Pensione anticipata

Nel 2017 ci saranno tante novità, tra le più attese c’è la riforma delle pensioni, nello specifico la pensione anticipata che probabilmente potrebbe penalizzare le donne e i nati nel 1952.

Infatti, la Legge Fornero permetteva di andare in pensione a 64 anni e si pensava restasse valida anche a partire dal 2017, ma da una recente circolare (n. 196/2016 ) dell’Inps sembra che qualcosa sia cambiato.

Per saperne di più RIFORMA PENSIONI: COSA CAMBIA

Legge Fornero, chi può usufruire della pensione anticipata?

Con la Legge Fornero le dipendenti del settore privato con un’età pari a 60 anni e 20 anni di contribuzione al 31 dicembre 2012, avrebbero potuto usufruire della pensione anticipata al compimento del 64° anno di età.

Stessa cosa per i dipendenti con 60 anni di età e 35 anni di contribuzione al 31 dicembre 2012. L’età di 64 anni è stata poi adeguata al cambiamento della speranza di vita ed oggi è pari a 64 anni e 7 mesi.

Quindi, possono accedere alla pensione anticipata tra il 2016 e il 2017, i lavoratori del settore privato che sono nati nel 1952 che abbiamo maturato 20 di contribuzione (per le donne) e 35 anni di contribuzione (per gli uomini) al 31 dicembre 2012.

Le condizioni del lavoratore subordinato

Sempre la Legge Fornero prevedeva che per andare in pensione a 64 anni (e 7 mesi) i lavoratori avrebbero dovuto essere dei dipendenti privati alla data di entrata in vigore della legge: il 28 dicembre 2011.

Il 26 ottobre scorso, con una nota del Ministero del lavoro, precisamente la n. 13672, si è stabilito che i beneficiari della pensione anticipata sono anche coloro che alla data di entrata in vigore della riforma “prestavano attività di lavoro autonomo, svolgevano attività di lavoro presso una pubblica amministrazione o erano privi di occupazione“.

Quale penalizzazione per i nati nel 1952

Con la circolare n. 196/2016 dell’Inps viene specificato che l’anzianità contributiva deve essere maturata esclusivamente nel settore privato, quindi i lavoratori nati nel 1952 non potranno contare nel calcolo della contribuzione:

  • i periodi di versamenti volontari;
  • la maternità al di fuori del rapporto di lavoro;
  • periodi figurativi maturati durante il servizio militare;
  • i riscatti per conseguimento di titoli di studio.

La Cgil dichiara che a pagare saranno le donne

Inca Morena Piccinini, presidente del patronato Cgil, ha sottolineato che saranno penalizzate soprattutto le donne.

I limiti imposti dalla nuova circolare dell’Inps inerente il calcolo degli anni di contribuzione portano a disparità che gravano soprattutto sulle lavoratrici.

Per maggiori approfondimenti si consiglia SPECIALE RIFORMA PENSIONI: COSA CAMBIERÀ E PER CHI

 


CONDIVIDI
Articolo precedentePatente di guida, ecco le novità ministeriali per l’apposizione della foto
Articolo successivoLegge di Stabilità 2017 e super ammortamento: quando e come beneficiarne

9 COMMENTI

  1. Quando l’ INPS si deciderà a rendere attuativa la nota 196 del 11/11/2016 riguardante i nati nel 1952. Le domante presentate, anche in presenza di tutti i requisiti vengono respunte.

  2. gli statali sono lavoratori come altri anzi il lavoro dell’insegnante di oggi è più usurante rispetto a tanti altri quindi la legge è uguale per tutti anche per i nati nel 1952 (ci risentiamo alle prossime elezioni)

  3. Scusate se mi intrometto, sarei alquanto confusa in materia e avrei delle domande da porvi. sono del 52 ho gia fatto la domanda di pensione di vecchiaia norma eccezionale perché secondo l ‘ inas avevo i requisti per andare in pensione a 39 anni di contributi.mi chiedevo se la caduta del governo renzi abbia influito negativamente sull approvazione della riforma?

  4. Nannicini dice che il governo ha investito sulla riforma delle pensioni con equità sociale(Ma credo non sia così!!!) Vorrei sapere da Nannicini perchè l’inps rigetta le istanze di salvaguardia per chi ha fatto mobilità in deroga specialmente in continuità con quella ordinaria? Non ci debbono essere esodati di serie A ed esodati di sereie B!!!(LA LEGGE é UGUALE PER TUTTI!?!) Faccio un appello a tutti; governo-parlamentari-e sindacati, mi auguro che con l’8°salvaguardia si metta fine a questa iniquità,solo così si può dire che sarà quella definitiva!!! Vorrei ricordare che la 3° salvaguardia prevedeva anche i mobilitati in deroga! ( Chi è di competenza faccia arrivare questo messaggio in parlamento. GRAZIE!!! )

  5. abolire legge fornero subito ha già fatto troppo danno ai pensionati la società più debole bello vedere noi anziani a cassonetti in cerca di mangiare o vestire,bella visuale per il mondo un ‘ Italia che si vede è gestita male questa è la carta identità

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here