei ruoli della Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione, sulla base di apposita tabella di corrispondenza approvata con il medesimo decreto di cui al primo periodo. I dipendenti trasferiti mantengono il trattamento economico fondamentale ed accessorio, limitatamente alle voci fisse e continuative, corrisposto al momento dell’inquadramento.
    2. 0201. Matteo Bragantini, Invernizzi, Fedriga.

    Dopo l’articolo. 2 aggiungere il seguente:

    Art. 2-bis

    1. Ai fini del contenimento della spesa pubblica, a decorrere dall’anno 2014 la spesa annua per aspettative, distacchi e permessi sindacali nei confronti delle amministrazioni di cui agli articoli 1, comma 2 e 70, comma 4 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n.165, in base ai contingenti fissati dagli accordi quadro di cui all’ articolo 50 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n.165, e dai contratti collettivi di cui al comma 4 dell’articolo 70 del medesimo decreto legislativo, non può essere superiore, rispettivamente, al 30 per cento per i distacchi sindacali ed al 70 per cento per i permessi sindacali di quella sostenuta nell’anno 2011.
    2. 0202. Matteo Bragantini, Invernizzi, Fedriga.

    Dopo l’articolo 2 aggiungere il seguente:

    Art. 2-bis

    1. Entro centottanta giorni dall’entrata in vigore del presente decreto il Presidente del Consiglio dei ministri, con proprio decreto, provvede a formulare un piano per la riduzione delle risorse per gli uffici di diretta collaborazione dei Ministeri stessi per un ammontare pari al 25 per cento della spesa sostenuta nell’anno 2013 per le medesime finalità
    2. 0203. Matteo Bragantini, Invernizzi, Fedriga.

    Dopo l’articolo 2 aggiungere il seguente:

    Art. 2-bis

    1. Al fine di ridurre gli oneri burocratici e di contenimento dei costi a carico dei contribuenti, le Agenzie fiscali e gli enti di previdenza dovranno adottare, entro il 31 dicembre 2014, soluzioni finalizzate a ridurre la modulistica in essere, nonché ad adottare forme flessibili di stampa dei modelli per i soli contenuti dichiarativi.
    2. 0204. Matteo Bragantini, Invernizzi, Fedriga.

    ART. 3.
    (Misure urgenti in materia di mobilità nel pubblico impiego e nelle società partecipate).

    Al comma 1, primo periodo, dopo le parole: il passaggio diretto a domanda aggiungere le seguenti:, per profili professionali omogenei,.

    Conseguentemente, al secondo periodo, dopo le parole: secondo criteri prefissati, aggiungere le seguenti:, di concerto con le organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative,
    3. 10. Airaudo, Migliore, Pilozzi, Di Salvo, Kronbichler, Placido.

    Dopo il comma 1, aggiungere il seguente:
    1-bis. In considerazione della grande mole di arretrato civile, è prevista a supporto dell’attività giudiziaria di smaltimento dell’arretrato, a partire dal gennaio 2014 e nei limiti dello stanziamento di cui all’articolo 1, comma 25, lettera c), legge del 24 dicembre 2012, n. 228, la stipula di 3000 contratti a tempo determinato, per quei lavoratori cassaintegrati, in mobilità, disoccupati o inoccupati, che abbiano svolto il tirocinio formativo presso il Ministero della giustizia in virtù di detto stanziamento.
    3. 11. Airaudo, Pilozzi, Migliore, Placido, Di Salvo, Kronbichler.

    Al comma 7-bis, primo periodo, sostituire le parole: in assenza di preventiva autorizzazione dei medesimi enti o amministrazioni con le seguenti: in alcun caso.
    3. 200. Turco, Agostinelli, Businarolo, Colletti, Ferraresi, Micillo, Sarti.

    Dopo il comma 7-bis, aggiungere il seguente:
    7-ter. Gli emolumenti dell’amministratore delegato e del presidente, se esecutivo, delle società a partecipazione pubblica, quotate e non quotate, che svolgono servizi di interesse generale, sono stabiliti dall’assemblea societaria secondo un rapporto pari ad un massimo di dodici volte il salario aziendale mediano. Detto rapporto stabilisce una correlazione che lega, per l’intero mandato dell’organo amministrativo, la variazione in aumento del compenso massimo, comprensivo di ogni attribuzione, a quello dell’intero monte salari aziendale.
    3. 9. Ciprini, Baldassarre, Rostellato, Bechis, Cominardi, Tripiedi, Rizzetto.

    Al comma 7-ter, primo periodo, sopprimere le parole:, qualora le stesse società abbiano chiuso l’ultimo esercizio in perdita.
    *3. 201. Turco, Agostinelli, Businarolo, Colletti, Ferraresi, Micillo, Sarti, Cozzolino, Dadone, D’Ambrosio, Dieni, Fraccaro, Lombardi, Nuti, Toninelli.

    Al comma 7-ter, primo periodo, sopprimere le parole:, qualora le stesse società abbiano chiuso l’ultimo esercizio in perdita.
    *3. 202. Fedriga, Matteo Bragantini, Invernizzi.

    Al comma 7-ter, aggiungere, in fine, il seguente periodo: In caso di società con esercizio in avanzo, ai dirigenti titolari di trattamento pensionistico di vecchiaia o di anzianità, il trattamento medesimo è sospeso per tutta la durata dell’incarico dirigenziale.
    3. 203. Fedriga, Matteo Bragantini, Invernizzi.

    ART. 3-bis.
    (Disposizioni in materia di revisione dei contratti di servizio).

    Sopprimerlo.
    3-bis. 3. Pilozzi, Di Salvo, Placido, Kronbichler, Airaudo, Migliore.

    Dopo l’articolo 3-bis, aggiungere il seguente:

    Art. 3-ter.
    (Personale delle amministrazioni dello Stato in posizione di comando o fuori ruolo).

    1. Al fine di un più efficace e razionale utilizzo delle risorse umane in servizio, il personale non dirigente di ruolo delle amministrazioni dello Stato in posizione di comando, assegnazione provvisoria o fuori ruolo, ad esclusione degli appartenenti alle Forze armate e alle Forze di polizia, è trasferito, su domanda da presentarsi entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, nei ruoli delle amministrazioni dello Stato in cui presta servizio alla data del 30 settembre 2005, nei limiti dei posti disponibili della dotazione organica complessiva, con inquadramento sulla base dell’anzianità di servizio nell’area funzionale e posizione economica corrispondente a quella posseduta, salvo quanto disposto, per il personale non dirigente di ruolo delle amministrazioni dello Stato in posizione di comando o di fuori ruolo presso il Ministero degli affari esteri, dall’articolo 30, comma 2-ter, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165.
    2. A seguito delle procedure di trasferimento di cui al comma 1, le dotazioni organiche delle amministrazioni di provenienza sono contestualmente ridotte in misura pari alle unità di personale trasferito e, conseguentemente, sono trasferite le risorse finanziarie relative al trattamento economico. Limitatamente alla Presidenza del Consiglio dei ministri, le procedure di trasferimento comportano anche una corrispondente riduzione della dotazione organica complessiva del personale di prestito, di cui agli articoli 2 e 3 e alle relative tabelle C e D del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri dell’11 luglio 2003, e successive modificazioni.
    3. Il personale non immediatamente trasferito per carenza di posti disponibili in organico nelle amministrazioni dove presta servizio, permane nella posizione di comando assegnazione provvisoria o fuori ruolo, previo assenso dell’interessato, fino al successivo inquadramento a copertura di posti resisi disponibili in organico, con precedenza rispetto alle procedure concorsuali.
    4. Le disposizioni del presente articolo non comportano oneri aggiuntivi a carico del bilancio dello Stato.
    3-bis. 04. Capodicasa, Iacono, Greco.

    Dopo l’articolo 3-bis, aggiungere il seguente:

    Art. 3-ter.
    (Disposizioni in materia di personale delle società miste).

    1. Alle società miste, a maggioranza pubblica, con capitale sociale superiore a dieci milioni di euro e non quotate in borsa, si applicano le disposizioni di cui all’articolo 5 del decreto legislativo 6 settembre 2001, n. 368. Le disposizioni si applicano per i contratti di ogni genere rinnovati almeno due volte anche non consecutivamente. Le assunzioni sono vincolate a procedure selettive presiedute da dirigenti delegati dell’ente pubblico che detiene la maggioranza delle quote.
    3-bis. 0200. Taglialatela.

    ART. 4.
    (Disposizioni urgenti in tema di immissione in servizio di idonei e vincitori di concorsi, nonché di limitazioni a proroghe di contratti e all’uso del lavoro flessibile nel pubblico impiego).

    Al comma 1, premettere il seguente:
    01. All’articolo 8 del decreto legislativo 5 ottobre 2000, n. 334, il comma 4 è abrogato.
    4. 258. Scanu, Villecco Calipari.

    Al comma 1, lettera a), sostituire le parole: o eccezionale con le seguenti: ed eccezionale.
    4. 33. Cominardi, Tripiedi, Ciprini, Rizzetto, Baldassarre, Bechis, Rostellato.

    Al comma 1, lettera a), dopo le parole: Per rispondere ad esigenze di carattere esclusivamente temporaneo o eccezionale aggiungere le seguenti: , definite nei contratti collettivi nazionali di lavoro;

    Conseguentemente, al medesimo comma, lettera b), capoverso 5-ter, dopo le parole: a tempo determinato aggiungere le seguenti: , definita nei contratti collettivi nazionali di lavoro.
    4. 100. Airaudo, Pilozzi, Migliore, Di Salvo, Placido, Kronbichler.

    Al comma 1, lettera a-bis), sopprimere le parole: o idonei.
    4. 202. Fedriga, Matteo Bragantini, Invernizzi.

    Al comma 1, sopprimere la lettera b).
    4. 101. Airaudo, Pilozzi, Migliore, Di Salvo, Kronbichler, Placido.

    Al comma 1, lettera b), capoverso 5-ter, dopo le parole: n. 368 aggiungere le seguenti:, ad esclusione dell’articolo 1, comma 1-bis, dello stesso decreto legislativo,
    4. 31. Cominardi, Tripiedi, Ciprini, Rizzetto, Baldassarre, Bechis, Rostellato.

    Al comma 1, lettera b), capoverso 5-ter, dopo le parole: pubbliche amministrazioni aggiungere le seguenti:, previa revisione della pianta organica con la quale assegnare ad ogni impiegato e dirigente le funzioni e l’area richiamate all’atto dell’inquadramento iniziale.

    Conseguentemente, al medesimo capoverso, sostituire le parole: di cui al comma 2 con le seguenti: evidenziate a seguito della revisione della pianta organica di cui al presente comma.
    4. 204. Cecconi, Baroni, Dall’Osso, Di Vita, Silvia Giordano, Grillo, Lorefice, Mantero, Dadone, Dieni, Rostellato.

    Al comma 1, lettera b), capoverso 5-ter, aggiungere, in fine, il seguente periodo: Il divieto di trasformazione del contratto di lavoro da tempo determinato a tempo indeterminato non si applica al comparto degli enti pubblici di ricerca e università, ove vigono norme previste nei contratti collettivi nazionali di lavoro che autorizzano tale trasformazione qualora l’assunzione a tempo determinato sia avvenuta con le medesime modalità e procedure previste dalla legge per i concorsi a tempo indeterminato.

    Conseguentemente, al comma 2, dopo le parole: rapporti di lavoro a tempo indeterminato aggiungere le seguenti: di cui al comma 1 dell’articolo 36.
    4. 102. Airaudo, Pilozzi, Migliore, Di Salvo, Placido, Kronbichler.

    Al comma 1, lettera b), capoverso 5-quater, terzo periodo, aggiungere, in fine, le parole:, con la contestuale decurtazione ed il recupero del 50 per cento della remunerazione delle ultime sei mensilità.
    4. 200. Cecconi, Baroni, Dall’Osso, Di Vita, Silvia Giordano, Grillo, Lorefice, Mantero, Dadone, Dieni, Rostellato.

    Dopo il comma 1, aggiungere il seguente:
    1-bis. La Presidenza del Consiglio dei ministri provvede all’immissione nel proprio ruolo del personale di prestito non dirigenziale, ad eccezione di quello appartenente al comparto delle Regioni e delle autonomie locali e delle Forze armate e di polizia, in servizio da almeno otto anni alla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto. Nel limite dei posti vacanti nella dotazione organica, il personale è trasferito nel rispetto dell’ordine di anzianità del servizio prestato in posizione di comando o fuori ruolo con inquadramento nell’area funzionale e posizione economica corrispondente a quella posseduta presso le amministrazioni di provenienza: il trasferimento può essere disposto anche se la vacanza sia presente in area diversa da quella di inquadramento assicurando la necessaria neutralità finanziaria. All’esito delle procedure di immissione in ruolo sono contestualmente soppressi i corrispondenti posti nella Tabella B del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 17 febbraio 2010 e nel ruolo dell’amministrazione di provenienza. Le risorse finanziarie relative al trattamento economico fondamentale e accessorio, limitatamente alle voci fisse e continuative relative al predetto personale, sono trasferite dalle amministrazioni di provenienza al bilancio autonomo della Presidenza del Consiglio dei ministri. Il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato ad apportare le occorrenti variazioni di bilancio.
    4. 56. Fauttilli, Gitti.

    Dopo il comma 1, aggiungere il seguente:
    1-bis. Fermo restando quanto previsto dall’articolo 30, commi 2-bis e 2-ter del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, la Presidenza del Consiglio dei ministri, nell’ottica della razionale gestione delle risorse umane, provvede, su domanda da presentarsi entro 30 giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, all’immissione in ruolo dei dipendenti con qualifica non dirigenziale provenienti da altre amministrazioni in servizio in posizione di comando o fuori ruolo con esclusione del personale militare e delle forze di polizia. All’esito delle procedure di immissione in ruolo sono contestualmente soppressi i corrispondenti posti nella Tabella B del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 17 febbraio 2010 e nel ruolo dell’amministrazione di provenienza. Le risorse finanziarie, relative al trattamento economico fondamentale e accessorio del predetto personale, sono trasferite dalle amministrazioni di provenienza al bilancio autonomo della Presidenza del Consiglio dei ministri. Il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato ad apportare le occorrenti variazioni di bilancio.
    4. 244. Gnecchi.

    Dopo il comma 1, aggiungere il seguente:
    1-bis. L’articolo 7, comma 1, del decreto-legge 28 giugno 2013, n. 76, convertito, con modificazioni, dalla legge 9 agosto 2013, n. 99, è soppresso.
    4. 16. Cominardi, Tripiedi, Ciprini, Rizzetto, Baldassarre, Bechis, Rostellato.

    Al comma 2, aggiungere, in fine, le parole:, nonché dall’articolo 2126, secondo comma, del codice civile.
    4. 103. Airaudo, Pilozzi, Migliore, Di Salvo, Placido.

    Dopo il comma 2, aggiungere il seguente:
    2-bis. All’articolo 16 del decreto legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 settembre 2011, n. 148, il comma 31 è sostituito dal seguente:
    «31. A decorrere dall’anno 2013, le disposizioni vigenti in materia di patto di stabilità interno per i comuni trovano applicazione nei riguardi di tutti i comuni con popolazione superiore a 1.000 abitanti, fatta salva la possibilità per detti comuni di procedere all’assunzione entro il 31 dicembre 2013 dei vincitori delle procedure concorsuali svoltesi nel corso del 2012 nel rispetto della normativa previgente».
    4. 205. Cirielli.

    Sopprimere i commi 3, 3-bis e 3-ter.
    4. 206. Fedriga.

    Sostituire il comma 3 con il seguente:
    3. Ai fini del conseguimento degli obiettivi di contenimento della spesa pubblica, dalla data di entrata in vigore del presente decreto e fino al 31 dicembre 2016, per le amministrazioni dello Stato, anche ad ordinamento autonomo, le agenzie, gli enti pubblici non economici e gli enti di ricerca, l’autorizzazione all’avvio di nuove procedure concorsuali, ai sensi dell’articolo 35, comma 4, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, è subordinata all’emanazione di apposito decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, da adottare su proposta del Ministro per la pubblica amministrazione, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, verificata l’assenza di graduatorie vigenti alla data di entrata in vigore del presente decreto relativamente a ciascuna amministrazione di cui al presente comma, relative alle professionalità necessarie anche secondo un criterio di equivalenza, da utilizzarsi in via prioritaria fino a concorrenza dei posti previsti per l’accesso dall’esterno. L’utilizzo delle graduatorie vigenti presso amministrazioni diverse da quella interessata avviene secondo le modalità di cui all’articolo 3, comma 61, terzo periodo, della legge 24 dicembre 2003, n. 350.
    4. 15. Ciprini, Baldassarre, Rostellato, Bechis, Cominardi, Tripiedi, Rizzetto.

    Al comma 3, alinea, sostituire le parole: le amministrazioni dello Stato, anche ad ordinamento autonomo, le agenzie, gli enti pubblici non economici e gli enti di ricerca con le seguenti: gli enti e gli altri soggetti che costituiscono il settore istituzionale delle amministrazioni pubbliche individuati dall’Istituto nazionale di statistica (ISTAT) sulla base delle definizioni di cui agli specifici regolamenti comunitari individuate ai sensi dell’articolo 1, comma 3 della legge 31 dicembre 2009, n. 196.

    Conseguentemente, al comma 10, primo periodo, dopo le parole: loro fabbisogno aggiungere le seguenti:, previa verifica di quanto disposto al comma 4.
    4. 210. Vacca, Del Grosso, Colletti, Ciprini, Baldassarre, Bechis, Tripiedi, Rizzetto, Cominardi, Rostellato.

    Al comma 3, alinea, sostituire le parole: le amministrazioni dello Stato, anche ad ordinamento autonomo, le agenzie, gli enti pubblici non economici e gli enti di ricerca con le seguenti: gli enti e gli altri soggetti che costituiscono il settore istituzionale delle amministrazioni pubbliche individuati dall’Istituto nazionale di statistica (ISTAT) sulla base delle definizioni di cui agli specifici regolamenti comunitari individuate ai sensi dell’articolo 1, comma 3 della legge 31 dicembre 2009, n. 196.
    4. 211. Vacca, Del Grosso, Colletti, Ciprini, Baldassarre, Bechis, Tripiedi, Rizzetto, Cominardi, Rostellato.

    Al comma 3, lettera a), sostituire le parole: qualsiasi qualifica con le seguenti: qualifica mancante.
    4. 203. Fedriga, Matteo Bragantini, Invernizzi.

    Al comma 3, lettera a), sopprimere le parole: non temporanee.
    4. 201. Fedriga, Matteo Bragantini, Invernizzi.

    Al comma 3, lettera b), dopo le parole: graduatorie vigenti aggiungere le seguenti: dal 2010.
    4. 209. Fedriga.

    Al comma 3, lettera b), sopprimere le parole: e idonei.
    4. 207. Fedriga, Matteo Bragantini, Invernizzi.

    Al comma 3, lettera b), sopprimere le parole: anche secondo un criterio di equivalenza.
    4. 208. Fedriga, Matteo Bragantini, Invernizzi.

    Dopo il comma 3, aggiungere il seguente:
    3.1. Conformemente a quanto previsto dai precedenti commi, al fine di non aggravare il procedimento amministrativo e nel rispetto dei principi di economicità, efficacia, efficienza e celerità dell’azione amministrativa, sono fatte salve le assunzioni tramite stabilizzazione del personale precario di cui all’articolo 3, comma 94, lettera b), della legge 24 dicembre 2007, n. 244, le cui procedure ad evidenza pubblica e assunzioni a tempo determinato si sono concluse prima del 31 dicembre 2010 anche se, a causa dei tempi delle previste procedure, la trasformazione e/o assunzione a tempo indeterminato è avvenuta dopo il 31 dicembre 2010 e comunque prima della data di approvazione del presente decreto.
    4. 40. Nicola Molteni, Fedriga, Invernizzi.

    Dopo il comma 3, aggiungere il seguente:
    3.1. Il Ministero dell’economia e delle finanze utilizza le graduatorie relative alle procedure di passaggio tra le aree per il personale del Ministero previste dalla contrattazione collettiva nazionale e approvate il 22 ottobre 2010.
    4. 245. D’Incecco.

    Al comma 3-bis, primo periodo, dopo le parole: Per la copertura dei posti in organico aggiungere le seguenti: con le procedure concorsuali di cui al comma 3.
    4. 58. Antimo Cesaro, Tinagli, Mazziotti Di Celso.

    Sopprimere il comma 3-ter.
    4. 212. Fedriga, Matteo Bragantini, Invernizzi.

    Al comma 3-quater, primo periodo, sostituire le parole: concorsi pubblici unici con le seguenti: concorsi pubblici su base territoriale.

    Conseguentemente, al medesimo comma, secondo periodo, sostituire le parole: I concorsi unici sono organizzati con le seguenti: I concorsi sono organizzati su base territoriale e coordinati.
    4. 213. Fedriga, Matteo Bragantini, Invernizzi.

    Al comma 3-quater, primo periodo, sostituire le parole: concorsi pubblici unici con le seguenti: concorsi pubblici a livello regionale.

    Conseguentemente, al medesimo comma, secondo periodo, sostituire le parole: I concorsi unici con le seguenti: I concorsi a livello regionale.
    4. 214. Fedriga, Matteo Bragantini, Invernizzi.

    Al comma 3-quater, primo periodo, dopo le parole: nel rispetto dei principi di aggiungere la seguente: meritocrazia,
    4. 215. Fedriga, Matteo Bragantini, Invernizzi.

    Sopprimere il comma 3-sexies.
    4. 216. Fedriga, Matteo Bragantini, Invernizzi.

    Al comma 4, sopprimere le parole: soggette a limitazioni delle assunzioni.
    4. 68. Dieni, Dadone, Cozzolino, D’Ambrosio, Fraccaro, Lombardi, Nuti, Toninelli.

    Al comma 4, sostituire le parole: 31 dicembre 2016 con le seguenti: 31 dicembre 2013.
    4. 217. Fedriga, Matteo Bragantini, Invernizzi.

    Al comma 4, sostituire le parole: 31 dicembre 2016 con le seguenti: 31 dicembre 2014.
    4. 218. Fedriga, Matteo Bragantini, Invernizzi.

    Al comma 4, sostituire le parole: 31 dicembre 2016 con le seguenti: 31 dicembre 2015.
    4. 41. Fedriga, Matteo Bragantini, Invernizzi.

    Al comma 4, aggiungere, in fine, il seguente periodo: È prorogata altresì alla stessa data l’efficacia delle graduatorie relative alle procedure di passaggio tra le aree approvate al 22 ottobre 2010.
    4. 246. D’Incecco.

    Al comma 4, aggiungere, in fine, il seguente periodo: Fino alla stessa data è sospesa l’efficacia delle disposizioni di cui all’articolo 62, comma 1-bis, terzo periodo, del decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150.
    4. 76. Pilozzi, Migliore, Kronbichler, Airaudo, Di Salvo, Placido.

    Al comma 5, dopo il primo periodo, aggiungere il seguente: I dati ottenuti a seguito del monitoraggio telematico di cui al primo periodo sono resi accessibili in un’apposita sezione del sito internet del Dipartimento della funzione pubblica.
    4. 66. Cozzolino, Dadone, Dieni, D’Ambrosio, Fraccaro, Lombardi, Nuti, Toninelli.

    Al comma 5, secondo periodo, sostituire le parole: il 30 marzo 2014 con le seguenti: sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto.
    4. 65. Cozzolino, Dieni, D’Ambrosio, Fraccaro, Lombardi, Nuti, Toninelli, Dadone.

    Al comma 5, secondo periodo, dopo le parole: di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze aggiungere le seguenti:, previa intesa con la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano;

    Conseguentemente:
    al comma 6:
    primo periodo, sopprimere le parole: sono in possesso dei requisiti di cui all’articolo 1, commi 519 e 558, della legge 27 dicembre 2006, n. 296, e all’articolo 3, comma 90, della legge 24 dicembre 2007, n. 244, nonché a favore di coloro che;
    sostituire il quarto ed il quinto periodo con i seguenti: Le graduatorie definite in esito alle procedure di cui al presente comma sono utilizzabili per assunzioni nel triennio 2013-2015 a valere sulle predette risorse. Resta ferma la facoltà dell’amministrazione di utilizzare in alternativa alle disposizioni del presente comma quelle di cui all’articolo 35, comma 3-bis, del decreto legislativo n. 165 del 2001. Per il comparto scuola continua a trovare applicazione la disciplina specifica di settore.;
    al comma 10, dopo il primo periodo, aggiungere il seguente: Nell’ambito del citato decreto possono essere stabiliti i criteri nonché la quota, all’interno del 50 per cento delle risorse assunzionali degli anni 2013, 2014 e 2015, anche complessivamente considerate, per consentire alle regioni, al fine di valorizzare rapporti di lavoro diversi rispetto a quelli di cui al comma 6, di indire concorsi pubblici con riserva di posti a favore di soggetti utilizzati con rapporti di lavoro autonomo per un periodo di almeno tre anni, negli ultimi cinque, dalla stessa amministrazione che emana il bando, con esclusione, in ogni caso, dei rapporti svolti a favore degli uffici di diretta collaborazione degli organi politici.
    4. 77. Pilozzi, Migliore, Kronbichler, Airaudo, Di Salvo, Placido.

    Sopprimere il comma 6.
    4. 219. Fedriga, Matteo Bragantini, Invernizzi.

    Al comma 6, primo periodo, sostituire le parole: entrata in vigore del presente decreto con le seguenti: pubblicazione del bando.

    Conseguentemente, al medesimo periodo, sostituire le parole: della legge di conversione del presente decreto con le seguenti: del bando.
    4. 78. Pilozzi, Migliore, Kronbichler, Airaudo, Di Salvo, Placido.

    Al comma 6, primo periodo, sostituire le parole: 31 dicembre 2016 con le seguenti: 31 dicembre 2013.

    Conseguentemente, al medesimo comma:
    terzo periodo, sostituire le parole: agli anni 2013, 2014, 2015 e 2016 con le seguenti: all’anno 2013;
    quarto periodo, sostituire le parole: nel quadriennio 2013-2016 con le seguenti: nell’anno 2013.
    4. 237. Fedriga, Matteo Bragantini, Invernizzi.

    Al comma 6, primo periodo, sostituire le parole: 31 dicembre 2016 con le seguenti: 30 giugno 2014.

    Conseguentemente, al medesimo comma:
    terzo periodo, sostituire le parole: 2013, 2014, 2015 e 2016 con le seguenti: 2013 e 2014;
    quarto periodo, sostituire le parole: nel quadriennio 2013-2016 con le seguenti: nel biennio 2013-2014.
    4. 221. Cecconi, Baroni, Dall’Osso, Di Vita, Silvia Giordano, Grillo, Lorefice, Mantero, Dadone, Dieni, Rostellato.

    Al comma 6, primo periodo, sostituire le parole: 31 dicembre 2016 con le seguenti: 31 dicembre 2014.

    Conseguentemente, al medesimo comma:
    terzo periodo, sostituire le parole da: 2013 fino a: 50 per cento con le seguenti: 2013 e 2014, anche complessivamente considerate, in misura non superiore al 30 per cento.
    quarto periodo, sostituire le parole: nel quadriennio 2013-2016 con le seguenti: nel biennio 2013-2014.
    4. 231. Cecconi, Baroni, Dall’Osso, Di Vita, Silvia Giordano, Grillo, Lorefice, Mantero, Dadone, Dieni, Rostellato.

    Al comma 6, primo periodo, sostituire le parole: 31 dicembre 2016 con le seguenti: 31 dicembre 2014.

    Conseguentemente, al medesimo comma:
    terzo periodo, sostituire le parole: 2013, 2014, 2015 e 2016 con le seguenti: 2013 e 2014.
    quarto periodo, sostituire le parole: nel quadriennio 2013-2016 con le seguenti: nel biennio 2013-2014.
    4. 222. Fedriga, Matteo Bragantini, Invernizzi.

    Al comma 6, primo periodo, sostituire le parole: 31 dicembre 2016 con le seguenti: 31 dicembre 2015.

    Conseguentemente:
    al medesimo periodo, dopo le parole: che emana il bando aggiungere le seguenti:, o che matureranno il requisito al momento della emanazione del bando,
    sostituire il secondo, il terzo, il quarto ed il quinto periodo con il seguente: All’interno delle medesime procedure le amministrazioni possono prevedere criteri di valorizzazione della professionalità acquisita con esperienze lavorative presso pubbliche amministrazioni con contratto a tempo determinato, di somministrazione di lavoro o di collaborazione coordinata e continuativa, o assegno di ricerca, tenendo conto dell’anzianità maturata e della tipologia di rapporto di lavoro.
    4. 220. Cecconi, Baroni, Dall’Osso, Di Vita, Silvia Giordano, Grillo, Lorefice, Mantero, Dadone, Dieni, Rostellato.

    Al comma 6, primo periodo, sostituire le parole: 31 dicembre 2016 con le seguenti: 31 dicembre 2015.

    Conseguentemente, al medesimo comma:
    terzo periodo, sostituire le parole: 2014, 2015 e 2016 con le seguenti: 2014 e 2015;
    al quarto periodo, sostituire le parole: nel quadriennio 2013-2016 con le seguenti: nel triennio 2013-2015.
    4. 223. Fedriga, Matteo Bragantini, Invernizzi.

    Al comma 6, primo periodo, dopo le parole: riservate esclusivamente a coloro che aggiungere le seguenti: alla data di entrata in vigore del presente decreto.
    4. 80. Pilozzi, Migliore, Kronbichler, Airaudo, Di Salvo, Placido.

    Al comma 6, primo periodo, sopprimere le parole da: nonché a favore di coloro fino alla fine del periodo.

    Conseguentemente:
    sostituire il comma 6-quater con il seguente:
    6-quater. Per gli anni 2013, 2014 e 2015, le amministrazioni pubbliche che hanno proceduto, ai sensi dell’articolo 1, comma 560, della legge 27 dicembre 2006, n. 296, a indire procedure selettive pubbliche per titoli ed esami, nonché quelle amministrazioni pubbliche che hanno effettuato procedure selettive ai sensi del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, per l’assunzione di personale a tempo determinato che siano in servizio da almeno tre anni alla data di entrata in vigore del presente decreto, con esclusione, in ogni caso, dei servizi prestati presso uffici di diretta collaborazione degli organi politici possono, in relazione al proprio effettivo fabbisogno e alle risorse finanziarie disponibili, procedere alla stabilizzazione, a domanda, del personale non dirigenziale di cui all’articolo 1, comma 558, della legge citata, dei soggetti assunti con contratto di lavoro a tempo determinato sottoscritto a conclusione delle procedure selettive precedentemente indicate, che hanno maturato, alla data di entrata in vigore del presente decreto, almeno tre anni di servizio alle proprie dipendenze negli ultimi cinque anni. Le stesse norme si applicano al personale non dirigenziale a tempo determinato, ai sensi del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, che consegua il requisito dei 36 mesi di effettivo servizio in virtù di contratti stipulati anteriormente alla data di entrata in vigore del presente decreto. Nelle more della conclusione delle procedure di stabilizzazione, le amministrazioni continuano ad avvalersi del personale di cui al presente comma.;
    al comma 9, primo periodo, sostituire le parole: ai sensi del comma 6 con le seguenti: ai sensi dei commi 6 e 6-quater.
    4. 247. Bellanova, Mariano, Decaro, Ginefra, Ventricelli, Grassi, Capone, Mongiello, Scalfarotto, Michele Bordo, Cassano.

    Al comma 6, primo periodo, sostituire le parole: coloro che alla data di pubblicazione della legge di conversione del presente decreto hanno maturato con le seguenti: coloro che entro tre mesi dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto avranno maturato.
    4. 225. Di Salvo, Airaudo, Miccoli, Madia, Migliore, Placido, Pilozzi, Kronbichler.

    Al comma 6, primo periodo, sostituire le parole: di pubblicazione della legge di conversione del presente decreto con le seguenti: del 31 dicembre 2015.
    4. 81. Pilozzi, Migliore, Kronbichler, Airaudo, Di Salvo, Placido.

    Al comma 6, primo periodo, sostituire le parole: della legge di conversione del presente decreto con le seguenti: del bando.
    4. 130. Di Salvo, Airaudo, Migliore, Pilozzi, Placido, Kronbichler.

    Al comma 6, sostituire le parole: cinque anni, almeno tre anni con le seguenti: dieci anni, almeno cinque anni.
    4. 224. Cecconi, Baroni, Dall’Osso, Di Vita, Silvia Giordano, Grillo, Lorefice, Mantero, Dadone, Dieni, Rostellato.

    Al comma 6, primo periodo, sostituire le parole: con contratto di lavoro subordinato a tempo determinato alle dipendenze dell’amministrazione con le seguenti: a qualsiasi titolo presso l’amministrazione.
    4. 129. Piazzoni, Di Salvo, Placido, Pilozzi, Kronbichler, Migliore, Airaudo.

    Al comma 6, primo periodo, dopo le parole: contratto di lavoro subordinato a tempo determinato aggiungere le seguenti: o altra tipologia contrattuale a tempo determinato, comprese le collaborazioni coordinate e continuative, anche a progetto,
    4. 10. Ciprini, Rostellato, Baldassarre, Bechis, Cominardi, Tripiedi, Rizzetto.

    Al comma 6, primo periodo, dopo le parole: alle dipendenze dell’amministrazione che emana il bando aggiungere le seguenti: e a favore di coloro che hanno maturato, negli ultimi cinque anni, almeno tre anni di collaborazione coordinata e continuativa o di lavoro in somministrazione di cui all’articolo 20 e seguenti del decreto legislativo 10 settembre 2003, n. 276, presso l’amministrazione che emana il bando.
    4. 79. Pilozzi, Migliore, Kronbichler, Airaudo, Di Salvo, Placido.

    Al comma 6, primo periodo, dopo le parole: alle dipendenze dell’amministrazione che emana il bando aggiungere le seguenti: o che matureranno il requisito al momento dell’emanazione del bando.

    Conseguentemente, al medesimo comma, dopo il primo periodo, aggiungere il seguente: All’interno delle medesime procedure le amministrazioni possono prevedere criteri di valorizzazione della professionalità acquisita con esperienze lavorative presso pubbliche amministrazioni con contratto a tempo determinato, di somministrazione di lavoro o di collaborazione coordinata e continuativa, o assegno di ricerca, tenendo conto dell’anzianità maturata e della tipologia di rapporto di lavoro.
    *4. 53. Gnecchi, Bellanova, Madia, Albanella, Baruffi, Boccuzzi, Casellato, Faraone, Cinzia Maria Fontana, Giacobbe, Gregori, Gribaudo, Incerti, Maestri, Martelli, Miccoli, Paris, Giorgio Piccolo, Simoni, Zappulla, Ghizzoni.

    Al comma 6, primo periodo, dopo le parole: alle dipendenze dell’amministrazione che emana il bando aggiungere le seguenti: o che matureranno il requisito al momento dell’emanazione del bando.
    Conseguentemente, al medesimo comma, dopo il primo periodo, aggiungere il seguente: All’interno delle medesime procedure le amministrazioni possono prevedere criteri di valorizzazione della professionalità acquisita con esperienze lavorative presso pubbliche amministrazioni con contratto a tempo determinato, di somministrazione di lavoro o di collaborazione coordinata e continuativa, o assegno di ricerca, tenendo conto dell’anzianità maturata e della tipologia di rapporto di lavoro.
    *4. 108. Pilozzi, Fratoianni, Di Salvo, Airaudo, Migliore, Kronbichler, Placido.

    Al comma 6, dopo il primo periodo, aggiungere il seguente: Il personale non dirigenziale delle province, in possesso dei requisiti di cui al precedente periodo, può partecipare alle procedure selettive di cui al presente comma indette dalle amministrazioni aventi sede nel territorio regionale, anche se non dipendente dall’amministrazione che emana il bando.
    4. 227. Nardi, Pilozzi, Airaudo.

    Al comma 6, dopo il primo periodo, aggiungere il seguente: Il personale non dirigenziale delle province, in possesso dei requisiti di cui al precedente periodo, può partecipare ad una procedura selettiva di cui al presente comma indetta da un’amministrazione, avente sede nel territorio regionale, anche se non dipendente dall’amministrazione che emana il bando.
    4. 229. Nardi, Pilozzi, Airaudo.

    Al comma 6, dopo il primo periodo, aggiungere il seguente: Il personale non dirigenziale delle province, in possesso dei requisiti di cui al precedente periodo, può partecipare alle procedure selettive di cui al presente comma indette dalle amministrazioni aventi sede nel territorio provinciale, anche se non dipendente dall’amministrazione che emana il bando.
    4. 228. Nardi, Pilozzi, Airaudo.

    Al comma 6, dopo il primo periodo, aggiungere il seguente: Il personale non dirigenziale delle province, in possesso dei requisiti di cui al precedente periodo, può partecipare ad una procedura selettiva di cui al presente comma indetta da un’amministrazione a sua scelta, avente sede nel territorio provinciale, anche se non dipendente dall’amministrazione che emana il bando.
    4. 226. Nardi, Pilozzi, Airaudo.

