smart working 2019

Nella Legge di bilancio 2019 c’è spazio anche per lo smart working o “lavoro agile” quella particolare modalità di esecuzione della prestazione lavorativa che ha il duplice scopo di incrementare la produttività aziendale e di conciliare i tempi di vita e di lavoro.

La Manovra (art. 1 comma 486 Legge n. 145/2018) ha disposto l’obbligo per i datori di dare priorità d’accesso allo smart working:

  • Alle madri nel triennio successivo al termine del congedo obbligatorio di maternità;
  • Ai lavoratori con figli in condizioni di disabilità ai sensi della Legge 104.

Consulta lo Speciale Legge di bilancio 2019

Al di là delle novità citate, in cosa consiste lo smart working? Vediamolo nel dettaglio

Smart working 2019: cos’è 

Il lavoro agile è stato introdotto dalla Legge n. 81/2017 (cosiddetto Jobs act del lavoro autonomo) come una particolare tipologia di svolgimento del lavoro, in cui parte dell’attività è svolta nei locali aziendali, il resto all’esterno senza una postazione fissa.

Lo smart working si caratterizza per essere una modalità di lavoro flessibile, con riferimento:

  • Al luogo di lavoro, posto che la prestazione può essere eseguita all’interno o all’esterno dell’azienda;
  • All’orario di lavoro, considerato che la prestazione dev’essere svolta entro i limiti di durata massima dell’orario di lavoro giornaliero e settimanale.

Il lavoro agile si differenzia dal telelavoro dal momento che nel primo non è obbligatorio legarsi a un luogo fisico fisso in cui rendere la prestazione. L’attività può essere svolta in qualunque posto dotato delle strumentazioni tecnologiche necessarie, ad esempio internet cafè o luoghi dotati di connessione wi-fi.

Smart working: come funziona

Per attivare lo smart working l’azienda deve stipulare un apposito accordo scritto con il dipendente, distinto dal contratto di lavoro.

Nel documento le parti stabiliscono:

  • Modalità di esecuzione della prestazione;
  • Modalità di esercizio del potere disciplinare e di controllo da parte del datore di lavoro;
  • Tempi di riposo e di disconnessione del lavoratore dagli strumenti di lavoro.

Allo smart worker spetta il medesimo trattamento economico e gli stessi diritti di coloro che svolgono l’attività in azienda, ivi compresa la tutela contro gli infortuni, l’aggiornamento professionale e la formazione continua.

Smart working: incentivi fiscali e contributivi

Anche a coloro che svolgono l’attività in regime di smart working spettano gli incentivi fiscali e contributivi previsti per la generalità dei lavoratori subordinati come quelli relativi ai premi di produttività o all’assunzione di under 35.

Smart working: durata

Le parti sono libere di definire la durata dell’accordo di smart working che pertanto può avere un termine (con possibili proroghe) o essere a tempo indeterminato.

Smart working 2019: ultime novità Legge di bilancio

La legge di bilancio 2019 prevede l’obbligo per il datore di lavoro di dare priorità alle richieste di smart-working da parte delle lavoratrici nei 3 anni successivi alla conclusione del periodo di congedo obbligatorio di maternità e ai lavoratori con figli disabili, in caso di stipula di accordi aziendali per il lavoro agile ( come previsto dall’ articolo 16 del decreto legislativo n. 151/2001).

Potrebbe interessarti anche:

Legge di Bilancio 2019

Legge di Bilancio 2019

Giuseppe Moschella, 2019, Maggioli Editore

A fine anno e in extremis è stato dato il via libera definitivo da parte della Camera dei Deputati alla Legge di bilancio 2019. Questo nuovissimo ebook esamina le novità introdotte dalla Legge n. 145 del 30 dicembre 2018, pubblicata in Gazzetta Ufficiale il 31 dicembre 2018 ed entrata in...



© RIPRODUZIONE RISERVATA


SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome