Addio al Pra

Bollo auto e Riforma Madia. Tra le tante novità previste per i decreti attuativi, vi è anche la cancellazione del Pra (Pubblico registro automobilistico). Entro la fine di febbraio, infatti, tutte le competenze dell’ente tenuto alla conservazione e gestione dei pubblici registri saranno trasferite alla Motorizzazione, sotto il diretto controllo del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti. Chi sarà competente a gestire il pagamento del bollo auto?

Vuoi calcolare il tuo Superbollo Auto? Clicca qui!

Addio Pra: benvenuta Agenzia per il Trasporto Stradale

Al fine della riduzione dei costi relativi alla gestione dei dati sulla proprietà e la circolazione degli autoveicoli, quindi, il decreto attuativo prevede la riorganizzazione complessiva dei registri sui beni mobili, quali auto e moto. Ci sarà solo una modalità di archiviazione, che permetta il rilascio di un documento unico contenente i dati di proprietà e di circolazione di autoveicoli, motoveicoli e rimorchi.

Anche l’Aci perderà alcune competenze, essendone già prevista la riorganizzazione complessiva: infatti, il registro delle auto sarà affidato sempre al Ministero dei Trasporti. In programma anche la costituzione dell’Agenzia per il Trasporto stradale, con sede a Roma, che possa occuparsi dei rapporti con cittadini e imprese relativi a trasferimenti di proprietà, fermi amministrativi, ipoteche, patenti, abilitazioni. Non solo: riscossione delle imposte, sicurezza stradale, omologazioni, conducenti, infomobilità e documentazione varia.

Insidie stradali e responsabilità della P.A. e di altri soggetti

Insidie stradali e responsabilità della P.A. e di altri soggetti

Roberto Cataldi, Paolo Storani, Francesca Romanelli, Valeria Zeppilli, Elisa Barsotti, 2016, Maggioli Editore

L’opera, con Formulario e Casistica giurisprudenziale, affronta la tematica riguardante le insidie e trabocchetti nella circolazione stradale individuando gli aspetti fondamentali per il riconoscimento della responsabilità sia della Pubblica Amministrazione sia di altri Enti o...



Pubblico Registro Automobilistico e motorizzazione: riordino delle competenze

Di competenza Aci continuerà ad essere il bollo auto. E’ appena scaduto il termine per il pagamento della tassa su auto e moto senza subire sanzioni e interessi di mora. Generalmente, infatti, il pagamento della tassa automobilistica va effettuato dal proprietario del veicolo entro l’ultimo giorno del mese successivo a quello di scadenza.

Ravvedimento operoso: cosa fare se il bollo auto è scaduto, non pagato o pagato in ritardo?

E’ possibile rimediare alla violazione di mancato o ritardato pagamento bollo auto 2017, ricorrendo al cd. ravvedimento operoso.

In caso di ritardo nel pagamento del bollo auto o moto, maturano sanzioni e interessi di mora. Tuttavia, prima di un anno dalla scadenza, non si riceverà nessun avviso da parte della Regione di residenza. A quel punto, infatti, la stessa invierà un avviso bonario, che renda noto al contribuente che, nel caso in cui non provveda al saldo, la sanzione sarà aumentata del 30% del tributo non pagato o pagato in ritardo, oltre agli interessi di mora.

Se anche dopo l’avviso il pagamento non è perfezionato, il bollo auto scaduto viene iscritto a ruolo e viene emessa la relativa cartella di pagamento Equitalia o di altro agente della riscossione.

Manuale pratico di infortunistica stradale

Manuale pratico di infortunistica stradale

a cura di Maurizio De Giorgi, 2016, Maggioli Editore

Un manuale dal taglio pratico e operativo che, con formulario e giu- risprudenza, risponde alle esigenze dei professionisti quotidianamente alle prese con la composita e complessa disciplina della responsabilità da circolazione stradale. Avvocati, Magistrati, Periti, Consulenti e...



Sanzioni e interessi di mora: a quanto ammontano?

  • Se pagato entro 14 giorni dalla data di scadenza: sanzione ridotta pari allo 0,1% dell’importo del bollo dovuto per ogni giorno di ritardo.
  • Se pagato dal 15° al 30° giorno rispetto al termine previsto: la sanzione ridotta pari a 1,50% dell’importo del tributo non pagato, oltre agli interessi di mora pari allo 0,2% da calcolare per ogni giorno di ritardo;
  • Se pagato dal 31° giorno al 90° giorno: sanzione ridotta pari a 1,67%, oltre agli interessi di mora;
  • Se pagato dal 91° giorno ma entro 1 anno dalla data di scadenza originaria: si ha diritto a fruire della sanzione ridotta pari a 3,75%, oltre agli interessi di mora.


CONDIVIDI
Articolo precedenteApe Social, Ape aziendale, Ape volontaria: ecco chi sono i nuovi beneficiari
Articolo successivoTettoia e Permesso di Costruire: ecco quando c’è abuso edilizio

1 COOMENTO

  1. Se pagato dal 91° giorno ma entro 1 anno dalla data di scadenza originaria: si ha diritto a fruire della sanzione ridotta pari a 3,75%, oltre agli interessi di mora.

    – Sul sito dell’agenzia delle entrate mi viene proposto sempre una sanzione pari al 30%
    – Telefonando all’ACI mi viene detto che la sanzione è del 6 % anzichè il 3,75% come da voi indicato.

    c’è stato un aggiornamento negli ultimi mesi?
    saluti
    Max

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here