    Al comma 6, sopprimere il secondo periodo.
    4. 36. Chimienti, Rostellato, Tripiedi, Bechis, Cominardi, Lombardi, Dieni.

    Al comma 6, secondo periodo, aggiungere, in fine, le parole:; non possono essere considerati, per la maturazione dei requisiti richiesti per lo svolgimento delle procedure di cui all’articolo 1, comma 166, della legge 24 dicembre 2012, n. 228, i contratti dichiarati nulli o annullati in forza di sentenze emanate dall’autorità giudiziaria.
    4. 230. Chimienti.

    Al comma 6, terzo periodo, sostituire le parole: 50 per cento con le seguenti: 10 per cento.
    4. 234. Fedriga, Matteo Bragantini, Invernizzi.

    Al comma 6, terzo periodo, sostituire le parole: 50 per cento con le seguenti: 20 per cento.
    4. 235. Fedriga, Matteo Bragantini, Invernizzi.

    Al comma 6, terzo periodo, sostituire le parole: 50 per cento con le seguenti: 30 per cento.
    4. 236. Fedriga, Matteo Bragantini, Invernizzi.

    Dopo il comma 6, aggiungere il seguente:
    6.1. All’alinea del comma 14 dell’articolo 24 del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214, dopo le parole: «ad applicarsi» sono inserite le seguenti: «al personale della scuola che abbia maturato i requisiti entro il 30 giugno 2012 ai sensi dell’articolo 59, comma 9, della legge 27 dicembre 1997, n. 449, e successive modificazioni».
    4. 19. Marzana.

    Dopo il comma 6, aggiungere i seguenti:
    6.1. Il Parlamento predispone, nell’ambito della programmazione dei fabbisogni dei gruppi parlamentari per gli anni a decorrere dal 2014, piani per la progressiva stabilizzazione del personale che alla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto legge risulti in possesso dei seguenti requisiti:
    a) in servizio, alla data di entrata in vigore del presente decreto, con rapporto di lavoro subordinato a tempo determinato ovvero di consulenza o di collaborazione coordinata e continuativa o a progetto presso i gruppi parlamentari;
    b) anzianità di servizio presso i gruppi parlamentari di almeno 5 anni continuativi o di 2 legislature, in virtù di contratti stipulati anteriormente alla data del 15 marzo 2013;
    c) possesso del diploma di laurea o titolo equipollente ovvero di attestato della Scuola di scienza e tecnica della legislazione oppure da decreto presidenziale di conferimento di incarico di addetto esterno alla segreteria dei membri degli Uffici di Presidenza o Presidenze di Giunte e Commissioni della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica.
    d) per la stabilizzazione del solo personale della Camera dei deputati, essere inseriti nell’elenco di cui al comma 1 dell’articolo 5 della deliberazione dell’Ufficio di Presidenza n. 227/2012, come modificata ed integrata dalla deliberazione n. 9/2013.

    6.2. Ciascuna Camera procede, nell’ambito della propria autonomia regolamentare e con proprie deliberazioni, sentite le organizzazioni sindacali, ad assegnare il personale di cui al comma 6.1. ai gruppi parlamentari in base alla loro consistenza numerica, definendo l’inquadramento, le mansioni ed il trattamento economico loro spettante senza oneri aggiuntivi per il bilancio della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica rispetto al contributo finanziario già destinato ai gruppi parlamentari.
    4. 238. Capelli, Labriola, Lo Monte.

    Al comma 6-bis, sopprimere le parole: e le parole: «con riferimento alla data di entrata in vigore della presente legge».

    Conseguentemente, al medesimo comma, aggiungere, in fine, le parole: e le parole : «con riferimento alla data di entrata in vigore della presente legge» sono soppresse.
    4. 248. Cicu, Sannicandro, Taglialatela, Turco, Businarolo.

    Sopprimere il comma 6-quater.
    4. 42. Fedriga, Matteo Bragantini, Invernizzi.

    Sostituire il comma 6-quater, con il seguente:
    6-quater. Per gli anni 2013, 2014 e 2015, le amministrazioni pubbliche che hanno proceduto, ai sensi dell’articolo 1, comma 519, della legge finanziaria 27 dicembre 2006, n. 296, e comma 560, della legge 27 dicembre 2006, n. 296, a indire procedure selettive pubbliche per titoli ed esami, possono, in relazione al proprio effettivo fabbisogno e alle risorse finanziarie disponibili, procedere alla stabilizzazione, a domanda, del personale non dirigenziale di cui all’articolo 1, comma 558, della legge citata, e articolo 1, comma 519, per i soggetti assunti con contratto di lavoro a tempo determinato, sottoscritto a conclusione delle procedure selettive precedentemente indicate che hanno maturato, alla data di entrata in vigore del presente decreto, almeno tre anni di servizio alle loro dipendenze negli ultimi cinque anni. Nelle more delle procedure di stabilizzazione di cui al presente comma, i contratti di lavoro in essere possono essere prorogati fino a conclusione delle procedure stesse.
    4. 109. Fratoianni, Pilozzi, Airaudo, Kronbichler, Di Salvo, Migliore, Placido.

    Al comma 6-quater, primo periodo, dopo le parole: ai sensi dell’articolo 1, comma 560, della legge 27 dicembre 2006, n. 296, aggiungere le seguenti:, nonché le amministrazioni di cui all’articolo 3, commi 90 e 94, della legge 24 dicembre 2007, n. 244.
    4. 59. De Mita.

    Al comma 6-quater, primo periodo, sostituire le parole: tre anni con le seguenti: due anni.
    4. 123. Ricciatti, Airaudo, Pilozzi, Kronbichler, Di Salvo, Placido, Migliore.

    Dopo il comma 6-quater, aggiungere il seguente:
    6-quinquies. All’articolo 1 della legge 23 dicembre 2005, n. 266, il comma 218 è abrogato.
    4. 57. Antimo Cesaro.

    Dopo il comma 6-quater, aggiungere il seguente:
    6-quinquies. Le amministrazioni pubbliche di cui all’articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, nel rispetto dei limiti previsti dal comma 6, bandiscono con cadenza triennale procedure di corso-concorso per assunzione a tempo indeterminato, riservate a personale incaricato di funzione dirigenziale ai sensi dell’articolo 19, comma 6, del medesimo decreto legislativo n. 165 del 2001.
    4. 82. Pilozzi, Migliore, Kronbichler, Airaudo, Di Salvo, Placido.

    Dopo il comma 6-quater, aggiungere il seguente:
    6-quinquies. I giudici onorari di tribunale, i vice procuratori onorari e i giudici di pace in servizio presso il Ministero della giustizia che abbiano conseguito al termine del primo incarico triennale o quadriennale il giudizio di idoneità al proseguimento dell’incarico giudiziario o che siano stati inquadrati nelle predette funzioni ai sensi dell’articolo 35, comma 1, del decreto legislativo 19 febbraio 1998, n. 51, possono accedere alle procedure di mobilità indette dalle amministrazioni pubbliche e, ai soli fini dell’inquadramento giuridico ed economico e della verifica di eventuali vincoli assunzionali, sono equiparati al personale non dirigenziale del Ministero della giustizia appartenente al livello economico di ingresso della terza area funzionale del comparto ministeri.
    4. 37. Molteni, Matteo Bragantini, Invernizzi, Fedriga.

    Dopo il comma 6-quater, aggiungere il seguente:
    6-quinquies. I giudici onorari di tribunale, i vice procuratori onorari e i giudici di pace in servizio presso il Ministero della giustizia che abbiano conseguito, al termine del primo incarico triennale o quadriennale, il giudizio di idoneità al proseguimento dell’incarico giudiziario o che siano stati inquadrati nelle predette funzioni ai sensi dell’articolo 35, comma 1, del decreto legislativo 19 febbraio 1998, n. 51, hanno accesso ai concorsi riservati per l’assunzione di personale non dirigenziale di cui al comma 6.
    4. 38. Molteni, Invernizzi, Fedriga, Matteo Bragantini.

    Sopprimere il comma 7.
    4. 239. Cecconi, Baroni, Dall’Osso, Di Vita, Silvia Giordano, Grillo, Lorefice, Mantero, Dadone, Dieni, Rostellato.

    Al comma 7, dopo le parole: del comma 6 aggiungere le seguenti: i rapporti di lavoro in essere con la pubblica amministrazione possono essere prorogati fino al compimento del processo di cui al medesimo comma 6, per un periodo di 36 mesi dalla data di entrata in vigore del presente decreto, nei limiti della spesa per il personale già prevista da ciascuna amministrazione in sede di bilancio e.
    4. 132. Airaudo, Di Salvo, Placido, Pilozzi, Migliore, Kronbichler.

    Dopo il comma 7, aggiungere il seguente:
    7-bis. Le amministrazioni pubbliche di cui al comma 6, previa verifica dell’insussistenza di situazioni di soprannumero o eccedenze di personale di cui all’articolo 33, comma 1, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, nel rispetto della programmazione triennale del fabbisogno e dei vincoli finanziari previsti in materia di assunzioni e di contenimento della spesa di personale, secondo i rispettivi regimi limitativi fissati dai documenti di finanza pubblica, possono assumere, di norma con contratti di lavoro a tempo parziale e indeterminato, previo esperimento della procedura di mobilità prescritta dall’articolo 34-bis del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, limitatamente alle qualifiche di cui all’articolo 16 della legge 28 febbraio 1987, n. 56, e successive modificazioni, i titolari di rapporto di lavoro subordinato a tempo determinato che, alla data di pubblicazione dell’avviso di selezione, hanno maturato almeno tre anni di servizio negli ultimi cinque anni nelle medesime qualifiche e nella stessa amministrazione che emana l’avviso di selezione. Sono a tal fine predisposte da ciascuna amministrazione apposite graduatorie, previa prova di idoneità ove non già svolta all’atto dell’assunzione, secondo criteri che contemperano l’anzianità anagrafica, l’anzianità di servizio e i carichi familiari. Le predette graduatorie hanno efficacia non oltre il 31 dicembre 2016.

    Conseguentemente, al comma 8, secondo periodo, dopo le parole: gli enti territoriali che, aggiungere le seguenti: all’esito delle procedure selettive di cui al comma 7-bis e all’esaurimento delle relative graduatorie.
    4. 45. Iacono, Albanella, Zappulla, Faraone, Capodicasa, Greco, Gullo, Amoddio.

    Dopo il comma 7, aggiungere il seguente:
    7-bis. Gli enti locali che hanno espletato procedure concorsuali, di cui all’articolo 1, comma 519, della legge 27 dicembre 2006, n. 296, e all’articolo 3, comma 94, della legge 24 dicembre 2007, n. 244, e che hanno sottoscritto accordi con le organizzazioni sindacali comparativamente più rappresentative, ai sensi dell’articolo 5, comma 4-bis, del decreto legislativo 6 settembre 2001, n. 368, al fine della stabilizzazione del personale precario, inserito nella programmazione triennale del fabbisogno, possono concludere tali processi per gli anni 2013, 2014, 2015 e 2016, previa richiesta e nel rispetto dei vincoli assunzionali previsti dalla legislazione vigente, con l’assunzione a tempo indeterminato. Nelle more della stabilizzazione, può essere proposta la proroga dei contratti a tempo determinato in essere, in relazione al proprio effettivo fabbisogno ed alle risorse finanziarie disponibili.
    4. 127. Paris, De Mita, Giordano, Famiglietti, Gribaudo, Pastorino.

    Sopprimere il comma 8.
    *4. 240. Cecconi, Baroni, Dall’Osso, Di Vita, Silvia Giordano, Grillo, Lorefice, Mantero, Dadone, Dieni, Rostellato.

    Sopprimere il comma 8.
    *4. 241. Fedriga, Matteo Bragantini, Invernizzi.

    Al comma 8, primo periodo, dopo le parole: 7 agosto 1997, n. 280, aggiungere le seguenti: e di cui all’articolo 3 del decreto legislativo 1o dicembre 1997, n. 468.
    4. 134. Palazzotto, Placido, Airaudo, Pilozzi, Migliore, Kronbichler, Di Salvo.

    Al comma 8, primo periodo, dopo le parole: 7 agosto 1997, n. 280, aggiungere le seguenti: e di cui al comma 2 dell’articolo 36 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, relativamente alle qualifiche di cui all’articolo 16 della legge 28 febbraio 1987, n. 56, e successive modificazioni.
    4. 133. Palazzotto, Airaudo, Pilozzi.

    Al comma 8, primo periodo, sostituire le parole da: un elenco fino alla fine del periodo con le seguenti: un concorso con una graduatoria.
    4. 242. Fedriga, Matteo Bragantini, Invernizzi.

    Al comma 8, aggiungere, in fine, le parole:, ferma restando la possibilità per gli enti utilizzatori di pervenire all’assunzione dei lavoratori già impiegati presso i propri uffici.
    4. 84. Pilozzi, Migliore, Kronbichler, Airaudo, Di Salvo, Placido.

    Al comma 8, aggiungere, in fine, il seguente periodo: Le assunzioni di cui al presente comma non possono comunque superare il 20 per cento delle nuove assunzioni a tempo indeterminato.
    4. 243. Fedriga, Matteo Bragantini, Invernizzi.

    Dopo il comma 8, aggiungere i seguenti:
    8-bis. Le Regioni di cui all’articolo 14, comma 24-bis, del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122, in deroga alle procedure di cui all’articolo 35, comma 3-bis, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e al comma 6 del presente articolo, possono bandire, anche per ambiti provinciali, concorsi pubblici unici per categorie di inquadramento e profili professionali equivalenti, con valorizzazione, mediante apposito punteggio, dell’esperienza professionale maturata dai titolari di rapporto di lavoro subordinato a tempo determinato aventi i requisiti di cui al comma 6, finalizzati alla formazione di graduatorie di idonei. Le relative graduatorie hanno efficacia non oltre il 31 dicembre 2015.
    8-ter. Le regioni a statuto speciale, nonché gli enti territoriali facenti parte delle predette regioni, nel rispetto della programmazione triennale del fabbisogno nonché dei vincoli finanziari previsti dalla normativa vigente in materia di assunzioni e di contenimento della spesa di personale secondo i rispettivi regimi limitativi fissati dai documenti di finanza pubblica, previa verifica dell’insussistenza di situazioni di soprannumero o eccedenze di personale in relazione alle esigenze funzionali o alla situazione finanziaria di cui all’articolo 33, comma 1, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, ed esperimento della procedura di mobilità prescritta dall’articolo 34-bis dello stesso decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, utilizzano per la copertura dei posti vacanti, le graduatorie di idonei formate a seguito delle procedure concorsuali indette ai sensi del comma 8-bis. L’obbligo dell’utilizzo delle graduatorie decorre dalla data di pubblicazione delle stesse nella Gazzetta Ufficiale della Regione, fatte salve le procedure attivate dagli enti in base al disposto di cui di cui all’articolo 35, comma 3-bis, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, o al comma 6 del presente articolo.
    8-quater. Le amministrazioni dello Stato, ad ordinamento autonomo, le istituzioni universitarie, gli enti pubblici non economici nazionali, regionali e locali, le amministrazioni, le aziende e gli enti del Servizio sanitario nazionale, previo accordo con le Regioni, possono effettuare assunzioni, per gli uffici aventi sede nelle stesse, utilizzando le graduatorie di pubblici concorsi approvate ai sensi del comma 8-bis.
    8-quinquies. Il personale utilmente collocato nelle graduatorie di cui al comma 8-bis viene assegnato, secondo l’ordine della graduatoria, alle singole amministrazioni che ne abbiano fatto richiesta, le quali provvedono alle relative assunzioni.
    8-sexies. È consentita in ogni momento, nell’ambito delle dotazioni organiche la mobilità dei singoli dipendenti presso la stessa od altre amministrazioni anche di diverso comparto, nei casi di domanda congiunta di compensazione con altri dipendenti di corrispondente o equivalente profilo professionale, previo nulla osta dell’amministrazione di provenienza e di quella di destinazione.
    4. 46. Iacono, Albanella, Zappulla, Faraone, Capodicasa, Greco, Gullo, Amoddio.

    Dopo il comma 8, aggiungere i seguenti:
    8-bis. È disposta la stabilizzazione dell’occupazione dei soggetti impegnati in progetti di lavoro socialmente utili presso gli istituti scolastici, trasferiti allo Stato ai sensi dell’articolo 8 della legge 3 maggio 1999, n. 124, utilizzati con il profilo di collaboratore scolastico attraverso convenzioni stipulate ai sensi dell’articolo 10, comma 3, del decreto legislativo 1o dicembre 1997, n. 468, e successive modificazioni, vigenti alla data in entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, e relativamente ai livelli retributivo-funzionali di cui all’articolo 16 della legge 28 febbraio 1987, n. 56, e successive modificazioni, in deroga a quanto previsto dall’articolo 45, comma 8, della legge 17 maggio 1999, n. 144.
    8-ter. I lavoratori di cui al comma 8-bis, sono inquadrati, a domanda, nell’ambito delle graduatorie provinciali del settore scolastico per la copertura di un numero di posti corrispondente al 25 per cento della dotazione organica accantonati per il personale esterno dell’amministrazione provinciale.
    8-quater. Al fine di favorire la migliore offerta formativa del servizio scolastico, i lavoratori socialmente utili occupati, alla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, da almeno otto anni in attività di collaborazione coordinata e continuativa nelle istituzioni scolastiche statali ai sensi del decreto del Ministro della pubblica istruzione 20 aprile 2001, n. 66, per lo svolgimento di compiti di carattere tecnico-amministrativo, sono inquadrati a domanda nei corrispondenti ruoli organici in ambito provinciale.
    4. 86. Pilozzi, Migliore, Kronbichler, Airaudo, Di Salvo, Placido.

    Dopo il comma 8 aggiungere i seguenti:
    8-bis. Le spese degli enti locali per i lavoratori socialmente utili, operanti alle dipendenze degli enti locali stessi ovvero alle dipendenze delle loro aziende o società partecipate, e finanziati dalle Regioni con le risorse del Fondo europeo di sviluppo, non sono computate ai fini del calcolo per il patto di stabilità. Tali spese non rientrano, inoltre, nel calcolo dei limiti imposti dalle normative vigenti sul turn over dei dipendenti di ruolo, e non costituiscono oggetto di calcolo per il rapporto tra la spesa del personale e la spesa corrente degli enti locali.
    8-ter. All’onere derivante dalla disposizione di cui al comma 8-bis, pari a 400 milioni di euro a decorrere dal 2013 si provvede attraverso quanto disposto dal successivo comma 8-quater.
    8-quater. Il comma 137 dell’articolo 1 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, è abrogato.
    4. 85. Pilozzi, Migliore, Kronbichler, Airaudo, Di Salvo, Placido.

    Dopo il comma 8 aggiungere il seguente:
    8-bis. A decorrere dall’anno scolastico 2014-2015, il Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca, per l’attuazione delle misure di politiche attive del lavoro finalizzate alla definitiva stabilizzazione occupazionale, non possono essere esternalizzati i servizi corrispondenti alle mansioni spettanti ai collaboratori scolastici. A partire dal 2014, si prevede un piano triennale di assunzioni di 11.851 collaboratori scolastici, sulla base degli accantonamenti sui posti di organico di diritto. È riconosciuta la possibilità, in deroga rispetto ai titoli di accesso, di inserimento in graduatoria del personale ex LSU in virtù del servizio prestato presso le scuole. In relazione a quanto previsto dal presente comma, le risorse destinate ai servizi esternalizzati saranno corrispondentemente ridotte le risorse destinate ai servizi esternalizzati, nei limiti di quelle utilizzate per il corrispondente contingente stabilizzato, e che, ad invarianza finanziaria, non potranno superare quelle in atto utilizzate.
    4. 25. Luigi Gallo, Rostellato, Ciprini, Bechis, Rizzetto, Baldassarre, Tripiedi, Cominardi.

    Dopo il comma 8, aggiungere il seguente:
    8-bis. Limitatamente alle qualifiche per le quali è richiesto il solo requisito della scuola dell’obbligo, non si applica il limite finanziario prescritto dal comma 6 del presente articolo a garanzia dell’adeguato accesso dall’esterno.
    4. 47. Iacono, Albanella, Zappulla, Faraone, Capodicasa, Greco, Gullo, Amoddio.

    Dopo il comma 8, aggiungere il seguente:
    8-bis. Le Regioni a statuto speciale possono prorogare, con risorse proprie, i contratti non a tempo indeterminato in essere alla data del 31 dicembre 2003 presso aziende e enti territoriali dipendenti dalla Regione, anche in deroga ai limiti assunzionali e di bilancio previsti dalle leggi vigenti. Le predette proroghe sono da intendersi come ulteriori rispetto alle proroghe autorizzate o coperte con risorse statali.
    4. 249. Palazzotto, Di Salvo, Airaudo, Migliore, Kronbichler, Pilozzi, Placido.

    Al comma 9, sostituire le parole: riferita agli anni dal 2013 al 2016 con le seguenti: relativa al periodo 2013-2015.

    Conseguentemente:
    al secondo periodo, sostituire le parole: 31 dicembre 2016 con le seguenti: 31 dicembre 2015;
    sostituire il terzo, il quarto ed il quinto periodo con i seguenti: La presente norma non si applica per il personale degli enti pubblici di ricerca e le università il cui costo non grava sul fondo di funzionamento ordinario in quanto collocati su progetti di ricerca e a supporto dell’attività didattica. Le amministrazioni, per ragioni oggettive connesse all’espletamento delle loro funzioni fondamentali corrispondenti a mansioni non coperte dal personale a tempo indeterminato, possono prorogare i contratti a tempo determinato oltre i limiti temporali previsti dalla legge o dal CCNL enti pubblici di ricerca e sperimentazione, attraverso accordi decentrati in virtù dell’articolo 5, 4-bis, del decreto legislativo 6 settembre 2001, n. 368.
    4. 267. Cecconi, Baroni, Dall’Osso, Di Vita, Silvia Giordano, Grillo, Lorefice, Mantero, Dadone, Dieni, Rostellato.

    Al comma 9, primo periodo, sostituire le parole: agli anni dal 2013 al 2016 con le seguenti: al biennio 2013-2014.

    Conseguentemente, al secondo periodo, sostituire le parole: 31 dicembre 2016 con le seguenti: 31 dicembre 2014.
    *4. 252. Fedriga, Matteo Bragantini, Invernizzi.

    Al comma 9, primo periodo, sostituire le parole: agli anni dal 2013 al 2016 con le seguenti: al biennio 2013-2014.

    Conseguentemente, al secondo periodo, sostituire le parole: 31 dicembre 2016 con le seguenti: 31 dicembre 2014.
    *4. 253. Cecconi, Baroni, Dall’Osso, Di Vita, Silvia Giordano, Grillo, Lorefice, Mantero, Dadone, Dieni, Rostellato.

    Al comma 9, primo periodo, sopprimere le parole: dei soggetti che hanno maturato, alla data di entrata in vigore del presente decreto legge, almeno tre anni di servizio alle proprie dipendenze.
    4. 87. Pilozzi, Migliore, Kronbichler, Airaudo, Di Salvo, Placido.

    Al comma 9, primo periodo, sostituire le parole: tre anni con le seguenti: cinque anni.
    4. 254. Cecconi, Baroni, Dall’Osso, Di Vita, Silvia Giordano, Grillo, Lorefice, Mantero, Dadone, Dieni, Rostellato.

    Al comma 9, primo periodo, aggiungere in fine le parole:, nonché i contratti di collaborazione coordinata e continuativa e di somministrazione di lavoro di cui all’articolo 20 e seguenti del decreto legislativo 10 settembre 2003, n. 276, dei soggetti che hanno maturato, alla data di entrata in vigore del presente decreto, almeno tre anni di lavoro presso l’amministrazione.
    4. 88. Pilozzi, Migliore, Kronbichler, Airaudo, Di Salvo, Placido.

    Al comma 9, secondo periodo, dopo le parole: organica vacanti aggiungere le seguenti:, fatto salvo quanto previsto dall’articolo 1, comma 188, della legge 23 dicembre 2005, n. 266.
    4. 255. Gnecchi, Bellanova, Madia, Albanella, Baruffi, Boccuzzi, Casellato, Faraone, Cinzia Maria Fontana, Giacobbe, Gregori, Gribaudo, Incerti, Maestri, Martelli, Miccoli, Paris, Giorgio Piccolo, Simoni, Zappulla.

    Al comma 9, sopprimere l’ultimo periodo.
    4. 256. Gnecchi, Madia, Bellanova, Albanella, Baruffi, Boccuzzi, Casellato, Faraone, Cinzia Maria Fontana, Giacobbe, Gregori, Gribaudo, Incerti, Maestri, Martelli, Miccoli, Paris, Giorgio Piccolo, Simoni, Zappulla.

    Al comma 9, aggiungere, in fine, il seguente periodo: Le amministrazioni, per ragioni oggettive connesse all’espletamento delle loro funzioni fondamentali corrispondenti a mansioni non coperte dal personale a tempo indeterminato, possono prorogare i contratti a tempo determinato oltre i limiti temporali previsti dalla legge o dal CCNL enti pubblici di ricerca e sperimentazione, attraverso accordi decentrati in virtù dell’articolo 5, comma 4-bis, del decreto legislativo 6 settembre 2001, n. 368.
    *4. 112. Fratoianni, Pilozzi, Di Salvo, Airaudo, Migliore, Kronbichler, Placido.

    Al comma aggiungere, in fine, il seguente periodo: Le amministrazioni, per ragioni oggettive connesse all’espletamento delle loro funzioni fondamentali corrispondenti a mansioni non coperte dal personale a tempo indeterminato, possono prorogare i contratti a tempo determinato oltre i limiti temporali previsti dalla legge o dal CCNL enti pubblici di ricerca e sperimentazione, attraverso accordi decentrati in virtù dell’articolo 5, comma 4-bis, del decreto legislativo 6 settembre 2001, n. 368.
    *4. 251. Gnecchi, Bellanova, Madia, Albanella, Baruffi, Boccuzzi, Casellato, Faraone, Cinzia Maria Fontana, Giacobbe, Gregori, Gribaudo, Incerti, Maestri, Martelli, Miccoli, Paris, Giorgio Piccolo, Simoni, Zappulla.

    Al comma 9, aggiungere, in fine, il seguente periodo: La presente norma non si applica per il personale degli enti pubblici di ricerca e le università il cui costo non grava sul fondo di funzionamento ordinario in quanto collocati su progetti di ricerca e a supporto dell’attività didattica.
    4. 111. Fratoianni, Pilozzi, Di Salvo, Airaudo, Migliore, Kronbichler, Placido.

    Sopprimere il comma 9-bis.
    4. 257. Fedriga, Matteo Bragantini, Invernizzi.

    Al comma 9-bis, capoverso 24-quater, aggiungere, in fine, le parole: Per le medesime finalità non si applica il limite assunzionale del 40 per cento della spesa corrispondente alle cessazioni dell’anno precedente di cui all’articolo 76, comma 7, primo periodo, del decreto-legge 25 giugno 2008 n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, e il disposto di cui all’articolo 1, comma 562, secondo periodo, della legge 27 dicembre 2006, n. 296.
    4. 48. Iacono, Albanella, Zappulla, Faraone, Capodicasa, Greco, Gullo, Amoddio.

    Dopo il comma 9-bis, aggiungere il seguente:
    9-ter. All’articolo 35, comma 3-bis, lettera b), decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, dopo le parole: «collaborazione coordinata e continuativa» aggiungere le seguenti: «o di somministrazione lavoro».
    4. 89. Pilozzi, Migliore, Kronbichler, Airaudo, Di Salvo, Placido.

    Dopo il comma 9-bis, aggiungere il seguente:
    9-ter. Per la programmazione triennale del fabbisogno di personale di cui all’articolo 39, comma 1, della legge 27 dicembre 1997, n.449, del Ministero dell’interno non si applica l’articolo 14, comma 2, del decreto-legge 6 luglio 2012, n. 95, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 135, in virtù delle particolari esigenze di gestione dei processi migratori e di tenuta degli albi dei segretari comunali.
    4. 90. Pilozzi, Migliore, Kronbichler, Airaudo, Di Salvo, Placido.

    Al comma 9-ter, primo periodo, aggiungere, infine, le parole seguenti: e verificata la presenza di graduatorie di concorsi a tempo indeterminato di eguale ed analogo profilo.
    4. 70. Dieni, Dadone, Cozzolino, D’Ambrosio, Fraccaro, Lombardi, Nuti, Toninelli.

    Al comma 9-ter, secondo periodo, sostituire le parole: 50 per cento con le seguenti: 30 per cento.

    Conseguentemente, dopo il secondo periodo, aggiungere il seguente: Il restante 20 per cento delle risorse finanziarie disponibili viene utilizzato per procedere allo scorrimento delle graduatorie dei concorsi a tempo indeterminato, a copertura almeno dei posti messi a concorso.
    4. 69. Dieni, Dadone, Cozzolino, D’Ambrosio, Fraccaro, Lombardi, Nuti, Toninelli.

    Al comma 9-ter, terzo periodo, sostituire le parole da: all’articolo 5 fino a: n. 131 con le seguenti: all’articolo 7-quinquies, comma 1, del decreto-legge 10 febbraio 2009, n. 5, convertito, con modificazioni, dalla legge 9 aprile 2009, n. 33.
    4. 67. Cozzolino, Dieni, D’Ambrosio, Fraccaro, Lombardi, Nuti, Toninelli.

    Dopo il comma 9-ter, aggiungere i seguenti:
    9-quater. In considerazione della situazione degradante nella quale versano le carceri italiane e la costante violazione dei diritti umani delle persone ivi detenute, entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, con decreto del Ministro della giustizia, sentiti i Ministri dell’interno e della pubblica amministrazione e la semplificazione, previa verifica delle necessità di adeguamento numerico e professionale della pianta organica del Corpo di Polizia penitenziaria e del personale del comparto civile del Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria anche in relazione all’entità numerica della popolazione carceraria e al numero dei posti esistenti e programmati, è adottato un piano straordinario di assunzioni di nuove unità da realizzarsi entro il 31 dicembre 2014.
    9-quinquies. Alle necessità assunzionali indicate nel piano straordinario si procede in deroga ai vincoli di bilancio e alle limitazioni assunzionali previsti dalle vigenti disposizioni di legge, procedendo prioritariamente all’assunzione dei vincitori e degli idonei collocati in graduatorie concorsuali vigenti.
    9-sexies. Agli oneri derivanti dal piano straordinario di cui al comma 9-quater si provvede mediante corrispondente riduzione dei regimi di esenzione, esclusione e favore fiscale, di cui all’allegato C-bis del decreto legge 6 luglio 2011, n. 98, con l’esclusione delle disposizioni a tutela dei redditi di lavoro dipendente e autonomo, dei redditi da pensione, della famiglia, della salute, delle persone economicamente o socialmente svantaggiate, del patrimonio artistico e culturale, della ricerca e dell’ambiente. Con uno o più decreti del Ministro dell’economia e delle finanze, da emanare ai sensi dell’articolo 17 della legge 23 agosto 1988, n. 400, e successive modificazioni, sono stabilite le disposizioni di attuazione del presente comma con riferimento ai singoli regimi interessati.
    4. 136. Migliore, Di Salvo, Airaudo, Kronbichler, Placido, Pilozzi.

    Dopo il comma 9-ter, aggiungere il seguente:
    9-quater. Il personale tecnico amministrativo Direttore di ragioneria (Area EP/1) e Collaboratori (Area III) del comparto Afam, assunto a seguito di procedure concorsuali per titoli ed esami, su posti vacanti, in servizio con contratto a tempo determinato, al compimento dei 24 mesi di servizio viene stabilizzato con contratto di lavoro a tempo indeterminato nelle sedi di servizio con effetto immediato. Agli oneri derivanti dal presente comma, si provvede mediante riduzione dei regimi di esenzione, esclusione e favore fiscale, di cui all’allegato C-bis annesso al decreto-legge 6 luglio 2011, n. 98, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 luglio 2011, n. 111, con l’esclusione delle disposizioni a tutela dei redditi di lavoro dipendente e autonomo, dei redditi da pensione, della famiglia, della salute, delle persone economicamente o socialmente svantaggiate, del patrimonio artistico e culturale, della ricerca e dell’ambiente. Con uno o più decreti del Ministro dell’economia e delle finanze, da emanare ai sensi dell’articolo 17 della legge 23 agosto 1988, n. 400, e successive modificazioni, sono stabilite le disposizioni di attuazione del presente comma con riferimento ai singoli regimi interessati.
    4. 137. Costantino, Migliore, Di Salvo, Airaudo, Kronbichler, Placido, Pilozzi.

    Dopo il comma 9-ter, aggiungere il seguente:
    9-quater. Per assicurare il mantenimento dei necessari standard di funzionalità, le università e i politecnici il cui bilancio sia in attivo possono procedere alla stabilizzazione del personale tecnico e amministrativo assunto con contratti di lavoro non a tempo indeterminato, anche mediante le procedure concorsuali di cui al comma 6, in deroga ai vincoli di bilancio e assunzionali, per le unità di personale il cui costo è coperto con finanziamenti non provenienti dai trasferimenti ministeriali o regionali. Nelle more dell’assunzione a tempo indeterminato, i predetti enti sono autorizzati alla proroga dei contratti dei suddetti lavoratori, anche in deroga ai limiti temporali previsti dalla vigente normativa in materia.
    4. 259. Lavagno, Airaudo, Pilozzi, Di Salvo, Kronbichler, Migliore, Placido.

    Dopo il comma 9-ter, aggiungere il seguente:
    9-quater. Per assicurare il mantenimento dei necessari standard di funzionalità, le università e i politecnici il cui bilancio sia in attivo possono procedere alla stabilizzazione del personale tecnico e amministrativo assunto con contratti di lavoro non a tempo indeterminato, anche mediante le procedure concorsuali di cui al comma 6, in deroga ai vincoli di bilancio e assunzionali, per le unità di personale il cui costo è coperto con finanziamenti non provenienti dai trasferimenti ministeriali o regionali.
    4. 260. Lavagno, Airaudo, Pilozzi, Di Salvo, Kronbichler, Migliore, Placido.

    Dopo il comma 9-ter, aggiungere il seguente:
    9-quater. Al fine di assicurare la continuità dei servizi erogati dalle pubbliche amministrazioni è consentita la proroga dei contratti non a tempo indeterminato, anche in deroga ai limiti assunzionali previsti dalle vigenti norme, la cui spesa sia già stata deliberata dalle amministrazioni interessate, nel rispetto del patto di stabilità, entro la data di entrata in vigore del presente decreto.
    4. 261. Nardi.

    Dopo il comma 9-ter, aggiungere il seguente:
    9-quater. Al fine di assicurare il servizio svolto dai centri per l’impiego, possono essere prorogati i contratti non a tempo indeterminato i cui oneri sono finanziati con fondi dell’Unione europea.
    4. 262. Nardi.

    Sostituire il comma 10 con il seguente:
    10. Le regioni, le province autonome, gli enti locali e le altre amministrazioni di cui all’articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2011, n. 165, non ricomprese al comma 3 del presente articolo, adottano, secondo i rispettivi ordinamenti, tenuto conto del loro fabbisogno, e dei criteri definiti con il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri di cui al comma 5, i principi e le modalità di cui al comma 3, utilizzando le graduatorie vigenti per la copertura delle vacanze in organico che richiedono la medesima professionalità. Per gli enti del Servizio sanitario nazionale, tenuto conto dei vincoli assunzionali previsti dalla normativa vigente, si procede all’attuazione dei commi 5, 6, 7, 8 e 9, anche con riferimento alle professionalità del Servizio sanitario nazionale, con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, da adottare entro tre mesi dalla data di entrata in vigore del presente decreto, su proposta del Ministro della salute, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze e con il Ministro per la pubblica amministrazione, di intesa con la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano. Resta comunque salvo quanto previsto dall’articolo 10, comma 4-ter, del decreto legislativo 6 settembre 2001, n. 368. Nel decreto del Presidente del Consiglio dei ministri di cui al precedente periodo sono previste specifiche disposizioni per il personale dedicato alla ricerca in sanità, finalizzate anche all’individuazione, quali requisiti per l’accesso ai concorsi, dei titoli di studio di laurea e post laurea in possesso del personale precario.
    4. 18. Ciprini, Baldassarre, Rostellato, Bechis, Cominardi, Tripiedi, Rizzetto.

