A dispetto del rigore del dress code parlamentare che imporrebbe completi “altamente” formali, i neo-eletti grillini potrebbero introdurre variazioni dal tono decisamente più ufficioso. La carica dei 162 parlamentari a Cinque stelle è schierata infatti da una lunga fila di persone “normali”, anagraficamente piuttosto giovani,  calate, sì, nella società civile ma del tutto estranee ai meandri istituzionali.

Sono in tanti ad interrogarsi su quali saranno le indicazioni, di etichetta e non, che il guru genovese impartirà loro in vista dell’ufficiale ingresso in Camera e Senato. Certo è che gli incaricati hanno già declinato l’appellativo di “onorevole” in favore del più democratico “cittadino/a”. Restano ora da seguire quali saranno i passi successivi dei nuovi volti “riformatori”.

Alla Camera dei Deputati i rappresentanti del movimento di Grillo sono 108, tutti molto giovani, spesso giovanissimi: basti pensare che ben cinque tra gli eletti hanno da poco raggiunto la soglia minima per accedere in aula, ossia 25 anni. Un manipolo di donne e uomini che approdano per la prima volta ai ranghi politici: studenti, medici, avvocati, insegnanti, ma anche operai, casalinghe e disoccupati. Uno scenario dunque alquanto innovativo nel quale spicca una componente femminile (34% alla Camera, 44% al Senato) decisamente superiore, con poche eccezioni, alla media partitica tradizionale. L’elenco dei nomi è lungo ma doveroso:

Piemonte 1: Laura Castelli, Silvia Chimienti, Eleonora Bechis, Ivan Della Valle.

Piemonte2: Fabiana Dadone, Davide Crippa, Mirko Busto, Paolo Romano.

Lombardia1: Paola Carinelli, Massimo De Rosa, Vincenzo Caso, Manlio Di Stefano, Valerio Fata, Davide Tripiedi.

Lombardia2: Claudio Cominardi, Tatiana Basilio, Giorgio Sorial, Ivan Catalano, Cosimo Petraroli, Ferdinando Alberti, Danilo Toninelli.

Lombardia3: Danilo Toninelli, Alberto Zolezzi.

Veneto1: Silvia Benedetti, Gessica Rostellato, Marco Brignerotto, Mattia Fantinati, Tancredi Turco, Francesca Businarolo.

Veneto2: Marco De Villa, Federico D’Inca, Emanuele Cozzolino, Arianna Spessotto.

Liguria: Matteo Mantero.

Friuli Venezia Giulia: Aris Prodani.

Emilia Romagna: Giulia Sarti, Mara Mucci, Matteo Dell’Osso, Maria Spadoni, Vittorio Ferraresi, Paolo Bernini, Michele Dall’Orco.

Toscana: Alfonso Bonafede, Massimo Artini, Marco Baldassarre, Chiara Gagnarli, Samuele Segoni.

Marche: Donatella Agostinelli, Andrea Cecconi, Patrizia Terzoni.

Umbria: Tiziana Ciprini, Filippo Gallinella.

Lazio1: Massimo Baroni, Federica Daga, Marta Grande, Roberta Lombardi, Alessandro Di Battista, Adriano Zaccagnini, Carla Ruocco, Stefano Vignaroli.

Lazio2: Massimiliano Bernini, Cristian Iannuzzi, Luca Frusone.

Abruzzo: Gianluca Vacca, Andrea Colletti, Daniele Del Grosso.

Calabria: Dalida Nesci, Sebastiano Barbanti, Federica Dieni, Paolo Parentela.

Campania1: Roberto Fico, Luigi Di Maio, Salvatore Micillo, Vega Colonnese, Luigi Gallo.

Campani2: Angelo Tofalo, Silvia Giordano, Carlo Sibilla, Girolamo Pisano.

Puglia: Giuseppe D’Ambrosio, Guiseppe L’Abate, Diego De Lorenzis, Giuseppe Brescia, Alessandro Furnari, Emanuele Scagliusi, Francesco Cariello, Vincenza Labriola.

Sardegna: Emanuela Corda, Andrea Vallascas, Paola Pinna, Nicola Bianchi.

Sicilia1: Riccardo Nuti, Giulia Di Vita, Chiara Di Benedetto, Loredana Lupo, Claudia Mannino, Azzurra Cancellieri.

Sicilia2: Giulia Grillo, Tommaso Currò, Maria Marzana, Marialucia Lorefice, Francesco D’Uva, Gianluca Rizzo, Alessio Villarosa.

Trentino: Riccardo Fraccaro, Mirella Liuzzi.

A Palazzo Madama, i senatori grillini sono 54, e anche in questo caso si tratta di persone con esperienze calate sul territorio, e poca politica alle spalle. Lo scenario elettorale instabile, che ha visto spaccarsi il Paese sostanzialmente in tre fazioni, mette nelle mani proprio di questi cittadini le sorti del Governo. I volti nuovi in Senato sono:

Piemonte: Marco Scibona, Carlo Martelli, Alberto Airola.

Lombardia: Giovanna Mangili, Vito Claudio Crimi, Luigi Gaetti, Monica Casaletto, Laura Bignami, Luis Alberto Orellana, Paolo Cicerone.

Veneto: Enrico Cappelletti, Paola De Pin, Giovanni Endrizzi, Gianni Pietro Girotto.

Liguria: Cristina Di Pietro.

Marche: Serenella Fukcsia.

Friuli Venezia Giulia: Lorenzo Battista.

Emilia Romagna: Adele Gambaro, Maria Mussini, Elisa Bulgarelli, Michela Montevecchi.

Toscana: Laura Bottici, Alessandra Bencini, Maurizio Romani, Sara Paglini.

Lazio: Fabiola Anitori, Giuseppe Vacciano, Paola Taverna, Marino Mastrangeli, Elena Fattori, Ivana Simeoni.

Umbria: Stefano Lucidi.

Basilicata: Vito Rosario Petrocelli.

Abruzzo: Enza Blundo, Gianluca Castaldi.

Calabria: Francesco Molinari, Ivan Pastore.

Campania: Vilma Moronese, Sergio Puglia, Andrea Cioffi, Paola Nugnes, Pepe Bartolomeo.

Puglia: Rosa D’Amato, Maurizio Buccarella, Alfonso Ciampolillo, Tiziana Buccarella.

Sardegna: Emanuela Serra, Roberto Cotti.

Sicilia: Francesco Campanella, Michele Mario Giarrusso, Vincenzo Santangelo, Nunzia Catalfo, Fabrizio Bocchino, Ornella Bertorotta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


SCRIVI UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento!
Inserisci il tuo nome