Home Politica Legge di bilancio 2020: quando si fa, cosa prevede, Iter e tempi...

Legge di bilancio 2020: quando si fa, cosa prevede, Iter e tempi di approvazione

Chiara Arroi

(Foto Presidenza del Consiglio) Legge di bilancio 2020: cos’è, come funziona, iter di approvazione, quando entra in vigore. Delle misure in discussione per la Legge di bilancio 2020 si inizia a parlare ora, all’alba del nuovo Governo Conte bis, fresco di rinascita e rimpasto, dopo la crisi aperta dall’ex vicepremier Matteo Salvini. Con il suo discorso di presentazione del programma di massima davanti ai deputati della Camera, Giuseppe Conte ha annunciato una grande stagione di riforme, che sarà avviata a partire dal 2020. Ma in concreto, quando potranno gli italiani sapere davvero a cosa andranno incontro? Quando un cittadino italiano potrà conoscere i benefici del taglio al cuneo fiscale voluto dal nuovo esecutivo giallo-rosso? Quando riuscirà a capire se Quota 100 e reddito di cittadinanza saranno davvero confermati? Insomma, a quando la resa dei conti con le promesse che anche questo Governo inizia a fare?

Cerchiamo di capire cos’è la Legge di bilancio 2020, quando si fa e chi la fa, i tempi e l’iter di approvazione della prossima Manovra finanziaria, con tanto di date che Governo e Parlamento dovranno rispettare.

Consulta lo speciale Legge di Bilancio

Legge di bilancio 2020: cos’è e chi la fa

La Legge di bilancio è uno dei momenti cruciali per il Paese, perché mette nero su bianco tutte le scelte e le iniziative economiche che il Governo decide di mettere in atto nel corso dell’anno che verrà (e nel corso dei successivi 3 anni). Si parla anche di Manovra finanziaria, ma è sempre lei: quella mega-operazione economico-finanziaria che dà vita a norme e introduce leggi, e da cui dipendono i conti pubblici del Paese. Facendola infatti, ogni Governo deve stare bene attento a rispettare determinati vincoli di bilancio, non soltanto italiani, ma anche imposti dall’Unione europea. Non si deve cioè mandare in malora le finanze statali con operazioni economiche chi sforano a dismisura i conti pubblici e fanno aumentare il debito. Bisogna sempre equilibrare iniziative espansive di spesa con il fardello delle coperture finanziarie, e tenere d’occhio il rapporto deficit-pil.

La Legge di bilancio quindi viene fatta dal Governo di un Paese. E’ l’esecutivo infatti che deve mettere in atto la manovra, tenendo presente però, che questa andrà poi presentata al Parlamento, che dovrà discuterla e approvarla entro la fine dell’anno in corso.

Legge di bilancio: si parte col Def

Tutto parte con presentazione dell’aggiornamento al Documento di economia e finanza (Def) il giorno 27 settembre. Si tratta di un passo preliminare alla Legge di bilancio, in cui dovrà anche essere indicato l’obiettivo del Deficit. Con questa nota, ogni anno il Governo aggiorna gli obiettivi programmatici presentati ad aprile dell’anno precedente. Il Def è centrale, perché sulla base degli obiettivi programmatici inseriti, imposterà poi la legge di bilancio vera e propria.

Legge di bilancio: l’iter di approvazione

L’iter prosegue poi con il 15 ottobre, data in cui si dovrà inviare alla Commissione europea e all’eurogruppo (formato dai ministri europei delle finanza), il Documento programmatico di bilancio per l’anno successivo.

Dopodiché entro il 20 ottobre il Governo deve presentare alle Camere (al Parlamento) il Disegno di Legge di Bilancio, la Manovra finanziaria triennale (2020-2023) messa a punto, che contiene le misure necessarie a raggiungere gli obiettivi e le previsioni di entrata e di spesa. Ha inizio a questo punto la sessione parlamentare che porterà all’approvazione della Legge.

L’approvazione della Legge 2020 deve avvenire entro il 31 dicembre 2019, sarà poi pubblicata in Gazzetta ufficiale, l’ultimo step che ne detta la sua concreta entrata in vigore.

Legge di bilancio 2020: quando si fa?

Detto questo, ribadiamo quindi che il testo della Manovra finanziaria per il 2020 dovrà essere inviato entro il 15 ottobre 2019 all’Ue, che ne dovrà vagliare le coperture finanziarie e il rispetto dei vincoli di bilancio. L’Ue ha tempo fino al 30 novembre per rispondere.

