La legge di Stabilità 2016 deve assolutamente contenere tre provvedimenti: l’estensione dell’Opzione donna al 31 dicembre 2015, la settima salvaguardia per gli esodati e la flessibilità in uscita. E’ quanto chiesto dal Presidente della Commissione Lavoro, Cesare Damiano che insiste sul fatto che, in materia di pensionamento anticipato, il premier Renzi commetterebbe “un grave errore a rimandare la questione della flessibilità al 2016”.

LEGGI ANCHE:

Riforma Pensioni, Stabilità 2016: no alla flessibilità, cosa si prevede?


Pensioni, sindacati in rivolta: “Flessibilità da subito”

Pensioni, legge di Stabilità: inserite settima salvaguardia e opzione donna

“La sua proposta di flessibilità a partire da 62 anni d’età con 35 di contributi e l’8% di penalizzazioni – sottolinea Damiano -peserebbe sui conti dello Stato solo per i primi 4 anni, per i restanti 19 (considerando l’aspettativa di vita a 85 anni) lo Stato andrebbe incontro a risparmi”.

Non si può fare riferimento a costi aggiuntivi per la questione salvaguardia-esodati e Opzione donna. Secondo Damiano, infatti, i risparmi ci sono, vanno solo “restituiti” per poter garantire tutela ai 26mila esodati e poter ripristinare i termini stabiliti dalla Legge 243/2004.

In riferimento ai precoci, la quota 41, vale a dire l’uscita dal lavoro dopo 41 anni di contributi versati senza penalizzazioni e limiti d’età, va assolutamente concessa. Non si può calcolare l’aspettativa di vita per tutti in maniera uguale, ma è necessaria una distinzione che si basi sul lavoro svolto affinché il sistema pensionistico sia equo. Questa l’opinione di Damiano secondo cui “chi svolge mestieri ben retribuiti e non usuranti ha mediamente un’aspettativa di vita maggiore rispetto a chi svolge professioni pesanti”.

Intanto il Presidente del Consiglio, Matteo Renzi, sembra non voler tornare sui suoi passi rassicurando comunque che l’intervento sulla flessibilità in uscita sarà fatto agli inizi del prossimo anno. “Il provvedimento sulla flessibilità delle pensioni – fa sapere Renzi – sono pronto a chiuderlo nel giro di pochi mesi ma non in modo raffazzonato”. “Faremo partire con l’Inps un grande lavoro di coinvolgimento degli interessati”, ha concluso.

Non si esclude, tuttavia, che il ddl possa essere depositato già a dicembre per poi rimandarne la discussione agli inizi del 2016. C’è chi invece, come Maurizio Sacconi, Presidente della Commissione Lavoro di Palazzo Madama, propende per una Legge Delega.

Nonostante legge di Stabilità non comprenderà misure di flessibilità in uscita la manovra dovrebbe comunque prevedere la settima salvaguardia (la Commissione Lavoro della Camera ha licenziato il 1° ottobre un testo unitario che ora attende di essere  recepito dal Governo) e una soluzione alla questione Opzione donna che revisioni le due Circolari Inps del 2012 che non permettono alle lavoratrici che hanno maturato i requisiti nel 2015 di accedere al ricalcolo contributivo dell’assegno.

Per saperlo dovremmo attendere domani con l’approvazione del Cdm della legge di Stabilità.

LEGGI ANCHE:

Legge di Stabilità: il tetto del contante si alza da mille a 3mila euro

Legge di Stabilità 2016: ammortamenti, bonus 80 euro, con quali coperture?


CONDIVIDI
Articolo precedenteMitsubishi Lancer Evolution Final Edition
Articolo successivoAuto: via il tagliando, resta l’obbligo di esporre il certificato di assicurazione

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here