    Sostituire il comma 10, con il seguente:
    10. Le regioni, le province autonome, gli enti locali e le altre amministrazioni di cui all’articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2011, n. 165, non ricomprese al comma 3 del presente articolo, adottano, secondo i rispettivi ordinamenti, tenuto conto del loro fabbisogno, e dei criteri definiti con il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri di cui al comma 5, i principi e le modalità di cui al comma 3, utilizzando le graduatorie vigenti per la copertura delle vacanze in organico che richiedono la medesima professionalità. Per gli enti del Servizio sanitario nazionale, tenuto conto dei vincoli assunzionali previsti dalla normativa vigente, si procede all’attuazione dei commi 5, 6, 7, 8 e 9, anche con riferimento alle professionalità mediche e del ruolo sanitario, con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, da adottare entro tre mesi dalla data di entrata in vigore del presente decreto, su proposta del Ministro della salute, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze e con il Ministro per la pubblica amministrazione, di intesa con la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano. Resta comunque salvo quanto previsto dall’articolo 10, comma 4-ter, del decreto legislativo 6 settembre 2001, n. 368.
    *4. 27. Silvia Giordano, Cecconi, Baroni, Dall’Osso, Di Vita, Grillo, Lorefice, Mantero, Dadone, Dieni, Rostellato.

    Sostituire il comma 10, con il seguente:
    10. Le regioni, le province autonome, gli enti locali e le altre amministrazioni di cui all’articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2011, n. 165, non ricomprese al comma 3 del presente articolo, adottano, secondo i rispettivi ordinamenti, tenuto conto del loro fabbisogno, e dei criteri definiti con il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri di cui al comma 5, i principi e le modalità di cui al comma 3, utilizzando le graduatorie vigenti per la copertura delle vacanze in organico che richiedono la medesima professionalità. Per gli enti del Servizio sanitario nazionale, tenuto conto dei vincoli assunzionali previsti dalla normativa vigente, si procede all’attuazione dei commi 5, 6, 7, 8 e 9, anche con riferimento alle professionalità mediche e del ruolo sanitario, con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, da adottare entro tre mesi dalla data di entrata in vigore del presente decreto, su proposta del Ministro della salute, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze e con il Ministro per la pubblica amministrazione, di intesa con la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano. Resta comunque salvo quanto previsto dall’articolo 10, comma 4-ter, del decreto legislativo 6 settembre 2001, n. 368.
    *4. 92. Pilozzi, Migliore, Kronbichler, Airaudo, Di Salvo, Placido.

    Al comma 10, sostituire il primo periodo con il seguente: Le disposizioni di cui al presente articolo costituiscono norme di principio per le Regioni, le Province autonome e gli enti locali.
    4. 94. Pilozzi, Migliore, Kronbichler, Airaudo, Di Salvo, Placido.

    Al comma 10, primo periodo, dopo le parole: del loro fabbisogno aggiungere le seguenti:, previa verifica di quanto disposto dal comma 4.
    4. 263. Vacca, Del Grosso, Colletti, Ciprini, Baldassarre, Bechis, Tripiedi, Rizzetto, Cominardi, Rostellato.

    Al comma 10, secondo periodo, dopo le parole: con riferimento alle professionalità del Servizio sanitario nazionale aggiungere le seguenti: nonché a fattispecie diverse dal contratto di lavoro a tempo determinato per il solo personale impegnato nella ricerca in sanità.
    4. 91. Pilozzi, Migliore, Kronbichler, Airaudo, Di Salvo, Placido.

    Al comma 10, dopo il secondo periodo, aggiungere il seguente: Con decreto del Presidente del Consiglio, da adottarsi entro tre mesi dalla data di entrata in vigore del presente decreto, su proposta del Ministro della salute, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze e con il Ministro per la pubblica amministrazione, di intesa con la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato e le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, sono previste specifiche disposizioni per il personale dedicato alla ricerca in sanità, finalizzate anche all’individuazione quali requisiti per l’accesso ai concorsi dei titoli di studio post laurea e di lauree in possesso del personale precario.
    4. 138. Di Salvo, Migliore, Airaudo, Kronbichler, Placido, Pilozzi.

    Dopo il comma 10-bis, aggiungere il seguente:
    10-bis.1. L’INPS è autorizzata a trattenere in assegnazione temporanea, e fino all’immissione prioritaria in ruolo prevista dall’articolo 30, comma 2-bis, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, il personale dipendente da altre pubbliche amministrazioni, che ha maturato almeno tre anni di servizio presso l’INPS alla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto.
    4. 139. Palazzotto, Pilozzi, Placido, Kronbichler, Airaudo, Migliore, Di Salvo.

    Dopo il comma 10-bis, aggiungere il seguente:
    10-bis.1. Al comma 562 dell’articolo unico della legge 27 dicembre 2006, n. 296, sono apportate le seguenti modificazioni:
    dopo le parole: «non sottoposti alle regole del patto di stabilità interno» sono aggiunte le seguenti: «, i comuni con popolazione fino a 5000 abitanti e le Unioni di Comuni»;
    le parole: «dell’anno 2008» sono sostituite dalle seguenti: «dell’anno 2004».
    4. 96. Pilozzi, Migliore, Kronbichler, Airaudo, Di Salvo, Placido.

    Dopo il comma 10-bis, aggiungere il seguente:
    10-bis.1. All’articolo 76, comma 7, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, il primo periodo è sostituito dal seguente: «È fatto divieto agli enti nei quali l’incidenza delle spese di personale è pari o superiore al 50 per cento delle spese correnti di procedere ad assunzioni di personale a qualsiasi titolo e con qualsivoglia tipologia contrattuale; i restanti enti possono procedere, a decorrere dal 1o gennaio 2014, nel limite del 60 per cento della spesa corrispondente alle cessazioni dell’anno precedente e nel limite del 100 per cento a decorrere dall’anno 2015».
    4. 95. Pilozzi, Migliore, Kronbichler, Airaudo, Di Salvo, Placido.

    Dopo il comma 10-bis, aggiungere il seguente:
    10-bis.1. All’articolo 24, comma 14, del decreto legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214, sono apportate le seguenti modificazioni:
    alla lettera e), le parole: «Sono altresì disapplicate le disposizioni contenute in leggi regionali recanti discipline analoghe a quelle dell’istituto dell’esonero dal servizio» sono soppresse;
    dopo la lettera e-bis) è aggiunta la seguente:
    «e-ter) ai lavoratori che alla data del 4 dicembre 2011 hanno in corso l’esonero dal servizio disciplinato da leggi regionali di recepimento, diretto o indiretto, dell’istituto in parola.»
    4. 93. Pilozzi, Migliore, Kronbichler, Airaudo, Di Salvo, Placido.

    Sopprimere il comma 10-ter.
    4. 264. Ciprini, Vacca.

    Dopo il comma 10-ter, aggiungere il seguente:
    10-ter.1. Al decreto legislativo 28 settembre 2012, n. 178, dopo l’articolo 6 è aggiunto il seguente:
    «Art. 6. (Istituzione del ruolo militare speciale unico ad esaurimento del personale del Corpo militare della Croce Rossa Italiana).

    1. È istituito il ruolo militare speciale unico ad esaurimento del personale del Corpo militare della Croce Rossa Italiana di cui al decreto legislativo 15 marzo 2010, n. 66, ed al decreto del Presidente della Repubblica 15 marzo 2010, n. 90.
    2. In deroga a quanto previsto dall’articolo 5 del decreto legislativo 28 settembre 2012, n. 178, transita, a domanda, nel ruolo militare speciale unico ad esaurimento di cui al precedente comma 2, con vincolo di rapporto di pubblico impiego permanente e stabilizzazione delle situazioni di fatto acquisite:
    a) il personale militare della Croce Rossa Italiana già in servizio continuativo per effetto di provvedimenti di assunzione a tempo indeterminato ivi compreso il personale militare, in servizio attivo, immesso nel ruolo speciale militare ad esaurimento della C.R.I. costituito ai sensi dell’articolo 12 della legge 28 ottobre 1986, n. 730;
    b) il personale militare C.R.I. già in servizio alla data del 1o settembre 2013, richiamato continuativamente e senza soluzione di continuità almeno a far data dal 1o settembre 2008.

    3. I militari della Croce Rossa Italiana transitati nel ruolo di cui al comma 2, fino al raggiungimento dell’età pensionabile, ricevono il trattamento economico stabilito per i pari grado delle Forze armate secondo la corrispondenza dei gradi gerarchici di cui all’articolo 986 del decreto del Presidente della Repubblica 15 marzo 2010, n. 90 e, ai fini della maturazione dei requisiti minimi per l’accesso al sistema pensionistico, rientrano nel personale del comparto sicurezza, difesa, vigili del fuoco e soccorso pubblico.
    4. Con successivo Decreto del Ministro della difesa, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, entro dodici mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, è determinato l’organico del personale del Corpo militare ausiliario delle Forze armate, occorrente per il funzionamento dei servizi di interesse Difesa, al quale può accedere a domanda e mediante concorso pubblico il personale iscritto nei ruoli in congedo del Corpo militare C.R.I. o richiamato in servizio temporaneo ai sensi dell’articolo 1668 del «Codice dell’ordinamento militare» allorquando il contingente numerico del personale del ruolo militare speciale unico ad esaurimento di cui al presente articolo diventa inferiore a quello previsto dal suddetto decreto interministeriale.»
    4. 266. Taglialatela.

    Dopo il comma 10-septies, aggiungere il seguente:
    10-octies. È autorizzato un contributo di 400.000 euro per l’anno 2013 in favore del Corpo nazionale del soccorso alpino e speleologico del Club alpino italiano, quale integrazione del contributo a carico dello Stato per il pagamento dei premi per l’assicurazione dei volontari che siano impegnati nelle operazioni di soccorso o nelle esercitazioni, ai sensi dell’articolo 3 della legge 18 febbraio 1992, n. 163.
    10-nonies. All’onere di cui al comma 10-octies, si provvede a valere per l’anno 2013 sulle disponibilità del Fondo nazionale integrativo per la sicurezza del turismo in montagna, di cui all’articolo 66-bis del decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134.
    4. 265. De Menech, Borghi, Sbrollini, Dellai, Zardini, Bruno Bossio, Pastorelli, Marguerettaz, Taricco, Puppato, Realacci, Martella.

    Sopprimere il comma 11.
    4. 28. Lorefice, Cecconi, Baroni, Dall’Osso, Di Vita, Silvia Giordano, Grillo, Mantero, Dadone, Dieni, Rostellato.

    Sostituire il comma 11 con il seguente:
    11. All’articolo 10 del decreto legislativo 6 settembre 2001, n. 368, il comma 4-bis è abrogato.
    4. 303. Chimienti, Rostellato, Bechis, Tripiedi, Cominardi.

    Sostituire il comma 11 con i seguenti:
    11. All’articolo 10, comma 4-bis, del decreto legislativo 6 settembre 2001, n. 368, è aggiunto il seguente periodo: ”Per assicurare il diritto all’educazione, negli asili nido e nelle scuole dell’infanzia comunali, alle spese del personale educativo e scolastico si applicano le deroghe di cui al presente comma. Le spese per il personale scolastico e ogni altra spesa sostenuta da comuni, enti comunali o enti locali per la gestione diretta delle scuole dell’infanzia, sono escluse dal patto di stabilità e dai vincoli finanziari che limitano per gli enti locali la spesa per il personale e il regime delle assunzioni.
    11-bis. Al fine di compensare gli effetti in termini di indebitamento netto e di fabbisogno derivanti dall’applicazione del comma 11, si provvede nell’ambito delle disponibilità delle risorse di cui al Fondo per interventi strutturali di politica economica di cui all’articolo 10, comma 5, del decreto-legge 29 novembre 2004, n. 282, convertito, con modificazioni, dalla legge 27 dicembre 2004, n. 307, nonché mediante l’utilizzo delle risorse del Fondo di cui all’articolo 6, comma 2, del decreto-legge 7 ottobre 2008, n. 154, convertito con modificazioni dalla legge 4 dicembre 2008, n. 189.
    4. 21. Rostellato, Bechis, Rizzetto, Baldassarre, Ciprini, Cominardi, Tripiedi, Mantero, Cecconi, Baroni, Dall’Osso, Di Vita, Silvia Giordano, Grillo, Lorefice, Dadone, Dieni, Chimienti.

    Al comma 11, sostituire le parole: enti locali con le seguenti: enti comunali.
    4. 24. Chimienti, Rostellato, Rizzetto, Bechis, Cominardi, Ciprini, Baldassarre.

    Al comma 11, sostituire le parole: nel rispetto del con le seguenti: anche in deroga al.
    4. 301. Paglia, Di Salvo, Pilozzi, Airaudo, Migliore, Kronbichler.

    Al comma 11, aggiungere, in fine, il seguente periodo: Inoltre, le spese per il personale scolastico e ogni altra spesa sostenuta dai comuni per la gestione diretta delle scuole dell’infanzia sono escluse dal patto di stabilità e dai vincoli finanziari che limitano la spesa per il personale e il regime delle assunzioni, nel rispetto dei costi standard.
    4. 22. Rostellato, Bechis, Ciprini, Baldassarre, Cominardi, Tripiedi, Rizzetto, Silvia Giordano, Cecconi, Baroni, Dall’Osso, Di Vita, Grillo, Lorefice, Mantero, Dadone, Dieni, Chimienti.

    Sopprimere il comma 12.
    4. 32. Cecconi, Baroni, Dall’Osso, Di Vita, Silvia Giordano, Grillo, Lorefice, Mantero, Dadone, Dieni, Rizzetto, Rostellato, Tripiedi, Cominardi, Ciprini, Baldassarre, Bechis.

    Al comma 12, sopprimere le parole: scolastici e.
    4. 23. Chimienti, Rostellato, Rizzetto, Ciprini, Bechis, Cominardi, Baldassarre, Baroni, Cecconi, Dall’Osso, Di Vita, Silvia Giordano, Grillo, Lorefice, Mantero, Dadone, Dieni, Tripiedi.

    Al comma 12, aggiungere, in fine, il seguente periodo: Sono escluse dall’applicazione delle disposizioni del presente comma anche i servizi scolastici e per l’infanzia gestiti direttamente dagli enti locali
    4. 304. Paglia, Pilozzi, Airaudo, Migliore, Di Salvo, Kronbichler.

    Dopo il comma 12, aggiungere i seguenti:
    12-bis. I commi 54, 55 e 56 articolo 1 della legge n. 228 del 2012 sono abrogati.
    12-ter. All’articolo 5 comma 8 del decreto-legge 6 luglio 2012 n. 95, convertito, con modificazioni dalla legge 7 agosto 2012 n. 135, è aggiunto, in fine, il seguente periodo: «Le disposizioni del presente comma non si applicano al personale della scuola, sia docente che amministrativo, tecnico e ausiliario supplente breve e saltuario o docente con contratto fino al termine delle lezioni o delle attività didattiche».
    12-quater. Conseguentemente, all’onere derivante dalla presente disposizione, pari a circa 200 milioni di euro in ragione annua, si provvede mediante corrispondente riduzione, definita dal ministro dell’economia e delle finanze con proprio decreto, dei regimi di esenzione, esclusione e favore fiscale, di cui all’allegato C-bis del decreto legge 6 luglio 2011, n 98, con l’esclusione delle disposizioni a tutela dei redditi di lavoro dipendente e autonomo, dei redditi da pensione, della famiglia, della salute, delle persone economicamente o socialmente svantaggiate, del patrimonio artistico e culturale, della ricerca e dell’ambiente.
    4. 20. Chimienti.

    Dopo il comma 12, aggiungere il seguente:
    12-bis. A decorrere dall’anno 2014, sono altresì esclusi dall’applicazione del patto di stabilità interno i costi sostenuti dagli enti locali per la gestione diretta del personale dei servizi educativi e delle scuole dell’infanzia comunali.
    4. 97. Pilozzi, Migliore, Kronbichler, Airaudo, Di Salvo, Placido.

    Dopo il comma 12, aggiungere il seguente:
    12-bis. A decorrere dall’anno 2014, sono altresì esclusi dall’applicazione del patto di stabilità interno i costi sostenuti dagli enti locali per l’edilizia scolastica.
    4. 98. Pilozzi, Migliore, Kronbichler, Airaudo, Di Salvo, Placido.

    Dopo il comma 12, aggiungere i seguenti:
    12-bis. All’articolo 399, comma 3, primo periodo, del decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, le parole: «cinque anni» sono sostituite dalle seguenti: «tre anni».
    4. 310. Chimienti, Rostellato, Tripiedi, Bechis, Cominardi.

    Sopprimere i commi 13 e 14.
    4. 17. Ciprini, Baldassarre, Rostellato, Bechis, Cominardi, Tripiedi, Rizzetto.

    Al comma 13, sostituire le parole: è consentita anche per gli anni 2014 e 2015 con le seguenti: è consentito per l’anno 2014.
    4. 311. Cecconi, Baroni, Dall’Osso, Di Vita, Silvia Giordano, Grillo, Lorefice, Mantero, Dadone, Dieni, Rostellato.

    Al comma 13, aggiungere, in fine, le parole:, verificata l’assenza di graduatorie vigenti, da utilizzarsi in via prioritaria, con le medesime qualifiche e professionalità anche secondo un criterio di equivalenza.
    4. 116. Pilozzi, Kronbichler, Migliore, Airaudo, Di Salvo, Placido.

    Dopo il comma 13, aggiungere il seguente:
    13-bis. Per le medesime finalità di cui al comma 13, nell’ottica del potenziamento dei servizi pubblici per l’impiego e al fine di valorizzare le professionalità acquisite dal personale già impegnato a tempo determinato, la provincia dell’Aquila, in deroga ai divieti di nuove assunzioni previsti dalle vigenti normative, può procedere all’assunzione a tempo indeterminato degli idonei nelle graduatorie concorsuali a tempo indeterminato ancora vigenti dell’ente, in servizio alla data di entrata in vigore del presente decreto in forza di contratti di lavoro subordinato a tempo determinato e in possesso dei requisiti previsti dal comma 6. Nelle more dell’assunzione a tempo indeterminato, la provincia dell’Aquila è autorizzata alla proroga dei contratti di lavoro subordinato a tempo determinato dei suddetti lavoratori, anche in deroga ai limiti temporali previsti dalla vigente normativa in materia.”
    4. 351. Melilla, Di Salvo, Kronbichler, Airaudo, Migliore, Pilozzi, Placido.

    Al comma 14, sostituire le parole: per gli anni 2014 e 2015 con le seguenti: per l’anno 2014.
    4. 320. Cecconi, Baroni, Dall’Osso, Di Vita, Silvia Giordano, Grillo, Lorefice, Mantero, Dadone, Dieni, Rostellato.

    Al comma 14, aggiungere, in fine, le parole:, verificata l’assenza di graduatorie vigenti, da utilizzarsi in via prioritaria, con le medesime qualifiche e professionalità anche secondo un criterio di equivalenza.
    4. 117. Pilozzi, Kronbichler, Migliore, Airaudo, Di Salvo, Placido.

    Al comma 15, sostituire il primo periodo con il seguente: Ai concorsi per il reclutamento del personale di magistratura si applica un diritto di segreteria, quale contributo delle spese della procedura di un importo non superiore a dieci euro.
    4. 312. Agostinelli, Businarolo, Colletti, Sarti, Turco, Micillo, Ferraresi, Bonafede.

    Sopprimere il comma 16.

    Conseguentemente, dopo l’articolo 4, aggiungere il seguente: Art. 4-bis. – (Disposizioni in materia di reclutamento e assunzioni nelle pubbliche amministrazioni). – 1. All’articolo 35 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e successive modificazioni ed integrazioni, sono apportate le seguenti modificazioni:
    a) il comma 3-bis è sostituito dal seguente:
    «3-bis. Le amministrazioni pubbliche, nel rispetto della programmazione triennale del fabbisogno, nonché del limite massimo complessivo del 50 per cento delle risorse finanziarie disponibili per ciascun anno, ai sensi della normativa vigente in materia di assunzioni a tempo indeterminato ovvero di contenimento della spesa di personale, secondo i rispettivi regimi limitativi fissati dai documenti di finanza pubblica e, per le amministrazioni interessate, previo espletamento della procedura di cui al comma 4, possono avviare procedure di reclutamento di personale non dirigenziale, mediante concorso pubblico, ricorrendo, per ciascun anno, ad una soltanto delle seguenti modalità:
    a) concorso pubblico con riserva di posti nel limite massimo del 40 per cento di quelli banditi, per coloro che alla data di pubblicazione dei bandi, hanno maturato, negli ultimi cinque anni, almeno tre anni di servizio con contratto di lavoro subordinato a tempo determinato alle dipendenze di amministrazioni pubbliche, con esclusione dei servizi prestati presso uffici di diretta collaborazione degli organi politici;
    b) concorso pubblico per titoli ed esami prevedendo criteri di valorizzazione della professionalità acquisita con esperienze lavorative presso pubbliche amministrazioni con contratto a tempo determinato, di somministrazione di lavoro o di collaborazione coordinata e continuativa tenendo conto dell’anzianità maturata e della tipologia di rapporto di lavoro;»
    b) il comma 3-ter è sostituito dal seguente:
    «3-ter. Nei pubblici concorsi, le riserve di posti previste dalla normativa vigente non possono complessivamente superare la metà dei posti messi a concorso. Ove si renda necessaria, in relazione a tale limite, una riduzione dei posti da riservare, obbligatoriamente o facoltativamente, tale riduzione si attua in misura proporzionale in relazione a ciascuna categoria di aventi diritto a riserva obbligatoria, applicando i criteri di priorità previsti dall’articolo 5, comma 3, del decreto del Presidente della Repubblica 9 maggio 1994, n. 487 e, ove rimangano altri posti disponibili da destinare a riserva facoltativa, tenendo conto delle riserve del comma 3-bis e dell’articolo 52 con eventuale riduzione in misura proporzionale»;
    c) il secondo periodo del comma 4 è sostituito dal seguente: «Per le amministrazioni dello Stato, anche ad ordinamento autonomo, le agenzie, gli enti pubblici non economici e gli enti di ricerca, l’avvio delle procedure concorsuali è subordinato all’emanazione, nel rispetto dei vincoli e dei limiti alle assunzioni previste dalla normativa vigente, di un decreto direttoriale, della Presidenza del Consiglio dei ministri – Dipartimento della funzione pubblica e del Ministero dell’economia e delle finanze – Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato, verificata l’assenza di graduatorie vigenti, per le medesime amministrazioni, relative alle professionalità necessarie secondo un criterio di equivalenza. Il Dipartimento della funzione pubblica, entro il 30 giugno di ogni anno, procede, per le amministrazioni di cui al secondo periodo del presente comma, al censimento delle graduatorie vigenti da rendere pubblico sul sito istituzionale. A parità di profili professionali, sono preferibilmente utilizzate le graduatorie più recenti. Per gli enti di ricerca di cui all’articolo 1, comma 1, del decreto legislativo 31 dicembre 2009, n. 213 l’autorizzazione di cui al presente comma è concessa in sede di approvazione dei Piani triennali di attività e del piano di fabbisogno del personale e della consistenza dell’organico, di cui all’articolo 5, comma 4, del medesimo decreto legislativo. Le autorizzazioni concesse ai sensi del presente comma sono inviate alla Corte dei conti, ai sensi dell’articolo 3, comma 1, lettera c), della legge 14 gennaio 1994, n. 20»;
    d) il comma 4-bis è sostituito dal seguente:
    «4-bis. Per le amministrazioni indicate al comma 4, con le modalità ivi previste, sono autorizzate le procedure di reclutamento a tempo determinato per contingenti superiori alle cinque unità, inclusi i contratti di formazione e lavoro, tenendo conto dei vincoli finanziari fissati dalla normativa vigente, nonché dei criteri previsti dall’articolo 36 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165».

    2. A decorrere dalla data di entrata in vigore del presente decreto le assunzioni a tempo indeterminato previste dall’articolo 3, comma 102, della legge 24 dicembre 2007, n. 244 e dall’articolo 66, commi 9, 9-bis e 14 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, dall’articolo 9, comma 8, del decreto legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, nella legge 30 luglio 2010, n. 122, ivi comprese le assunzioni previste dall’articolo 1, commi 90 e 91, della legge 24 dicembre 2012 n. 228, sono autorizzate, per ciascun anno, secondo le modalità di cui all’articolo 35, comma 4, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, come sostituito dal comma 1, lettera c), del presente articolo, previa richiesta delle amministrazioni, corredata da analitica dimostrazione delle cessazioni avvenute nell’anno precedente e delle conseguenti economie e dall’individuazione delle unità da assumere e dei correlati oneri, asseverate dai relativi organi di controllo. Le autorizzazioni concesse ai sensi del presente comma sono inviate alla Corte dei conti, ai sensi dell’articolo 3, comma 1, lettera c), della legge 14 gennaio 1994, n. 20.
    3. Sono abrogate le seguenti disposizioni:
    a) il comma 10 dell’articolo 66 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133;
    b) l’articolo 12, comma 3, secondo periodo, del decreto-legge del 31 dicembre 2007, n. 248, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 febbraio 2008, n. 31;
    c) il comma 12 dell’articolo 9 del decreto legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, nella legge 30 luglio 2010, n. 122.

    4. All’articolo 66, comma 9-bis, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, sono soppresse le parole: «, secondo le modalità di cui al comma 10,».
    5. All’articolo 14, comma 6, del decreto-legge 6 luglio 2012, n. 95, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 135, 2, le parole: «di cui all’articolo 66, comma 10, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133» sono sostituite dalle seguenti: «di cui all’articolo 35, comma 4, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165».
    6. I bandi dei concorsi per titoli ed esami di cui all’articolo 28, comma 1, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e dei concorsi per la qualifica dirigenziale di seconda fascia delle altre amministrazioni pubbliche possono prevedere una riserva di posti, non superiore al 40 per cento dei posti banditi, a favore di coloro che hanno svolto incarichi dirigenziali con contratto di lavoro a tempo determinato presso l’amministrazione che bandisce il concorso per un periodo non inferiore a cinque anni. In ogni caso le riserve di posti non possono complessivamente superare la metà dei posti messi a concorso e tra le categorie riservatarie prevale il diritto alla riserva a favore del personale di ruolo.
    7. L’assunzione nelle pubbliche amministrazioni dei cittadini italiani di cui alla legge 9 marzo 1971, n. 98, che, come personale civile, abbiano prestato servizio continuativo, per almeno un anno alla data del 31 dicembre 2012, alle dipendenze di organismi militari della Comunità atlantica, o di quelli dei singoli Stati esteri che ne fanno parte, operanti sul territorio nazionale, che siano stati licenziati in conseguenza di provvedimenti di soppressione o riorganizzazione delle basi militari degli organismi medesimi adottati entro il 31 dicembre 2012, avviene con le modalità previste dal decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri adottato in attuazione dell’articolo 2, comma 101, della legge 24 dicembre 2007, n. 244 con assegnazione prioritaria agli uffici giudiziari del Ministero della giustizia collocati nel territorio provinciale o regionale dell’organismo militare. Le assunzioni di cui al presente comma sono finanziate con le risorse del fondo di cui all’articolo 2, comma 100, della legge n. 244 del 2007 la cui dotazione è incrementata di 1 milione di euro a decorrere dall’anno 2014. Le assunzioni di cui al presente comma possono essere disposte nei limiti delle disponibilità del predetto fondo.
    8. All’onere derivante dall’attuazione del comma 7, pari a 1 milione di euro a decorrere dall’anno 2014, si provvede mediante corrispondente riduzione dello stanziamento di cui all’articolo 1, comma 139, della legge 24 dicembre 2012, n. 228.
    9. Al fine di assicurare la continuità delle attività di ricostruzione e di recupero del tessuto sociale e occupazionale della Città dell’Aquila, il Comune dell’Aquila è autorizzato ad attuare le disposizioni di cui al comma 6 dell’articolo 4 avviando procedure pubbliche con riserva fino al 50 per cento dei posti messi a concorso a favore di coloro che siano in possesso dei requisiti prescritti dalla norma, anche per profili professionali e categorie di inquadramento inferiori a quelle del precedente servizio prestato a tempo determinato e in ogni caso afferenti a profili non ricoperti con il cosiddetto concorso «Ripam Abruzzo», di cui all’articolo 67-ter del decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2013, n. 134. Le procedure selettive di cui al presente comma possono essere avviate in deroga al limite del 40 per cento della spesa corrispondente alle cessazioni dell’anno di cui all’articolo 76, comma 7, primo periodo, del 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, fermo restando il rispetto del limite di cui all’articolo 1, comma 557, della legge 27 dicembre 2006, n. 296, nonché nel limite della dotazione organica dell’Ente.
    4. 300. Binetti.

    Al commma 16-ter, sostituire le parole: su base nazionale con le seguenti: su base regionale.
    4. 321. Fedriga, Matteo Bragantini, Invernizzi.

    Al commma 16-ter, sostituire le parole: su base nazionale con le seguenti: su base provinciale.
    4. 322. Fedriga, Matteo Bragantini, Invernizzi.

    Dopo il commma 16-ter, aggiungere i seguenti:
    16-quater. In considerazione delle attività affidate all’ISFOL e delle misure per l’attuazione della «Garanzia per i Giovani», nonché di quelle connesse al monitoraggio di cui all’articolo 1 della legge 28 giugno 2012, n. 92, l’Istituto per lo sviluppo della formazione professionale dei lavoratori (ISFOL) è autorizzato ad assumere, nel triennio 2014-2016, complessive 253 unità di personale ricercatore, tecnologo e di supporto alla ricerca, in scaglioni annuali fino ad un massimo di 85 unità di personale.
    16-quinquies. Coloro che sono già stati selezionati sulla base dei requisiti di cui agli articoli 1, comma 519, della legge 27 dicembre 2006, n. 296, e 3, comma 90, della legge 24 dicembre 2007, n. 244, nonché del personale in possesso dei requisiti di cui all’articolo 5, comma 2, del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro degli Enti Pubblici di Ricerca sottoscritto in data 7 aprile 2006 possono essere consolidati nei ruoli corrispondenti ai profili professionali che ricoprono.
    16-sexies. L’onere per la copertura finanziaria del comma 16-quater è garantita mediante l’incremento corrispondente agli scaglioni annuali a valere sui competenti capitoli del Ministero del lavoro e delle politiche sociali.
    16-septies. L’approvazione del fabbisogno del personale, la consistenza e le variazioni dell’organico strettamente necessarie sono disposti con decreto del Ministero del lavoro e delle politiche sociali, previo parere favorevole del Ministero dell’economia e delle finanze e del Ministro per la pubblica amministrazione e la semplificazione, entro sessanta giorni dall’entrata in vigore del presente decreto.
    4. 121. Pilozzi, Kronbichler, Migliore, Airaudo, Di Salvo, Placido.

    Dopo il commma 16-ter, aggiungere i seguenti:
    16-quater. Gli enti di ricerca nel rispetto della programmazione triennale del fabbisogno, nonché del limite massimo complessivo del 100 per cento per cento delle risorse finanziarie disponibili per ciascun anno, ai sensi della normativa vigente in materia di assunzioni a tempo indeterminato ovvero di contenimento della spesa di personale, secondo i rispettivi regimi limitativi fissati dai documenti di finanza pubblica e, per le amministrazioni interessate, previo espletamento della procedura di cui al comma 16, possono avviare procedure di reclutamento, mediante concorso pubblico, ricorrendo, per ciascun anno, alle seguenti modalità:
    a) concorso pubblico con riserva di posti nel limite massimo del 60 per cento di quelli banditi, per coloro che alla data di pubblicazione dei bandi, hanno maturato o matureranno al momento dell’emanazione del bando almeno tre anni di servizio, negli ultimi 5 anni, con contratto di lavoro subordinato a tempo determinato alle dipendenze dell’amministrazione che emana il bando. Coloro che hanno già sostenuto una procedura selettiva per un contratto a tempo determinato con le modalità previste dal comma 3 possono essere assunti previa verifica dell’attività svolta.
    b) concorso pubblico per titoli ed esami prevedendo criteri di valorizzazione della professionalità per i soggetti di cui alla lettera a) e per coloro che, alla data di emanazione del bando, hanno maturato o matureranno al momento dell’emanazione del bando complessivamente, negli ultimi 5 anni, almeno tre anni di contratto anche di collaborazione coordinata e continuativa, assegno di ricerca o di contratto di somministrazione di lavoro presso l’amministrazione che emana il bando.

    16-quinquies. La procedura selettiva si ritiene comunque già espletata per coloro che sono in possesso dei requisiti di cui agli articoli 1, comma 519, della legge 27 dicembre 2006, n. 296, e 3, comma 90, della legge 24 dicembre 2007, n. 244, nonché del personale in possesso dei requisiti di cui all’articolo 5, comma 2, del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro degli Enti Pubblici di Ricerca sottoscritto in data 7 aprile 2006.
    16-sexies. Fermo restando che l’accesso ai ruoli della pubblica amministrazione è comunque subordinato all’espletamento di procedure selettive di natura concorsuale o previste da norme di legge, al fine di consentire agli Enti Pubblici di Ricerca di svolgere con pienezza le proprie funzioni istituzionali tramite il consolidamento in ruolo del personale in possesso dei requisiti di cui agli articoli 1, comma 519, della legge 27 dicembre 2006, n. 296, e 3, comma 90, della legge 24 dicembre 2007, n. 244, nonché del personale in possesso dei requisiti di cui all’articolo 5, comma 2, del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro degli Enti Pubblici di Ricerca sottoscritto in data 7 aprile 2006, i medesimi Enti, previa autorizzazione dei Ministri vigilanti, sono autorizzati alla rideterminazione della propria dotazione organica secondo le necessità e comunque senza oneri aggiuntivi a carico dello Stato. La rideterminazione è eseguita senza incremento di posti dirigenziali. Le norme si applicano in quanto compatibili al personale contrattualizzato dell’università. Le amministrazioni prorogano i contratti del personale in possesso dei suddetti requisiti fino al 31 dicembre 2018.
    4. 118. Pilozzi, Kronbichler, Migliore, Airaudo, Di Salvo, Placido.

    Dopo il commma 16-ter, aggiungere i seguenti:
    16-quater. Gli Enti pubblici del comparto della ricerca, ivi compreso l’INAIL per le attività dell’ex ISPESL, sono autorizzati ad assumere per l’assolvimento delle loro funzioni istituzionali, nel triennio 2014-2016, personale ricercatore, tecnologo e di supporto alla ricerca impiegato nelle medesime che abbia maturato almeno tre anni di servizio a tempo determinato o di collaborazione coordinata e continuativa o assegno di ricerca nei medesimi enti alla data di entrata in vigore del presente decreto.
    16-quinquies. Coloro che sono già stati selezionati sulla base dei requisiti di cui agli articoli 1, comma 519, della legge 27 dicembre 2006, n. 296, e 3, comma 90, della legge 24 dicembre 2007, n. 244, nonché del personale in possesso dei requisiti di cui all’articolo 5, comma 2, del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro degli Enti Pubblici di Ricerca sottoscritto in data 7 aprile 2006 possono essere consolidati nei ruoli corrispondenti ai profili professionali che ricoprono.
    4. 120. Pilozzi, Kronbichler, Migliore, Airaudo, Di Salvo, Placido.

    Dopo il commma 16-ter, aggiungere i seguenti:
    16-quater. In considerazione delle attività affidate all’ISFOL e delle misure per l’attuazione della «Garanzia per i Giovani», nonché di quelle connesse al monitoraggio di cui all’articolo 1 della legge 28 giugno 2012. n. 92, l’Istituto per lo sviluppo della formazione professionale dei lavoratori (ISFOL) è autorizzato ad assumere, nel triennio 2014-2016, complessive 253 unità di personale ricercatore, tecnologo e di supporto alla ricerca, in scaglioni annuali fino ad un massimo di 85 unità di personale.
    16-quinquies. Coloro che sono già stati selezionati sulla base dei requisiti di cui agli articoli 1, comma 519, della legge 27 dicembre 2006. n. 296, e 3, comma 90, della legge 24 dicembre 2007, n. 244, nonché del personale in possesso dei requisiti di cui all’articolo 5. comma 2, del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro degli Enti Pubblici di Ricerca sottoscritto in data 7 aprile 2006 possono essere consolidati nei ruoli corrispondenti ai profili professionali che ricoprono.
    4. 122. Pilozzi, Kronbichler, Migliore, Airaudo, Di Salvo, Placido.

    Dopo il comma 16-ter, aggiungere i seguenti:
    16-quater. Fermo restando che l’accesso ai ruoli della pubblica amministrazione è comunque subordinato all’espletamento di procedure selettive di natura concorsuale o prevista da norme di legge, al fine di consentire agli Enti pubblici di ricerca di svolgere con pienezza le proprie funzioni istituzionali, i suddetti enti sono autorizzati ad assumere il personale in possesso dei requisiti di cui agli articoli 1, comma 519, della legge 27 dicembre 2006, n. 296, e 3, comma 90, della legge 24 dicembre 2007, n. 244, nonché del personale in possesso dei requisiti di cui all’articolo 5, comma 2, del Contratto collettivo nazionale di lavoro degli Enti pubblici di ricerca sottoscritto in data 7 aprile 2006, entro il limite dell’80 per cento delle proprie entrate correnti complessive, come risultanti dal bilancio consuntivo dell’anno precedente, e comunque senza oneri aggiuntivi a carico dello Stato.
    16-quinquies. Fermo restando che l’accesso ai ruoli della pubblica amministrazione è comunque subordinato all’espletamento di procedure selettive di natura concorsuale o prevista da norme di legge, il divieto di trasformazione del contratto di lavoro da tempo determinato a tempo indeterminato non si applica al comparto degli enti pubblici di ricerca e università, ove vigono le norme previste nei CCNL che autorizzano tale trasformazione qualora l’assunzione a tempo determinato sia avvenuta con le medesime modalità e procedure previste dalla legge per i concorsi a tempo indeterminato.
    4. 350. Cecconi, Baroni, Dall’Osso, Di Vita, Silvia Giordano, Grillo, Lorefice, Mantero, Dadone, Dieni, Rostellato.

