Delle misure in discussione per la Legge di bilancio se ne parla da mesi, delle diatribe tra le fazioni di Governo e dell’opposizione anche. Si parla da tempo di quota 100, di flat tax, di reddito e pensione di cittadinanza, di pace fiscale. Ma in concreto, quando potranno gli italiani sapere davvero a cosa andranno incontro? Quando un cittadino italiano potrà sapere se potrà fare domanda per anticipare la pensione con quota 100 o se potrà beneficiare della’aumento della pensione minima a 780 euro? Insomma, a quando la resa dei conti con le promesse fatte?

Cerchiamo di capire i tempi e l’iter di approvazione della prossima Manovra finanziaria, con tanto di date che Governo e Parlamento dovranno rispettare.

Consulta lo speciale Legge di Bilancio 2019

Legge di bilancio: si parte col Def

Tutto parte con presentazione dell’aggiornamento al Documento di economia e finanza (Def) il giorno 27 settembre. Si tratta di un passo preliminare alla Legge di bilancio, in cui dovrà anche essere indicato l’obiettivo del Deficit. Con questa nota, ogni anno il Governo aggiorna gli obiettivi programmatici presentati ad aprile dell’anno precedente. Il Def è centrale, perché sulla base degli obiettivi programmatici inseriti, imposterà poi la legge di bilancio vera e propria.

Legge di bilancio: l’iter di approvazione

L’iter prosegue poi con il 15 ottobre, data in cui si dovrà inviare alla Commissione europea e all’eurogruppo (formato dai ministri europei delle finanza), il Documento programmatico di bilancio per l’anno successivo.

Dopodiché entro il 20 ottobre il Governo deve presentare alle Camere (al Parlamento) il Disegno di Legge di Bilancio, la Manovra finanziaria triennale (2018-2020) messa a punto, che contiene le misure necessarie a raggiungere gli obiettivi e le previsioni di entrata e di spesa. Ha inizio a questo punto la sessione parlamentare che porterà all’approvazione della Legge.

Legge di bilancio: il parere dell’Europa

Altra data fondamentale è quella del 30 novembre, quando la Commissione europea dovrà esprimere un primo parere sulla Legge di Bilancio, dopo una verifica sull’aderenza della legge ai vincoli europei. Solitamente questo è un primo parere, che precede quello definitivo di solito rimandato alla primavera successiva.

Legge di bilancio: quando entra in vigore

A questo punto la data centrale resta il 31 dicembre, termine ultimo per l’approvazione definitiva della Legge di bilancio da parte del Parlamento italiano. In questa data è previsto il via libera alla Legge.

La vigilia di capodanno quindi consegnerà ai cittadini italiani la risposta alle promesse fatte da questo Governo Legastellato capitanato dall’avvocato Giuseppe Conte.

Riassumendo quindi ecco le tappe di approvazione della Legge di bilancio 2019

  • 27 settembre – pubblicazione aggiornamento al Def;
  • 15 ottobre – il Governo trasmette il documento programmatico alla Commissione europea e all’eurogruppo;
  • 20 ottobre – termine di presentazione alle Camere della Legge di bilancio;
  • 30 novembre – primo parere della Commissione europea alla legge
  • 31 dicembre – via libera dal Parlamento alla Legge di bilancio.

Consulta lo speciale Riforma pensioni

© RIPRODUZIONE RISERVATA


1 COMMENTO

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome