Home Politica Termina il Conte bis: il calendario delle consultazioni

Termina il Conte bis: il calendario delle consultazioni

Gli impegni di Mattarella da questo pomeriggio a venerdì per decidere sul futuro della legislatura

fine-conte-bis-calendario-delle-consultazioni

Con le dimissioni presentate nella giornata di ieri da Conte, si apre adesso un nuovo periodo di consultazioni da parte del Presidente della Repubblica con tutte le forze parlamentari.

Il presidente Mattarella incontrerà, a partire da questo pomeriggio, i presidenti di Camera e Senato e a turno tutti i gruppi presenti in Parlamento, a partire dai gruppi misti per finire nella giornata di venerdì col Movimento 5 stelle.

Lo scopo delle consultazioni è quello di capire quali sono effettivamente i numeri in parlamento e quali scenari possono aprirsi per il futuro di questa legislatura. Il presidente Mattarella potrebbe decidere di affidare a Conte un terzo incarico se in Senato si troveranno i numeri per una maggioranza più stabile, altrimenti potrebbe propendere per un nuovo nome istituzionale per un governo di unità nazionale. Ultimo scenario possibile: elezioni anticipate.

Vediamo adesso il calendario delle consultazioni in attesa di nuovi aggiornamenti.

Calendario consultazioni: mercoledì 27

Le consultazioni si aprono questo pomeriggio, a causa delle celebrazioni nella mattinata odierna della Giornata della Memoria. I primi a essere interpellati saranno i presidenti delle due Camere, nello specifico:

  • ore 17 – Presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati;
  • ore 18 – Presidente della Camera, Roberto Fico.

Calendario consultazioni: giovedì 28

La giornata di giovedì sarà dedicata ai gruppi misti del Senato e della Camera, oltre che ai partiti dell’area di centro-sinistra.

Nella mattinata di oggi, in apertura di seduta al Senato, il Presidente Casellati ha comunicato la formazione di un nuovo gruppo parlamentare, il gruppo “Europeisti-MAIE-Centro democratico“, costituito dai senatori Buccarella, Cario, Causin, De Bonis, De Falco, Fantetti, Marilotti, Merlo, Rossi e Rojc. Presidente del gruppo sarà il senatore Fantetti. Dieci senatori “responsabili”, pronti a confermare la fiducia a Conte per un possibile “Conte Ter”.

Il calendario della giornata di giovedì prevede:

  • ore 10.00 – Gruppo Parlamentare “Per le Autonomie (SVP-PATT, UV)” del Senato;
  • ore 10.30-12.30 e ore 16.00-16.45 – Rappresentanti dei gruppi Misti del Senato e della Camera;
  • ore 16.45 – Gruppo Parlamentare “Liberi e Uguali” della Camera;
  • ore 17.30 – Gruppi Parlamentari “Italia Viva – PSI” del Senato e “Italia Viva” della Camera;
  • ore 18.30 – Gruppi Parlamentari “Partito Democratico” del Senato e della Camera.

Calendario consultazioni: venerdì 29

La mattinata di venerdì sarà dedicata alla Cerimonia di inaugurazione dell’Anno Giudiziario della Corte Suprema di Cassazione. Ogni anno, la cerimonia viene preceduta dalla relazione sull’amministrazione della giustizia nell’anno precedente che viene presentata dal Ministro della giustizia e votata in parlamento. Questa sarà la terza volta nella storia della Repubblica che la relazione viene presentata e non votata.

Il parlamento infatti ha fermato tutte le attività, con l’eccezione di alcuni provvedimenti urgenti, fino al voto di fiducia del nuovo governo che si formerà. Anche il governo, dopo le dimissioni presentate al Quirinale, resta in carica solo per gli affari correnti.

Il calendario dell’ultimo giorno di consultazioni prevede:

  • ore 16 – Gruppi Parlamentari di Forza Italia, Lega e Fratelli d’Italia della Camera e del Senato, insieme al gruppo “Idea e Cambiamo” del Senato e “Noi con l’Italia – USEI – e Cambiamo” della Camera;
  • ore 17 – Gruppi Parlamentari “Movimento 5 Stelle” del Senato della Repubblica e della Camera dei deputati.

Il centrodestra, dopo un vertice che si è tenuto nella giornata di ieri, si presenterà quindi compatto, per chiedere un governo di unità nazionale per i provvedimenti più urgenti per poi tornare al voto.

Leggi anche “Crisi di Governo: tutti gli scenari possibili”

(FOTO quirinale.it)

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA


CONDIVIDI

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome