Il regime attuale

Tale tipologia di lavoro è disciplinata dagli artt. 33 e ss. D.Lgs. 276/2003 consente al datore di lavoro di utilizzare la prestazione lavorativa quando lo ritiene necessario. Ciò nel rispetto delle causali di utilizzo soggettive ed oggettive determinate dai contratti collettivi ed in mancanza dalla legge.

Proposta di riforma


Nell’ottica del contenimento di possibili irregolarità si propone la previsione dell’obbligo, a carico del datore, di effettuare una comunicazione amministrativa in occasione di ogni chiamata del lavoratore.

Lilla Laperuta

 

Riforma del lavoro: ecco l’elenco completo di tutte le nostre schede:

– Riforma del lavoro: come cambia l’articolo 18 (Licenziamenti);

 – Riforma del lavoro: come cambiano gli ammortizzatori sociali;

 – Riforma del lavoro: come potrebbe cambiare il lavoro accessorio;

 – Riforma del lavoro: come cambia l’associazione in partecipazione;

 – Riforma del lavoro: come cambia il part time;

 – Riforma del lavoro: come cambia il contratto di apprendistato;

 – Riforma del lavoro: cosa succederà a co.co.pro. e co.co.co.?;

– Riforma del lavoro: il contratto di lavoro intermittente;

– La riforma del lavoro e l’uso patologico del contratto a tempo determinato.


CONDIVIDI
Articolo precedenteL’ammalato di SLA può fare testamento tramite amministratore di sostegno?
Articolo successivoRiforma lavoro, nuovo round

2 COMMENTI

  1. […] – Riforma del lavoro: il contratto di lavoro intermittente; […]

  2. […] – Riforma del lavoro: il contratto di lavoro intermittente; […]

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here