    Dopo il comma 16-ter, aggiungere il seguente:
    16-quater. Fermo restando che l’accesso ai ruoli della pubblica amministrazione è comunque subordinato all’espletamento di procedure selettive di natura concorsuale o prevista da norme di legge il divieto di trasformazione del contratto di lavoro da tempo determinato a tempo indeterminato non si applica al comparto degli enti pubblici di ricerca e università, ove vigono norme previste nei CCNL che autorizzano tale trasformazione qualora l’assunzione a tempo determinato sia avvenuta con le medesime modalità e procedure previste dalla legge per i concorsi a tempo indeterminato.
    *4. 52. Gnecchi, Bellanova, Madia, Albanella, Baruffi, Boccuzzi, Casellato, Faraone, Cinzia Maria Fontana, Giacobbe, Gregori, Gribaudo, Incerti, Maestri, Martelli, Miccoli, Paris, Giorgio Piccolo, Simoni, Zappulla, Ghizzoni.

    Dopo il comma 16-ter, aggiungere il seguente:
    16-quater. Fermo restando che l’accesso ai ruoli della pubblica amministrazione è comunque subordinato all’espletamento di procedure selettive di natura concorsuale o prevista da norme di legge, il divieto di trasformazione del contratto di lavoro da tempo determinato a tempo indeterminato non si applica al comparto degli enti pubblici di ricerca e università, ove vigono le norme previste nei CCNL che autorizzano tale trasformazione qualora l’assunzione a tempo determinato sia avvenuta con le medesime modalità e procedure previste dalla legge per i concorsi a tempo indeterminato.

    *4. 114. Fratoianni, Pilozzi, Di Salvo, Airaudo, Migliore, Kronbichler, Placido.

    Dopo il comma 16-ter, aggiungere il seguente:
    16-quater. Fermo restando che l’accesso ai ruoli della pubblica amministrazione è comunque subordinato all’espletamento di procedure selettive di natura concorsuale o prevista da norme di legge, al fine di consentire agli Enti pubblici di ricerca di svolgere con pienezza le proprie funzioni istituzionali, i suddetti enti sono autorizzati ad assumere il personale in possesso dei requisiti di cui agli articoli 1, comma 519, della legge 27 dicembre 2006, n. 296, e 3, comma 90, della legge 24 dicembre 2007, n. 244, nonché del personale in possesso dei requisiti di cui all’articolo 5, comma 2, del Contratto collettivo nazionale di lavoro degli Enti pubblici di ricerca sottoscritto in data 7 aprile 2006, entro il limite dell’80 per cento delle proprie entrate correnti complessive, come risultanti dal bilancio consuntivo dell’anno precedente, e comunque senza oneri aggiuntivi a carico dello Stato.
    **4. 51. Gnecchi, Bellanova, Madia, Albanella, Baruffi, Boccuzzi, Casellato, Faraone, Cinzia Maria Fontana, Giacobbe, Gregori, Gribaudo, Incerti, Maestri, Martelli, Miccoli, Paris, Giorgio Piccolo, Simoni, Zappulla, Ghizzoni.

    Dopo il comma 16-ter, aggiungere il seguente:
    16-quater. Fermo restando che l’accesso ai ruoli della pubblica amministrazione è comunque subordinato all’espletamento di procedure selettive di natura concorsuale o prevista da norme di legge, al fine di consentire agli Enti pubblici di ricerca di svolgere con pienezza le proprie funzioni istituzionali, i suddetti enti sono autorizzati ad assumere il personale in possesso dei requisiti di cui agli articoli 1, comma 519, della legge 27 dicembre 2006, n. 296, e 3, comma 90, della legge 24 dicembre 2007, n. 244, nonché del personale in possesso dei requisiti di cui all’articolo 5, comma 2, del Contratto collettivo nazionale di lavoro degli Enti pubblici di ricerca sottoscritto in data 7 aprile 2006, entro il limite dell’80 per cento delle proprie entrate correnti complessive, come risultanti dal bilancio consuntivo dell’anno precedente, e comunque senza oneri aggiuntivi a carico dello Stato.
    **4. 113. Pilozzi, Fratoianni, Di Salvo, Airaudo, Migliore, Kronbichler, Placido.

    Dopo il comma 16-ter, aggiungere i seguenti:
    16-quater. Fino a quando non sarà attuato il complessivo riordino del ruolo e delle funzioni della magistratura onoraria a norma dell’articolo 106, secondo comma, della Costituzione, i giudici onorari di tribunale, i vice procuratori onorari e i giudici di pace che abbiano conseguito, al termine del primo incarico triennale o quadriennale, il giudizio di idoneità al proseguimento dell’incarico giudiziario o che siano stati inquadrati nelle predette funzioni ai sensi dell’articolo 35, comma 1, del decreto legislativo 19 febbraio 1998, n. 51, permangono nell’esercizio delle rispettive funzioni sino al raggiungimento della massima età anagrafica prevista dai rispettivi ordinamenti, previo conseguimento, ogni quattro anni, dell’idoneità alla prosecuzione dell’incarico.
    16-quinquies. L’articolo 245 del decreto legislativo 19 febbraio 1998, n. 51, è abrogato.
    4. 39. Molteni, Matteo Bragantini, Invernizzi, Fedriga.

    Dopo il commma 16-ter, aggiungere il seguente:
    16-quater. Gli Enti Pubblici del Comparto della Ricerca, ivi compreso l’INAIL per le attività dell’ex ISPESL, sono autorizzati ad assumere, nel periodo 2014-2018, personale ricercatore, tecnologo e di supporto alla ricerca che abbia maturato almeno tre anni di servizio a tempo determinato o con contratto di collaborazione coordinata e continuativa nei medesimi Enti alla data di emanazione dei bandi di concorso. L’onere per la copertura finanziaria del presente comma è garantito mediante l’incremento corrispondente agli scaglioni annuali a valere sui competenti capitoli dei rispettivi Ministeri vigilanti. L’approvazione del fabbisogno del personale, la consistenza e le variazioni dell’organico strettamente necessarie sono disposti con decreto dei rispettivi Ministeri vigilanti previo parere favorevole del Ministero dell’economia e delle finanze e del Ministro per la pubblica amministrazione e la semplificazione, entro sessanta giorni dall’entrata in vigore del presente decreto. Le procedure di cui al presente articolo si applicano anche alle università per il personale contrattualizzato che abbia maturato complessivamente almeno tre anni di contratto anche di collaborazione coordinata e continuativa.
    4. 119. Pilozzi, Kronbichler, Migliore, Airaudo, Di Salvo, Placido.

    ART. 4-bis.
    (Disciplina delle IPAB e delle aziende pubbliche di servizi).

    Sopprimerlo.
    *4-bis. 200. Cecconi, Baroni, Dall’Osso, Di Vita, Silvia Giordano, Grillo, Lorefice, Mantero, Dadone, Dieni, Rostellato.

    Sopprimerlo.
    *4-bis. 201. Lenzi, Miotto.

    Sostituirlo con il seguente:

    Art. 4-bis.

    1. Le istituzioni pubbliche di assistenza e beneficenza (IPAB) e le aziende pubbliche di servizi alla persona (ASP) di cui al decreto legislativo 4 maggio 2001, n. 207, si intendono sottoposte alla stessa disciplina di cui all’articolo 114, comma 5-bis, ultimo periodo, del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, prevista per le aziende speciali dei comuni che operano nei settori dei servizi socio-sanitari, assistenziali, culturali ed educativi.
    4-bis. 203. Gelli, Lenzi, Miotto.

    Sostituirlo con il seguente:

    Art. 4-bis.

    1. Le istituzioni pubbliche di assistenza e beneficenza (IPAB) e le aziende pubbliche di servizi alla persona (ASP) di cui al decreto legislativo 4 maggio 2001, n. 207, ai fini dell’applicazione delle disposizioni di cui al presente decreto, sono sottoposte alla stessa disciplina di cui all’articolo 114, comma 5-bis, ultimo periodo, del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, prevista per le aziende speciali dei comuni che operano nei settori dei servizi socio-sanitari, assistenziali, culturali ed educativi.
    4-bis. 202. Miotto, Lenzi, Carnevali, Gelli.

    Al comma 1, alle parole: Al fine di premettere le seguenti: In coerenza ed applicazione con quanto previsto dal presente decreto
    4-bis. 204. Cecconi, Baroni, Dall’Osso, Di Vita, Silvia Giordano, Grillo, Lorefice, Mantero, Dadone, Dieni, Rostellato.

    Al comma 1, dopo le parole: di cui al decreto legislativo 4 maggio 2001, n. 207 aggiungere le seguenti: ferma restando l’attuale natura giuridica e il rispetto delle tavole di fondazione e degli statuti delle singole IPAB.
    4-bis. 3. Marco Di Stefano.

    Al comma 1, sostituire le parole: sono sottoposte con le seguenti: sono equiparate.
    4-bis. 4. Marco Di Stefano.

    Al comma 1, sopprimere le parole: per gli enti del Servizio sanitario nazionale o
    4-bis. 205. Cecconi, Baroni, Dall’Osso, Di Vita, Silvia Giordano, Grillo, Lorefice, Mantero, Dadone, Dieni, Rostellato.

    Al comma 1, sopprimere le parole da: o per le aziende speciali fino alla fine del comma.
    4-bis. 206. Cecconi, Baroni, Dall’Osso, Di Vita, Silvia Giordano, Grillo, Lorefice, Mantero, Dadone, Dieni, Rostellato.

    ART. 4-ter.
    (Modifica all’articolo 6 del decreto-legge n. 216 del 2011, riguardante profili pensionistici per la donazione di sangue e di emocomponenti).

    Sopprimerlo.
    4-ter. 200. Cicu, Sannicandro, Taglialatela, Turco, Businarolo.

    Sostituirlo con il seguente:
    Art. 4-ter. (Modifica all’articolo 6 del decreto-legge n. 216 del 2011 in materia di conteggio della contribuzione figurativa ai fini della maturazione della pensione anticipata fino al 2017). – 1. All’articolo 6, comma 2-quater, del decreto-legge 29 dicembre 2011, n. 216, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 febbraio 2012, n. 14 sono abrogate le seguenti parole: «, qualora la predetta anzianità contributiva ivi prevista derivi esclusivamente da prestazione effettiva di lavoro, includendo i periodi di astensione obbligatoria per maternità, per l’assolvimento degli obblighi di leva, per infortunio, per malattia e di cassa integrazione guadagni ordinaria».
    2. Agli eventuali oneri derivanti dal comma 1, si provvede riducendo in misura corrispondente a decorrere dall’anno 2013, i regimi di esenzione, esclusione e favore fiscale, di legge 15 luglio 2011, n. 111, con l’esclusione delle disposizioni a tutela dei redditi di lavoro dipendente e autonomo, dei redditi di pensione, della famiglia, della salute, delle persone economicamente o socialmente svantaggiate, del patrimonio artistico e culturale, della ricerca e dell’ambiente. Con uno o più regolamenti del Ministro dell’economia e delle finanze, da emanare ai sensi dell’articolo 17, comma 3 della legge 23 agosto 1988, n. 400, sono stabilite le modalità tecniche per l’attuazione del presente comma con riferimento ai singoli regimi interessati.
    4-ter. 1. Di Salvo, Migliore, Kronbichler, Pilozzi, Airaudo, Placido.

    Sostituirlo con il seguente:
    Art. 4-ter. (Modifica all’articolo 6 del decreto-legge n. 216 del 2011 in materia di conteggio della contribuzione figurativa ai fini della maturazione della pensione anticipata fino al 2017). – 1. All’articolo 6, comma 2-quater, del decreto-legge 29 dicembre 2011, n. 216, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 febbraio 2012, n. 14, sono abrogate le seguenti parole: «, qualora la predetta anzianità contributiva ivi prevista derivi esclusivamente da prestazione effettiva di lavoro, includendo i periodi di astensione obbligatoria per maternità, per l’assolvimento degli obblighi di leva, per infortunio, per malattia e di cassa integrazione guadagni ordinaria».
    2. Agli eventuali oneri derivanti dal comma 1, si provvede elevando dell’1 per cento l’aliquota dell’imposta sugli immobili di proprietà di banche o società assicurative.
    4-ter. 201. Fedriga, Invernizzi, Matteo Bragantini.

    Al comma 1, dopo le parole: legge 24 febbraio 2012, n. 14, inserire le seguenti dopo le parole: includendo i periodi di astensione obbligatoria per maternità, sono aggiunte le seguenti: di astensione facoltativa per congedo parentale ai sensi del decreto legislativo n. 151 del 2001 e successive integrazioni e modificazioni, e.

    Conseguentemente, aggiungere i seguenti commi:
    2. All’articolo 13 del decreto-legge n.201 del 2001, dopo il comma 8-bis è inserito il seguente: «8-ter. L’aliquota è aumentata allo 0,95 per cento per gli immobili di proprietà di banche o società assicurative».
    3. Ferma restando la clausola di salvaguardia di cui all’articolo 6-bis, comma 1, del decreto-legge 29 dicembre 2011, n. 216, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 febbraio 2012, n. 14, il Ministero dell’economia e delle finanze – Agenzia delle dogane e dei monopoli, entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, adotta misure in materia di giochi pubblici on line, lotterie istantanee e apparecchi e congegni di gioco, utili al fine di assicurare, con riferimento ai rapporti negoziali in essere alla medesima data di entrata in vigore, il reperimento delle maggiori entrate di cui al presente articolo.
    4-ter. 5. Di Salvo, Migliore, Kronbichler, Pilozzi, Airaudo, Placido.

    Al comma 1, dopo le parole: legge 24 febbraio 2012, n. 14, inserire le seguenti: dopo le parole: includendo i periodi di astensione obbligatoria per maternità, sono aggiunte le seguenti: di astensione facoltativa per congedo parentale ai sensi del decreto legislativo n. 151 del 2001 e successive integrazioni e modificazioni, e.
    4-ter. 6. Di Salvo, Migliore, Kronbichler, Pilozzi, Airaudo, Placido.

    Dopo il comma 1, aggiungere il seguente:

    2. Agli oneri derivanti dal comma 1 si provvede riducendo in misura corrispondente, a decorrere dall’anno 2013, i regimi di esenzione, esclusione e favore fiscale, di cui alla legge 15 luglio 2011, n. 111, con l’esclusione delle disposizioni a tutela dei redditi di lavoro dipendente e autonomo, dei redditi di pensione, della famiglia, della salute, delle persone economicamente o socialmente svantaggiate, del patrimonio artistico e culturale, della ricerca e dell’ambiente. Con uno o più regolamenti del Ministro dell’economia e delle finanze, da emanare ai sensi dell’articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400, sono stabilite le modalità tecniche per l’attuazione del presente comma, con riferimento ai singoli regimi interessati.
    4-ter. 202. Di Salvo, Airaudo, Migliore, Kronbichler, Pilozzi, Placido.

    Dopo l’articolo 4-ter, aggiungere il seguente:
    Art. 4-quater. (Soppressione degli uffici territoriali del Governo). – 1. Allo scopo di contenere le spese dell’Amministrazione del Ministero dell’interno, a decorrere dal 1o gennaio 2014 sono soppresse le Prefetture-Uffici territoriali del Governo. Le funzioni esercitate dai Prefetti in relazione al mantenimento dell’ordine pubblico sono assegnate ai questori territorialmente competenti.
    4-ter. 05. Matteo Bragantini, Invernizzi, Fedriga.

      Dopo l’articolo, inserire il seguente:

    Art. 4-ter.
    (Norme sulla formazione e composizione del Governo).

    1. A partire dal Governo in carica all’entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, il numero dei Ministeri, ivi compresi quelli senza portafoglio, è stabilito in dieci. Il numero totale dei componenti del governo a qualsiasi titolo, ivi compresi viceministri e sottosegretari, non può essere superiore a quaranta e la composizione del Governo deve essere coerente con il principio stabilito dall’articolo 51, comma 1, ultima parte, della Costituzione.

    Conseguentemente, il comma 376, articolo 1 della legge 24 dicembre 2007, n. 244, è abrogato.
    4-ter. 07. Invernizzi, Matteo Bragantini, Fedriga.

      Dopo l’articolo, inserire il seguente:

    Art. 4-ter.
    (Razionalizzazione del ruolo del segretario comunale e provinciale).

    1. Al Capo II del Testo unico delle disposizioni concernenti gli Enti locali di cui al decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, al fine di rendere facoltativa, per i Comuni e le Province, la nomina del segretario titolare dipendente dall’Agenzia autonoma per la gestione dell’albo dei segretari comunali e provinciale è apportata la seguente modifica: articolo 97, comma 1, dopo le parole: «il Comune e la provincia hanno», sono inserite le seguenti: «la facoltà di avvalersi di».
    4-ter. 06. Matteo Bragantini, Invernizzi, Fedriga.

    Dopo l’articolo 4-ter, aggiungere il seguente:

    Art. 4-quater

    1. I commi 12-sexies, 12-septies, 12-octies, 12-novies, 12-decies e 12-undecies dell’articolo 12 del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122, sono abrogati. Le disposizioni abrogate o modificate dai commi 12-sexies, 12-octies, 12-novies, 12-decies e 12-undecies del medesimo articolo 12 del decreto-legge n. 78 del 2010, convertito, con modificazioni, dalla legge n. 122 del 2010, riacquistano efficacia nel testo vigente il giorno antecedente alla data di entrata in vigore della citata legge n. 122 del 2010.
    2. L’Istituto nazionale della previdenza sociale provvede alla restituzione agli interessati delle somme versate per le finalità di cui ai commi da 12-sexies a 12-undecies dell’articolo 12 del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122, nel periodo dal 30 luglio 2010 alla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto.
    3. All’onere derivante dall’attuazione del presente articolo si provvede elevando al 5 per cento l’aliquota degli immobili di proprietà di banche o società assicurative.
    4-ter. 0200. Fedriga, Matteo Bragantini, Invernizzi.

    Dopo l’articolo 4-ter, aggiungere il seguente:

    Art. 4-quater.

    1. Il termine di cui alla legge 28 giugno 2012, n.92 e all’articolo 14 del decreto-legge n. 375 del 2003 è prorogato al 1o gennaio 2015.
    4-ter. 0201. Giammanco.

    Dopo l’articolo 4-ter, aggiungere il seguente:

    Art. 4-quater.

    1. Al comma 41 dell’articolo 1 della legge 8 agosto 1995, n. 335, le parole: «Gli importi dei trattamenti pensionistici ai superstiti sono cumulabili con i redditi del beneficiario, nei limiti di cui all’allegata tabella F. Il trattamento derivante dal cumulo dei redditi di cui al presente comma con la pensione ai superstiti ridotta non può essere comunque inferiore a quello che spetterebbe allo stesso soggetto qualora il reddito risultasse pari al limite massimo delle fasce immediatamente precedenti quella nella quale il reddito posseduto si colloca. I limiti di cumulabilità non si applicano qualora il beneficiario faccia parte di un nucleo familiare con figli di minore età, studenti ovvero inabili, individuati secondo la disciplina di cui al primo periodo del presente comma» sono sostituite dalle seguenti: «Gli importi dei trattamenti pensionistici ai superstiti sono cumulabili con i redditi del beneficiario, applicando all’importo complessivo derivante dalla loro sommatoria, in quota parte, le relative riduzioni percentuali per ciascuno degli scaglioni di reddito indicati nell’allegata tabella F, ferma restando la corresponsione totale del trattamento ai superstiti per gli importi derivanti dalla sommatoria del reddito diretto del beneficiario con il trattamento medesimo inferiori a cinque volte il trattamento minimo INPS».
    2. La tabella F allegata alla legge 8 agosto 1995, n. 335, è sostituita dalla tabella F di cui all’allegato 1 annesso alla legge di conversione del presente decreto-legge.
    3. All’onere derivante dall’attuazione del presente articolo si provvede elevando fino a copertura l’aliquota degli immobili di proprietà di banche o società assicurative.

    Allegato 1 – Tabella F

    Tabella relativa agli importi dei trattamenti pensionistici ai superstiti e redditi del beneficiario

    Pensione di reversibilità/indiretta + Reddito diretto = importo inferiore a 5 volte il trattamento minimo annuo del fondo pensioni lavoratori dipendenti, calcolato in misura pari a 13 volte l’importo in vigore al 1o gennaio Trattamento ai superstiti corrisposto in misura integrale
    Pensione di reversibilità/indiretta + Reddito diretto = importo superiore a 5 ed inferiore a 7 volte il trattamento minimo annuo del fondo pensioni lavoratori dipendenti, calcolato in misura pari a 13 volte l’importo in vigore al 1o gennaio Percentuale del trattamento di reversibilità pari all’85 per cento sulla quota che concorre nella sommatoria ad eccedere 5 volte il trattamento minimo
    Pensione di reversibilità/indiretta + Reddito diretto = importo superiore a 7 volte ed inferiore a 9 volte il trattamento minimo annuo del fondo pensioni lavoratori dipendenti, calcolato in misura pari a 13 volte l’importo in vigore al 1o gennaio Percentuale del trattamento di reversibilità pari al 75 per cento sulla quota che concorre nella sommatoria ad eccedere 7 volte il trattamento minimo
    Pensione di reversibilità/indiretta + Reddito diretto = importo superiore oltre 9 volte il trattamento minimo annuo del fondo pensioni lavoratori dipendenti, calcolato in misura pari a 13 volte l’importo in vigore al 1o gennaio Percentuale del trattamento di reversibilità pari al 50 per cento sulla quota che concorre nella sommatoria ad eccedere 9 volte il trattamento minimo

    4-ter. 0202. Fedriga, Matteo Bragantini, Invernizzi.

    ART. 5.
    (Disposizioni in materia di trasparenza, anticorruzione e valutazione della performance).

    Sostituire i commi 3, 4 e 5 con i seguenti:
    3. Al fine di concentrare l’attività della Commissione per la valutazione, la trasparenza e l’integrità delle amministrazioni pubbliche, di cui all’articolo 13 del decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150, sui compiti di trasparenza e di prevenzione della corruzione nelle pubbliche amministrazioni, sono trasferite all’Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni di cui all’articolo 46 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, le funzioni della predetta Commissione in materia di misurazione e valutazione della performance di cui agli articoli 7, 10, 12, 13 e 14 del citato decreto legislativo n. 150 del 2009.
    4. Il collegio di indirizzo e controllo di cui all’articolo 46, comma 7, del decreto legislativo n. 165 del 2001, è integrato, con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro per la pubblica amministrazione, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, da due componenti, anche estranei alla pubblica amministrazione, esperti in tema di servizi pubblici, management, misurazione della performance e valutazione del personale.
    5. L’Agenzia di cui all’articolo 46 del decreto legislativo n. 165 del 2001, con regolamento, organizza la propria attività distinguendo l’esercizio delle funzioni di cui al presente articolo da quello relativo alla contrattazione.
    5-bis. Sono trasferite al Dipartimento della funzione pubblica le funzioni della predetta Commissione in materia di qualità dei servizi pubblici.
    5-ter. L’articolo 13, comma 3, del decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150 è sostituito dal seguente: «3. La Commissione è organo collegiale composto dal Presidente e da due componenti scelti tra esperti di elevata professionalità anche estranei all’amministrazione, di notoria indipendenza e comprovata esperienza in materia di contrasto alla corruzione. Il Presidente e i componenti sono nominati, nel rispetto del principio delle pari opportunità di genere, con decreto del Presidente della Repubblica, previa deliberazione del Consiglio dei Ministri, previo parere favorevole delle Commissioni parlamentari competenti espresso a maggioranza dei due terzi dei componenti. Il Presidente su proposta del Ministro per la pubblica amministrazione, i due componenti su proposta del Ministro dell’interno e del Ministro per la pubblica amministrazione»
    5. 201. Laffranco.

    Al comma 3, è premesso il seguente:
    03. All’articolo 11 del decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33, sono apportate le seguenti modificazioni:
    a) Il comma 1 viene sostituito dal seguente: «1. Ai fini del presente decreto per pubbliche amministrazioni si intendono tutte le amministrazioni di cui all’articolo 1, comma 2, della legge 31 dicembre 2009, n. 196 e tutti gli organismi di diritto pubblico di cui all’articolo 3, comma 26, del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163.»;
    b) Dopo il comma 3; aggiungere il seguente:
    «3-bis. Ai Gruppi europei di interesse economico di cui al regolamento CEE n. 2137/85 del Consiglio del 25 luglio 1985, controllati ai sensi dell’articolo 2359 del codice civile dalle pubbliche amministrazioni di cui al comma 1 si applicano, limitatamente all’attività di pubblico interesse disciplinata dal diritto nazionale o dell’Unione europea, le disposizioni dell’articolo 1, commi da 15 a 33, della legge 6 novembre 2012, n. 190.»
    5. 202. Da Villa.

    Sopprimere il comma 4.
    5. 2. Lombardi, Cozzolino, Dadone, Dieni, D’Ambrosio, Fraccaro, Nuti, Toninelli.

    Al comma 5, capoverso, primo periodo, sostituire le parole: e da quattro con le seguenti: e da due.

    Conseguentemente, aggiungere, in fine, il seguente periodo: I compensi del presidente e dei componenti dell’Autorità sono ridefiniti con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, nel rispetto dell’articolo 23-ter del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214, in modo da garantire l’invarianza complessiva della spesa.
    5. 250. Cozzolino, Dieni, D’Ambrosio, Fraccaro, Lombardi, Nuti, Toninelli.

    Al comma 5, capoverso, primo periodo, sopprimere le parole: anche estranei all’amministrazione.
    5. 203. Turco, Agostinelli, Businarolo, Colletti, Ferraresi, Micillo, Sarti.

    Al comma 5, capoverso, primo periodo, dopo le parole: valutazione del personale, aggiungere le seguenti: attestata da un’esperienza lavorativa in posizioni paragonabili della durata di 10 anni.
    5. 204. Fedriga.

    Al comma 5, capoverso, quarto periodo, sostituire la parola: tre con le seguente: cinque.
    5. 205. Turco, Agostinelli, Businarolo, Colletti, Ferraresi, Micillo, Sarti.

    Al comma 5, capoverso, quinto periodo, sostituire la parola: sei con le seguente: tre.
    5. 206. Turco, Agostinelli, Businarolo, Colletti, Ferraresi, Micillo, Sarti.

    Al comma 7, primo periodo, sostituire le parole da: restano in carica fino alla fine del comma, con le seguenti: decadono entro il 30 dicembre 2013, anche in assenza di nomina del nuovo presidente; in tal caso sono sostituiti da commissari unici con incarico di durata massima trimestrale non rinnovabile per il tempo necessario alle nuove nomine.
    5. 207. Cecconi, Baroni, Dall’Osso, Di Vita, Silvia Giordano, Grillo, Lorefice, Mantero, Dadone, Dieni, Rostellato.

    Dopo il comma 8, aggiungere il seguente:
    9. A decorrere dal 1o gennaio 2014, i sindacati e le loro associazioni, sia di lavoratori sia di datori di lavoro, pubblici e privati, comunque costituiti, che percepiscono a qualsiasi titolo contributi da parte degli iscritti, dello Stato o di enti pubblici, e che sono ammessi alla contrattazione collettiva, sono tenuti alla redazione del bilancio di esercizio ed alla sua pubblicazione entro il 30 giugno di ogni anno su almeno tre quotidiani, di cui uno a diffusione nazionale, il bilancio di esercizio corredato di una sintesi della relazione sulla gestione e della nota integrativa. Il bilancio di esercizio, corredato di una sintesi della relazione sulla gestione e della nota integrativa, sottoscritti dal rappresentante legale o dal tesoriere del sindacato o dell’associazione, della relazione e dei revisori dei conti, da essi sottoscritta, nonché delle copie dei quotidiani ove è avvenuta la pubblicazione, è trasmesso dal rappresentante legale o dal tesoriere entro il mese di giugno di ogni anno al Ministero del lavoro e della previdenza sociale.
    5. 3. Fedriga, Matteo Bragantini, Invernizzi.

    ART. 6.
    (Disposizioni in materia di controllo aeroportuale e sulle concessionarie autostradali).

    Dopo il comma 3, aggiungere i seguenti:
    3.1 Le funzioni relative alla cura e alla gestione degli Albi provinciali degli autotrasportatori di cose per conto di terzi, già trasferite alle province ai sensi dell’articolo 105, comma 3, lettera h), del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112, sono svolte dagli Uffici periferici del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti.
    3.2 Con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, da emanarsi, previa intesa con la Conferenza Unificata, entro sessanta giorni dalla data di pubblicazione della presente legge, sono disciplinate le modalità operative di trasferimento delle funzioni di cui al comma 3.1, comprese le relative risorse finanziarie ed umane.
    3.3 Fino all’entrata in vigore del decreto di cui al comma 3.2, le funzioni di cura e di gestione degli Albi provinciali degli autotrasportatori di cose per conto di terzi, sono esercitate, in via transitoria, dalle province.
    6. 2. Catalano, Nicola Bianchi, Paolo Nicolò Romano, Cozzolino, Dadone, Liuzzi, Cristian Iannuzzi, Dell’Orco, De Lorenzis.

    Sopprimere i commi 3-bis, 4 e 4-bis.
    6. 201. Fedriga.

    Sopprimere il comma 3-bis.
    6. 204. Fedriga.

    Sopprimere il comma 4.
    *6. 200. Laffranco.

    Sopprimere il comma 4.
    *6. 202. Fedriga.

    Sopprimere il comma 4-bis.
    6. 203. Fedriga.

    Dopo il comma 4-bis, aggiungere il seguente:
    4-ter. L’articolo 24 del decreto legislativo 21 giugno 2013, n. 69 è soppresso.
    6. 3. Catalano, Nicola Bianchi, Paolo Nicolò Romano, Cozzolino, Dadone, Liuzzi, Cristian Iannuzzi, Dell’Orco, De Lorenzis.

    Dopo il comma 4-bis, aggiungere il seguente:
    4-ter. All’articolo 12, terzo periodo, del decreto legislativo n. 38 del 23 febbraio 2000, dopo le parole: «L’assicurazione opera anche nel caso di utilizzo del mezzo di trasporto privato, purché necessitato» sono aggiunte le seguenti: L’uso della bicicletta è comunque coperto da assicurazione, anche nel caso di percorsi brevi o di possibile utilizzo del mezzo pubblico.
    6. 4. De Lorenzis, Catalano, Liuzzi, Nicola Bianchi, Paolo Nicolò Romano, Cristian Iannuzzi, Cozzolino, Dadone.

    ART. 7.
    (Disposizioni in materia di collocamento obbligatorio, di commissioni mediche dell’amministrazione della pubblica sicurezza, di lavoro carcerario, nonché di interpretazione autentica).

    Al comma 1, sopprimere la lettera b).
    7. 200. Fedriga.

    Al comma 6, secondo periodo, dopo le parole: è obbligata ad assumere, aggiungere le seguenti: a tempo indeterminato previo concorso pubblico e comunque in base all’esperienza acquisita.

    Conseguentemente, al medesimo comma, aggiungere, in fine, il seguente periodo: La stabilizzazione diretta da parte della pubblica amministrazione, relativa ai soggetti di cui alla legge 12 marzo 1999, n. 68, con una percentuale di invalidità superiore ai due terzi, che sono stati assunti a tempo determinato secondo le normative vigenti e che hanno svolto almeno tre anni di lavoro negli ultimi cinque anni solari, avviene per concorso pubblico e in base all’esperienza acquisita.
    7. 201. Rizzetto, Spessotto, Cominardi, Tripiedi, Ciprini, Baldassarre, Bechis, Rostellato.

    Al comma 8, sostituire la parola: trenta con la seguente: centottanta.
    7. 205. Turco, Agostinelli, Businarolo, Colletti, Ferraresi, Micillo, Sarti.

    Dopo il comma 8, aggiungere il seguente:
    8-bis. All’articolo 2, comma 34, della legge 28 giugno 2012, n. 92, dopo la lettera b), sono aggiunte le seguenti:
    «c) interruzione di rapporto di lavoro a tempo indeterminato nel settore della pesca;
    d) interruzione di rapporto di lavoro instaurato dalle cooperative sociali con persone detenute o internate negli istituti penitenziari, i condannati e gli internati ammessi alle misure alternative alla detenzione e al lavoro all’esterno ai sensi dell’articolo 21 della legge 26 luglio 1975, n. 354, e successive modificazioni, derivanti da provvedimenti dell’autorità giudiziaria. Alle minori entrate derivanti dall’applicazione delle lettere c) e d) del presente comma, valutate in 0,2 milioni di euro per l’anno 2013 e in 0,5 milioni di euro per ciascuno degli anni 2014 e 2015 si provvede mediante corrispondente riduzione delle risorse di cui all’articolo 19 della legge 8 luglio 1998, n. 230».
    7. 4. Pilozzi, Kronbichler, Migliore, Airaudo, Di Salvo, Placido.

    Dopo il comma 8, aggiungere il seguente:
    8-bis. Al comma 34 dell’articolo 2 della legge 28 giugno 2012, n. 92, dopo la lettera b) è aggiunta la seguente: b-bis) interruzione di rapporto di lavoro con detenuti ed internati dovuto alla fine della detenzione, nel caso di instaurazione del rapporto in virtù della loro condizione detentiva all’interno di un istituto penitenziario.
    7. 202. Sarti, Colletti, Bonafede, Turco, Businarolo, Micillo, Ferraresi, Agostinelli.

    Al comma 9, sopprimere le parole: anche in deroga al limite di accantonamento e conferimento fissati dall’articolo 5, primo comma, della legge 3 aprile 1979, n. 103.
    7. 3. Dieni, Dadone, Cozzolino, D’Ambrosio, Fraccaro, Lombardi, Nuti, Toninelli.

    Sopprimere il comma 9-ter.
    7. 203. Laffranco.

    Al comma 9-ter, primo periodo, dopo le parole: politiche sociali aggiungere le seguenti: anche in accordo con la Corte dei conti.
    7. 207. Turco, Agostinelli, Businarolo, Colletti, Ferraresi, Micillo, Sarti.

    Al comma 9-ter, aggiungere, in fine, il seguente periodo: Per le attività degli enti e associazioni di promozione sociale che comportino oneri economico-finanziari di durata superiore ad un esercizio biennale deve essere ottenuta la previa autorizzazione da parte della Corte dei conti.
    7. 206. Turco, Agostinelli, Businarolo, Colletti, Ferraresi, Micillo, Sarti.

    Dopo il comma 9-sexies, aggiungere il seguente:
    9-septies. L’articolo 14, comma 1, della legge 21 marzo 1990, n.53, si interpreta nel senso che i soggetti ivi elencati, competenti ad eseguire le autenticazioni delle sottoscrizioni degli elettori, possono esercitare la funzione autenticante senza alcuna limitazione territoriale, anche al di fuori del territorio di competenza dell’ufficio di cui sono titolari e per consultazioni che non si svolgono nel suddetto territorio.
    7. 204. Sani.

    ART. 8.
    (Incremento delle dotazioni organiche del Corpo nazionale dei vigili del fuoco).

    Al comma 1, aggiungere, in fine, il seguente periodo: Un’adeguata quota di nuovo personale è destinata ai comandi che lavorano in tutti i contesti di particolare difficoltà operativa e di pericolo per l’incolumità delle persone e ai comandi provinciali che lavorano alla ricostruzione a seguito degli eventi sismici del maggio 2012 in Emilia.
    8. 3. Dell’Orco, Catalano, Nicola Bianchi, Liuzzi, Cozzolino, Dadone, Cristian Iannuzzi, Ferraresi, De Lorenzis.

    Al comma 2, sostituire le parole da: è autorizzata fino alla fine del comma con le seguenti:, nel rispetto dei principi costituzionali di parità tra cittadini, di eguaglianza nell’accesso agli uffici pubblici, nonché di quello del pubblico concorso quale modalità prescritta per accedere agli impieghi nelle pubbliche amministrazioni, è autorizzata l’assunzione mediante concorso pubblico.
    8. 200. Bechis.

    Al comma 2, sostituire le parole da: in parti uguali fino alla fine del comma con le seguenti: alla graduatoria relativa al concorso pubblico a 814 posti di vigile del fuoco indetto con decreto ministeriale n. 5140 del 6 novembre 2008, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale, 4a serie speciale, n. 90 del 18 novembre 2008.

    Conseguentemente, al comma 4, sostituire le parole da: non oltre il 31 dicembre fino alla fine del comma con le seguenti: al 31 dicembre 2015 l’efficacia della graduatoria di cui al comma 1.
    8. 2. Nuti, Dieni.

