taglio pensioni

In questi giorni ci si chiede: perché si rischia un taglio alle pensioni 2017? Scopriamolo insieme.

Ogni anno un decreto ministeriale pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale aggiorna gli indici di rivalutazione delle pensioni per l’anno corrente e per quello successivo: questi sono modulati in funzione dell’inflazione in atto e di quella che si stima per l’anno dopo.

SPECIALE PENSIONI: scopri qui l’eBook di 82 pagine in formato PDF con 1 anno di aggiornamenti inclusi inviati direttamente tramite email!

Pensioni: cos’è l’indice di rivalutazione?


Di conseguenza, i trattamenti pensionistici sono erogati sulla base dell’indice di inflazione stimato per l’anno in corso, ed è previsto che, eventualmente, si procederà ad un conguaglio qualora il tasso di inflazione reale non coincida con quello atteso.

Per tutte le altre novità, speciale RIFORMA PENSIONI

Partendo dal presupposto che raramente si manifestano deflazioni, il massimo risultato a cui i pensionati possono ambire è che dal confronto tra i dati programmati e quelli reali risulti una netta parità, in modo che l’ammontare della rivalutazione sia pari a 0.

In base al provvedimento pubblicato il 23 novembre scorso sulla Gazzetta Ufficiale, non sarebbe dovuta alcuna rivalutazione delle pensioni né per il biennio 2014-2015 né per quello 2016-2017.

Taglio dello 0,1% per le pensioni del 2017

Tuttavia, le pensioni del 2017 dovrebbero subire un taglio dello 0,1% che risale a qualche anno addietro: i pensionati nel 2015 hanno ricevuto pensioni calcolate secondo un tasso di inflazione stimato allo 0,3%. L’inflazione reale, però, si è aggirata solo attorno allo 0,2%, motivo per cui gli stessi dovrebbero restituire la differenza indebitamente ricevuta.

Era stata la Legge di Stabilità 2016 a prorogare la restituzione al 2017, in quanto il Governo era sicuro del fatto lo stesso 0,1% si sarebbe ammortizzato attraverso l’inflazione reale del 2016, paventata come superiore rispetto a quella programmata. Ebbene così non è stato.

Legge di Stabilità 2017: il nuovo rimedio

Per approfondire, speciale LEGGE DI STABILITA’ 2017

Prontamente, la riforma delle pensioni, inaugurata con la nuova Legge di Stabilità 2017, ha posto rimedio anche a questo inconveniente: infatti, di qui in avanti, per fronteggiare eventuali decurtazioni sulle pensioni a causa dei cicli economici, si applicherà artificialmente un coefficiente pari a 1, procedendo successivamente al recupero della somma, non appena l’indice sarà positivo.

Da questa restituzione, è stato escluso il biennio 2014-2015, e fatte salve, così, le pensioni per il 2017.

 


CONDIVIDI
Articolo precedenteCos’è la caparra penitenziale e quando si applica
Articolo successivoLegge 104: trasferimento del familiare convivente. Quando è possibile?

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here