opzione donna 2017

SPECIALE PENSIONI: scopri qui l’eBook di 82 pagine in formato PDF con 1 anno di aggiornamenti inclusi inviati direttamente tramite email!

Per quanto riguarda le modalità con cui presentare la domanda di pensione anticipata tramite l’Opzione donna non sono previsti limiti di tempo. Infatti, tutte le lavoratrici che vorranno usufruire del trattamento hanno a disposizione tutto il tempo necessario per valutare le relative opzioni.

Attenzione, però, perché in alcuni casi non risulta conveniente avvalersi dell’Opzione Donna essendo invece consigliabile attendere il raggiungimento della pensione di vecchiaia o delle altre forme di pensione anticipata.


Per maggiori dettagli si consiglia SPECIALE PENSIONE ANTICIPATA: QUANDO E PER CHI

Opzione donna 2017: tutte le novità

Come noto, si tratta di una misura volta a permettere alle lavoratrici dipendenti e a quelle autonome di andare in pensione anticipata rispettivamente a 57 anni e 7 mesi e 58 anni e 7 mesi se in possesso di almeno 35 anni di contributi.

Per via dell’ampliamento previsto dalla Legge di Stabilità 2017, a partire dal prossimo anno le lavoratrici per usufruire della misura dovranno aver maturato i detti requisiti entro il 31 luglio 2016 (e non più entro il 31 dicembre 2015).

In altre parole, dal 2017 avranno la possibilità di beneficiare dell’Opzione Donna le lavoratrici dipendenti nate fino al mese di dicembre del 1958 e le lavoratrici autonome nate fino a dicembre del 1957.

Opzione donna 2017: a chi è estesa

L’Opzione Donna 2017 verrà ampliata a circa 2.600 lavoratrici dipendenti, 670 autonome e 860 lavoratrici del settore pubblico, per un totale di oltre 4mila nuove donne. In base a quanto previsto, però, la nuova Opzione donna prevede che la decorrenza della pensione anticipata scatterà 12 mesi dopo la maturazione dei requisiti di età e anzianità contributiva.

Quindi, le lavoratrici autonome godranno di trattamenti più sfavorevoli  in quanto per loro la decorrenza scatterà 18 mesi dopo la maturazione di tutti i requisiti.

Qui per conoscere tutte le novità della Riforma pensioni 

Pensione anticipata: quali sono i limiti di tempo per la domanda?

Come anticipato, una volta trascorso il periodo di 12 o 18 mesi, si può presentare domanda per la pensione anticipata senza particolari vincoli temporali. L’Inps lo aveva già confermato: si tratta della cosiddetta cristallizzazione dei requisiti.

Dal momento che per la presentazione della domanda di pensione anticipata non sono previsti limiti di tempo, è bene riflettere se conviene o meno abbandonare il lavoro a 57 (o 58) anni usufruendo dell’Opzione donna in quanto quest’ultima, almeno  sotto il profilo economico, presenta evidenti svantaggi.

Opzione donna 2017: vantaggi e svantaggi

Come anticipato sopra, l’Opzione Donna implica svantaggi dal punto di vista economico in quanto comporta un importante taglio alla pensione. Le lavoratrici che, infatti, decideranno di avvalersi della misura saranno tenute ad accettare il ricalcolo contributivo dell’importo della pensione.

Con il sistema  contributivo il calcolo della pensione è basato sui contributi effettivamente versati e non, come invece accade con quello retributivo, sulla media dei redditi degli ultimi 10 o 15 anni. Questo implica, quindi, un taglio dell’assegno che, stando alle stime ufficiali, dovrebbe essere del 18% per le lavoratrici dipendenti e del 27% per le autonome.