    Al comma 2, sostituire le parole da: in parti uguali fino alla fine del comma con le seguenti: dei soli visitati delle graduatorie di cui all’articolo 4-ter del decreto-legge 20 giugno 2012, n. 79, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 131, approvate a partire dal 1o gennaio 2008, al fine di non aggravare sul bilancio del dipartimento.
    8. 13. Pilozzi, Kronbichler, Migliore, Airaudo, Di Salvo, Placido.

    Dopo il comma 4, aggiungere il seguenti:
    4-bis. Al personale appartenente al ruolo dei direttivi del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, che abbia prestato servizio senza demerito in tale ruolo per tredici anni, è attribuito il trattamento economico spettante al personale appartenente al ruolo dei dirigenti del Corpo nazionale dei vigili del fuoco con qualifica di primo dirigente.
    4-ter. Al personale appartenente al ruolo di primo dirigente e a quello appartenente al ruolo dei direttivi del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, che abbia prestato servizio senza demerito nei rispettivi ruoli per ventitré anni, è attribuito il trattamento economico spettante al ruolo dei dirigenti del Corpo nazionale dei vigili del fuoco con qualifica di dirigente superiore.
    4-quater. All’onere derivante dall’attuazione del presente articolo valutato in euro 7 milioni a decorrere dall’anno 2014, si provvede mediante corrispondente riduzione dello stanziamento del fondo speciale di parte corrente inscritto, ai fini del bilancio triennale 2013-2015, nell’ambito del programma «Fondi da ripartire» dello stato di previsione del Ministero dell’economia e delle finanze per l’anno 2014, allo scopo utilizzando l’accantonamento relativo al medesimo Ministero.
    8. 17. Labriola, Lo Monte, Capelli, Di Gioia, Locatelli, Pastorelli, Zaccagnini.

    Dopo il comma 4, aggiungere il seguente:
    4-bis. All’articolo 66, comma 9-bis, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, così come modificato dall’articolo 14 comma 2 del decreto-legge 6 luglio 2012, n. 95 convertito con la legge di conversione 7 agosto 2012, n. 135, l’ultimo periodo è soppresso.
    8. 16. Labriola, Lo Monte, Capelli, Di Gioia, Locatelli, Pastorelli, Zaccagnini.

    Dopo il comma 5, aggiungere il seguente:
    5.1. La lettera c-bis) del comma 1 dell’articolo 10 del decreto legislativo 6 settembre 2001, n. 368, introdotta dal comma 12 dell’articolo 4 della legge 12 novembre 2011, n. 183, è soppressa. Agli eventuali oneri derivanti dall’attuazione del presente comma si provvede mediante la corrispondente riduzione degli stanziamenti di spesa per la retribuzione del personale volontario del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, iscritti nello stato di previsione del Ministero dell’interno, nell’ambito della missione «Soccorso civile».
    8. 4. Rosato, Fiano.

    Dopo il comma 5-bis, aggiungere il seguente:
    5-ter. Il Corpo nazionale dei vigili del fuoco è autorizzato ad avviare una procedura di stabilizzazione del personale volontario di cui agli articoli 6, 8 e 9 del decreto legislativo 8 marzo 2006, n. 139 che, alla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto legge, risulti iscritto da almeno due anni negli appositi elenchi di cui al predetto articolo 6 e abbia effettuato non meno di 120 giorni di servizio nel quadriennio 2008-2011. Con decreto del Ministro dell’interno, fermo restando il possesso dei requisiti ordinari per l’accesso alla qualifica i vigile del fuoco previsti dalle vigenti disposizioni, sono stabiliti i criteri, il sistema di selezione, nonché modalità semplificate per lo svolgimento del corso di formazione. Alla procedura di stabilizzazione di cui al periodo precedente si provvede nel limite di 100 milioni di euro annui a decorrere dall’anno 2014, derivanti dalla corrispondente riduzione dei regimi di esenzione, esclusione e favore fiscale, di cui all’allegato c-bis annesso al decreto-legge 6 luglio 2011, n. 98, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 luglio 2011, n. 111, sono ridotti, con l’esclusione delle disposizioni a tutela dei redditi di lavoro dipendente e autonomo, dei redditi da pensione, della famiglia, della salute, delle persone economicamente o socialmente svantaggiate, del patrimonio artistico e culturale, della ricerca e dell’ambiente. Con uno o più decreti del Ministro dell’economia e delle finanze, da emanare ai sensi dell’articolo 17 della legge 23 agosto 1988, n. 400, e successive modificazioni, sono stabilite le disposizioni di attuazione del predetta riduzione con riferimento ai singoli regimi interessati.
    8. 8. Di Salvo, Airaudo, Migliore, Placido, Kronbichler, Pilozzi.

    Dopo l’articolo 8, aggiungere il seguente;
    Art. 8.1. — (Interventi in favore delle attività di sicurezza in montagna). — 1. È autorizzato un ulteriore contributo di 400.000 euro per l’anno 2013 in favore del Corpo nazionale del soccorso alpino e speleologico del Club alpino italiano, quale integrazione del contributo a carico dello Stato per il pagamento dei premi per l’assicurazione dei volontari che siano impegnati nelle operazioni di soccorso o nelle esercitazioni, ai sensi dell’articolo 3 della legge 18 febbraio 1992, n. 163.
    2. È autorizzato un ulteriore contributo di 400000 euro per l’anno 2013 in favore del Corpo nazionale del soccorso alpino e speleologico del Club alpino italiano, per le finalità istituzionali del Corpo medesimo.
    3. È autorizzato un contributo straordinario di 100.000 euro per l’anno 2013 in favore del Club alpino italiano per le attività di manutenzione di sentieri, opere alpine e attrezzature alpinistiche, di cui all’articolo 2, comma 1, lettera b), della legge 26 gennaio 1963, n. 91.
    4. All’onere di cui ai commi precedenti, per un ammontare complessivo pari a euro 900.000, si provvede a valere per l’anno 2013 sulle disponibilità del Fondo nazionale integrativo per la sicurezza del turismo in montagna, di cui all’articolo 66-bis del decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134.
    5. I Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato ad apportare, con propri decreti, le occorrenti variazioni di bilancio.
    8. 07. De Menech, Borghi, Sbrollini, Dellai, Zardini, Bruno Bossio, Pastorelli, Marguerettaz, Taricco, Puppato, Realacci, Martella.

    Dopo l’articolo 8 aggiungere il seguente:
    Art. 8.1. – (Ruoli direttivi del Corpo di polizia penitenziaria). – 1. A decorrere dal 1o gennaio 2014, i ruoli direttivi del Corpo di polizia penitenziaria sono equiparati, nella articolazione delle qualifiche, nella progressione di carriera e nel trattamento giuridico ed economico, ai corrispondenti ruoli direttivi della Polizia di Stato di cui al decreto legislativo 5 ottobre 2000, n. 334, e successive modificazioni ed integrazioni.
    2. Il Governo è delegato ad adottare, entro dodici mesi dall’entrata in vigore della presente legge, uno o più decreti legislativi per l’adeguamento normativo dell’assetto ordinamentale nonché organizzativo, in conformità della previsione di cui al comma 1. È abrogato l’articolo 6, comma 5, del decreto legislativo 21 maggio 2000, n. 146.
    3. All’onere derivante dall’attuazione del presente articolo, valutato in 1,6 milioni di euro complessivi, si provvede mediante la corrispondente utilizzazione dei fondi autorizzati per gli anni 2014-2019 ai sensi dell’articolo 66, comma 9-bis, del d.l. n. 112 del 2008, convertito con legge n. 133 del 2008 e successive modificazioni e integrazioni.
    8. 02. Ciprini, Rostellato, Baldassarre, Bechis, Cominardi, Tripiedi, Rizzetto.

    Dopo l’articolo 8 aggiungere il seguente:
    Art. 8.1. – (Norme in materia di riordinamento della Croce Rossa italiana) – 1. Gli articoli 1 e da 3 a 9 del decreto legislativo 28 settembre 2012, n. 178, sono sostituiti dai seguenti:

    Articolo 1.
    (Natura e compiti).

    1. L’Associazione italiana della Croce rossa, di seguito denominata CRI, è un ente pubblico non economico su base associativa, con sede a Roma, che opera sotto l’alto Patronato del Presidente della Repubblica e sotto la vigilanza, dei Ministeri della salute e della difesa, ciascuno per le materie di competenza.
    2. La CRI si articola in un Comitato centrale e in Comitati regionali, Comitati provinciali e Comitati locali. Il Comitato centrale, i Comitati regionali e i Comitati delle province autonome di Trento e di Bolzano hanno un’unica personalità giuridica di diritto pubblico. I restanti. Comitati provinciali e i Comitati locali sono organismi associativi autonomi dotati di propria personalità giuridica di diritto privato, attraverso i quali la CRI persegue i propri fini statutari.
    3. La CRI è un’organizzazione di soccorso volontario, ausiliaria dei pubblici poteri nel settore umanitario, riconosciuta dalla Repubblica Italiana ed autorizzata in virtù delle Convenzioni di Ginevra del 1949 e dei relativi Protocolli Aggiuntivi a prestare il proprio concorso ai servizi sanitari delle Forze armate. La CRI in ogni tempo agisce in conformità alle Convenzioni di Ginevra del 1949 e ai relativi Protocolli Addizionali, all’ordinamento italiano e ai Principi Fondamentali del Movimento internazionale della Croce rossa e della Mezzaluna rossa adottati dalla Conferenza internazionale della Croce rossa e della Mezzaluna rossa. I pubblici poteri rispettano in ogni tempo l’osservanza da parte dell’Associazione italiana della Croce rossa dei Principi fondamentali del Movimento internazionale della Croce rossa e Mezzaluna rossa, così come prescritto dalla risoluzione 55 (I) dell’ Assemblea generale delle Nazioni Unite del 1946.
    4. La CRI esercita i seguenti compiti istituzionali e d’interesse pubblico:
    a) organizzare e svolgere, in tempo di pace e in conformità a quanto previsto dalle vigenti convenzioni e risoluzioni internazionali, servizi di assistenza sociale e di soccorso sanitario in favore di popolazioni, anche straniere, in occasione di calamità e di situazioni di emergenza, sia interne che internazionali e gestire centri per l’identificazione e l’espulsione di immigrati stranieri e centri per l’accoglienza dei richiedenti asilo;
    b) svolgere in tempo di conflitto armato il servizio di ricerca e di assistenza dei prigionieri di guerra, degli internati, dei dispersi, dei profughi, dei deportati e rifugiati e, in tempo di pace, il servizio di ricerca delle persone scomparse in ausilio alle forze dell’ordine;
    c) operare quale struttura operativa del servizio nazionale di protezione civile ai sensi della legge 24 febbraio 1992, n. 225;
    d) promuovere e diffondere, nel rispetto della normativa vigente l’educazione sanitaria, la cultura della protezione civile e dell’assistenza alla persona;
    e) realizzare interventi di cooperazione allo sviluppo in Paesi esteri, d’intesa ed in raccordo con il Ministero degli affari esteri;
    f) collaborare con i componenti del movimento internazionale della Croce rossa e Mezzaluna rossa in attività di sostegno alle popolazioni estere oggetto di rilevante vulnerabilità;
    g) svolgere attività di advocacy e diplomazia umanitaria;
    h) svolgere attività con i più giovani ed in favore dei più giovani, anche attraverso attività formative presso le scuole di ogni ordine e grado;
    i) svolgere attività ausiliaria delle Forze Armate in Italia ed all’estero ove mobilitata attraverso il Corpo militare e il Corpo delle infermiere volontarie;
    l) diffondere e promuovere i principi e gli istituti del diritto internazionale umanitario nonché i principi umanitari ai quali si ispira il Movimento internazionale della Croce rossa e della Mezzaluna rossa;
    m) collaborare con le società di Croce rossa degli altri paesi, aderendo al Movimento internazionale della Croce rossa e della Mezzaluna rossa;
    n) adempiere a quanto demandato dalle convenzioni, risoluzioni e raccomandazioni degli organi della Croce rossa internazionale alle società della Croce rossa, nel rispetto dell’ ordinamento vigente;
    o) promuovere la diffusione della coscienza trasfusionale tra la popolazione e organizzare i donatori volontari, nel rispetto della normativa vigente e delle norme statutarie;
    p) svolgere i compiti ad essa attribuiti dal codice militare di cui al decreto legislativo 15 marzo 2010, n. 66, e successive modificazioni;
    q) svolgere ai sensi dell’articolo 2-bis della legge 3 aprile 2001, n.120, e successive modificazioni, attività di formazione per il personale non sanitario e per il personale civile all’uso di defibrillatori semiautomatici in sede extra ospedaliera.
    5. La CRI svolge ogni altro compito previsto dal proprio statuto.
    6. La CRI può sottoscrivere convenzioni con altre pubbliche amministrazioni e
    partecipare a gare indette da pubbliche amministrazioni e sottoscrivere i relativi contratti.

    Articolo 3.
    (Personale civile della Croce rossa italiana).

    1. Al personale della CRI con rapporto di lavoro a tempo indeterminato in servizio alla data di entrata in vigore della presente legge presso i Comitati centrale, regionali e delle province autonome di Trento e di Bolzano della medesima Associazione, continua ad applicarsi la normativa di cui al decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni, nonché le disposizioni del contratto collettivo nazionale di lavoro del comparto di riferimento.
    2. Entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri adottato di concerto con i Ministri della salute, dell’economia e delle finanze e per la pubblica amministrazione e l’innovazione, sentita la CRI, sono stabiliti, senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica i criteri e le modalità i equiparazione fra i livelli di inquadramento previsti dai contratti collettivi relativi ai diversi comparti di contrattazione delle altre pubbliche amministrazioni e quelli previsti dal contratto collettivo applicabile al personale della CRI in servizio a tempo indeterminato presso i Comitati provinciali e locali della medesima Associazione per il transito presso altre pubbliche amministrazioni, ai sensi degli articoli 30, 33 e 34 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni, previa informativa alle Organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative, fermo restando l’inquadramento previdenziale di provenienza. Entro centottanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge il personale di cui al primo periodo opta se permanere in servizio presso la CRI fino alla copertura dell’effettivo fabbisogno e nei limiti della dotazione organica di cui al comma 4, o essere assunto presso i predetti Comitati provinciali e locali con un contratto di diritto privato o transitare presso altre pubbliche amministrazioni. Alle amministrazioni destinatarie del personale in mobilità sono trasferite le risorse finanziarie occorrenti per la corresponsione del trattamento economico al personale medesimo, nei cui confronti trova applicazione. in particolare, l’articolo 30, comma 2-quinquies del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni.
    3. Al personale che non esercita il diritto di opzione entro il termine di cui al secondo periodo, del comma 2 del presente articolo, si applicano le procedure di cui all’articolo 33 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n.165, come da ultimo sostituito dal comma I, dell’articolo 16, della legge 12 novembre 2011, n.183.
    4. I contratti di lavoro a tempo determinato relativi al personale della CRI vigenti alla data di entrata in vigore della presente legge, prorogati ai sensi dell’articolo 28 della legge 18 giugno 2009, n.69, anche per esigenze convenzionali relative alla fornitura di servizi sociali e socio-sanitari, permangono in vigore fino alla loro scadenza e, comunque, non oltre il 31 dicembre 2012.
    5. Entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, il Commissario straordinario della CRI procede, con apposita deliberazione, approvata dal Ministero della salute, previo parere favorevole del Dipartimento della funzione pubblica della Presidenza del Consiglio dei ministri e del Ministero dell’ economia e delle finanze, sentite le organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative, a rideterminare la dotazione organica di personale verificando gli effettivi fabbisogni, ai sensi dell’articolo 6 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni. La spesa relativa alla dotazione organica dell’ente pubblico CRI non può eccedere in ogni caso quella concernente il personale con rapporto di lavoro a tempo indeterminato, ivi incluso quello con qualifica dirigenziale di livello generale e non generale, in servizio alla data del 31 dicembre 2010, ridotta nella misura non inferiore al 40 per cento della spesa complessiva, comprensiva della riduzione di cui all’articolo 1, comma 3, lettera b), del decreto-legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 settembre 2011, n. 148. Il Commissario straordinario della CRI delibera, sentite le Organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative, un piano di riallocazione del personale in servizio a tempo indeterminato, sulla base degli effettivi fabbisogni presenti presso le diverse strutture centrale, regionali e delle province autonome di Trento e di Bolzano. Fino alli approvazione della nuova dotazione organica, la dotazione vigente è provvisoriamente rideterminata in misura pari al personale in servizio alla data del 31 dicembre 2011 presso i Comitati centrale, regionali e delle province autonome di Trento e di Bolzano; sono fatti salvi i posti relativi alle procedure selettive e di reclutamento autorizzate alla predetta data.
    6. Fino alla rideterminazione della dotazione organica di cui al comma 5, e comunque fino al momento dell’estinzione dell’eventuale debito con le risorse provenienti dalle attività di cui all’articolo 5, è fatto divieto alla CRI di procedere a nuove assunzioni di personale a tempo indeterminato.
    7. La CRI può stipulare contratti di lavoro a tempo determinato a condizione che il relativo costo sia garantito da specifiche convenzioni, ovvero dagli introiti a seguito di aggiudicazione di gare o dalle risorse finanziarie derivanti da progetti o attività finanziati con contributi privati.

    Articolo 4.
    (Personale dei Corpi ausiliari delle Forze armate).

    1. All’organizzazione interna della CRI continuano ad applicarsi le disposizioni vigenti che disciplinano gli appartenenti ai Corpi ausiliari delle Forze Armate, costituiti dal Corpo militare e dal Corpo delle infermiere volontarie, il cui personale può essere utilizzato dai Comitati locali e provinciali con le modalità di cui all’articolo 2, comma 8.
    2. È istituito un contingente ad esaurimento del personale appartenente al Corpo militare, nel quale sono inquadrate tutte le unità già in servizio continuativo per effetto di provvedimenti di assunzione a tempo indeterminato. Conseguentemente, il ruolo speciale a esaurimento istituito ai sensi dell’articolo 12 della legge 28 ottobre 1986, n. 730, è soppresso.
    3. Ai fini della costituzione del contingente di cui al comma 2, con unico atto ricognitorio adottato, entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge. il Commissario straordinario della CRI, d’intesa con il Ministero della difesa, individua, per ciascuna unità del personale di cui al comma 2, la categoria e specialità di appartenenza nonché il grado e la relativa anzianità risultanti alla data del 30 settembre 2011.
    4. Gli avanzamenti al grado superiore, con anzianità successiva alla data di entrata in vigore della presente legge, del personale appartenente al contingente di cui al comma 2 sono effettuati, per il personale direttivo ai sensi degli articoli da 1684 a 1692 e, per il personale di assistenza ai sensi degli articoli da 1699 a 1709 del codice dell’ordinamento militare, di cui al decreto legislativo n. 66 del 2010, nei limiti delle vacanze che si verificano nei gradi dello stesso contingente, con valutazione a scelta in un’unica aliquota di tutti i pari grado che, alla data di creazione di dette vacanze, abbiano maturato le anzianità minime e siano in possesso dei titoli o requisiti necessari per essere valutati per l’avanzamento al grado superiore.
    5. Al personale appartenente al contingente di cui al comma 2 è corrisposto il trattamento economico di cui all’articolo 1757 del codice dell’ordinamento militare, di cui al decreto legislativo n. 66 del 2010.
    6. Il presidente, ovvero il commissario straordinario della Croce Rossa Italiana, in deroga a quanto previsto dall’articolo 1668, comma 4-bis, del codice dell’ordinamento militare introdotto dal comma 7 e, nei limiti delle risorse finanziarie a tal fine destinate, può continuare a richiamare annualmente in servizio, il personale appartenente al Corpo militare che, per effetto di richiami annuali ai sensi dell’articolo 1668 del codice dell’ordinamento militare, è in servizio alla data del 30 settembre 2011 ed è continuativamente e senza soluzione di continuità in servizio almeno a far data dal 1o gennaio 2007.
    7. All’articolo 1668 del codice dell’ordinamento militare, di cui al decreto legislativo n.66 del 2010, e successive modificazioni, dopo il comma 4, è aggiunto infine, il seguente: «4-bis. Ciascun appartenente al Corpo militare può essere richiamato in servizio per il tempo strettamente necessario all’esigenza per la quale la chiamata è effettuata e comunque per un periodo anche non continuativo non superiore a tre mesi, nell’anno solare.».

    Articolo 5.
    (Patrimonio).

    1. Il patrimonio immobiliare e mobiliare della CRI è destinato al perseguimento dei fini statutari di cui all’articolo 1 anche mediante l’utilizzo in comodato d’uso gratuito da parte dei Comitati locali e provinciali. Gli oneri indiretti ed i costi di manutenzione sono a carico degli stessi comitati locali e provinciali usuari.
    2. Entro centottanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge il Commissario straordinario della CRI redige lo stato di consistenza patrimoniale e l’inventario dei beni immobili di proprietà o comunque in uso ed elabora un piano di valorizzazione degli immobili per recuperare le risorse economiche e finanziarie per il ripiano degli eventuali debiti accumulati, secondo i seguenti criteri:
    a) dismettere, nei limiti dell’eventuale debito esistente, anche a carico dei bilanci di singoli comitati e con riferimento al rendiconto generale 2011, gli immobili pervenuti alla CRI non attraverso negozi giuridici modali e che non siano necessari al perseguimento dei fini statutari e allo svolgimento dei compiti istituzionali e di interesse pubblico;
    b) ricavare reddito, tramite negozi giuridici di godimento, dagli immobili non necessari allo svolgimento dei compiti istituzionali e di interesse pubblico;
    c) verificare la convenienza alla rinuncia a donazioni modali di immobili non più proficuamente utilizzabili per il perseguimento dei fini statutari;
    d) restituire, sentite le amministrazioni pubbliche titolari dei beni demaniali o patrimoniali indisponibili in godimento i beni stessi ove non necessari allo svolgimento dei compiti istituzionali e di interesse pubblico.

    3. In deroga a quanto previsto dall’articolo 15, comma I del decreto-legge 6 luglio 2011, n. 98, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 luglio 2011, n. 111, le risorse finanziarie rinvenienti dalle attività di cui al comma 2, sono riservate prioritariamente al ripiano della eventuale situazione debitoria e, sino a tale momento, non possono essere diversamente utilizzate dalla CRI.

    Articolo 6.
    (Modalità di vigilanza).

    1. Al fine di verificare il perseguimento dei fini statutari e dei compiti istituzionali e d’interesse pubblico ed il raggiungimento degli obiettivi previsti dalle disposizioni normative vigenti e fatte salve le specifiche disposizioni relative alla CRI, la funzione di vigilanza attribuita al Ministro della salute e al Ministro della difesa per quanto attiene ai Corpi ausiliari si esercita nel potere di emanare atti di indirizzo, per il Ministro della salute relativamente ai compiti di cui all’ articolo 1, comma 4, lettere d), o) e q), e per il Ministro della difesa relativamente ai compiti di cui all’articolo 1, comma 4, lettere i) e p), e di impartire direttive, nelle materie di rispettiva competenza, afferenti ai compiti istituzionali della CRI, nonché nel potere di controllo sulla gestione e sull’attività svolta.
    2. I compiti di vigilanza di cui al comma 1 possono essere esercitati anche attraverso ispezioni e verifiche disposte dal Ministro della salute nonché mediante richiesta di atti, documenti e ulteriori informazioni su specifiche questioni di particolare rilevanza.
    3. Le deliberazioni di adozione dei regolamenti di amministrazione e contabilità, di organizzazione e funzionamento, gli atti di programmazione, le variazioni del ruolo organico, il bilancio di previsione con le relative variazioni e il rendiconto sono trasmessi, entro dieci giorni dalla data di adozione, al Ministero della salute, che li approva nei sessanta giorni successivi alla ricezione, ridotti a trenta per le delibere di variazione al bilancio di previsione, o ne chiede il riesame con provvedimento motivato. In tal caso, la CRI nei successivi dieci giorni dalla ricezione può recepire le osservazioni trasmettendo il nuovo testo per il controllo, ovvero motivare in merito alle ragioni per le quali ritiene di confermare la delibera e gli atti adottati. Decorsi dieci giorni dalla ricezione dei nuovi atti o dalla conferma della delibera e degli atti adottati, il Ministero della salute procede all’approvazione o all’annullamento degli atti.
    4. Le deliberazioni di adozione dei regolamenti di amministrazione e contabilità, il bilancio di previsione con le relative variazioni e il rendiconto di cui al comma 3 sono approvati di concerto con il Ministero dell’economia e delle finanze. Le variazioni del ruolo organico ed i regolamenti di organizzazione sono approvati di concerto con il Dipartimento della funzione pubblica della Presidenza del Consiglio dei ministri e con il Ministero dell’economia e delle finanze.
    5. Le deliberazioni e gli atti di cui al comma 3, sono approvati, per la parte di competenza, anche dal Ministero della difesa.

    Articolo 7.
    (Norme transitorie e finali).

    1. Il Commissario straordinario della CRI è prorogato sino al 31 dicembre 2012. Entro tale termine procede alla approvazione dei bilanci relativi agli esercizi finanziari degli anni 2010 e 2011. Entro sei mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge il Commissario straordinario provvede alla riduzione del numero delle attuali componenti volontaristiche civili della CRI, ispirandosi a criteri di efficacia, efficienza ed economicità.
    2. Entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, il Commissario straordinario, con proprio atto, approva lo Statuto provvisorio della CRI, previa intesa con la Presidenza del Consiglio dei ministri ed i Ministeri vigilanti, sentito il Ministro dell’economia e delle finanze. In tale sede si potrà procedere alla soppressione ovvero alla fusione di Comitati locali e provinciali. Lo Statuto definitivo è deliberato dall’Assemblea dei soci entro dodici mesi dalla ricostituzione degli organi elettivi ed approvato con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri su proposta del Ministro della salute, di concerto con il Ministro della difesa, sentito il Ministro dell’economia e delle finanze.
    3. Nelle more della approvazione dello Statuto provvisorio della CRI si applicano, in quanto compatibili, le disposizioni dello statuto approvato con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 6 maggio 2005, n. 97, e successive modificazioni.
    4. L’uso del logo, degli stemmi, degli emblemi, delle denominazioni e di ogni altro segno distintivo dell’immagine, riferiti alla CRI è esclusivamente riservato agli operatori ad esso appartenenti. La CRI tutela l’uso dell’emblema in tutte le sedi civili e penali.

    Articolo 8.
    (Invarianza di oneri).

    1. Dalla attuazione della presente legge non devono derivare nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica.
    8. 0200. Taglialatela.

    Dopo l’articolo 8 aggiungere il seguente:
    Art. 8.1. – (Disposizioni inerenti la Croce Rossa italiana) – 1. È istituito il ruolo militare speciale unico ad esaurimento del personale del Corpo Militare della Croce Rossa Italiana di cui al Decreto Legislativo 15 marzo 2010, n. 66, ed al Decreto del Presidente della Repubblica 15 marzo 2010, n. 90.
    3. In deroga a quanto previsto dall’articolo 5 del Decreto Legislativo 28 settembre 2012, n. 178, transita a domanda nel ruolo militare speciale unico ad esaurimento di cui al precedente comma 2, con vincolo di rapporto di pubblico impiego permanente e stabilizzazione delle situazioni di fatto acquisite:
    a) il personale militare della Croce Rossa Italiana già in servizio continuativo per effetto di provvedimenti di assunzione a tempo indeterminato ivi compreso il personale militare, in servizio attivo, immesso nel ruolo speciale militare ad esaurimento della C.R.I. costituito ai sensi dell’articolo 12 della legge 28 ottobre 1986, n. 730;
    b) il personale militare C.R.I. già in servizio alla data del 1o settembre 2013, richiamato continuativamente e senza soluzione di continuità almeno a far data dal 1o settembre 2008.

    4. I militari della Croce Rossa Italiana transitati nel ruolo di cui al precedente comma 2 del presente articolo, fino al raggiungimento dell’età pensionabile, ricevono il trattamento economico stabilito per i pari grado delle Forze Armate secondo la corrispondenza dei gradi gerarchici di cui all’articolo 986 del decreto del Presidente della Repubblica 15 marzo 2010, n. 90 e, ai fini della maturazione dei requisiti minimi per l’accesso al sistema pensionistico, rientrano nel personale del comparto sicurezza, difesa, vigili del fuoco e soccorso pubblico.
    5. Con successivo Decreto del Ministro della Difesa, di concerto con il Ministro dell’Economia e delle Finanze, entro dodici mesi dall’entrata in vigore della presente legge, sarà determinato l’organico del personale del Corpo Militare ausiliario delle Forze Armate, occorrente per il funzionamento dei servizi di interesse Difesa, al quale potrà accedere a domanda e mediante concorso pubblico il personale iscritto nei ruoli in congedo del Corpo Militare C.R.I. o richiamato in servizio temporaneo ai sensi dell’articolo 1668 del «Codice dell’ordinamento militare» allorquando il contingente numerico del personale del ruolo militare speciale unico ad esaurimento di cui al presente articolo diventa inferiore a quello previsto dal suddetto Decreto Interministeriale.
    6. A decorrere dalla data di soppressione dell’Ente C.R.I. di cui al comma 2 dell’articolo 8 del Decreto Legislativo 28 settembre 2012, n. 178, come modificato dal presente articolo, è istituito un organismo denominato «Ispettorato Superiore del Corpo Militare», avente personalità giuridica di diritto pubblico, al quale è preposto l’Ispettore Nazionale del Corpo Militare di cui all’articolo 1683 del Decreto Legislativo 15 marzo 2010, n. 66, che assume la denominazione di «ispettore Superiore del Corpo Militare della Croce Rossa Italiana».
    7. L’Ispettorato Superiore del Corpo Militare della Croce Rossa Italiana cura lo stato giuridico, il reclutamento, l’avanzamento ed il trattamento economico e previdenziale del personale militare della Croce Rossa Italiana ed è sottoposto agli atti di indirizzo e alla vigilanza del Ministero della Difesa e del Ministero dell’Economia e delle Finanze.
    8. Il Ministero dell’Economia e delle Finanze corrisponde all’Ispettorato Superiore del Corpo Militare della C.R.I. le somme occorrenti per il trattamento economico stipendiale del personale militare facente parte del ruolo militare speciale unico ad esaurimento di cui ai commi 2 e 3 del presente articolo, nonché il contributo ordinario Difesa corrisposto per la preparazione del personale e dei materiali necessari per assicurare l’organizzazione ed il funzionamento del Corpo Militare della C.R.I. ausiliario delle Forze Armate.
    9. Con Decreto del Ministro della Difesa di concerto con il Ministro dell’Economia e delle Finanze sarà disciplinato l’ordinamento ed il funzionamento dell’Ispettorato Superiore del Corpo Militare della Rossa Italiana.
    10. Dall’attuazione del presente articolo non devono derivare nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica.
    8. 0201. Taglialatela.

    ART. 9.
    (Misure urgenti per le istituzioni scolastiche e culturali italiane all’estero).

    Sopprimerlo.
    9. 200. Gianluca Pini.

    Sopprimere il comma 1.
    9. 201. Gianluca Pini.

    Al comma 2, sopprimere le lettere a), c) e d).
    9. 202. Chimienti, Rostellato, Tripiedi, Bechis, Cominardi.

    Al comma 2, lettera c), capoverso, primo periodo, dopo le parole: scolastico italiano aggiungere le seguenti:, a eccezione dell’insegnamento della lingua e letteratura italiana corrispondenti ai codici funzione 002, 003, 020, 021, 022 e 034.
    9. 203. Chimienti, Rostellato, Tripiedi, Bechis, Cominardi.

    Al comma 2, lettera c), capoverso, primo periodo, dopo le parole: dell’università e della ricerca aggiungere le seguenti: per l’anno scolastico 2013-2014
    9. 204. Chimienti, Rostellato, Tripiedi, Bechis, Cominardi.

    Al comma 2, lettera c), capoverso, primo periodo, dopo le parole: dell’università e della ricerca aggiungere le seguenti:, previo parere delle Commissioni parlamentari competenti,
    9. 205. Chimienti, Rostellato, Tripiedi, Bechis, Cominardi.

    Al comma 2, lettera c), capoverso, primo periodo, sostituire le parole: adeguata ai compiti lavorativi e residente nel paese ospitante da almeno un anno, in possesso dei requisiti previsti dalla normativa italiana con le seguenti: di livello C1 certificata secondo il Quadro comune europeo di riferimento (QCER) da enti certificatori riconosciuti e in possesso delle abilitazioni previste dalla normativa italiana o equipollenti
    9. 206. Chimienti, Rostellato, Tripiedi, Bechis, Cominardi.

    Al comma 2, lettera c), capoverso, secondo periodo, aggiungere, in fine, le seguenti parole:, garantendo la pubblicità della selezione e la valutazione pubblica dei requisiti in possesso dei candidati, nonché la previsione di un periodo congruo per consentire la selezione delle manifestazioni d’interesse e la presentazione dei curricula.
    9. 207. Chimienti, Rostellato, Tripiedi, Bechis, Cominardi.

    ART. 9-bis.
    (Potenziamento della revisione della spesa di personale del Ministero degli affari esteri).

    Sopprimerlo.
    9-bis. 200. Gianluca Pini, Matteo Bragantini, Invernizzi, Fedriga.

    Al comma 1, sopprimere la lettera a).
    9-bis. 201. Gianluca Pini.

    Al comma 1, lettera b), capoverso Art. 199, comma 1, sostituire le parole da: compresa fra il 30 fino alla fine del comma con le seguenti: del 20 per cento di dette indennità.
    9-bis. 206. Gianluca Pini.

    Al comma 1, lettera b), capoverso Art. 199, comma 1, lettera a), sostituire le parole: non maggiori di 500 chilometri con le seguenti: non maggiori di 1.500 chilometri.

    Conseguentemente, al medesimo comma 1, sopprimere la lettera b).
    9-bis. 202. Gianluca Pini.

    Al comma 1, lettera b), capoverso Art. 199, comma 1, lettera c), sopprimere le parole: e non maggiori di 1.500 chilometri.

    Conseguentemente, al medesimo comma 1, sopprimere la lettera d).
    9-bis. 203. Gianluca Pini.

    Al comma 1, lettera b), capoverso Art. 199, comma 1, ultimo periodo, sostituire le parole: fra il 30 con le seguenti: fra il 20.

    Conseguentemente, al medesimo comma 1, lettera a), sostituire le parole: 30 per cento con le seguenti: 20 per cento.
    9-bis. 205. Gianluca Pini.

    Al comma 1, lettera b), capoverso Art. 199, comma 1, ultimo periodo, sostituire le parole: e il 100 per cento con le seguenti: e l’80 per cento.

    Conseguentemente, al medesimo comma 1, lettera d), sostituire le parole: 100 per cento con le seguenti: 80 per cento.
    9-bis. 204. Gianluca Pini.

    Al comma 1, lettera b), capoverso Art. 199, sopprimere il comma 2.
    9-bis. 207. Gianluca Pini.

    Al comma 1, lettera b), capoverso Art. 199, comma 4, primo periodo, sostituire le parole: centottanta giorni con le seguenti: centonovanta giorni.
    9-bis. 208. Gianluca Pini.

    Dopo l’articolo 9-bis, aggiungere il seguente:

    Art. 9-ter.
    (Misure urgenti per la tutela del made in Italy agroalimentare).

    1. Per garantire la tutela e il consolidamento del posizionamento mondiale del made in Italy agroalimentare, fino al 31 dicembre 2014 è autorizzato il passaggio diretto, a domanda, di personale delle pubbliche amministrazioni all’ispettorato centrale della tutela della qualità e repressione frodi dei prodotti agroalimentari – ICQRF del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali.
    2. Il passaggio di cui al comma 1 è autorizzato nella misura massima di 100 unità ed anche in soprannumero delle dotazioni organiche previste per il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali ai sensi del decreto-legge 6 luglio 2012, n. 95, convertito con modificazioni dalla legge 7 agosto 2012, n. 135. Il predetto passaggio avviene mediante cessione del contratto di lavoro e previa selezione delle professionalità e individuazione delle sedi secondo criteri prefissati dallo stesso Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali con apposito bando. Al personale trasferito si applica l’articolo 2, comma 11, lettera d) terzo e quarto periodo del decreto-legge 6 luglio 2012, n. 95, convertito con modificazioni dalla legge 7 agosto 2012, n. 135.
    3. Al personale transitato in mobilità volontaria all’ICQRF si applica il trattamento contrattuale del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, senza riconoscimento di integrazioni derivanti da più favorevoli trattamenti stipendiali derivanti dai contratti delle amministrazioni di provenienza. Le amministrazioni di provenienza del personale selezionato provvedono a trasferire al Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali le corrispondenti partite stipendiali entro 30 giorni dal decreto di inquadramento del personale stesso.

