Società in house per gestione servizi pubblici locali: perchè è uno strumento superato

Massimo Greco 17/06/16
Scarica PDF Stampa

Che un Comune possa adempiere ai compiti d’interesse pubblico ad esso incombenti mediante propri strumenti senza essere obbligato a far ricorso ad entità esterne non appartenenti ai propri servizi è cosa buona, giusta e condivisa anche dall’ordinamento comunitario. In tale contesto, l’ordinamento (sia comunitario che interno) non predilige né l’in house, né la piena espansione della concorrenza nel mercato e per il mercato e neppure il partenariato pubblico-privato, ma rimette la scelta concreta al singolo Comune affidante.

Per maggiori approfondimenti si consiglia il seguente volume

In definitiva, i servizi pubblici locali a rilevanza economica possono essere gestiti indifferentemente mediante il mercato (ossia individuando, all’esito di una gara ad evidenza pubblica, il soggetto affidatario) ovvero attraverso il c.d. partenariato pubblico-privato (ossia per mezzo di una società mista e quindi con una “gara a doppio oggetto” per la scelta del socio e per la gestione del servizio), ovvero attraverso l’affidamento diretto, in house.

Potrebbe interessarti anche il seguente manuale

Le società in house negli Enti locali e nella Sanità

La pubblicazione ha lo scopo di offrire al lettore, nel complesso scenario della Pubblica Amministrazione, da un lato una panoramica ampia ed aggiornata della normativa vigente relativamente al tema delle “società in house” e, dall’altro, il “caso” di una società (Noveservizi S.r.l.) costituita da un’Azienda Sanitaria della Regione del Veneto. Dalla teoria alla pratica: in questa logica la pubblicazione assume la specificità di un manuale operativo di supporto a chi intendesse dare vita, specie nell’ambito della sanità pubblica, ad una organizzazione con le caratteristiche proprie di una “società in house”, intesa come società strumentale alla Pubblica Amministrazione. Ciò premesso, ben si comprende come questo lavoro, frutto della collaborazione fra avvocati esperti in diritto amministrativo e professionisti che hanno assistito il management di Noveservizi S.r.l. fin dal momento della sua costituzione, intenda catturare l’interesse di chi ricopre posizioni di responsabilità nell’ambito della Pubblica Amministrazione in generale e della sanità pubblica in particolare. La struttura del volume: PARTE PRIMA – PARTE GIURIDICO-NORMATIVA – I dati normativi e giurisprudenziali di base comunitaria e nazionale – La situazione attuale delle società in house per gli Enti locali – Le società strumentali. L’art. 13 del d.l. n. 223/2006 convertito in L. n. 248/2006 – Gli Amministratori delle società pubbliche – Le regole giuridiche dell’operato delle società in house PARTE SECONDA – IL CASO AZIENDALE – Lo statuto della società e il funzionamento del Consiglio di Amministrazione – La gestione delle risorse umane – Il funzionamento e l’organizzazione dell’Azienda

Stefano Bigolaro, Virgilio Castellani | 2012 Maggioli Editore

25.00 €  23.75 €

In tale contesto, se è vero che la scelta del Comune in ordine alle modalità di affidamento del servizio risponde ad un indiscutibile potere discrezionale, è altrettanto vero che tale scelta deve essere congruamente motivata e non solo in forza del più generale principio di motivazione degli atti amministrativi.

Infatti, il recente d.l.gs. n. 50/2016 statuisce all’art. 192 c. 2 che “Ai fini dell’affidamento in house di un contratto avente ad oggetto servizi disponibili sul mercato in regime di concorrenza, le stazioni appaltanti effettuano preventivamente la valutazione sulla congruità economica dell’offerta dei soggetti in house, avuto riguardo all’oggetto e al valore della prestazione, dando conto nella motivazione del provvedimento di affidamento delle ragioni del mancato ricorso al mercato, nonché dei benefici per la collettività della forma di gestione prescelta, anche con riferimento agli obiettivi di universalità e socialità, di efficienza, di economicità e di qualità del servizio, nonché di ottimale impiego delle risorse pubbliche“.

Ciò significa che l’ipotesi dell’in housing, mentre non è in discussione, deve però essere debitamente motivata. Tale motivazione, in presenza di gestioni integrate dei servizi pubblici a rilevanza economica (come avviene in Sicilia per acqua e rifiuti) deve altresì contemplare una valutazione in ordine all’eventuale esigenza di assicurare il mantenimento dei livelli occupazionali. Quest’ultimo aspetto diventa un vero ostacolo per l’ipotesi dell’affidamento in house, atteso l’insuperabile vincolo del reclutamento delle risorse umane con procedura ad evidenza pubblica oggi esteso dalla normativa vigente statale e regionale alle società pubbliche.

Anche per questo motivo, non affatto secondario, riteniamo superato (rectius, demodè) lo strumento dell’in housing, a vantaggio della società mista pubblico-privato che, oltre ad assicurare un controllo pubblicistico (anche maggioritario) sulla gestione del servizio curato dal socio operativo privato reclutato dal mercato concorrenziale, consente facilmente il passaggio delle risorse umane esistenti nella precedente gestioni.