CONDIVIDI
Articolo precedenteIVA 2016: scadenza vicina. Come saldare il debito d’imposta?
Articolo successivoConcorso Cancellieri 2016: domani scade la domanda

36 COMMENTI

  1. Sono nata il 13/1/59 vorrei sapere con opzione donna quando potrei andare in pensione dipendente privato

  2. Sono una dipendente statale. Andrò in pensione con l’opzione donna dal primo febbraio 2018.Ho compiuto 60 anni a settembre 2017 e con il riscatto di laurea maturo 39 anni di contributi al primo dicembre 2017.Quale sarà all’incirca l’importo della pensione e del TFR ? E perché dovrò attendere 24 mesi per il TFR, quando ho letto testualmente ” L’Opzione Donna è una forma di pensione anticipata che prevede penalizzazioni (perché l’assegno è calcolato con il metodo contributivo). In base alle regole descritte nella circolare INPS 154/2015, i dipendenti pubblici che maturano il diritto a pensione fra il 2012 e il 2017 prendono il TFR dopo 12 mesi, a prescindere dalle penalizzazioni.? Grazie mille

  3. Buon giorno, lavoro dal luglio 1979 ed all’Inps mi hanno detto che potrei andare in pensione con l’opzione donna, è giusto vero? ma licenziandomi entro dicembre 2017, prenderei già la pensione, che mi dicono essere di E.1100 a partire da gennaio 2018? ho molta apprensione per questo. sono anche in trattative con la mia azienda stessa però.
    grazie mille per una vs. gentile risposta. sono nata il 21 marzo 1955, ho 62 anni.

  4. Ho 57 anni Ad oggi ho maturato 36 anni e 7 mesi di contributi; posso riscattare 15 mesi di laurea, e sono invalida all’80% con decorrenza marzo 2015. Quando posso andare in pensione senza penalizzazioni. E con penalizzazioni?
    Grazie per la risposta
    Anna Maria

  5. Buongiorno:
    Sono nata il 08/03/1954, ad oggi ho maturato 20 anni e 6 mesi di contribuzione come lavoratore dipendente privato.
    Quando posso andare in pensione ?
    Posso usufruire dell’opzione donna ?

  6. la mia data di nascita è 30/ 06/ 1957. il 31 dicembre vado a maturare 35 anni di contributi, essendo io , invalida con una percentuale dell’ 80% e riconosciuta la mia invalidità con la legge 104, posso io chiedere la pensione con questi contributi ?

  7. Buon giorno io ho iniziato a lavorare il primo giugno del 79 stagionale in albergo lavorando dai 7 o 8 mesi da cirealizzare 10 anni i mesi sono 10 …quando andrò in pensione. ?

  8. Nicoletta nata il 5 luglio 1961. Pagando ovviamente una penale posso lasciare il mio lavoro di insegnante statale a tempo indeterminato iniziato il 14 settembre 1984?

  9. sono nata il 04/12/59 dovrei andare in pensione il 1 gennaio 2027 lavoro in una pubblica amministrazione potrei avere possibilità di andare in pensione prima?

  10. SONO NATA IL 17/03/1959 AD OGGI HO MATURATO 1896 SETTIMANE DI LAVORO . POTREI ANDARE IN PENSIONE CON L’OPZIONE DONNA?

  11. salve sono leonilda,nata il 3/10/1955,lavoro nella p.a.settore istruzione qualifica collaboratore scolastico dal 2/6/1982, più 15 mesi di maternità x figli avuti prima del rapporto di lavoro,quando posso andare in pensione?
    grazie

  12. Ho 38 anni di servizio e 62 di età uno stipendio di 1470 circa che pensione avrò con opzione donna?

  13. mia moglie è nata il 31/03/1959- ha maturato 38,6 anni di contributi nel settore agricoltura, può usufruire dell’opzione donna,visto la legge di stabilità 2017 che prevede estenzione fino al 31/07/2016.

  14. sono nata a Marzo 1959 assunta nel 1979 posso andare in pensione con opzione donne con i requisiti a luglio 2017

  15. sono nata il 05/02/ 1957 a maggio 2017 verranno maturati 35 anni di contributi posso presentare la domanda ? grazie anticipatamente x la risposta

  16. buon giorno sono nata il 18/03/1959 con 39 anni e 6 mesi di lavoro posso accedere al opzione donna?

  17. Buonasera, ho maturato 35 anni di contributi il 15/02/2016 sono autonoma e sono nata il 27/09/1957, la mia domanda e’: posso andare in pensione con opzione donna?
    E nel caso quando percepirei la pensione?
    Grazie dell’attenzione.resto in attesa di risposta.