    4. Dal presente articolo non devono derivare nuovi o maggiori oneri per il bilancio dello Stato.
    9-bis. 01. Pilozzi, Kronbichler, Migliore, Airaudo, Di Salvo, Placido.

    ART. 10.
    (Misure urgenti per il potenziamento delle politiche di coesione).

    Sopprimerlo.
    *10. 15. Pilozzi, Kronbichler, Migliore, Airaudo, Di Salvo, Placido.

    Sopprimerlo.
    *10. 13. Dieni, Dadone, D’Ambrosio, Fraccaro, Lombardi, Nuti, Toninelli.

    Sopprimerlo.
    *10. 200. Laffranco.

    Sopprimerlo.
    *10. 201. Fedriga.

    Al comma 2, dopo la lettera b), aggiungere la seguente:
    b-bis) assicura che i programmi finanziati dai fondi del quadro strategico comune siano coerenti con gli obiettivi e le azioni stabiliti nell’Accordo di Partenariato.
    10. 7. Cozzolino, Dadone, Gallinella, L’Abbate, Benedetti, Massimiliano Bernini, Gagnarli, Lupo, Parentela.

    Al comma 2, sopprimere la lettera f-bis).

    Conseguentemente, sopprimere i commi 14-bis e 14-ter.
    10. 5. Cozzolino, Dadone, Gallinella, L’Abbate, Benedetti, Massimiliano Bernini, Gagnarli, Lupo, Parentela.

    Al comma 3, dopo la lettera a), aggiungere le seguenti:
    a-bis) monitora la predisposizione da parte delle amministrazioni competenti dei programmi finanziati dai fondi del quadro strategico comune affinché sia assicurata la coerenza tra obiettivi dei programmi e azioni stabilite nell’Accordo di Partenariato;
    a-ter) assicura che i programmi finanziati dai fondi del quadro strategico comune siano predisposti dalle amministrazioni competenti nel rispetto del principio di partenariato come stabilito dal codice di condotta europeo sul partenariato, al fine di assicurare la fattibilità e la prevedibilità dei procedimenti competitivi da parte dei potenziali beneficiari.
    10. 8. Cozzolino, Dadone, Gallinella, L’Abbate, Benedetti, Massimiliano Bernini, Gagnarli, Lupo, Parentela.

    Al comma 3, sopprimere la lettera c).
    10. 14. Pilozzi, Kronbichler, Migliore, Airaudo, Di Salvo, Placido.

    Al comma 4, primo periodo, sostituire le parole: 1o marzo 2014 con le seguenti: 30 dicembre 2013.
    10. 202. Cecconi, Baroni, Dall’Osso, Di Vita, Silvia Giordano, Grillo, Lorefice, Mantero, Dadone, Dieni, Rostellato.

    Al comma 4, primo periodo, dopo le parole: 2014 inserire le seguenti: sentite le competenti Commissioni parlamentari.
    10. 10. Cozzolino, Dieni, D’Ambrosio, Fraccaro, Lombardi, Nuti, Toninelli.

    Al comma 4, primo periodo, dopo le parole: lo statuto dell’Agenzia aggiungere le seguenti:, da inviare alle Commissioni parlamentari competenti per l’espressione del parere entro il 30 gennaio 2014.
    10. 203. Cecconi, Baroni, Dall’Osso, Di Vita, Silvia Giordano, Grillo, Lorefice, Mantero, Dadone, Dieni, Rostellato.

    Al comma 4, terzo periodo, dopo le parole: 200 unità di personale aggiungere le seguenti:, provenienti da personale a tempo indeterminato delle pubbliche amministrazioni con le funzioni attribuite e le qualifiche idonee al nuovo incarico,
    10. 204. Cecconi, Baroni, Dall’Osso, Di Vita, Silvia Giordano, Grillo, Lorefice, Mantero, Dadone, Dieni, Rostellato.

    Al comma 4, dopo il terzo periodo, inserire il seguente: L’Agenzia si avvale esclusivamente di personale dipendente della pubblica amministrazione e non può procedere all’assunzione di personale esterno né tramite contratti di lavoro a tempo indeterminato, né tramite contratti di lavoro a tempo determinato ovvero tramite rapporti di collaborazione.
    10. 11. Cozzolino, Dieni, D’Ambrosio, Fraccaro, Lombardi, Nuti, Toninelli.

    Al comma 4, nono periodo, dopo le parole: Ministro delegato aggiungere le seguenti:, sentite le competenti Commissioni parlamentari,
    10. 12. Cozzolino, Dieni, D’Ambrosio, Fraccaro, Lombardi, Nuti, Toninelli.

    Al comma 4, nono periodo, dopo la parola: coesione aggiungere le seguenti: e nella gestione tecnica di programmi e progetti finanziati a valere sui fondi strutturali.
    10. 6. Cozzolino, Dadone, Gallinella, L’Abbate, Benedetti, Massimiliano Bernini, Gagnarli, Lupo, Parentela.

    Sopprimere il comma 5.
    10. 205. Fedriga.

    Al comma 5, primo periodo, sostituire le parole: di personale di ruolo e i rapporti di lavoro a tempo determinato per la loro residua durata con le seguenti: di personale di ruolo a tempo indeterminato
    10. 207. Cecconi, Baroni, Dall’Osso, Di Vita, Silvia Giordano, Grillo, Lorefice, Mantero, Dadone, Dieni, Rostellato.

    Al comma 5, primo periodo, sopprimere le parole: e i rapporti di lavoro a tempo determinato per la loro residua durata
    10. 206. Laffranco.

    Al comma 5, ottavo periodo, sostituire le parole: 50 unità con le seguenti: 10 unità
    10. 208. Cecconi, Baroni, Dall’Osso, Di Vita, Silvia Giordano, Grillo, Lorefice, Mantero, Dadone, Dieni, Rostellato.

    Sopprimere il comma 14-bis.
    10. 209. Matteo Bragantini, Invernizzi, Fedriga.

    Sopprimere il comma 14-ter.
    10. 210. Matteo Bragantini, Invernizzi, Fedriga.

    ART. 11.
    (Semplificazione e razionalizzazione del sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti e in materia di energia).

    Sostituirlo con il seguente:
    1. Entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, il Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, di concerto con il Ministro dello sviluppo economico e il Ministro per la pubblica amministrazione e semplificazione, sentite le associazioni imprenditoriali presenti nel Consiglio Economico e Sociale per le Politiche Ambientali (CESPA) e la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province Autonome di Trento e Bolzano, con decreto adottato ai sensi dell’articolo 17, comma 2 della legge 23 agosto 1988, n. 400, nomina apposita Commissione per verificare la conformità del SISTRI alle norme e finalità vigenti. La verifica avviene tramite operazioni di collaudo che devono concludersi entro novanta giorni lavorativi dalla data di costituzione della Commissione. La Commissione di collaudo si compone di tre membri, di cui uno scelto tra i dipendenti dell’Agenzia per l’Italia Digitale o della Consip s.p.a e uno tra professori universitari di comprovata competenza ed esperienza sulle prestazioni oggetto del collaudo ed uno designato dal CESPA. Ai relativi oneri si provvede nell’ambito delle risorse di cui all’articolo 14-bis del decreto-legge 1o luglio 2009, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2009, n. 102. Il collaudo è effettuato attivando una fase di prova sperimentale su un limitato numero di soggetti individuati di concerto con le Associazioni imprenditoriali presenti nel Consiglio Economico e Sociale per le Politiche Ambientali (CESPA) che comprenda l’intera filiera dei rifiuti speciali pericolosi.
    2. Sulla base delle risultanze della sperimentazione e dell’esito del collaudo, sentite le Associazioni imprenditoriali presenti nel Consiglio Economico e Sociale per le Politiche Ambientali (CESPA) e la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province Autonome di Trento e Bolzano, il Governo provvede alla attivazione o meno del Sistri o ad avviare soluzioni alternative della tracciabilità dei rifiuti speciali pericolosi.
    3. Fino all’attivazione del SISTRI o delle eventuali soluzioni alternative di cui al comma 2, l’operatività del SISTRI è sospesa unitamente ai versamenti previsti per la sua adesione da parte dei soggetti obbligati.
    11. 56. Carrescia, Donati, Cominelli.

    Sostituirlo con il seguente:
    Art. 11. – (Sistema integrato per il controllo e la tracciabilità dei rifiuti pericolosi (STRIP). 1. In attuazione dell’articolo 17 della direttiva 2008/98/Ce e dell’articolo 1, comma 1116, della legge 27 dicembre 2006, n. 29, entro centottanta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, il Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, di concerto con il Ministro dello sviluppo economico e il Ministro per la pubblica amministrazione e semplificazione, sentite le Associazioni imprenditoriali presenti nel Consiglio Economico e Sociale per le Politiche Ambientali (CESPA), con decreto adottato ai sensi dell’articolo 17, comma 2 della legge 23 agosto 1988, n. 400, disciplina le modalità di costituzione e di funzionamento di un sistema integrato di tracciabilità dei rifiuti pericolosi (STRIP), che: non deve comportare oneri a carico delle imprese per la costituzione ed il funzionamento dello stesso, con particolare riferimento ai costi relativi ad operazioni e ad attività funzionali al controllo e al monitoraggio dei dati e delle informazioni di competenza o di interesse della Pubblica Amministrazione; può prevedere, in considerazione della tipologia delle attività svolte e dei rifiuti prodotti o gestiti, in alternativa al sistema cartaceo vigente, la trasposizione in formato digitale dei relativi dati e la trasmissione degli stessi, con le medesime tempistiche, ad un sistema centrale gestito dal Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare. In tal caso, deve essere assicurata l’interoperabilità con i software gestionali aziendali e non deve essere richiesto l’obbligatorio utilizzo di particolari tecnologie o di specifici dispositivi informatici. Deve, altresì, essere assicurato il coordinamento con le altre banche dati della Pubblica Amministrazione, in modo da garantire l’efficiente e tempestivo scambio delle informazioni detenute anche al fine di semplificare e ridurre gli adempimenti a carico delle imprese.
    2. Il provvedimento di cui al comma 1 definisce:
    a) le informazioni necessarie ai fini della tracciabilità e le modalità di annotazione, di trasmissione e messa a disposizione dei dati all’autorità competente, con forme e tempistiche compatibili con le esigenze operative delle attività di impresa;
    b) le categorie di imprese, incluse quelle agricole ed artigiane, alle quali, in considerazione delle caratteristiche dimensionali, della tipologia delle attività svolte, dell’organizzazione di circuiti di raccolta dedicati o della stipula di accordi di programma ai sensi dell’articolo 206 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, si applicano modalità di gestione degli adempimenti semplificate;
    c) la data di avvio del periodo transitorio ai fini di una sperimentazione obbligatoria della durata di almeno 90 giorni, la data della successiva verifica di funzionalità che deve essere effettuata dalle imprese ed organizzata dal Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, in accordo con le organizzazioni di cui al comma 1, nonché le modalità per l’effettuazione del monitoraggio dei risultati della verifica e la conseguente procedura di adeguamento del sistema, in caso di esito negativo della stessa;
    d) la data di avvio dell’operatività del sistema, che risulta subordinata all’esito positivo della verifica di cui alla lettera c) ed all’adozione del decreto di cui al comma 3;
    e) le misure idonee per il monitoraggio del sistema e per la partecipazione dei rappresentanti delle categorie interessate allo stesso, anche attraverso un apposito comitato, dal cui funzionamento non devono derivare oneri per il bilancio dello Stato;
    f) il coordinamento con gli adempimenti previsti dagli articoli 189, 190 e 193, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, nella versione previgente alle modifiche introdotte dall’articolo 16 del decreto legislativo 3 dicembre 2010, n. 205, provvedendo, se necessario, alla modifica o integrazione delle disposizioni citate;
    g) il coordinamento con gli adempimenti previsti dall’articolo 212 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, provvedendo, se necessario, alla modifica o integrazione della disposizione citata, anche al fine di garantire l’automatica trasposizione, nel sistema, delle informazioni detenute dall’Albo Nazionale Gestori Ambientali e di semplificare e di ridurre gli adempimenti a carico delle imprese;
    h) le semplificazioni nel sistema dei controlli riconosciute alle imprese che adempiono agli obblighi di tracciabilità con modalità informatiche.

    3. Entro 60 giorni dall’adozione del provvedimento di cui al comma 1, il Governo è delegato ad emanare un decreto che definisca le sanzioni amministrative per la violazione degli obblighi previsti dal sistema di cui al presente articolo e provveda alla modifica o al coordinamento di quelle previste per la violazione degli obblighi di cui alla lettera f). Le sanzioni devono essere commisurate e proporzionate alla tipologia e quantità dei rifiuti ed alla natura dell’illecito. Il decreto deve graduare la responsabilità nel primo periodo di applicazione e prevedere forme di ravvedimento operoso per gli errori burocratici e di minore entità.
    4. A decorrere dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto:
    a) le parole «il sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti (SISTRI)», ovunque ricorrano, sono sostituite dalle seguenti: «Sistema integrato per il controllo e la tracciabilità dei rifiuti pericolosi (STRIP)»;

    b) sono abrogate le seguenti disposizioni:
    1) il decreto ministeriale 17 dicembre 2009, il decreto 18 febbraio 2011, n. 52 ed il decreto 20 marzo 2013;
    2) l’articolo 6 del decreto-legge 13 agosto 2011;
    3) gli articoli 16, 35, 37, 38 e 39, commi 1, 2, 2-bis, 2-ter, 2-quater, 9, 10 e 15 del decreto legislativo 3 dicembre 2010, n. 205;
    4) l’articolo 260-bis del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152.

    5. Nelle more dell’avvio dell’operatività del sistema di cui al comma 1, le imprese sono tenute al rispetto degli adempimenti di cui agli articoli 189, 190 e 193 con l’applicazione del relativo regime sanzionatorio nella versione previgente alle modifiche introdotte dal decreto legislativo 3 dicembre 2010, n. 205, fatto salvo quanto disposto dall’articolo 28, comma 1 del decreto-legge 9 febbraio 2012, n. 5, convertito con legge 4 aprile 2012, n. 35, e dall’articolo 52, comma 2-ter del decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito con legge 7 agosto 2012, n. 134.
    6. Si intendono cessati gli impegni contrattuali assunti dal Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare nei confronti di Selex-SEMA per lo svolgimento delle attività funzionali alla realizzazione del sistema SISTRI, pendenti alla data di entrata in vigore della presente norma. Il Ministro dell’economia e delle finanze, di concerto con il Ministro dello sviluppo economico, sentite le parti contrattuali e l’Autorità per la vigilanza dei contratti pubblici definisce con decreto, entro 90 giorni dalla data di entrata in vigore della presente disposizione, le modalità per l’estinzione dei rapporti economici derivanti dal contratto indicato, anche tenuto conto delle risultanze del procedimento penale avviato presso la Procura di Napoli e senza la previsione di alcun costo aggiuntivo o obbligazione a carico delle imprese iscritte a SISTRI. Con il medesimo decreto, sono definite le modalità per il progressivo recupero, nell’arco di cinque anni, dei contributi versati dalle imprese in adempimento alle previsioni in materia di SISTRI citate.
    *11. 33. Oliaro, Matarrese.

    Sostituirlo con il seguente:
    Art. 11. – (Sistema integrato per il controllo e la tracciabilità dei rifiuti pericolosi (STRIP). 1. In attuazione dell’articolo 17 della direttiva 2008/98/Ce e dell’articolo 1, comma 1116, della legge 27 dicembre 2006, n. 29, entro centottanta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, il Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, di concerto con il Ministro dello sviluppo economico e il Ministro per la pubblica amministrazione e semplificazione, sentite le Associazioni imprenditopubblica amministrazione e semplificazione, sentite le Associazioni imprenditoriali presenti nel Consiglio Economico e Sociale per le Politiche Ambientali (CESPA), con decreto adottato ai sensi dell’articolo 17, comma 2 della legge 23 agosto 1988, n. 400, disciplina le modalità di costituzione e di funzionamento di un sistema integrato di tracciabilità dei rifiuti pericolosi (STRIP), che: non deve comportare oneri a carico delle imprese per la costituzione ed il funzionamento dello stesso, con particolare riferimento ai costi relativi ad operazioni e ad attività funzionali al controllo e al monitoraggio dei dati e delle informazioni di competenza o di interesse della Pubblica Amministrazione; può prevedere, in considerazione della tipologia delle attività svolte e dei rifiuti prodotti o gestiti, in alternativa al sistema cartaceo vigente, la trasposizione in formato digitale dei relativi dati e la trasmissione degli stessi, con le medesime tempistiche, ad un sistema centrale gestito dal Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare. In tal caso, deve essere assicurata l’interoperabilità con i software gestionali aziendali e non deve essere richiesto l’obbligatorio utilizzo di particolari tecnologie o di specifici dispositivi informatici. Deve, altresì, essere assicurato il coordinamento con le altre banche dati della Pubblica Amministrazione, in modo da garantire l’efficiente e tempestivo scambio delle informazioni detenute anche al fine di semplificare e ridurre gli adempimenti a carico delle imprese.
    2. Il provvedimento di cui al comma 1 definisce:

    a) le informazioni necessarie ai fini della tracciabilità e le modalità di annotazione, di trasmissione e messa a disposizione dei dati all’autorità competente, con forme e tempistiche compatibili con le esigenze operative delle attività di impresa;
    b) le categorie di imprese, incluse quelle agricole ed artigiane, alle quali, in considerazione delle caratteristiche dimensionali, della tipologia delle attività svolte, dell’organizzazione di circuiti di raccolta dedicati o della stipula di accordi di programma ai sensi dell’articolo 206 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, si applicano modalità di gestione degli adempimenti semplificate;
    c) la data di avvio del periodo transitorio ai fini di una sperimentazione obbligatoria della durata di almeno 90 giorni, la data della successiva verifica di funzionalità che deve essere effettuata dalle imprese ed organizzata dal Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, in accordo con le organizzazioni di cui al comma 1, nonché le modalità per l’effettuazione del monitoraggio dei risultati della verifica e la conseguente procedura di adeguamento del sistema, in caso di esito negativo della stessa;
    d) la data di avvio dell’operatività del sistema, che risulta subordinata all’esito positivo della verifica di cui alla lettera c) ed all’adozione del decreto di cui al comma 3;
    e) le misure idonee per il monitoraggio del sistema e per la partecipazione dei rappresentanti delle categorie interessate allo stesso, anche attraverso un apposito comitato, dal cui funzionamento non devono derivare oneri per il bilancio dello Stato;
    f) il coordinamento con gli adempimenti previsti dagli articoli 189, 190 e 193, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, nella versione previgente alle modifiche introdotte dall’articolo 16 del decreto legislativo 3 dicembre 2010, n. 205, provvedendo, se necessario, alla modifica o integrazione delle disposizioni citate;
    g) il coordinamento con gli adempimenti previsti dall’articolo 212 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, provvedendo, se necessario, alla modifica o integrazione della disposizione citata, anche al fine di garantire l’automatica trasposizione, nel sistema, delle informazioni detenute dall’Albo Nazionale Gestori Ambientali e di semplificare e di ridurre gli adempimenti a carico delle imprese;
    h) le semplificazioni nel sistema dei controlli riconosciute alle imprese che adempiono agli obblighi di tracciabilità con modalità informatiche.

    3. Entro 60 giorni dall’adozione del provvedimento di cui al comma 1, il Governo è delegato ad emanare un decreto che definisca le sanzioni amministrative per la violazione degli obblighi previsti dal sistema di cui al presente articolo e provveda alla modifica o al coordinamento di quelle previste per la violazione degli obblighi di cui alla lettera f). Le sanzioni devono essere commisurate e proporzionate alla tipologia e quantità dei rifiuti ed alla natura dell’illecito. Il decreto deve graduare la responsabilità nel primo periodo di applicazione e prevedere forme di ravvedimento operoso per gli errori burocratici e di minore entità.
    4. A decorrere dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto:
    a) le parole «il sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti (SISTRI)», ovunque ricorrano, sono sostituite dalle seguenti: «Sistema integrato per il controllo e la tracciabilità dei rifiuti pericolosi (STRIP)»;
    b) sono abrogate le seguenti disposizioni:
    1) il decreto ministeriale 17 dicembre 2009, il decreto 18 febbraio 2011, n. 52 ed il decreto 20 marzo 2013;
    2) l’articolo 6 del decreto-legge 13 agosto 2011;
    3) gli articoli 16, 35, 37, 38 e 39, commi 1, 2, 2-bis, 2-ter, 2-quater, 9, 10 e 15 del decreto legislativo 3 dicembre 2010, n. 205;

    4) l’articolo 260-bis del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152.

    5. Nelle more dell’avvio dell’operatività del sistema di cui al comma 1, le imprese sono tenute al rispetto degli adempimenti di cui agli articoli 189, 190 e 193 con l’applicazione del relativo regime sanzionatorio nella versione previgente alle modifiche introdotte dal decreto legislativo 3 dicembre 2010, n. 205, fatto salvo quanto disposto dall’articolo 28, comma 1 del decreto-legge 9 febbraio 2012, n. 5, convertito con legge 4 aprile 2012, n. 35, e dall’articolo 52, comma 2-ter del decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito con legge 7 agosto 2012, n. 134.
    6. Si intendono cessati gli impegni contrattuali assunti dal Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare nei confronti di Selex-SEMA per lo svolgimento delle attività funzionali alla realizzazione del sistema SISTRI, pendenti alla data di entrata in vigore della presente norma. Il Ministro dell’economia e delle finanze, di concerto con il Ministro dello sviluppo economico, sentite le parti contrattuali e l’Autorità per la vigilanza dei contratti pubblici definisce con decreto, entro 90 giorni dalla data di entrata in vigore della presente disposizione, le modalità per l’estinzione dei rapporti economici derivanti dal contratto indicato, anche tenuto conto delle risultanze del procedimento penale avviato presso la Procura di Napoli e senza la previsione di alcun costo aggiuntivo o obbligazione a carico delle imprese iscritte a SISTRI. Con il medesimo decreto, sono definite le modalità per il progressivo recupero, nell’arco di cinque anni, dei contributi versati dalle imprese in adempimento alle previsioni in materia di SISTRI citate.

    *11. 17. Invernizzi, Matteo Bragantini, Grimoldi, Fedriga, Prataviera.

    Sostituirlo con il seguente:
    Art. 11. – (Sistema integrato per il controllo e la tracciabilità dei rifiuti pericolosi (STRIP). 1. In attuazione dell’articolo 17 della direttiva 2008/98/Ce e dell’articolo 1, comma 1116, della legge 27 dicembre 2006, n. 29, entro centottanta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, il Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, di concerto con il Ministro dello sviluppo economico e il Ministro per la pubblica amministrazione e semplificazione, sentite le Associazioni imprenditoriali presenti nel Consiglio Economico e Sociale per le Politiche Ambientali (CESPA), con decreto adottato ai sensi dell’articolo 17, comma 2 della legge 23 agosto 1988, n. 400, disciplina le modalità di costituzione e di funzionamento di un sistema integrato di tracciabilità dei rifiuti pericolosi (STRIP), che: non deve comportare oneri a carico delle imprese per la costituzione ed il funzionamento dello stesso, con particolare riferimento ai costi relativi ad operazioni e ad attività funzionali al controllo e al monitoraggio dei dati e delle informazioni di competenza o di interesse della Pubblica Amministrazione; può prevedere, in considerazione della tipologia delle attività svolte e dei rifiuti prodotti o gestiti, in alternativa al sistema cartaceo vigente, la trasposizione in formato digitale dei relativi dati e la trasmissione degli stessi, con le medesime tempistiche, ad un sistema centrale gestito dal Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare. In tal caso, deve essere assicurata l’interoperabilità con i software gestionali aziendali e non deve essere richiesto l’obbligatorio utilizzo di particolari tecnologie o di specifici dispositivi informatici. Deve, altresì, essere assicurato il coordinamento con le altre banche dati della Pubblica Amministrazione, in modo da garantire l’efficiente e tempestivo scambio delle informazioni detenute anche al fine di semplificare e ridurre gli adempimenti a carico delle imprese.
    2. Il provvedimento di cui al comma 1 definisce:

    a) le informazioni necessarie ai fini della tracciabilità e le modalità di annotazione, di trasmissione e messa a disposizione dei dati all’autorità competente, con forme e tempistiche compatibili con le esigenze operative delle attività di impresa;

    b) le categorie di imprese, incluse quelle agricole ed artigiane, alle quali, in considerazione delle caratteristiche dimensionali, della tipologia delle attività svolte, dell’organizzazione di circuiti di raccolta dedicati o della stipula di accordi di programma ai sensi dell’articolo 206 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, si applicano modalità di gestione degli adempimenti semplificate;

    c) la data di avvio del periodo transitorio ai fini di una sperimentazione obbligatoria della durata di almeno 90 giorni, la data della successiva verifica di funzionalità che deve essere effettuata dalle imprese ed organizzata dal Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, in accordo con le organizzazioni di cui al comma 1, nonché le modalità per l’effettuazione del monitoraggio dei risultati della verifica e la conseguente procedura di adeguamento del sistema, in caso di esito negativo della stessa;

    d) la data di avvio dell’operatività del sistema, che risulta subordinata all’esito positivo della verifica di cui alla lettera c) ed all’adozione del decreto di cui al comma 3;

    e) le misure idonee per il monitoraggio del sistema e per la partecipazione dei rappresentanti delle categorie interessate allo stesso, anche attraverso un apposito comitato, dal cui funzionamento non devono derivare oneri per il bilancio dello Stato;

    f) il coordinamento con gli adempimenti previsti dagli articoli 189, 190 e 193, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, nella versione previgente alle modifiche introdotte dall’articolo 16 del decreto legislativo 3 dicembre 2010, n. 205, provvedendo, se necessario, alla modifica o integrazione delle disposizioni citate;
    g) il coordinamento con gli adempimenti previsti dall’articolo 212 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, provvedendo, se necessario, alla modifica o integrazione della disposizione citata, anche al fine di garantire l’automatica trasposizione, nel sistema, delle informazioni detenute dall’Albo Nazionale Gestori Ambientali e di semplificare e di ridurre gli adempimenti a carico delle imprese;
    h) le semplificazioni nel sistema dei controlli riconosciute alle imprese che adempiono agli obblighi di tracciabilità con modalità informatiche.
    3. Entro 60 giorni dall’adozione del provvedimento di cui al comma 1, il Governo è delegato ad emanare un decreto che definisca le sanzioni amministrative per la violazione degli obblighi previsti dal sistema di cui al presente articolo e provveda alla modifica o al coordinamento di quelle previste per la violazione degli obblighi di cui alla lettera f). Le sanzioni devono essere commisurate e proporzionate alla tipologia e quantità dei rifiuti ed alla natura dell’illecito. Il decreto deve graduare la responsabilità nel primo periodo di applicazione e prevedere forme di ravvedimento operoso per gli errori burocratici e di minore entità.
    4. A decorrere dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto:
    a) le parole «il sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti (SISTRI)», ovunque ricorrano, sono sostituite dalle seguenti: «Sistema integrato per il controllo e la tracciabilità dei rifiuti pericolosi (STRIP)»;
    b) sono abrogate le seguenti disposizioni:
    1) il decreto ministeriale 17 dicembre 2009, il decreto 18 febbraio 2011, n. 52 ed il decreto 20 marzo 2013;
    2) l’articolo 6 del decreto-legge 13 agosto 2011;
    3) gli articoli 16, 35, 37, 38 e 39, commi 1, 2, 2-bis, 2-ter, 2-quater, 9, 10 e 15 del decreto legislativo 3 dicembre 2010, n. 205;
    4) l’articolo 260-bis del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152.

    5. Nelle more dell’avvio dell’operatività del sistema di cui al comma 1, le imprese sono tenute al rispetto degli adempimenti di cui agli articoli 189, 190 e 193 con l’applicazione del relativo regime sanzionatorio nella versione previgente alle modifiche introdotte dal decreto legislativo 3 dicembre 2010, n. 205, fatto salvo quanto disposto dall’articolo 28, comma 1 del decreto-legge 9 febbraio 2012, n. 5, convertito con legge 4 aprile 2012, n. 35, e dall’articolo 52, comma 2-ter del decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito con legge 7 agosto 2012, n. 134.
    6. Si intendono cessati gli impegni contrattuali assunti dal Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare nei confronti di Selex-SEMA per lo svolgimento delle attività funzionali alla realizzazione del sistema SISTRI, pendenti alla data di entrata in vigore della presente norma. Il Ministro dell’economia e delle finanze, di concerto con il Ministro dello sviluppo economico, sentite le parti contrattuali e l’Autorità per la vigilanza dei contratti pubblici definisce con decreto, entro 90 giorni dalla data di entrata in vigore della presente disposizione, le modalità per l’estinzione dei rapporti economici derivanti dal contratto indicato, anche tenuto conto delle risultanze del procedimento penale avviato presso la Procura di Napoli e senza la previsione di alcun costo aggiuntivo o obbligazione a carico delle imprese iscritte a SISTRI. Con il medesimo decreto, sono definite le modalità per il progressivo recupero, nell’arco di cinque anni, dei contributi versati dalle imprese in adempimento alle previsioni in materia di SISTRI citate.
    *11. 7. Terzoni, Busto, Daga, De Rosa, Mannino, Segoni, Tofalo, Zolezzi, Dadone.

    Al comma 1, sostituire l’alinea con il seguente: Il comma 1 dell’articolo 188-ter del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, è sostituito dal seguente:

    Conseguentemente:
    al medesimo comma:
    capoverso 1, sostituire le parole
    : intermediazione di rifiuti urbani e speciali pericolosi con le seguenti: intermediazione di rifiuti pericolosi;
    sopprimere i capoversi 2 e 3;
    dopo il comma 1, aggiungere il seguente
    : 1-bis. I commi 2 e 3, dell’articolo 188-ter del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 sono abrogati.
    sostituire il comma 2 con il seguente:
    2. Dal 1o marzo 2014 gli enti o le imprese che raccolgono o trasportano rifiuti pericolosi a titolo professionale compresi i vettori esteri che operano sul territorio nazionale, con esclusione dei soggetti di cui al comma 8 dell’articolo 212 del decreto legislativo 152/2006, o che effettuano operazioni di trattamento, recupero, smaltimento, commercio e intermediazione di rifiuti pericolosi, inclusi i nuovi produttori che trattano o producono rifiuti pericolosi, aderiscono alla fase sperimentale di operatività del sistema le cui modalità e procedure verranno definite con successivo decreto del Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, d’intesa con le categorie interessate, da emanarsi entro il 31 dicembre 2013. Il termine della fase sperimentale è fissato al 31 dicembre 2014, prorogabile per non oltre sei mesi con decreto del Ministro dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare. La sperimentazione è monitorata dal Tavolo tecnico di cui al comma 13, eventualmente integrato da esperti indipendenti nominati dal Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, che dovrà verificare e certificare gli esiti della sperimentazione.
    al comma 3, sostituire le parole: al 3 marzo 2014, fatto salvo quanto disposto al comma 8 con le seguenti: all’esito positivo della fase sperimentale di cui al comma 2;
    al comma 3-bis:
    primo periodo, sostituire le parole:
    dei novanta giorni successivi all’avvio dell’operatività del sistema con le seguenti: della fase sperimentale di cui al comma 2.
    sopprimere il secondo periodo;
    sopprimere i commi 4, 5, 7, 8, 9 e 10;
    sostituire il comma 11 con i seguenti:

    11. Le sanzioni per le violazioni di cui all’articolo 260-bis del decreto legislativo n. 152 del 2006, compiute successivamente alla sospensione di cui al comma 11, sono ridotte ad un ottavo del minimo se il pagamento della sanzione viene eseguito nel termine di trenta giorni dalla data della sua contestazione. Il pagamento della sanzione ridotta deve essere eseguito contestualmente alla eliminazione, da parte del soggetto obbligato, della relativa fattispecie che ha determinato la sanzione.
    11-bis. Le somme di cui all’articolo 4 del decreto ministeriale 17 dicembre 2009, versate dai soggetti di cui all’articolo 3 del decreto ministeriale medesimo a titolo di contributi di iscrizione al SISTRI per le annualità 2010, 2011 e 2012 sono restituite ovvero utilizzabili in compensazione ai sensi dell’articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241.
    11-ter. Le disposizioni di attuazione del comma 11-bis sono adottate con decreto del Ministro dell’ambiente adottato di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze avente natura non regolamentare, da emanare entro 60 giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto.
    **11. 34. Oliaro, Matarrese.

    Al comma 1, sostituire l’alinea con il seguente: Il comma 1 dell’articolo 188-ter del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, è sostituito dal seguente:

    Conseguentemente:
    al medesimo comma:
    capoverso 1, sostituire le parole
    : intermediazione di rifiuti urbani e speciali pericolosi con le seguenti: intermediazione di rifiuti pericolosi;
    sopprimere i capoversi 2 e 3;
    dopo il comma 1, aggiungere il seguente
    : 1-bis. I commi 2 e 3, dell’articolo 188-ter del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 sono abrogati.
    sostituire il comma 2 con il seguente:

    2. Dal 1o marzo 2014 gli enti o le imprese che raccolgono o trasportano rifiuti pericolosi a titolo professionale compresi i vettori esteri che operano sul territorio nazionale, con esclusione dei soggetti di cui al comma 8 dell’articolo 212 del decreto legislativo 152/2006, o che effettuano operazioni di trattamento, recupero, smaltimento, commercio e intermediazione di rifiuti pericolosi, inclusi i nuovi produttori che trattano o producono rifiuti pericolosi, aderiscono alla fase sperimentale di operatività del sistema le cui modalità e procedure verranno definite con successivo decreto del Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, d’intesa con le categorie interessate, da emanarsi entro il 31 dicembre 2013. Il termine della fase sperimentale è fissato al 31 dicembre 2014, prorogabile per non oltre sei mesi con decreto del Ministro dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare. La sperimentazione è monitorata dal Tavolo tecnico di cui al comma 13, eventualmente integrato da esperti indipendenti nominati dal Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, che dovrà verificare e certificare gli esiti della sperimentazione.
    al comma 3, sostituire le parole: al 3 marzo 2014, fatto salvo quanto disposto al comma 8 con le seguenti: all’esito positivo della fase sperimentale di cui al comma 2;
    al comma 3-bis:
    primo periodo, sostituire le parole:
    dei novanta giorni successivi all’avvio dell’operatività del sistema con le seguenti: della fase sperimentale di cui al comma 2.
    sopprimere il secondo periodo;
    sopprimere i commi 4, 5, 7, 8, 9 e 10;
    sostituire il comma 11 con i seguenti:

    11. Le sanzioni per le violazioni di cui all’articolo 260-bis del decreto legislativo n. 152 del 2006, compiute successivamente alla sospensione di cui al comma 11, sono ridotte ad un ottavo del minimo se il pagamento della sanzione viene eseguito nel termine di trenta giorni dalla data della sua contestazione. Il pagamento della sanzione ridotta deve essere eseguito contestualmente alla eliminazione, da parte del soggetto obbligato, della relativa fattispecie che ha determinato la sanzione.
    11-bis. Le somme di cui all’articolo 4 del decreto ministeriale 17 dicembre 2009, versate dai soggetti di cui all’articolo 3 del decreto ministeriale medesimo a titolo di contributi di iscrizione al SISTRI per le annualità 2010, 2011 e 2012 sono restituite ovvero utilizzabili in compensazione ai sensi dell’articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241.
    11-ter. Le disposizioni di attuazione del comma 11-bis sono adottate con decreto del Ministro dell’ambiente adottato di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze avente natura non regolamentare, da emanare entro 60 giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto.
    **11. 16. Matteo Bragantini, Fedriga, Grimoldi, Invernizzi, Prataviera, Allasia.

    Al comma 1, sostituire l’alinea con il seguente: Il comma 1 dell’articolo 188-ter del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, è sostituito dal seguente:

    Conseguentemente, al medesimo comma:
    capoverso 1, sostituire le parole
    : intermediazione di rifiuti urbani e speciali pericolosi con le seguenti: intermediazione di rifiuti pericolosi;
    sopprimere i capoversi 2 e 3.
    11. 4. Terzoni, Busto, Daga, De Rosa, Mannino, Segoni, Tofalo, Zolezzi, Dadone.

    Al comma 1, sostituire l’alinea con il seguente: Il comma 1 dell’articolo 188-ter del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, è sostituito dal seguente:

    Conseguentemente:
    al medesimo comma, sopprimere i capoversi 2 e 3;

    dopo il comma 1, aggiungere il seguente:
    1-bis. I commi 2 e 3 dell’articolo 188-ter del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 sono abrogati.
    11. 3. Terzoni, Busto, Daga, De Rosa, Mannino, Segoni, Tofalo, Zolezzi, Dadone.

    Al comma 1, capoverso 1, dopo le parole: gli enti e le imprese produttori iniziali di rifiuti speciali pericolosi aggiungere le seguenti:, con esclusione dei soggetti di cui al comma 8 dell’articolo 212.

