Assegno Unico di luglio 2024: date di pagamento, modalità e importi

Redazione 08/07/24
Scarica PDF Stampa Allegati

L’assegno unico è una misura di sostegno economico fondamentale per molte famiglie italiane con figli, che sono ora in attesa di ricevere il pagamento riferito alla mensilità di luglio 2024.

Ricordiamo che Inps ha di recente diffuso il nuovo calendario dei pagamenti dell’Assegno unico universale 2024 per i restanti sei mesi dell’anno: da luglio a dicembre 2024.

In questo articolo vediamo chi ha diritto all’AUU di luglio, i requisiti richiesti, gli importi previsti per il 2024, le modalità e le date di pagamento, nonché come fare domanda per chi ancora non lo ricevesse.

Indice

Chi riceve l’Assegno unico di luglio 2024

L’assegno unico è destinato a tutte le famiglie con figli a carico fino ai 21 anni di età (eccetto per i disabili), indipendentemente dalla condizione lavorativa dei genitori. Questo include lavoratori dipendenti, autonomi, disoccupati e pensionati. È una misura universale pensata per sostenere economicamente le famiglie e contribuire alle spese di mantenimento e crescita dei figli.

Per ricevere la mensilità di luglio, occorre essere già destinatari del sussidio (quindi aver già fatto domanda) oppure vedersi riconosciuta da Inps la domanda inoltrata.

I neogenitori. Ricordiamo che, le famiglie che hanno avuto un nuovo nato nel corso dell’anno possono iniziare a ricevere l’assegno dal mese successivo alla nascita del figlio, a condizione che abbiano presentato domanda. Anche le famiglie affidatarie e adottive rientrano nel beneficio, a partire dal momento in cui l’affidamento o l’adozione diventano effettivi.

I requisiti per il diritto all’Assegno unico 2024

In estrema sintesi per accedere all’assegno unico, le famiglie devono soddisfare determinati requisiti:


1. Residenza e Cittadinanza. Il richiedente deve essere cittadino italiano o di uno Stato membro dell’UE, o essere in possesso di un permesso di soggiorno valido. Inoltre, è necessario avere la residenza in Italia da almeno due anni, anche non continuativi, o avere un contratto di lavoro a tempo indeterminato o determinato di durata almeno semestrale.
2. Figli a carico. L’assegno è destinato ai figli a carico fino al compimento dei 21 anni di età. Al contrario, per i figli con disabilità, non vi è limite di età.
3. Situazione economica. Nonostante l’assegno sia universale, l’importo varia in base all’Indicatore della situazione economica equivalente (ISEE) del nucleo familiare. Famiglie con ISEE più basso ricevono importi maggiori.
4. Condizione lavorativa. Non vi sono restrizioni riguardanti la condizione lavorativa. L’assegno unico è accessibile sia ai lavoratori dipendenti che agli autonomi, così come ai disoccupati.

Importi dell’Assegno unico 2024

Gli importi del sussidio alle famiglie per il 2024 sono modulati in base all’ISEE del nucleo familiare e al numero di figli. Ecco una panoramica:

Una quota variabile progressiva (da un massimo di 199,4 euro per ciascun figlio minore con ISEE fino a 17.090,61 euro a un minimo di 57 euro per ciascun figlio minore in assenza di ISEE o con ISEE pari o superiore a 45.574,96 euro).

Maggiorazioni. Sono previste maggiorazioni per: figli disabili; Famiglie numerose (tre o più figli); madri di età inferiore a 21 anni; genitori entrambi lavoratori; genitori vedovi monoreddito.

Assegno unico: date di pagamento di luglio 2024

Veniamo ora alle tempistiche di accredito del sussidio per famiglie con figli. Inps ha diffuso, tramite messaggio dello scorso 20 giugno, il calendario degli accrediti riferito a luglio-dicembre 2024.

Allegato Inps

Messaggio 2303 del 20 giugno – Calendario Assegno unico luglio-dicembre 2024

Iscriviti alla newsletter per poter scaricare gli allegati

Grazie per esserti iscritto alla newsletter. Ora puoi scaricare il tuo contenuto.

In base al nuovo calendario, nel mese di luglio 2024, l’assegno verrà erogato in queste date:

Erogazioni in corso
Chi è già beneficiario dell’assegno, riceverà la tranche di luglio in queste date:

– mercoledì 17 luglio 2024
– giovedì 18 luglio 2024;
– venerdì 19 luglio 2024.


Nuove domande
Il pagamento della prima rata della prestazione avviene generalmente nell’ultima settimana del mese successivo alla presentazione della domanda di AUU. Quindi in teoria dal 19 al 31 luglio vedranno i soldi le famiglie che hanno fatto domanda AUU a giugno.

Come avviene il pagamento Assegno unico di luglio 2024

L’assegno unico può essere accreditato tramite diverse modalità, a scelta del beneficiario:

– accredito su conto corrente bancario o postale;
– libretto di risparmio dotato di codice IBAN;
– carta di credito o di debito dotata di codice IBAN;
– bonifico domiciliato presso lo sportello postale.

In fase di compilazione della domanda, il genitore richiedente potrà indicare le modalità di pagamento prescelte, proprie e relative all’altro genitore. 

Chi ancora non riceve l’Assegno unico può sempre fare richiesta all’Inps. E’ sufficiente seguire il percorso online dedicato.

PROCEDURA ONLINE
Accesso al portale INPS. Collegarsi al sito ufficiale dell’INPS (www.inps.it) e accedere all’area riservata con le proprie credenziali SPID, CIE o CNS.
Compilazione domanda. Una volta effettuato l’accesso, selezionare la sezione “Assegno Unico” e compilare il modulo di richiesta inserendo i dati personali, quelli dei figli a carico e l’IBAN per l’accredito.
Inserimento ISEE. Se non è già presente, è necessario inserire l’ISEE aggiornato per calcolare l’importo spettante.
Invio domanda. Dopo aver verificato la correttezza dei dati, inviare la domanda. Il sistema rilascerà una ricevuta di avvenuta presentazione.

Per chi avesse difficoltà nella compilazione della domanda, è possibile rivolgersi ai CAF (Centri di Assistenza Fiscale) che offrono supporto gratuito nella presentazione delle domande per l’assegno unico.

Per restare aggiornato sulle novità in tema di assegno unico e sussidi Inps, puoi iscriverti gratis alla Newsletter LeggiOggi, compilando il form qui sotto:

Iscriviti alla newsletter aoqzlwlnnk1v21gh
Iscrizione completata

Grazie per esserti iscritto alla newsletter.

Seguici sui social




Foto: istock/spawns