Assegno di mantenimento, gestione separata tra quello per la moglie e quello per i figli

Redazione 31/08/17
Scarica PDF Stampa
L’assegno di mantenimento per la moglie non può aumentare se il marito non mantiene più i figli maggiorenni. Con la sentenza n.19746 del 9 agosto scorso la Corte di Cassazione ha respinto il ricorso della ex moglie di un imprenditore che chiedeva un innalzamento dell’importo del proprio assegno di mantenimento e di quello per il figlio minorenne, visto che l’ex marito non doveva più provvedere per i due figli maggiorenni.

Inizialmente il tribunale di Bologna aveva accolto il ricorso della donna e aveva portato l’assegno a lei destinato da 1.600 a 2.400 euro e mantenendo fermo a 1.800 euro quello per il figlio minorenne. Lo stesso giudice aveva disposto la revoca dell’assegno per il figlio più grande autosufficiente e la riduzione a 1.000 euro per il secondogenito, anche lui maggiorenne.

La Corte d’Appello di Bologna ha in seguito respinto il ricorso avanzato dalla signora che giustificava l’innalzamento dell’assegno a lei destinato anche per far fronte alla gestione e manutenzione della casa familiare a lei assegnata.

I giudici della Corte di Appello hanno precisato che “le obbligazioni verso i figli e quelle verso la moglie operano su piani differenti e non può la caduta o la riduzione delle prime andare automaticamente a favore delle altre”.

Sul taglio del mantenimento versi i figli maggiorenni i giudici hanno dichiarato che la revoca o la riduzione del mantenimento può avvenire  a seguito dell’indipendenza, ma anche quando un figlio decide di non acquisire la propria indipendenza economica, rifiutando un lavoro adatto alla professionalità acquisita.

Leggi anche Mantenimento figlio maggiorenne: quando termina?

La Corte di Cassazione ha confermato la decisione della Corte di Appello.

Volume consigliato

Assegno divorzile e nuovi parametri dopo la sentenza n. 11504/2017

Soluzioni di Diritto è una collana che offre soluzioni operative per la pratica professionale o letture chiare di problematiche di attualità. Uno strumento di lavoro e di approfondimento spendibile quotidianamente. L’esposizione è lontana dalla banale ricostruzione manualistica degli istituti ovvero dalla sterile enunciazione di massime giurisprudenziali. Si giunge a dare esaustive soluzioni ai quesiti che gli operatori del diritto incontrano nella pratica attraverso l’analisi delle norme, itinerari dottrinali e giurisprudenziali e consigli operativi sul piano processuale. Corredata delle più utili formule di riferimento, l’opera esamina, con taglio pratico e forma accessibile, le questioni maggiormente dibattute relative all’assegno divorzile, fino all’analisi della ormai famosa sentenza n. 11504 del 10 maggio 2017.Attraverso un’originale struttura, il testo risponde ai quesiti che più frequentemente ci si pone, tra cui: in cosa consiste il tenore di vita ed è ancora valido quale parametro? Come si può ottenere la modifica dell’importo dell’assegno? Quali azioni sono esperibili per il recupero dell’assegno?Per garantire uno strumento immediatamente operativo le risposte ai quesiti sono accompagnate dalle principali formule di riferimento.Manuela RinaldiAvvocato in Avezzano; Dottore di ricerca in Diritto dell’Economia e dell’Impresa, Diritto Internazionale e Diritto Processuale Civile, Diritto del Lavoro. Incaricata (a.a. 2016/2017) dell’insegnamento Diritto del Lavoro (IUS 07) presso l’Università degli Studi di Teramo, Facoltà di Giurisprudenza. Dal 2011 Docente Tutor Diritto del Lavoro c/o Università Telematica Internazionale Uninettuno; relatore in vari convegni, master e corsi di formazione. Autore di numerose pubblicazioni, monografiche e collettanee.

Manuela Rinaldi | 2017 Maggioli Editore

17.00 €  16.15 €

Redazione
Tag