    Conseguentemente, dopo il capoverso 1, aggiungere il seguente: 1-bis. Gli enti e le imprese produttori iniziali di rifiuti speciali pericolosi che hanno meno di dieci dipendenti, fatti salvi gli obblighi relativi alla tenuta dei registri di carico e scarico nonché del formulario di identificazione di cui agli articoli 190 e 193, in alternativa all’adesione al SISTRI, hanno l’obbligo di conferire i rifiuti pericolosi prodotti a uno dei soggetti che raccolgono o trasportano rifiuti pericolosi a titolo professionale, previa comunicazione alla provincia, ovvero al servizio pubblico di raccolta, previa convenzione.
    11. 19. Caparini, Matteo Bragantini, Grimoldi, Fedriga, Invernizzi.

    Al comma 1, capoverso 1, dopo le parole: gli enti e le imprese produttori iniziali di rifiuti speciali pericolosi aggiungere le seguenti: che hanno più di dieci dipendenti, con esclusione dei soggetti di cui al comma 8 dell’articolo 212.
    11. 18. Caparini, Matteo Bragantini, Grimoldi, Fedriga, Invernizzi.

    Al comma 1, capoverso 1, dopo le parole: gli enti e le imprese produttori iniziali di rifiuti speciali pericolosi aggiungere le seguenti:, con esclusione dei soggetti che effettuano operazioni di microraccolta di rifiuti pericolosi.
    11. 20. Grimoldi, Matteo Bragantini, Fedriga, Invernizzi.

    Al comma 1, capoverso 1, dopo la parola: urbani aggiungere la seguente: pericolosi.
    11. 220. Carrescia, Donati, Cominelli.

    Al comma 1, capoverso 1, aggiungere il seguente periodo: Sono altresì tenuti ad aderire al SISTRI, in caso di trasporto intermodale, i soggetti ai quali sono affidati i rifiuti speciali in attesa della presa in carico degli stessi da parte dell’impresa navale o ferroviaria o dell’impresa che effettua il successivo trasporto. Entro sessanta giorni, con uno o più decreti del Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, sentiti il Ministro dello sviluppo economico ed il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, sono definite le modalità di applicazione a regime del SISTRI al trasporto intermodale.

    Conseguentemente:
    sostituire il comma 3-bis con il seguente:

    3-bis. Nei nove mesi successivi alla data del 1o ottobre 2013 continuano ad applicarsi gli adempimenti e gli obblighi di cui agli articoli 188, 188-bis, commi 3 e 4, 189, 190 e 193 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, nel testo previgente alle modifiche apportate dal decreto legislativo 3 dicembre 2010, n. 205, nonché le relative sanzioni. Durante detto periodo, le sanzioni relative al SISTRI di cui agli articoli 260-bis e 260-ter, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, e successive modificazioni, non si applicano. Con il decreto di cui al comma 4, il Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare provvede alla modifica ed integrazione della disciplina degli adempimenti e delle sanzioni relativi al SISTRI, anche al fine di assicurare il coordinamento con l’articolo 188-ter del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, come modificato dal comma 1 del presente articolo.

    dopo il comma 12, aggiungere i seguenti:

    12-bis. All’articolo 190 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, i commi 1 e 1-bis sono sostituiti dai seguenti:

    «1. Sono obbligati alla compilazione e tenuta dei registri di carico e scarico dei rifiuti:
    a) gli enti e le imprese produttori iniziali di rifiuti speciali pericolosi e gli enti e le imprese produttori iniziali di rifiuti speciali non pericolosi di cui alle lettere c) e d), del comma 3, dell’articolo 184, e di rifiuti speciali non pericolosi da potabilizzazione e altri trattamenti delle acque di cui alla lettera g) del comma 3 dell’articolo 184;
    b) gli altri detentori di rifiuti, quali enti e imprese che raccolgono e trasportano rifiuti o che effettuano operazioni di preparazione per il riutilizzo e di trattamento, recupero e smaltimento, compresi i nuovi produttori e, in caso di trasporto intermodale, i soggetti ai quali sono affidati i rifiuti speciali in attesa della presa in carico degli stessi da parte dell’impresa navale o ferroviaria o dell’impresa che effettua il successivo trasporto ai sensi dell’articolo 188-ter, comma 1, ultimo periodo;
    c) gli intermediari e i commercianti di rifiuti.

    1-bis. Sono esclusi dall’obbligo della tenuta dei registri di carico e scarico:
    a) gli enti e le imprese obbligati o che aderiscono volontariamente al sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti (SISTRI) di cui all’articolo 188-bis, comma 2, lettera a), dalla data di effettivo utilizzo operativo di detto sistema;
    b) le attività di raccolta e trasporto di propri rifiuti speciali non pericolosi effettuate dagli enti e imprese produttori iniziali.

    1-ter. Gli imprenditori agricoli di cui all’articolo 2135 del codice civile produttori iniziali di rifiuti pericolosi adempiono all’obbligo della tenuta dei registri di carico e scarico con una delle due seguenti modalità:
    a) con la conservazione progressiva per tre anni del formulario di identificazione di cui all’articolo 193, comma 1, relativo al trasporto dei rifiuti, o della copia della scheda del sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti (SISTRI) di cui all’articolo 188-bis, comma 2, lettera a);
    b) con la conservazione per tre anni del documento di conferimento di rifiuti pericolosi prodotti da attività agricole, rilasciato dal soggetto che provvede alla raccolta di detti rifiuti nell’ambito del «circuito organizzato di raccolta» di cui all’articolo 183, comma 1, lettera pp).
    1-quater. Nel registro di carico e scarico devono essere annotate le informazioni sulle caratteristiche qualitative e quantitative dei rifiuti prodotti o soggetti alle diverse attività di trattamento disciplinate dalla presente Parte IV. Le annotazioni devono essere effettuate:
    a) per gli enti e le imprese produttori iniziali entro dieci giorni lavorativi dalla produzione e dallo scarico;
    b) per gli enti e le imprese che effettuano operazioni di preparazione per il riutilizzo entro dieci giorni lavorativi dalla presa in carico dei rifiuti e dallo scarico dei rifiuti originati da detta attività;
    c) per gli enti e le imprese che effettuano operazioni di trattamento entro due giorni lavorativi dalla presa in carico e dalla conclusione dell’operazione di trattamento;
    d) per gli intermediari e i commercianti almeno due giorni lavorativi prima dell’avvio dell’operazione e entro dieci giorni lavorativi dalla conclusione dell’operazione».

    12-ter. All’articolo 190, comma 3, del decreto legislativo n. 152 del 2006, le parole: «1 soggetti di cui al comma 1» sono sostituite dalle seguenti: «I produttori iniziali di rifiuti speciali non pericolosi di cui al comma 1, lettera a),».
    12-quater. All’articolo 193, comma 1, del decreto legislativo n. 152 del 2006, alinea, le parole da: «i propri rifiuti» fino a: «su base volontaria» sono sostituite dalle seguenti: «rifiuti e non sono obbligati o non aderiscono volontariamente».
    *11. 301. Latronico.

    Al comma 1, capoverso 1, aggiungere il seguente periodo: Sono altresì tenuti ad aderire al SISTRI, in caso di trasporto intermodale, i soggetti ai quali sono affidati i rifiuti speciali in attesa della presa in carico degli stessi da parte dell’impresa navale o ferroviaria o dell’impresa che effettua il successivo trasporto. Entro sessanta giorni, con uno o più decreti del Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, sentiti il Ministro dello sviluppo economico ed il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, sono definite le modalità di applicazione a regime del SISTRI al trasporto intermodale.

    Conseguentemente:
    sostituire il comma 3-bis con il seguente:

    3-bis. Nei nove mesi successivi alla data del 1o ottobre 2013 continuano ad applicarsi gli adempimenti e gli obblighi di cui agli articoli 188, 188-bis, commi 3 e 4, 189, 190 e 193 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, nel testo previgente alle modifiche apportate dal decreto legislativo 3 dicembre 2010, n. 205, nonché le relative sanzioni. Durante detto periodo, le sanzioni relative al SISTRI di cui agli articoli 260-bis e 260-ter, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, e successive modificazioni, non si applicano. Con il decreto di cui al comma 4, il Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare provvede alla modifica ed integrazione della disciplina degli adempimenti e delle sanzioni relativi al SISTRI, anche al fine di assicurare il coordinamento con l’articolo 188-ter del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, come modificato dal comma 1 del presente articolo.
    dopo il comma 12, aggiungere i seguenti:
    12-bis. All’articolo 190 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, i commi 1 e 1-bis sono sostituiti dai seguenti:
    «1. Sono obbligati alla compilazione e tenuta dei registri di carico e scarico dei rifiuti:
    a) gli enti e le imprese produttori iniziali di rifiuti speciali pericolosi e gli enti e le imprese produttori iniziali di rifiuti speciali non pericolosi di cui alle lettere c) e d), del comma 3, dell’articolo 184, e di rifiuti speciali non pericolosi da potabilizzazione e altri trattamenti delle acque di cui alla lettera g) del comma 3 dell’articolo 184;

    b) gli altri detentori di rifiuti, quali enti e imprese che raccolgono e trasportano rifiuti o che effettuano operazioni di preparazione per il riutilizzo e di trattamento, recupero e smaltimento, compresi i nuovi produttori e, in caso di trasporto intermodale, i soggetti ai quali sono affidati i rifiuti speciali in attesa della presa in carico degli stessi da parte dell’impresa navale o ferroviaria o dell’impresa che effettua il successivo trasporto ai sensi dell’articolo 188-ter, comma 1, ultimo periodo;

    c) gli intermediari e i commercianti di rifiuti.

    1-bis. Sono esclusi dall’obbligo della tenuta dei registri di carico e scarico:

    a) gli enti e le imprese obbligati o che aderiscono volontariamente al sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti (SISTRI) di cui all’articolo 188-bis, comma 2, lettera a), dalla data di effettivo utilizzo operativo di detto sistema;

    b) le attività di raccolta e trasporto di propri rifiuti speciali non pericolosi effettuate dagli enti e imprese produttori iniziali.

    1-ter. Gli imprenditori agricoli di cui all’articolo 2135 del codice civile produttori iniziali di rifiuti pericolosi adempiono all’obbligo della tenuta dei registri di carico e scarico con una delle due seguenti modalità:
    a) con la conservazione progressiva per tre anni del formulario di identificazione di cui all’articolo 193, comma 1, relativo al trasporto dei rifiuti, o della copia della scheda del sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti (SISTRI) di cui all’articolo 188-bis, comma 2, lettera a);
    b) con la conservazione per tre anni del documento di conferimento di rifiuti pericolosi prodotti da attività agricole, rilasciato dal soggetto che provvede alla raccolta di detti rifiuti nell’ambito del «circuito organizzato di raccolta» di cui all’articolo 183, comma 1, lettera pp).

    1-quater. Nel registro di carico e scarico devono essere annotate le informazioni sulle caratteristiche qualitative e quantitative dei rifiuti prodotti o soggetti alle diverse attività di trattamento disciplinate dalla presente Parte IV. Le annotazioni devono essere effettuate:
    a) per gli enti e le imprese produttori iniziali entro dieci giorni lavorativi dalla produzione e dallo scarico;
    b) per gli enti e le imprese che effettuano operazioni di preparazione per il riutilizzo entro dieci giorni lavorativi dalla presa in carico dei rifiuti e dallo scarico dei rifiuti originati da detta attività;
    c) per gli enti e le imprese che effettuano operazioni di trattamento entro due giorni lavorativi dalla presa in carico e dalla conclusione dell’operazione di trattamento;
    d) per gli intermediari e i commercianti almeno due giorni lavorativi prima dell’avvio dell’operazione e entro dieci giorni lavorativi dalla conclusione dell’operazione».

    12-ter. All’articolo 190, comma 3, del decreto legislativo n. 152 del 2006, le parole: «1 soggetti di cui al comma 1» sono sostituite dalle seguenti: «I produttori iniziali di rifiuti speciali non pericolosi di cui al comma 1, lettera a),».
    12-quater. All’articolo 193, comma 1, del decreto legislativo n. 152 del 2006, alinea, le parole da: «i propri rifiuti» fino a: «su base volontaria» sono sostituite dalle seguenti: «rifiuti e non sono obbligati o non aderiscono volontariamente».
    *11. 302. Bratti, Borghi, Arlotti, Mariastella Bianchi, Braga, Carrescia, Dallai, Decaro, Gadda, Ginoble, Tino Iannuzzi, Manfredi, Mariani, Marroni, Mazzoli, Morassut, Moretto, Realacci, Sanna, Zardini.

    Al comma 1, capoverso 1, aggiungere il seguente periodo: Sono altresì tenuti ad aderire al SISTRI, in caso di trasporto intermodale, i soggetti ai quali sono affidati i rifiuti speciali in attesa della presa in carico degli stessi da parte dell’impresa navale o ferroviaria o dell’impresa che effettua il successivo trasporto. Entro sessanta giorni, con uno o più decreti del Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, sentiti il Ministro dello sviluppo economico ed il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, sono definite le modalità di applicazione a regime del SISTRI al trasporto intermodale.

    Conseguentemente:
    sostituire il comma 3-bis con il seguente:

    3-bis. Nei dieci mesi successivi alla data del 1o ottobre 2013 continuano ad applicarsi gli adempimenti e gli obblighi di cui agli articoli 188, 188-bis, commi 3 e 4, 189, 190 e 193 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, nel testo previgente alle modifiche apportate dal decreto legislativo 3 dicembre 2010, n. 205, nonché le relative sanzioni. Durante detto periodo, le sanzioni relative al SISTRI di cui agli articoli 260-bis e 260-ter, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, e successive modificazioni, non si applicano. Con il decreto di cui al comma 4, il Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare provvede alla modifica ed integrazione della disciplina degli adempimenti e delle sanzioni relativi al SISTRI, anche al fine di assicurare il coordinamento con l’articolo 188-ter del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, come modificato dal comma 1 del presente articolo.
    dopo il comma 12, aggiungere i seguenti:
    12-bis. All’articolo 190 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, i commi 1 e 1-bis sono sostituiti dai seguenti:
    «1. Sono obbligati alla compilazione e tenuta dei registri di carico e scarico dei rifiuti:
    a) gli enti e le imprese produttori iniziali di rifiuti speciali pericolosi e gli enti e le imprese produttori iniziali di rifiuti speciali non pericolosi di cui alle lettere c) e d), del comma 3, dell’articolo 184, e di rifiuti speciali non pericolosi da potabilizzazione e altri trattamenti delle acque di cui alla lettera g) del comma 3 dell’articolo 184;
    b) gli altri detentori di rifiuti, quali enti e imprese che raccolgono e trasportano rifiuti o che effettuano operazioni di preparazione per il riutilizzo e di trattamento, recupero e smaltimento, compresi i nuovi produttori e, in caso di trasporto intermodale, i soggetti ai quali sono affidati i rifiuti speciali in attesa della presa in carico degli stessi da parte dell’impresa navale o ferroviaria o dell’impresa che effettua il successivo trasporto ai sensi dell’articolo 188-ter, comma 1, ultimo periodo;
    c) gli intermediari e i commercianti di rifiuti.

    1-bis. Sono esclusi dall’obbligo della tenuta dei registri di carico e scarico:
    a) gli enti e le imprese obbligati o che aderiscono volontariamente al sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti (SISTRI) di cui all’articolo 188-bis, comma 2, lettera a), dalla data di effettivo utilizzo operativo di detto sistema;
    b) le attività di raccolta e trasporto di propri rifiuti speciali non pericolosi effettuate dagli enti e imprese produttori iniziali.

    1-ter. Gli imprenditori agricoli di cui all’articolo 2135 del codice civile produttori iniziali di rifiuti pericolosi adempiono all’obbligo della tenuta dei registri di carico e scarico con una delle due seguenti modalità:
    a) con la conservazione progressiva per tre anni del formulario di identificazione di cui all’articolo 193, comma 1, relativo al trasporto dei rifiuti, o della copia della scheda del sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti (SISTRI) di cui all’articolo 188-bis, comma 2, lettera a);
    b) con la conservazione per tre anni del documento di conferimento di rifiuti pericolosi prodotti da attività agricole, rilasciato dal soggetto che provvede alla raccolta di detti rifiuti nell’ambito del »circuito organizzato di raccolta« di cui all’articolo 183, comma 1, lettera pp).

    1-quater. Nel registro di carico e scarico devono essere annotate le informazioni sulle caratteristiche qualitative e quantitative dei rifiuti prodotti o soggetti alle diverse attività di trattamento disciplinate dalla presente Parte IV. Le annotazioni devono essere effettuate:
    a) per gli enti e le imprese produttori iniziali entro dieci giorni lavorativi dalla produzione e dallo scarico;
    b) per gli enti e le imprese che effettuano operazioni di preparazione per il riutilizzo entro dieci giorni lavorativi dalla presa in carico dei rifiuti e dallo scarico dei rifiuti originati da detta attività;
    c) per gli enti e le imprese che effettuano operazioni di trattamento entro due giorni lavorativi dalla presa in carico e dalla conclusione dell’operazione di trattamento;
    d) per gli intermediari e i commercianti almeno due giorni lavorativi prima dell’avvio dell’operazione e entro dieci giorni lavorativi dalla conclusione dell’operazione».

    12-ter. All’articolo 190, comma 3, del decreto legislativo n. 152 del 2006, le parole: «1 soggetti di cui al comma 1» sono sostituite dalle seguenti: «I produttori iniziali di rifiuti speciali non pericolosi di cui al comma 1, lettera a),».
    12-quater. All’articolo 193, comma 1, del decreto legislativo n. 152 del 2006, alinea, le parole da: «i propri rifiuti» fino a: «su base volontaria» sono sostituite dalle seguenti: «rifiuti e non sono obbligati o non aderiscono volontariamente».
    11. 300. Vignali, Pizzolante.

    Al comma 1, capoverso 1, dopo le parole: producono rifiuti aggiungere la seguente: speciali.
    11. 60. Carrescia, Donati, Cominelli.

    Al comma 1, dopo il capoverso 1, aggiungere il seguente:
    1-bis. Gli enti e le imprese produttori iniziali di rifiuti speciali pericolosi, fatti salvi gli obblighi relativi alla tenuta dei registri di carico e scarico nonché del formulario di identificazione di cui agli articoli 190 e 193, in alternativa all’adesione al SISTRI, hanno l’obbligo di conferire i rifiuti pericolosi prodotti a uno dei soggetti che raccolgono o trasportano rifiuti pericolosi a titolo professionale, previa comunicazione alla provincia, ovvero al servizio pubblico di raccolta, previa convenzione.
    11. 21. Grimoldi, Matteo Bragantini, Fedriga, Invernizzi.

    Al comma 1, sopprimere il capoverso 2.
    11. 22. Grimoldi, Matteo Bragantini, Fedriga, Invernizzi.

    Al comma 1, capoverso 2, dopo le parole: commercianti dei rifiuti aggiungere la seguente: speciali.
    11. 59. Carrescia, Donati, Cominelli.

    Al comma 1, sopprimere il capoverso 3.
    11. 23. Grimoldi, Matteo Bragantini, Fedriga, Invernizzi.

    Al comma 1, capoverso 3, sopprimere le parole da: e sono individuate fino alla fine del capoverso.
    11. 257. Grimoldi.

    Al comma 1, capoverso 3, sostituire le parole: trattamento dei rifiuti con le seguenti: produzione, trattamento e trasporto dei rifiuti.

    Conseguentemente, al comma 4, sostituire le parole: trattamento dei rifiuti con le seguenti: produzione, trattamento e trasporto dei rifiuti.
    11. 43. Pilozzi, Kronbichler, Migliore, Airaudo, Di Salvo, Placido.

    Al comma 1, capoverso 3, dopo le parole: trattamento dei rifiuti aggiungere le seguenti: speciali pericolosi.
    11. 215. Carrescia, Donati, Cominelli.

    Dopo il comma 1, aggiungere il seguente:
    1-bis. Dopo il comma 3 dell’articolo 188-ter del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, sono aggiunti i seguenti:
    «3-bis. È istituita presso il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti una banca dati relativa ai soggetti di cui al comma 1 e ai dati correlati al sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti (SISTRI). Con proprio decreto, il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti identifica le modalità di inserimento delle informazioni. La banca dati deve prevedere l’utilizzo di un formato dei dati di tipo aperto, così come definito dall’articolo 68, comma 3, lettera a) del codice dell’amministrazione digitale di cui al decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82.
    3-ter. In linea con la strategia nazionale di open government e open data, i dati di cui sopra potranno essere consultabili tramite una piattaforma open source, gestita dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti.»
    11. 291. Catalano, Liuzzi, De Lorenzis, Dell’Orco, Cristian Iannuzzi, Nicola Bianchi.

    Sostituire il comma 2 con il seguente:
    2. Dal 1o marzo 2014 gli enti o le imprese che raccolgono o trasportano rifiuti pericolosi a titolo professionale compresi i vettori esteri che operano sul territorio nazionale, con esclusione dei soggetti di cui al comma 8 dell’articolo 212 del decreto legislativo n. 152 del 2006, o che effettuano operazioni di trattamento, recupero, smaltimento, commercio e intermediazione di rifiuti pericolosi, inclusi i nuovi produttori che trattano o producono rifiuti pericolosi, aderiscono alla fase sperimentale di operatività del sistema le cui modalità e procedure vengono definite con successivo decreto del Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, d’intesa con le categorie interessate, da emanarsi entro il 31 dicembre 2013. I1 termine della fase sperimentale è fissato al 31 dicembre 2014, prorogabile per non oltre 6 mesi con decreto del Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare. La sperimentazione è monitorata dal Tavolo tecnico di cui al comma 13, eventualmente integrato da esperti indipendenti nominati dal Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, che dovrà verificare e certificare gli esiti della sperimentazione.

    Conseguentemente:
    al comma 3, sostituire le parole:
    al 3 marzo 2014, fatto salvo quanto disposto al comma 8 con le seguenti: all’esito positivo della fase sperimentale di cui al comma 2.
    al comma 3-bis:
    primo periodo, sostituire le parole:
    dei novanta giorni successivi all’avvio dell’operatività del sistema con le seguenti: della fase sperimentale di cui al comma 2.
    sopprimere il secondo periodo.
    11. 2. Terzoni, Busto, Daga, De Rosa, Mannino, Segoni, Tofalo, Zolezzi, Dadone.

    Al comma 2, alla parola: pericolosi, ovunque ricorra, premettere la seguente: speciali.
    *11. 207. Pizzolante, Vignali.

    Al comma 2, alla parola: pericolosi, ovunque ricorra, premettere la seguente: speciali.
    *11. 251. Bratti, Braga, Mariani, Borghi, Realacci, Carrescia, Ferrari.

    Al comma 2, dopo le parole: trasportano rifiuti aggiungere la seguente: speciali.
    11. 259. Grimoldi.

    Al comma 2, sostituire le parole da: compresi i vettori esteri fino alla fine del comma con le seguenti:, con esclusione dei soggetti di cui al comma 8 dell’articolo 212 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, o che effettuano operazioni di trattamento, recupero, smaltimento, commercio e intermediazione di rifiuti pericolosi, inclusi i nuovi produttori, il termine iniziale di operatività del SISTRI, a titolo sperimentale, è rinviato al 1o gennaio 2014, al fine di concordare con le categorie interessate nuove procedure sperimentali per la gestione dei rifiuti e le relative semplificazioni. La sperimentazione si applica anche a vettori di altri paesi comunitari operanti sul territorio nazionale. Il termine della fase sperimentale è fissato al 31 dicembre 2014, prorogabile per un periodo non superiore a sei mesi con decreto del Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare. La sperimentazione è monitorata dal Tavolo tecnico di cui al comma 13, eventualmente integrato da esperti indipendenti nominati dal Ministro dell’ambiente.

    Conseguentemente:
    al comma 3, sostituire le parole:
    al 3 marzo 2014, fatto salvo quanto disposto al comma 8 con le seguenti: al termine della fase sperimentale di cui al comma 2
    sopprimere i commi 4, 5, 7, 8, 9 e 10.
    11. 49. Schullian, Alfreider, Gebhard, Plangger, Ottobre.

    Al comma 2, sopprimere le parole: inclusi i nuovi produttori.

    Conseguentemente, al comma 3, dopo le parole: Per i produttori iniziali aggiungere le seguenti: e i nuovi produttori.
    11. 35. Matarrese, Oliaro.

    Al comma 2, sostituire le parole: il termine iniziale di operatività del SISTRI è fissato al lo ottobre 2013 con le seguenti: nonché per i comuni e le imprese di trasporto dei rifiuti urbani del territorio della regione Campania di cui al comma 4 dell’articolo 188-ter del decreto legislativo n. 152 del 2006, il termine iniziale di operatività del SISTRI è fissato al 10 aprile 2014.

    Conseguentemente:
    sostituire il comma 3 con il seguente:

    3. Per gli enti e le imprese produttori iniziali di rifiuti speciali pericolosi, il termine iniziale di operatività del SISTRI è fissato al 1o luglio 2014;
    al comma 11:
    sostituire le parole:
    31 marzo 2014 con le seguenti: 31 marzo 2015;
    sostituire le parole: 1o ottobre 2013 e fino al 30 settembre 2014 con le seguenti: 10 aprile 2014 e fino al 30 settembre 2015;
    sostituire le parole: 3 marzo 2014 con le seguenti: 1o luglio 2014.
    11. 24. Invernizzi, Matteo Bragantini, Grimoldi, Fedriga.

    Dopo il comma 2, aggiungere il seguente:
    2-bis. I trasporti di rifiuti pericolosi di propria produzione, effettuati direttamente dagli imprenditori, nei limiti e verso i centri di cui all’articolo 39, comma 9, del decreto legislativo 3 dicembre 2010, n. 205, e successive modificazioni, non sono considerati effettuati a titolo professionale.
    11. 52. Schullian, Alfreider, Gebhard, Plangger, Ottobre.

    Dopo il comma 2, aggiungere il seguente:
    2-bis. I trasporti di rifiuti pericolosi di propria produzione, effettuati direttamente dagli imprenditori agricoli di cui all’articolo 2135 del codice civile, nei limiti e verso i centri di cui all’articolo 39, comma 9, del decreto legislativo 3 dicembre 2010, n. 205, e successive modificazioni, non sono considerati effettuati a titolo professionale.
    11. 51. Schullian, Alfreider, Gebhard, Plangger, Ottobre.

    Al comma 3, dopo le parole: Per i produttori iniziali di rifiuti aggiungere la seguente: speciali.
    11. 260. Grimoldi.

    Al comma 3, dopo le parole: di rifiuti pericolosi aggiungere le seguenti: e per le imprese che trasportano i rifiuti da loro stesse prodotti.
    11. 36. Matarrese, Oliaro.

    Al comma 3, sostituire le parole: 3 marzo 2014 con le seguenti: 1o luglio 2014.

    Conseguentemente, al comma 11:
    sostituire le parole:
    30 settembre 2014 con le seguenti: 30 settembre 2015
    sostituire le parole: 3 marzo 2014 con le seguenti: 1o luglio 2014.
    11. 25. Matteo Bragantini, Grimoldi, Fedriga, Invernizzi.

    Dopo il comma 3, aggiungere il seguente:
    3-bis. Il termine iniziale di operatività del SISTRI è fissato al 3 marzo 2014 anche per le operazioni individuate dal punto D15 dell’allegato B e dall’allegato C della Parte quarta del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, effettuate dai produttori iniziali sui propri rifiuti nel luogo in cui sono prodotti.
    11. 37. Matarrese, Oliaro.

    Dopo il comma 3, aggiungere il seguente:
    3-bis. Il termine iniziale di operatività del SISTRI è fissato al 3 marzo 2014 anche per le operazioni individuate dal punto D15 dell’allegato B e dal punto R13 dell’allegato C della Parte quarta del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, effettuate dai produttori iniziali sui propri rifiuti nel luogo in cui sono prodotti.
    11. 38. Matarrese, Oliaro.

    Dopo il comma 3, aggiungere il seguente:
    3.1. I termini iniziali di operatività di cui ai commi 2 e 3 sono subordinati alla comprovata funzionalità del supporto informatico del Ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare.
    11. 8. Busto, Daga, De Rosa, Mannino, Terzoni, Segoni, Tofalo, Zolezzi, Dadone.

    Dopo il comma 3, aggiungere il seguente:
    3-bis. Gli imprenditori agricoli di cui all’articolo 39, comma 9, del decreto legislativo 3 dicembre 2010, n. 205, e successive modificazioni, non sono tenuti all’iscrizione obbligatoria al sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti (SISTRI), ma vi aderiscono nel rispetto degli obblighi di cui all’articolo 188-bis, comma 3 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152. Le copie cartacee delle schede di movimentazione del sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti (SISTRI) sono fornite agli imprenditori agricoli dalle piattaforme di conferimento o dai circuiti organizzati di raccolta prima di effettuare un trasporto.
    11. 50. Schullian, Alfreider, Gebhard, Plangger, Ottobre.

    Al comma 3-bis, primo periodo, dopo le parole: operatività del sistema aggiungere le seguenti: per ciascuna categoria dei soggetti obbligati.
    11. 256. Grimoldi.

    Dopo il comma 3-bis, aggiungere i seguenti:
    3-ter. Gli imprenditori agricoli di cui all’articolo 2135 del codice civile che producono o trasportano i propri rifiuti pericolosi adempiono all’obbligo della tenuta dei registri di carico e scarico con una delle seguenti modalità:
    a) con la conservazione progressiva per tre anni del formulario di identificazione di cui all’articolo 193, comma 1, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, o della copia della scheda del sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti (SISTRI);
    b) con la conservazione per tre anni del documento di conferimento di rifiuti pericolosi prodotti da attività agricole, rilasciato dal soggetto che provvede alla raccolta di detti rifiuti nell’ambito del circuito organizzato di raccolta di cui all’articolo 183, comma 1, lettera pp), del medesimo decreto legislativo.
    Le imprese di cui al presente comma la cui produzione annua di rifiuti pericolosi non eccede le dieci tonnellate possono adempiere agli obblighi indicati nel presente comma anche tramite le associazioni imprenditoriali di categoria o società di servizi di diretta emanazione delle stesse.

    3-quater. All’articolo 212 del decreto legislativo n. 152 del 2006 e successive modifiche e integrazioni, dopo il comma 19 è inserito il seguente: «19-bis. Sono esclusi dall’obbligo di iscrizione all’Albo Nazionale Gestori Ambientali gli imprenditori agricoli di cui all’articolo 2135 del codice civile, produttori iniziali di rifiuti, per il trasporto dei propri rifiuti effettuato all’interno del territorio provinciale o regionale dove ha sede l’impresa ai fini del conferimento degli stessi nell’ambito del circuito organizzato di raccolta di cui alla lettera pp), comma 1, dell’articolo 183».
    11. 41. Realacci, Carrescia.

    Dopo il comma 3-bis, aggiungere il seguente:
    3-ter. All’articolo 212 del decreto legislativo n. 152 del 2006 e successive modifiche e integrazioni, dopo il comma 19 è inserito il seguente: «19-bis. Sono esclusi dall’obbligo di iscrizione all’Albo Nazionale Gestori Ambientali gli imprenditori agricoli di cui all’articolo 2135 del codice civile, produttori iniziali di rifiuti, per il trasporto dei propri rifiuti effettuato all’interno del territorio provinciale o regionale dove ha sede l’impresa ai fini del conferimento degli stessi nell’ambito del circuito organizzato di raccolta di cui alla lettera pp), comma 1, dell’articolo 183».
    *11. 210. Latronico.

    Dopo il comma 3-bis, aggiungere il seguente:
    3-ter. All’articolo 212 del decreto legislativo n. 152 del 2006 e successive modifiche e integrazioni, dopo il comma 19 è inserito il seguente: «19-bis. Sono esclusi dall’obbligo di iscrizione all’Albo Nazionale Gestori Ambientali gli imprenditori agricoli di cui all’articolo 2135 del codice civile, produttori iniziali di rifiuti, per il trasporto dei propri rifiuti effettuato all’interno del territorio provinciale o regionale dove ha sede l’impresa ai fini del conferimento degli stessi nell’ambito del circuito organizzato di raccolta di cui alla lettera pp), comma 1, dell’articolo 183».
    *11. 250. Bratti, Borghi, Arlotti, Mariastella Bianchi, Braga, Carrescia, Cominelli, Dallai, Decaro, Gadda, Ginoble, Tino Iannuzzi, Manfredi, Mariani, Marroni, Mazzoli, Morassut, Moretto, Realacci, Giovanna Sanna, Zardini, Cenni.

    Sopprimere il comma 4.

    Conseguentemente, al comma 5, sostituire le parole: commi 3 e 4 con le seguenti: comma 3.
    **11. 26. Grimoldi, Matteo Bragantini, Fedriga, Invernizzi.

    Sopprimere il comma 4.

    Conseguentemente, al comma 5, sostituire le parole: commi 3 e 4 con le seguenti: comma 3.
    **11. 200. Cicu, Sannicandro, Taglialatela, Turco.

    Dopo il comma 5, aggiungere i seguenti:
    5-bis. All’articolo 39 del decreto legislativo 3 dicembre 2010, n. 205, sono apportate le seguenti modificazioni:
    a) al comma 9, alinea, sono soppresse le parole: «Fino al 2 luglio 2012»;
    b) al comma 9, lettere a) e b), le parole: «cento chilogrammi o cento litri», sono sostituite dalle seguenti: «quattrocento chilogrammi o quattrocento litri».

    5-ter. Non sono considerati effettuati a titolo professionale e non necessitano di iscrizione all’albo di cui all’articolo 212 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, i trasporti di rifiuti pericolosi e non pericolosi di propria produzione effettuati direttamente dagli imprenditori agricoli di cui all’articolo 2135 del codice civile, verso i centri di cui all’articolo 39, comma 9, del decreto legislativo 3 dicembre 2010, n. 205, e successive modificazioni e integrazioni, nelle quantità indicate nella medesima norma, da considerarsi rispettivamente per i rifiuti pericolosi e per i rifiuti non pericolosi.
    11. 44. Pilozzi, Kronbichler, Migliore, Airaudo, Di Salvo, Placido.

    Al comma 7, capoverso 4-bis, primo periodo, sostituire la parola: semplificazione con la seguente: ottimizzazione.

    Conseguentemente:
    al medesimo capoverso, sostituire, ovunque ricorra, la parola:
    semplificazioni con la seguente: ottimizzazione.
    al comma 8, primo periodo:
    sostituire le parole:
    alle semplificazioni con la seguente: all’ottimizzazione.
    sostituire le parole: operative le semplificazioni introdotte con: operativa la ottimizzazione introdotta.
    al comma 9, primo periodo, sostituire le parole: delle semplificazioni con le seguenti: della ottimizzazione.
    11. 9. Busto, Daga, De Rosa, Mannino, Terzoni, Segoni, Tofalo, Zolezzi, Dadone.

    Al comma 7, capoverso 4-bis, primo periodo, dopo le parole: della tracciabilità dei rifiuti aggiungere le seguenti: con particolare riguardo alle piccole imprese produttrici di rifiuti con un numero di dipendenti inferiore a dieci.
    11. 27. Caparini, Grimoldi, Matteo Bragantini, Fedriga, Invernizzi.

    Al comma 7, capoverso 4-bis, primo periodo, sostituire le parole: le semplificazioni sono adottate, previa verifica tecnica e della congruità dei relativi costi da parte dell’Agenzia per l’Italia Digitale con le seguenti: l’ottimizzazione, previa verifica tecnica e della congruità dei relativi costi da parte dell’Agenzia per l’Italia Digitale, è adottata dal Ministero dell’Ambiente, d’intesa con le associazioni rappresentative degli utenti.
    11. 10. Busto, Daga, De Rosa, Mannino, Terzoni, Segoni, Tofalo, Zolezzi, Dadone.

    Al comma 7, capoverso 4-bis, primo periodo, aggiungere, in fine, le parole: in linea con la strategia nazionale di open government e open data.
    11. 255. Catalano, Liuzzi, Dell’Orco, De Lorenzis, Cristian Iannuzzi.

    Al comma 7, capoverso 4-bis, secondo periodo, sostituire le parole da: Le semplificazioni fino a: per gli utenti, con le seguenti: L’ottimizzazione è finalizzata ad assicurare un’efficace tracciabilità dei rifiuti ed a ridurre i costi di esercizio del sistema, laddove ciò non intralci la corretta tracciabilità dei rifiuti e comporti un aumento di rischio ambientale e/o sanitario.

    Conseguentemente, dopo il comma 11 aggiungere i seguenti:
    11-bis. Le somme di cui all’articolo 4 del decreto ministeriale del 17 dicembre 2009, versate dai soggetti di cui all’articolo 3 del decreto medesimo a titolo di contributi di iscrizione al SISTRI per le annualità 2010, 2011 e 2012 sono restituite ovvero utilizzabili in compensazione ai sensi dell’articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n, 241.
    11-ter. Le disposizioni di attuazione del comma 11-bis sono adottate con decreto del Ministro dell’ambiente da adottare di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze avente natura non regolamentare, da emanare entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto.
    11. 6. Terzoni, Busto, Daga, De Rosa, Mannino, Segoni, Tofalo, Zolezzi, Dadone.