Entro il 20 ottobre 2019 poi la Legge di bilancio 2020 dovrà essere presentata ufficialmente al Parlamento italiano. 

Entro il 31 dicembre 2019, la Legge di bilancio 2020 dovrà essere approvata dal Parlamento. Entro questa data quindi la Manovra dovrà essere approvata in maniera definitiva e potrà entrare in vigore con la sua pubblicazione in gazzetta ufficiale.

Legge di bilancio 2020: quando entra in vigore

Depennati tutti questi step, la Legge di bilancio 2020 entra in vigore il 1° gennaio 2020, e le misure contenute in essa cominciano a produrre effetto.

Legge di bilancio: il parere dell’Europa

Data fondamentale è quella del 30 novembre, quando la Commissione europea dovrà esprimere un primo parere sulla Legge di Bilancio, dopo una verifica sull’aderenza della legge ai vincoli europei. Solitamente questo è un primo parere, che precede quello definitivo di solito rimandato alla primavera successiva.

Legge di bilancio 2020: quando entra in vigore

A questo punto, come già anticipato, la data centrale resta il 31 dicembre 2019, termine ultimo per l’approvazione definitiva della Legge di bilancio da parte del Parlamento italiano. In questa data è previsto il via libera alla Legge.

La vigilia di capodanno quindi consegnerà ai cittadini italiani la risposta alle promesse fatte da questo Governo Legastellato capitanato dall’avvocato Giuseppe Conte.

Riassumendo quindi ecco le tappe di approvazione della Legge di bilancio 2019

  • 27 settembre – pubblicazione aggiornamento al Def;
  • 15 ottobre – il Governo trasmette il documento programmatico alla Commissione europea e all’eurogruppo;
  • 20 ottobre – termine di presentazione alle Camere della Legge di bilancio;
  • 30 novembre – primo parere della Commissione europea alla legge
  • 31 dicembre – via libera dal Parlamento alla Legge di bilancio e pubblicazione in Gazzetta ufficiale.

Consulta lo speciale Riforma pensioni

Legge di bilancio 2020: cosa prevede il testo, le ultime novità

Cosa succederà con questo nuovo Governo all’insegna dei colori giallo-rossi? Su quali misure si metteranno d’accordo Movimento 5 stelle e Pd per la prossima Manovra di bilancio? Abbiamo già un bel po’ di anticipazioni, anche se il testo non è ancora scritto su alcun foglio. Per ora solo annunci e previsioni.

Ecco le principali misure annunciate dal Premier Conte:

  • stop agli aumenti Iva: questo è il primo pilastro annunciato, la sterilizzazione dell’aumento dell’Iva a partire dal 1° gennaio 2020. Servono ben 23,1 miliardi per bloccare lo scatto delle clausole di salvaguardia, che si tradurrebbero in una vera stangata economica sui prezzi e sui cittadini;
  • taglio cuneo fiscale: questo è il secondo pilastro della legge di bilancio. Un abbattimento delle tasse sui salari, tradotto in un bonus da 1.500 euro netti all’anno per i lavoratori, concesso in maniera progressiva in base al reddito di ogni lavoratore e lavoratrice;
  • Riforma fiscale scaglioni Irpef: il Governo ha previsto anche una riforma del fisco con un riordino degli scaglioni Irpef;
  • Reddito di cittadinanza: si prevede, come annunciato, che la misura bandiera dei 5 stelle verrà riconfermata, a condizioni migliorative, dal nuovo Governo, anche perché la seconda fase Rdc è cominciata solo a settembre 2019;
  • Riforma pensioni 2020: da quel che si sa si sta ragionando su una Pensione di garanzia per le giovani generazioni e chi in generale ha carriere discontinue; c’è inoltre la volontà di riconfermare Opzione donna; il neo ministro dell’Economia Roberto Gualtieri ha confermato ai microfoni dei giornalisti che Quota 100, andrà avanti fino al naturale esaurimento, previsto al 31 dicembre 2021 (come da sperimentazione introdotta dal precedente Governo). Dopo questa data scadrà automaticamente;
  • Assegno unico per famiglie meno abbienti;
  • azzeramento rette asili nido per famiglie a basso-medio reddito;
  • aumento delle modalità elettroniche di pagamento, in linea con la lotta all’evasione fiscale;
  • Legge sul salario minimo e sulla parità di stipendio tra donne e uomini.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


1 COMMENTO

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome