Mentre manca meno di un giorno al via libera alla manovra di Stabilità 2016, rimane aperta la partita sul capitolo pensioni che vede schierati, da un parte, il Governo e, dall’altra, le parti sociali, l’opposizione, oltre a una parte della stessa maggioranza Pd.

LEGGI ANCHE:  Pensioni: Renzi dice addio alla flessibilità in Stabilità

Alla luce del Consiglio dei Ministri preliminare di lunedì sera, pare confermato il freno alla misura di flessibilità in uscita, rinviata al 2016. L’Esecutivo, infatti, dopo aver vagliato ipotesi e proposte per introdurre nuove modalità di accesso anticipato alla pensione, con l’intento correlato di agevolare l’occupazione giovanile liberando nuovi posti, ha deciso di far slittare la manovra perché non è stato possibile trovare in tempo una soluzione “che non faccia danni”, come confermato dallo stesso Presidente del Consiglio Renzi.


Che cosa conterrà dunque la prossima manovra di Stabilità? Nessuna marcia indietro per la questione esodati e l’Opzione donna. Entrambe, infatti, troveranno posta nella legge di bilancio. L’intervento riguardante la settima (e pare ultima) salvaguardia per i restanti 26.000 esodati non tutelati sarà finanziata con i 500milioni di euro che sono derivati proprio dalle precedenti manovre di tutela per i lavoratori usciti con più danni dalla riforma Fornero.

LEGGI ANCHE:  Pensioni, legge di Stabilità: inserite settima salvaguardia e opzione donna

L’intervento per la proroga dell’Opzione donna fino al termine del 31 dicembre 2015, invece, permetterà alle lavoratrici che hanno maturato quest’anno sia i requisiti anagrafici che quelli contributivi, di poter accedere alla pensione anticipata con 57 anni di età e 35 di contributi previdenziali, con una penalizzazione però pari a circa il 30% dell’assegno.

LEGGI ANCHE:  Opzione donna: quali lavoratrici potranno “optare” anche dopo il 2015

Sulla decisione di rinviare la modifica strutturale della legge Fornero, i sindacati continuano ad esprimere unanimi il proprio dissenso. In un comunicato diffuso dai rappresentanti regionali di Cgil, Cisl e Uil di Roma e Lazio, Claudio Di Berardino, Mario Bertone e Alberto Civica, si legge: “La legge Fornero va modificata. Bisogna agire dentro la legge di Stabilità”. A margine del presidio che si è svolto lunedì in piazza Ss. Apostoli a Roma, i tre dirigenti sindacali hanno commentato: “ La previdenza deve tornare a essere per il Governo un tema prioritario perché in questo risiede la civiltà e la dignità di un Paese”.

LEGGI ANCHE:  Pensioni, sindacati in rivolta: “Flessibilità da subito”

Altre proteste sono andate in scena, ieri, in Toscana per indurre i gruppi parlamentari, nel percorso parlamentare della legge di bilancio in calendario per domani, a convertire il generale dissenso in proposte concrete sotto forma di emendamenti alla manovra di Stabilità 2016.


CONDIVIDI
Articolo precedentePasso carrabile: edificio con più proprietari ed individuazione delle responsabilità
Articolo successivoCassa integrazione straordinaria: nuovi costi per imprese e nuovi requisiti, quali?

1 COOMENTO

  1. FINIAMOLA “RENZI DICE NO ALLA FLESSIBILITÀ” Sarà pure Renzi a dire NO ma a tutt’oggi mi risulta ke l’ITALIA sia una REPUBBLICA non una dittatura non una MONARCHIA pertanto le decisioni vengono prese ANCORA a MAGGIORANZA E NELLA SEDE PREPOSTA . Sono stanca e disgustata, mi sento con le sspalle al muro e derubata dei miei diritti :Ho 62 anni , 40 anni di contributi e la sveglia per me continua a suonare tutte le mattine .Sono una maestra ma non ho più voglia di insegnare dopo averlo fatto con amore e passione OGGI mi sento in Prigione

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here