    Al comma 7, capoverso 4-bis, aggiungere, infine, le parole:, prevedendo altresì che il contributo sia comunque dovuto solo a decorrere dall’effettiva entrata in vigore del SISTRI e che eventuali contributi già versati siano computati in compensazione con futuri contributi o rimborsati in caso di cessata attività del soggetto iscritto.
    11. 28. Invernizzi, Matteo Bragantini, Grimoldi, Fedriga.

    Dopo il comma 8, aggiungere il seguente:
    8-bis. Le somme di cui all’articolo 4 del decreto del Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare del 17 dicembre 2009, versate dai soggetti di cui all’articolo 3 del medesimo decreto per l’adesione al SISTRI fino alla data di piena operatività del sistema risultante dal collaudo previsto dal comma 8, sono compensate a valere su quelle successivamente dovute.
    11. 61. Carrescia, Donati, Cominelli.

    Al comma 11, sostituire le parole da: limitatamente alle violazioni fino alla fine del comma con le seguenti: relative agli obblighi derivanti dal sistema informatico di controllo della tracciabilità dei rifiuti, sono sospese fino al 3 marzo 2014. Fino a tale data le imprese sono tenute al rispetto degli adempimenti di cui agli articoli 189, 190 e 193 del decreto legislativo n. 152 del 2006, con l’applicazione del relativo regime sanzionatorio nella versione previgente alle modifiche introdotte dal decreto legislativo 3 dicembre 2010, n. 205.
    11. 45. Pilozzi, Kronbichler, Migliore, Airaudo, Di Salvo, Placido.

    Al comma 11, sostituire le parole da: limitatamente alle violazioni fino alla fine del comma con le seguenti: compiute successivamente alla sospensione di cui al comma 11, sono ridotte alla metà del minimo se il pagamento della sanzione viene eseguito nel termine di trenta giorni dalla data della sua contestazione. Il pagamento della sanzione ridotta deve essere eseguito contestualmente alla eliminazione, da parte del soggetto obbligato, della relativa fattispecie che ha determinato la sanzione.
    11. 212. Terzoni, Busto, Daga, De Rosa, Mannino, Segoni, Tofalo, Zolezzi, Dadone.

    Al comma 11, sostituire le parole da: limitatamente alle violazioni fino alla fine del comma con le seguenti: compiute successivamente alla sospensione di cui al comma 11, sono ridotte ad un ottavo del minimo se il pagamento della sanzione viene eseguito nel termine di trenta giorni dalla data della sua contestazione. Il pagamento della sanzione ridotta deve essere eseguito contestualmente alla eliminazione, da parte del soggetto obbligato, della relativa fattispecie che ha determinato la sanzione.
    11. 5. Terzoni, Busto, Daga, De Rosa, Mannino, Segoni, Tofalo, Zolezzi, Dadone.

    Al comma 11, sostituire le parole da: limitatamente alle violazioni fino alla fine del comma con le seguenti: compiute successivamente alla data del 1o ottobre 2013 e fino alla data dell’esito positivo delle operazioni di collaudo di cui al comma 8, sono ridotte ad un ottavo del minimo se il pagamento della sanzione viene eseguito nel termine di trenta giorni dalla data della sua contestazione e sono comunque irrogate solo nel caso di più di tre violazioni.
    11. 57. Carrescia, Donati, Cominelli.

    Dopo il comma 11 aggiungere i seguenti:
    11-bis. Le somme di cui all’articolo 4 del decreto ministeriale 17 dicembre 2009, versate dai soggetti di cui all’articolo 3 del decreto ministeriale medesimo a titolo di contributi di iscrizione al SISTRI per le annualità 2010, 2011 e 2012 sono restituite ovvero utilizzabili in compensazione a valere sui contributi ascritti alle annualità successive all’entrata in operatività del SISTRI. Le medesime somme sono utilizzabili in compensazione ai sensi dell’articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241.
    11-ter. Le disposizioni di attuazione del comma 11-bis sono adottate con decreto del Ministro dell’ambiente adottato di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze avente natura non regolamentare, da emanare entro 60 giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto.
    11. 15. Grimoldi, Matteo Bragantini, Fedriga, Invernizzi.

    Dopo il comma 11, aggiungere il seguente:
    11-bis. Per le sanzioni di cui al comma 3-bis, è istituita presso il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti una banca dati con un formato dati di tipo aperto, in linea con i criteri stabiliti dall’articolo 68, comma 3, lettera a), del codice dell’amministrazione digitale di cui al decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82.
    11. 290. Catalano, Liuzzi, Dell’Orco, De Lorenzis, Cristian Iannuzzi, Nicola Bianchi.

    Dopo il comma 11 aggiungere il seguente:
    11-bis. In materia di sanzioni relative al SISTRI si applicano le disposizioni sul ravvedimento di cui all’articolo 13 del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472, e successive modificazioni.
    11. 29. Matteo Bragantini, Grimoldi, Fedriga, Invernizzi.

    Al comma 13 aggiungere, in fine, il seguente periodo: Il Tavolo tecnico di monitoraggio e concertazione del Sistri provvede, inoltre, ad inviare ogni sei mesi al Parlamento una relazione sul proprio operato.
    *11. 13. Braga, Bratti, Mariani, Borghi, Realacci, Carrescia, Ferrari.

    Al comma 13, aggiungere, in fine, il seguente periodo: Il Tavolo tecnico di monitoraggio e concertazione del Sistri provvede, inoltre, ad inviare ogni sei mesi al Parlamento una relazione sul proprio operato.
    *11. 206. Pizzolante, Vignali.

    Al comma 13, aggiungere, in fine, il seguente periodo: Il Tavolo tecnico di monitoraggio e concertazione del Sistri provvede, inoltre, ad inviare ogni sei mesi al Parlamento una relazione sul proprio operato.
    *11. 258. Invernizzi.

    Al comma 14, sostituire le parole da: dei soli soggetti fino alla fine del comma con le seguenti: di tutti i soggetti di cui al comma 16.
    11. 46. Pilozzi, Kronbichler, Migliore, Airaudo, Di Salvo, Placido.

    Al comma 14-bis, aggiungere, in fine, il seguente periodo: Ai fini dell’attuazione del presente comma, entro 60 giorni dall’entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, il Ministro della Giustizia, su proposta del Capo del Dipartimento per l’amministrazione penitenziaria, predispone un apposito piano, sottoposto al parere delle competenti Commissioni parlamentari, per l’ottimizzazione dell’impiego del personale del Corpo di Polizia penitenziaria, volto, altresì, ad operare un puntuale monitoraggio dell’impiego funzionale del personale del predetto Corpo.
    11. 292. Bonafede, Colletti, Sarti, Turco, Businarolo, Micillo, Ferraresi, Agostinelli.

    Aggiungere, in fine, i seguenti commi:
    14-ter. In assenza di interventi di riqualificazione o di opere di bonifica, nel territorio della provincia di Napoli già sede di discariche, è fatto divieto di costruire qualsiasi impianto di trattamento termico dei rifiuti.
    14-quater. Il comma 6-bis dell’articolo 10 del decreto legge 30 dicembre 2009, n. 195, è abrogato.
    11. 42. Micillo, Dadone, Cozzolino, Dieni, D’Ambrosio, Fraccaro, Lombardi, Nuti, Toninelli.

    Aggiungere, in fine, il seguente comma:
    14-ter. Il comma 1 dell’articolo 8 del decreto-legge 23 Maggio 2008, n. 92, è sostituito dal seguente: «1. All’articolo 16-quater del decreto-legge 18 gennaio 1993, n. 8, convertito, con modificazioni, dalla legge 19 marzo 1993, n. 68, sono apportate le seguenti modificazioni:
    a) al comma 1, primo periodo, le parole da: “e può accedere” fino alla fine del comma sono sostituite dalle seguenti: “Inoltre il personale della polizia locale accede di diritto, qualora in possesso della qualifica di agente di pubblica sicurezza, a tutte le sezioni dell’archivio interforze operante presso il Centro elaborazione dati di cui all’articolo 8 della legge 1o Aprile 1981, n. 121, e successive modificazioni”;
    b) il comma 1-bis è sostituito dai seguenti:
    “1-bis. Il personale di cui al comma 1 è abilitato all’inserimento, presso il Centro elaborazione dati ivi indicato, dei dati relativi ai fatti e alle informazioni indicati nell’articolo 7 della legge n. 121 del 1981, accertati o raccolte dal personale della polizia locale.
    1-ter. Le modalità di accesso, di individuazione del personale abilitato ai vari livelli di informazione sono quelle indicate nelle norme di attuazione e regolamentari emanate ai sensi dell’articolo 11 della citata legge n. 121 del 1981. In ogni caso il personale in possesso della qualifica di Agente di Polizia Giudiziaria può accedere solo ad informazioni fornite in forma sintetica, mentre il personale avente qualifica di Ufficiale di Polizia Giudiziaria può accedere alle informazioni fornite sia in forma sintetica che a quelle in forma descrittiva. Al livello «Investigatori» possono essere abilitati gli Ufficiali di Polizia Giudiziaria appartenenti ai Comandi di polizia locale dei Comuni capoluogo di provincia che abbiano nella loro organizzazione un nucleo investigativo o di polizia giudiziaria. Il numero di U.P.G. abilitati a tale livello di informazione non può superare le due unità per ciascun Comando. Le informazioni fornite per tale livello sono le stesse previste per l’analogo livello delle Forze di Polizia dello Stato”».
    11. 293. Dallai.

    ART. 12.
    (Disposizioni in materia di imprese di interesse strategico nazionale).

    Sopprimerlo.
    12. 9. Mannino, Crippa, Busto, Daga, De Rosa, Segoni, Terzoni, Tofalo, Zolezzi, Dadone, De Lorenzis, Nicola Bianchi, Paolo Nicolò Romano, Cozzolino, Liuzzi, Cristian Iannuzzi.

    Sopprimere i commi 1 e 2.
    12. 27. Labriola, Furnari, Lo Monte, Capelli, Di Gioia, Locatelli, Pastorelli, Zaccagnini.

    Sostituire i commi 1 e 2 con i seguenti:
    1. Al fine di accelerare e favorire l’esecuzione degli interventi di risanamento ambientale, consentendo l’autosmaltimento dei materiali da essi rivenienti, il procedimento di riesame dell’Autorizzazione Integrata Ambientale, A.I.A. 3, è approvato con decreto del Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, su proposta del sub-commissario di cui all’articolo 1 del decreto-legge n. 61 del 2013, d’intesa con la regione Puglia e sentita l’ARPA, entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto. L’Autorizzazione Integrata Ambientale, A.I.A. 3, stabilisce per gli impianti di discarica per rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi (localizzati nel perimetro dell’impianto produttivo dell’ILVA), gli adeguamenti costruttivi necessari a non creare rischi per la tutela della salute e dell’ambiente nonché le successive condizioni e prescrizioni di esercizio in conformità ai principi di cui all’articolo 178 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 e successive modificazioni.
    2. Le modalità di costruzione e di gestione delle discariche di cui al comma 1 sono definite, entro 30 giorni dalla approvazione dell’Autorizzazione Integrata Ambientale, A.I.A. 3, nel rispetto delle prescrizioni ivi previste e assicurando un’elevata protezione ambientale e sanitaria, con decreto del Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, su proposta del subcommissario di cui al comma 1 dell’articolo 1 del decreto-legge n. 61 del 2013, sentiti l’istituto superiore per la protezione e ricerca ambientale e l’Agenzia regionale per la protezione ambientale (ARPA) della regione Puglia. Con la medesima procedura, sentito il comune di Statte e gli altri comuni interessati e il Ministro dell’economia e delle finanze, sono definite anche le misure di compensazione ambientali.

    Conseguentemente, sopprimere il comma 6.
    *12. 33. Pilozzi, Kronbichler, Migliore, Airaudo, Di Salvo, Placido, Lacquaniti, Ferrara, Matarrelli, Zan, Pellegrino, Zaratti, Duranti.

    Sostituire i commi 1 e 2 con i seguenti:
    1. Al fine di accelerare e favorire l’esecuzione degli interventi di risanamento ambientale, consentendo l’autosmaltimento dei materiali da essi rivenienti, il procedimento di riesame dell’Autorizzazione Integrata Ambientale, A.I.A. 3, è approvato con decreto del Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, su proposta del sub-commissario di cui all’articolo 1 del decreto-legge n. 61 del 2013, d’intesa con la regione Puglia e sentita l’ARPA, entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto. L’Autorizzazione Integrata Ambientale, A.I.A. 3, stabilisce per gli impianti di discarica per rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi (localizzati nel perimetro dell’impianto produttivo dell’ILVA), gli adeguamenti costruttivi necessari a non creare rischi per la tutela della salute e dell’ambiente nonché le successive condizioni e prescrizioni di esercizio in conformità ai principi di cui all’articolo 178 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 e successive modificazioni.
    2. Le modalità di costruzione e di gestione delle discariche di cui al comma 1 sono definite, entro 30 giorni dalla approvazione dell’Autorizzazione Integrata Ambientale, A.I.A. 3, nel rispetto delle prescrizioni ivi previste e assicurando un’elevata protezione ambientale e sanitaria, con decreto del Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, su proposta del subcommissario di cui al comma 1 dell’articolo 1 del decreto-legge n. 61 del 2013, sentiti l’istituto superiore per la protezione e ricerca ambientale e l’Agenzia regionale per la protezione ambientale (ARPA) della regione Puglia. Con la medesima procedura, sentito il comune di Statte e gli altri comuni interessati e il Ministro dell’economia e delle finanze, sono definite anche le misure di compensazione ambientali.

    Conseguentemente, sopprimere il comma 6.
    *12. 30. Labriola, Lo Monte, Capelli, Di Gioia, Locatelli, Pastorelli, Zaccagnini.

    Al comma 1, sostituire le parole da: e dell’autorizzazione integrata fino alla fine del comma con le seguenti: il Ministro dell’ambiente, con proprio decreto, avvia un’indagine per valutare la necessità di realizzare discariche per rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi in prossimità degli impianti produttivi, tenendo conto della presenza dei necessari interventi di riqualificazione e opere di bonifica nonché di eventuali pareri di compatibilità ambientale positivi alla data di entrata in vigore del presente decreto-legge. È in ogni caso fatto divieto di realizzare discariche e impianti di trattamento termico dei rifiuti nelle province in cui vi siano aree a rischio ambientale, in assenza degli interventi di riqualificazione e delle opere bonifica.
    12. 220. Micillo, Agostinelli, Turco, Businarolo, Ferraresi, Bonafede, Sarti, Colletti.

    Al comma 1, sostituire le parole da: e dell’autorizzazione integrata fino alla fine del comma con le seguenti: il Ministro dell’ambiente, con proprio decreto, avvia un’indagine per valutare la necessità di realizzare discariche per rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi in prossimità degli impianti produttivi, tenendo conto della presenza dei necessari interventi di riqualificazione e opere di bonifica nonché di eventuali pareri di compatibilità ambientale positivi alla data di entrata in vigore del presente decreto-legge. È in ogni caso fatto divieto di realizzare discariche e impianti di trattamento termico dei rifiuti nella provincia di Napoli.
    12. 221. Micillo, Agostinelli, Turco, Businarolo, Ferraresi, Bonafede, Sarti, Colletti.

    Al comma 1, sostituire le parole da: e dell’autorizzazione integrata fino alla fine del comma con le seguenti: il Ministro dell’ambiente, con proprio decreto, avvia un’indagine per valutare la necessità di realizzare discariche per rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi in prossimità degli impianti produttivi, tenendo conto della presenza dei necessari interventi di riqualificazione e opere di bonifica nonché di eventuali pareri di compatibilità ambientale positivi alla data di entrata in vigore del presente decreto-legge. È in ogni caso fatto divieto di realizzare discariche e impianti di trattamento termico dei rifiuti nelle province in cui vi siano aree a rischio ambientale, in assenza degli interventi di riqualificazione e delle opere bonifica. Il comma 6-bis dell’articolo 10 del decreto-legge 30 dicembre 2009, n. 195, è abrogato.
    12. 222. Micillo, Agostinelli, Turco, Businarolo, Ferraresi, Bonafede, Sarti, Colletti.

    Al comma 1, sostituire le parole da: in considerazione dell’urgente necessità fino alla fine del comma con le seguenti: con procedura di urgenza adottata dalla autorità competente, si sottopongono alla valutazione di impatto ambientale e alla autorizzazione integrata ambientale le discariche di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi.
    12. 200. Crippa, Petraroli, Fantinati, Mucci, Da Villa, Della Valle, Vallascas, Prodani.

    Al comma 1, sostituire le parole da: in considerazione dell’urgente necessità fino alla fine del comma con le seguenti:, sentita l’ARPA della Regione Puglia, in considerazione dell’urgente necessità di provvedere e di evitare ulteriori ritardi, previa caratterizzazione dei rifiuti con oneri a carico dell’azienda, e attraverso il controllo e la validazione dei dati effettuati dalle ARPA/APPA territorialmente competenti di tutti i rifiuti nelle aree adibite a smaltimento all’interno dello stabilimento, è autorizzata, previa acquisizione del parere favorevole dell’ARPA della regione Puglia, la costruzione e la gestione delle discariche per rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi localizzate nel perimetro dell’impianto produttivo dell’ILVA di Taranto, da destinarsi esclusivamente al conferimento dei rifiuti prodotti dall’attività dell’ILVA di Taranto e dagli interventi necessari per il risanamento ambientale.
    12. 1. Mannino, Crippa, Busto, Daga, De Rosa, Segoni, Terzoni, Tofalo, Zolezzi, Dadone.

    Al comma 1, sostituire le parole: è autorizzata la costruzione e la gestione con le seguenti: sono autorizzate, a spese dell’Ilva spa, la caratterizzazione, messa in sicurezza e bonifica Conseguentemente, al medesimo comma, sopprimere le parole: da destinarsi esclusivamente al conferimento dei rifiuti prodotti dall’attività dell’ILVA di Taranto e dagli interventi necessari per il risanamento ambientale.
    12. 17. De Lorenzis, Nicola Bianchi, Paolo Nicolò Romano, Cozzolino, Dadone, Liuzzi, Cristian Iannuzzi.

    Al comma 1, dopo le parole: produttivo dell’ILVA di Taranto, aggiungere le seguenti: sentita l’Arpa della regione Puglia.
    12. 28. Labriola, Lo Monte, Capelli, Di Gioia, Locatelli, Pastorelli, Zaccagnini.

    Al comma 1, dopo le parole: data di entrata in vigore del presente decreto-legge, aggiungere le seguenti:, solo dopo aver eseguito dei carotaggi e tutti i procedimenti idonei al fine di riconoscere ed individuare la tipologia di codici CER già smaltite nelle suddette discariche.
    12. 16. De Lorenzis, Crippa, Fantinati, Da Villa, Petraroli, Della Valle, Mucci, Prodani, Vallascas, Nicola Bianchi, Paolo Nicolò Romano, Cozzolino, Dadone, Liuzzi, Cristian Iannuzzi.

    Al comma 1, aggiungere, in fine, le parole: e per la bonifica o messa in sicurezza del SIN di Taranto.
    12. 201. Matteo Bragantini.

    Dopo il comma 1, aggiungere il seguente:
    1-bis. Il procedimento di AIA si applica ai limiti di produzione stabiliti dalla normativa vigente.
    12. 202. Crippa, Petraroli, Fantinati, Mucci, Da Villa, Della Valle, Vallascas, Prodani.

    Dopo il comma 1, aggiungere il seguente:
    1-bis. Al decreto-legge n. 61 del 2013, convertito, con modificazioni, dalla legge n. 89 del 3 agosto 2013, dopo l’articolo 1 è aggiunto il seguente:
    «Art. 1-bis. – Il Commissario ed il sub commissario di cui comma 1 dell’articolo 1 del decreto-legge n. 61 del 2013 decadono dal loro ufficio se incorrono in procedimenti giudiziari a loro carico».
    12. 25. De Lorenzis, Crippa, Fantinati, Da Villa, Petraroli, Della Valle, Mucci, Prodani, Vallascas, Nicola Bianchi, Paolo   Nicolò Romano, Cozzolino, Dadone, Liuzzi, Cristian Iannuzzi.

    Dopo il comma 1, aggiungere il seguente:
    1-bis. Al comma 1 dell’articolo 1 del decreto-legge 4 giugno 2013, n. 61, convertito, con modificazioni, dalla legge n. 89 del 3 agosto 2013, è aggiunto, infine, il seguente periodo: «Il Commissario, il sub-commissario di cui al presente comma, nonché gli esperti di cui al comma 5, decadono dal loro ufficio nel caso di condanna con sentenza passata in giudicato e nel caso in cui siano condannati, anche con sentenza non passata in giudicato, per i reati previsti nel Libro II, Titolo Il, Capo I, del Codice penale. Per tutti gli effetti disciplinati dal presente comma la sentenza emessa ai sensi dell’articolo 444 del codice di procedura penale è equiparata a condanna».
    12. 223. De Lorenzis, Crippa, Fantinati, Da Villa, Petraroli, Della Valle, Mucci, Prodani, Vallascas, Nicola Bianchi, Paolo Nicolò Romano, Cozzolino, Dadone, Liuzzi, Cristian Iannuzzi.

    Dopo il comma 1, aggiungere il seguente:
    1-bis. Al commissario e al sub-commissario di cui al comma 1 dell’articolo 1 del decreto-legge n. 61 del 2013, convertito, con modificazioni, dalla legge n. 89 del 3 agosto 2013, si applica, per quanto compatibile, la disciplina di cui all’articolo 38, comma 1-bis, del decreto legislativo 8 luglio 1999, n. 270, nonché quanto previsto dal decreto del Ministro dello sviluppo economico del 10 aprile 2013, n. 60, in materia di professionalità ed onorabilità dei commissari giudiziali e straordinari delle procedure di amministrazione straordinaria delle grandi imprese in crisi. Nei confronti degli stessi soggetti, si applicano, altresì, le disposizioni di cui al decreto legislativo 31 dicembre 2012, n. 235.
    12. 224. Pilozzi, Duranti, Migliore, Airaudo, Di Salvo, Placido, Kronbichler.

    Dopo il comma 1, aggiungere il seguente:
    1-bis. Il piano di cui al comma 6 dell’articolo 1 del decreto-legge n. 61 del 2013, convertito, con modificazioni, dalla legge n. 89 del 3 agosto 2013, deve contemplare anche ipotesi impiantistiche, tecniche, economiche e gestionali che possano consentire l’utilizzo dello stabilimento, o parte di esso, sia in assenza, temporanea o permanente, dell’area a caldo, sia tramite tecnologie di rilevanza internazionale con riconosciuti e misurabili minori impatti ambientali. Il piano deve comprendere ipotesi di ricollocazione e formazione del personale a garanzia del reddito e dei posti di lavoro anche nelle ipotesi di riconversione di cui al presente comma. Tali ipotesi possono comprendere un riassetto produttivo ed organizzativo anche interessando gli altri stabilimenti produttivi nazionali da coordinarsi in base al piano nazionale della strategia industriale per la filiera produttiva dell’acciaio da adottare da parte del Governo ai sensi del comma 3 articolo 1 della legge del 24 dicembre 2012, n. 231.
    12. 19. De Lorenzis, Nicola Bianchi, Paolo Nicolò Romano, Cozzolino, Dadone, Liuzzi, Cristian Iannuzzi.

    Dopo il comma 1, aggiungere il seguente:
    1-bis. Il piano di cui al comma 6 dell’articolo 1 del decreto-legge n. 61 del 2013, convertito, con modificazioni, dalla legge n. 89 del 3 agosto 2013, deve contemplare la chiusura dell’area a caldo dello stabilimento Ilva di Tarano entro 6 mesi dall’emanazione dalla legge di conversione del presente decreto.
    12. 20. De Lorenzis, Nicola Bianchi, Paolo Nicolò Romano, Cozzolino, Dadone, Liuzzi, Cristian Iannuzzi.

    Dopo il comma 1, aggiungere il seguente:
    1-bis. All’articolo 1 del decreto-legge n. 61 del 2013, convertito, con modificazioni, dalla legge n. 89 del 3 agosto 2013, dopo il comma 5 è aggiunto il seguente:
    5-bis. All’interno del piano delle misure e delle attività di tutela ambientale e sanitaria di cui al comma 5, è prevista, sempre a spese dell’azienda, l’esenzione del ticket sanitario per almeno 5 anni per tutti gli abitanti dei comuni compresi in un raggio di 20 km dallo stabilimento siderurgico.
    12. 11. De Lorenzis, Nicola Bianchi, Paolo Nicolò Romano, Cozzolino, Dadone, Liuzzi, Cristian Iannuzzi.

    Dopo il comma 1, aggiungere il seguente:
    1-bis. All’articolo 1 del decreto-legge n. 61 del 2013, convertito, con modificazioni, dalla legge n. 89 del 3 agosto 2013, il comma 9 è abrogato.

    Conseguentemente, sopprimere il comma 4.
    12. 23. De Lorenzis, Nicola Bianchi, Paolo Nicolò Romano, Cozzolino, Dadone, Liuzzi, Cristian Iannuzzi.

    Dopo il comma 1 aggiungere il seguente:
    1-bis. All’articolo 1 del decreto-legge n. 61 del 2013, convertito, con modificazioni, dalla legge n. 89 del 3 agosto 2013, il comma 9 è abrogato.
    12. 22. De Lorenzis, Nicola Bianchi, Paolo Nicolò Romano, Cozzolino, Dadone, Liuzzi, Cristian Iannuzzi.

    Dopo il comma 1 aggiungere il seguente:
    1-bis. All’articolo 2 del decreto-legge n. 61 del 2013, convertito, con modificazioni, dalla legge n. 89 del 3 agosto 2013, dopo il comma 2 è aggiunto il seguente:
    «2-bis. La società commissariata di cui al comma 1, articolo 2, prima della definizione del piano di cui al comma 6 dell’articolo 1, stipula garanzie fideiussorie, a tutela dell’ambiente e dei lavoratori, che saranno utilizzate esclusivamente per la conversione dello stabilimento e chiusura dell’area a caldo, il mantenimento del reddito dei lavoratori fino al compimento dei lavori di caratterizzazione, la messa in sicurezza e la bonifica ambientale dei terreni e delle falde superficiali e di profondità, ricadenti all’interno del perimetro dello stabilimento Ilva di Taranto e unicamente a spese dell’Ilva spa. Tutti i procedimenti atti alla caratterizzazione, messa in sicurezza e bonifica ambientale dei terreni e delle falde superficiale e di profondità, devono essere pianificati, sentite le competenti Commissioni parlamentari, entro sei mesi dalla data di nomina del commissario di cui al comma 1 dell’articolo 1.»
    12. 10. De Lorenzis, Nicola Bianchi, Paolo Nicolò Romano, Cozzolino, Dadone, Liuzzi, Cristian Iannuzzi.

    Dopo il comma 1 aggiungere il seguente:
    1-bis. All’articolo 2 del decreto-legge n. 61 del 2013, convertito, con modificazioni, dalla legge n. 89 del 3 agosto 2013, dopo il comma 2 è aggiunto il seguente:
    «2-bis. La società commissariata di cui al comma 1, articolo 2, prima della definizione del piano di cui al comma 6 dell’articolo 1, stipula garanzie fideiussorie, a tutela dell’ambiente e dei lavoratori, che saranno utilizzate esclusivamente per la conversione dello stabilimento e chiusura dell’area a caldo, il mantenimento del reddito dei lavoratori fino al compimento dei lavori di caratterizzazione, la messa in sicurezza e la bonifica ambientale dei terreni e delle falde superficiali e di profondità, ricadenti all’interno del perimetro dello stabilimento. Il Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare è tenuto a riferire semestralmente alle Camere su tutti gli interventi finalizzati alla caratterizzazione, messa in sicurezza e bonifica ambientale dei terreni e delle falde superficiali e di profondità.»
    12. 203. De Lorenzis, Nicola Bianchi, Paolo Nicolò Romano, Liuzzi, Cristian Iannuzzi.

    Dopo il comma 1, aggiungere il seguente:
    1-bis. I fondi stanziati per l’aerea del «Mar Piccolo» a seguito del Protocollo d’intesa del 26 luglio 2012 sanciti dall’articolo 1 del decreto-legge 7 agosto 2012, n. 129, convertito dalla legge 4 ottobre 2012, n. 171, cambiano destinazione d’uso e sono impiegati per garantire ai lavoratori dell’area a caldo dello stabilimento tarantino dell’Ilva spa, corsi di formazione in ambito ambientale e reinserimento nel mondo lavorativo.
    12. 24. De Lorenzis, Nicola Bianchi, Paolo Nicolò Romano, Cozzolino, Dadone, Liuzzi, Cristian Iannuzzi.

    Dopo il comma 1 aggiungere il seguente:
    1-bis. Le autorizzazioni alla costruzione e gestione delle discariche di cui comma 1 sono subordinate e attuabili solo dopo aver effettuato gli adeguati carotaggi e tutti i procedimenti idonei al fine di riconoscere ed individuare la tipologia di codici CER già smaltite nelle discariche di cui al comma 1.
    12. 21. De Lorenzis, Crippa, Fantinati, Da Villa, Petraroli, Della Valle, Mucci, Prodani, Vallascas, Nicola Bianchi, Paolo Nicolò Romano, Cozzolino, Dadone, Liuzzi, Cristian Iannuzzi.

    Dopo il comma 1 aggiungere il seguente:
    1-bis. Nel rispetto delle direttive europee e della legislazione vigente, le discariche di cui al comma 1, sono autorizzate previa nuova procedura di VIA e AIA e solo se i procedimenti suddetti terminano con esito positivo.
    12. 18. De Lorenzis, Nicola Bianchi, Paolo Nicolò Romano, Cozzolino, Dadone, Liuzzi, Cristian Iannuzzi.

    Sopprimere il comma 2.
    12. 12. De Lorenzis, Nicola Bianchi, Paolo Nicolò Romano, Cozzolino, Dadone, Liuzzi, Cristian Iannuzzi.

    Al comma 2, sostituire le parole: 30 giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto con le seguenti: i termini congrui alla acquisizione del giudizio di VIA e di AIA.
    12. 204. Crippa, Petraroli, Fantinati, Mucci, Da Villa, Della Valle, Vallascas, Prodani.

    Al comma 2, sostituire le parole: sentita l’Agenzia regionale per la protezione ambientale (ARPA) con le seguenti: sentito l’Istituto superiore per la protezione e ricerca ambientale.
    12. 205. Matteo Bragantini.

    Al comma 2, sostituire la parola: sentita con le seguenti: sentiti l’Istituto superiore per la protezione e ricerca ambientale e.
    12. 2. Mannino, Crippa, Busto, Daga, De Rosa, Segoni, Terzoni, Tofalo, Zolezzi, Dadone.

    Dopo il comma 2, aggiungere il seguente:
    2-bis. Il sub-commissario di cui al comma 2 trasmette semestralmente al Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, nonché alle Commissioni parlamentari competenti per materia, una relazione concernente:
    a) lo stato di realizzazione per ciascuna delle discariche di cui al comma 1;
    b) il monitoraggio e la rendicontazione economico-finanziaria degli interventi sugli impianti e di quelli relativi al risanamento ambientale;
    c) le attività svolte, anche per il superamento delle criticità, in relazione allo stato di attuazione degli interventi posti in essere;
    d) le spese sostenute per la gestione delle discariche e per gli ulteriori interventi di risanamento ambientale di cui al comma 1;
    e) i monitoraggi ambientali, da effettuare con cadenza mensile, in corso o da svolgere sulle aree a monte e a valle delle discariche, con l’esplicita segnalazione dei valori in esubero, nonché con l’indicazione degli effetti registrati sull’aria, sulle acque superficiali e sulle falde acquifere in conseguenza dei valori che oltrepassano i limiti stabiliti.
    12. 29. Labriola, Lo Monte, Capelli, Di Gioia, Locatelli, Pastorelli, Zaccagnini.

    Dopo il comma 2, aggiungere il seguente:
    2-bis. Il sub-commissario di cui al comma 2 trasmette semestralmente al Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, nonché alle Commissioni parlamentari competenti per materia, una relazione concernente:
    a) lo stato di realizzazione per ciascuna delle discariche di cui al comma 1;
    b) il monitoraggio e la rendicontazione economico-finanziaria degli interventi sugli impianti e di quelli relativi al risanamento ambientale;
    c) le attività svolte, anche per il superamento delle criticità, in relazione allo stato di attuazione degli interventi posti in essere;
    d) le spese sostenute per la gestione delle discariche e per gli ulteriori interventi di risanamento ambientale di cui al comma 1;
    e) i monitoraggi ambientali in corso o da svolgere sulle aree a monte e a valle delle discariche, con l’esplicita segnalazione dei valori in esubero, nonché con l’indicazione degli effetti registrati sull’aria, sulle acque superficiali e sulle falde acquifere in conseguenza dei valori che oltrepassano i limiti stabiliti.
    12. 3. Mannino, Crippa, Busto, Daga, De Rosa, Segoni, Terzoni, Tofalo, Zolezzi, Dadone.

    Sopprimere il comma 3.
    12. 4. Mannino, Crippa, Busto, Daga, De Rosa, Segoni, Terzoni, Tofalo, Zolezzi, Dadone.

    Sopprimere il comma 4.
    *12. 5. Mannino, Crippa, Busto, Daga, De Rosa, Segoni, Terzoni, Tofalo, Zolezzi, Dadone, De Lorenzis, Nicola Bianchi, Paolo Nicolò Romano, Liuzzi, Cozzolino, Cristian Iannuzzi.

    Sopprimere il comma 4.
    *12. 31. Pilozzi, Kronbichler, Migliore, Airaudo, Di Salvo, Placido, Lacquaniti, Ferrara, Matarrelli, Zan, Pellegrino, Zaratti, Duranti.

    Al comma 4, primo periodo, dopo le parole: del decreto-legge n. 61 del 2013, aggiungere la seguente: non.
    12. 6. Mannino, Crippa, Busto, Daga, De Rosa, Segoni, Terzoni, Tofalo, Zolezzi, Dadone, Businarolo, Sarti, Agostinelli, Ferraresi, Micillo, Turco, Bonafede.

    Sopprimere il comma 5.
    12. 7. Mannino, Crippa, Busto, Daga, De Rosa, Segoni, Terzoni, Tofalo, Zolezzi, Dadone.

    Al comma 5, dopo le parole: prededucibili aggiungere le seguenti: sino al limite del 30 per cento del finanziamento erogato.
    12. 208. Turco, Agostinelli, Businarolo, Colletti, Ferraresi, Micillo, Sarti.

    Sopprimere i commi 5-bis e 5-ter.
    12. 8. Busto, Daga, De Rosa, Segoni, Terzoni, Tofalo, Zolezzi, Dadone.

    Al comma 5-bis, capoverso, primo periodo, dopo le parole: lo sviluppo aziendali aggiungere le seguenti: nonché la conservazione dell’integrità e del valore del patrimonio sociale.
    12. 209. Businarolo, Colletti, Sarti, Agostinelli, Micillo, Turco, Bonafede.

    Al comma 5-bis, capoverso, primo periodo, dopo la parola: riferendone aggiungere le seguenti: almeno trimestralmente.
    12. 210. Businarolo, Colletti, Sarti, Agostinelli, Ferraresi, Micillo, Turco, Bonafede.

    Al comma 5-bis, capoverso, secondo periodo, sostituire le parole: nell’esercizio dei poteri di azionista con le seguenti: in luogo degli organi societari.
    12. 211. Businarolo, Colletti, Sarti, Agostinelli, Ferraresi, Micillo, Turco, Bonafede.

    Dopo il comma 5-bis, aggiungere il seguente comma:
    5.1. L’articolo 53 del decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231, come integrato dal comma 5-bis, si applica anche ai sequestri già disposti alla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto.
    12. 26. Matarrese, Oliaro.

    Al comma 5-ter, sostituire le parole: Al commissario è attribuito il potere di con le seguenti: Il commissario deve
    12. 211. Businarolo, Colletti, Sarti, Agostinelli, Ferraresi, Micillo, Turco, Bonafede.

    Al comma 6, sostituire le parole: (AIA) ivi richiamate con le seguenti: (AIA 3).

    Conseguentemente, al medesimo comma, sostituire le parole: sentite la regione Puglia e con le seguenti: d’intesa con la regione Puglia e sentita.
    12. 32. Pilozzi, Kronbichler, Migliore, Airaudo, Di Salvo, Placido, Lacquaniti, Ferrara, Matarrelli, Zan, Pellegrino, Zaratti, Duranti.

    Dopo l’articolo 12, aggiungere il seguente:Art. 12.1. – (Disposizioni in materia di siti di interesse strategico nazionale). – 1. All’articolo 19 delle legge 12 novembre 2011, n. 183, i commi 2 e 3 sono abrogati.
    12. 01. Mannino, Crippa, Busto, Daga, De Rosa, Segoni, Terzoni, Tofalo, Zolezzi, Dadone.