  18. Buongiorno, mi chiamo Sandra, vorrei sapere se con 35 anni di contributi maturati al 31.12.2016 come lavoratrice dipendente nel settore agricolo, posso essere collocata in pensione con il metodo opzione donna.Preciso che sono nata nel mese di maggio 1959.
    In attesa di risposta ringrazio.

  19. buona sera sono del 29 11 1959 .ho maturato 36 anni di contributi, nel pubblico, entro il 2016 . posso accedere, entro il 2017 ,fare domanda per lo opzione donna. attendo risposta grazie.

  20. Buon pomeriggio, io non ci capisco nulla ….
    chiedo solamente se con 1846 settimane (per requisito contributivo collegato all’età) oppure 1873 settimane (per requisito contributivo in alternativa all’età) questi dati mi sono arrivati da estratto certificato inps alla data del 31/10/2016 posso andare in pensione con OPZIONE DONNA tengo a precisare che sono nata il 24/07/1959.
    grazie della vostra risposta.
    in attesa cordialmente ringrazio e saluto

  21. rettifica: sono nata nel marzo 1957, ho maturato al 31/12/2015 36 anni e 4 mesi comprensivi di lavoro dipendente e gestione separata come libero professionista. posso usufruire(con la ricongiunzione dei contributi) dell’opzione donna?

  22. sono nata a marzo 2016, ho maturato al 31/12/2015 36 anni e 4 mesi comprensivi di lavoro dipendente e gestione separata come libero professionista. posso usufruire(con la ricongiunzione dei contributi) dell’opzione donna?

  23. Mia moglie ha maturato 35 anni di contributi Aprile 2016 , a Novembre 2016 ha compiuto 60 anni di età, Si può capire se Lei rientra in questa formula visto che l’hanno slittata a luglio 2016 ? O doveva maturare 35 anni di contributi il 31 dicembre 2015? Come si legge dovrebbe entrare ! Perché se non è così e doveva maturare sempre i 35 anni di contributi il 31/12/2015 è una cattiveria.

  24. Sono nata il 16/02/1959 e sono stata assunta nel marzo 1980. Non mi è chiaro se ho i requisiti per usufruire dell’opzione donna.

  25. Sono nata il 15/03/1956 (57anni e 3 mesi entro il 31/12/2015) 35 anni di contributi entro il 31/03/2016.
    Posso andare in pensione con opzione donna con decorrenza 01/04/2017?

  26. Io non trovo giusto che tutte le altre donne pur avendo raggiunto i 35 anni di contributi nel 2015 non possono avvalersi dell’opzione donna come me che sono del 1961 e avrò nel 2018 i 57 anni d’età purtroppo sono stata assunta nel dicembre 1979 pur lavorando dal 1977

  27. ” – “Con il sistema contributivo il calcolo della pensione è basato sui contributi effettivamente versati e non, come invece accade con quello retributivo, sulla media dei redditi degli ultimi 10 o 15 anni.”

    Non è così: dal 2012 il calcolo delle pensioni è effettuato tutto con il sistema contributivo. Solo l’anzianità maturata prima di tale data viene conteggiata come avete detto. Il risultato non è lo stesso.

  28. Avete scritto due inesattezze:
    1 – “… Per via dell’ampliamento previsto dalla Legge di Stabilità 2017, a partire dal prossimo anno le lavoratrici per usufruire della misura dovranno aver maturato i detti requisiti entro il 31 luglio 2016 (e non più entro il 31 dicembre 2015).
    In altre parole, dal 2017 avranno la possibilità di beneficiare dell’Opzione Donna le lavoratrici dipendenti nate fino al mese di dicembre del 1958 e le lavoratrici autonome nate fino a dicembre del 1957.”
    NON E’ COSI’ –
    I requisiti (che sono due: età e anzianità contributiva contributiva di 35 anni) devono essere maturati entrambi entro il 31 dicembre 2015 !!

    Dal vostro articolo invece si deduce invece che anche chi avesse maturato i 35 anni di contributi entro il 31 luglio 2016 potrebbe andare in pensione.

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here