Manovra 2023: ecco il testo integrale in Pdf da scaricare

Chiara Arroi 29/12/22
Scarica PDF Stampa Allegati
La Manovra di bilancio 2023 ha visto la luce nella giornata del 29 dicembre. L’Aula del Senato ha dato il via libera definitivo alla Legge con 107 sì, 69 contrari e un astenuto. Il testo è poi stato subito pubblicato in gazzetta ufficiale (Legge 29 dicembre 2022, n.197). Da un testo di 714 articoli si è passati al maxiemendamento, formato da 1 articolo a 520 commi al seguito. Tra le novità inserite nella versione definitiva: l’impianto delle Pensioni 2023, con quota 103 pronta al debutto; lo stralcio delle cartelle fino a mille euro. E poi ancora Flat Tax fino a 85mila euro, flat tax incrementale, allargamento del bonus bollette, taglio al cuneo fiscale e molto altro. Resta l’impianto dei fondi stanziati, circa 35 miliardi di euro, tre quarti impegnati negli aiuti contro il caro energia. Di seguito il testo integrale della Manovra 2023 in Pdf, pronto per essere consultato e scaricato.
Scarica il testo integrale della Manovra 2023
Riepiloghiamo alcune delle novità inserite nel disegno di Legge di bilancio 2023
manovra di bilancio 2023
Legge di bilancio 2023
Il testo della Manovra di bilancio 2023 è stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale del 29 novembre, con la dicitura “Legge 29 dicembre 2023, n.197” Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2023 e bilancio pluriennale per il triennio 2023-2025. Accedi qui
Testo Manovra 2023: Taglio cuneo fiscale Riduzione contributi 2%

Per i “periodi di paga dal 1° gennaio 2023 al 31 dicembre 2023 l’esonero sulla quota dei contributi previdenziali per l’invalidità, la vecchiaia e i superstiti a carico del lavoratore” è riconosciuto nella misura di “due punti percentuali”, con le medesime modalità e criteri di cui all’articolo 1, comma 121, della Legge 30 dicembre 2021 numero 234 (Manovra 2022).

Questo significa che potranno accedere allo sgravio quanti totalizzano una retribuzione imponibile, parametrata su base mensile per tredici mensilità, pari o inferiore a 2.692,00 euro maggiorata, per la competenza del mese di dicembre, del rateo di tredicesima.

Riduzione contributi 3%
La riduzione dei contributi IVS appena citata passa al 3%, sempre per il 2023, a patto che la “retribuzione imponibile, parametrata su base mensile per tredici mensilità, non ecceda l’importo mensile di 1.538 euro” maggiorato, per la competenza del mese di dicembre, del rateo di tredicesima.
Testo Manovra 2023: riforma pensioni In tema di revisione pensioni farà il suo debutto Quota 103, saranno prorogate Opzione donna (con correttivi) e Ape sociale; verranno aggiunte decontribuzioni per chi decide di restare a lavoro. In questo articolo tutte le novità sulle pensioni 2023. Testo Manovra 2023: Flat tax Forfettari Nel 2023 si faranno 3 tipi di Flat Tax:
  • Flat Tax Forfettari fino a 85mila euro di ricavi;
  • Flat Tax 15% incrementale per Partite Iva
  • Flat Tax al 5% sui premi di produttività fino a 3mila euro
  • La Legge di bilancio 2023 introduce l’innalzamento della soglia di fatturato annuo per rientrare nel regime forfettario e godere della Flat Tax al 15%.

    La nuova soglia viene portata a 85mila euro di ricavi e compensi annui percepiti. L’iniziale obiettivo era di portarla a 100mila euro. I pochi fondi a disposizione per quest’anno però obbligheranno l’esecutivo a fermarsi un’asticella sotto.
    Testo manovra 2023: novità fiscali La Flat Tax 2023 modificata non è l’unica novità fiscale in arrivo con la Manovra. Ci sono tutta una serie di misura contro il caro bollette e il pagamento in contanti. Tra questi:
  • bonus bollette per Isee fino a 15mila euro
  • nuova tregua fiscale,
  • aumento del tetto al contante a 5mila euro.
  • Testo Manovra 2023: revisione Reddito di cittadinanza Previsto per il 2023 un periodo “ponte”, durante il quale i cittadini “occupabili” (con età dai 18 ai 59 anni) abili al lavoro ma che non abbiano nel nucleo disabili, minori o persone a carico con almeno 60 anni d’età riceveranno il Reddito solo per 7 mensilità anziché le attuali 18 rinnovabili. Durante questo periodo dovranno frequentare per almeno sei mesi un corso di formazione o riqualificazione professionale. Senza corso, e alla prima offerta di lavoro (anche non congrua) rifiutata, si decade dal Reddito.

    Il sussidio sarà mantenuto per chi non può lavorare, almeno fino alla fine del 2023: questo tempo in piò permetterà al governo di ideare una radicale riforma del sussidio.
    Per i dettagli sulle novità e le misure inserite nella prossima Manovra di bilancio 2023 consigliamo questo articolo:
    Chiara Arroi

    Tag