Prende avvio oggi, in Parlamento, il confronto sulle richieste di modifica al testo della legge di Stabilità 2016 (VAI AL TESTO) che i vari gruppi parlamentari continuano a chiedere sul fronte delle pensioni.

Il capitolo previdenza è, infatti, tutt’altro che chiuso e la discussione continua a prendere forma tra i numerosi emendamenti, la cui presentazione scade oggi, proposti dai vari gruppi politici e le proposte di modifica contenute nel rapporto di riforma avanzato dall’Inps.

LEGGI ANCHE: Stabilità 2016, 3.600 richieste di modifica: ecco tutti gli emendamenti


Il “piano Boeri” sulle pensioni flessibili prevede un’uscita a partire da 63 anni e 7 mesi di età e almeno 20 anni di contributi, presupponendo però che l’assegno previdenziale non debba scendere sotto un “importo soglia” che va garantito. La penalità ipotizzata, connessa al ricalcolo dei montanti determinati con il sistema retributivo, è compresa entro un range pari al 10% in corrispondenza dell’anticipo massimo.

La proposta potrebbe essere mutuata dall’Esecutivo nel corso della discussione che proseguirà nelle prossime settimane, tuttavia al momento nessuna delle ipotesi contenute nel piano dell’Inps è stata presa in considerazione.

LEGGI ANCHE: Pensioni, flessibilità in uscita: se ne riparla nel 2017

In riferimento, invece, agli emendamenti che i gruppi parlamentari hanno presentato, tra le principali richieste di modifica figurano: l’ampliamento e l’anticipo al 2016 della no tax area dei pensionati over 75, l’ampliamento del contributivo donna, l’introduzione di forme di staffetta generazionale per chi ha più di 63 anni.

Dal versante Pd, in particolare dalla minoranza, sono diversi gli esponenti che premono sulla necessità di trovare una soluzione che introduca una maggiore flessibilità in uscita verso il pensionamento anticipato, oltre all’estensione del contributivo donna anche alla platea maschile.

Si parla infine di nuovi interventi a favore delle ricongiunzioni contributive non più onerose e di un’agevolazione del cumulo. Nessun riferimento invece, né tra gli emendamenti alla legge di Stabilità né tra le proposte dell’Inps, viene previsto per le categorie dei lavoratori precoci e degli usuranti.

LEGGI ANCHE: Riforma pensioni: 7° salvaguardia per 32mila lavoratori, quali?


CONDIVIDI
Articolo precedenteVoluntary disclosure: chi gestirà le domande? Tempi e modalità
Articolo successivoSportello sui diritti dello studente: i metodi di verifica tra tradizione e sperimentazione

4 COMMENTI

  1. Non volete darci la PENSIONE ? OK ma almeno abbassate a 63 anni la soglia per ricevere la PENSIONE SOCIALE

  2. Dopo 40 anni di lavoro un laboratoire ha il diritto di andare in pensione…avete rotto politico xel cavolo toccate le votre d’oro

  3. Mi auguro x la Repubblica Italiana, di non toccare le pensioni agli Italiani, e non fare nessuna modifica, i contributi versati x 40 anni dai lavoratori sono sacrosanti e vanno rispettati, il problema Inps non sono le pensioni vere, ma sono tutte quelle pensioni percepite ingiustamente, senza un vero controllo, sono state pagate pensioni a persone decedute; a persone che hanno versato contributi x pochi anni tramite ditte senza lavorare; pensioni ai falsi invalidi con l’aiuto dei medici, questo e’ stato il vero problema Inps, e adesso tu Italia te la prendi con i lavoratori onesti che x tanti anni ti hanno vesati contributi, e dopo li vuoi anche rapinare dei diritti acquisiti con sudore, Italia fai attenzione stai toccando gli abissi.

  4. PER ME ,,,SERVE LAVORO E NON LA ELEMOSINAAAAAAAAAAAAAA, E ORA DI FINIRLA,,,,POLITICI INCAPACI, MA CHI E CHE HA DETTO CHE L’ITALIA E FONDATA SUL LAVORO,,, E SULLA DEMOCRAZIA !!!! SOCIALE,, MAAAAAAAAAAAAAA…
    CARI POLITICI ……. NE ABBIAMO PIENE LE SCATOLE.
    DATEVI UNA MOSSA,, L’ITALIANI ANNO FINITA ANCHE LA FRUTTA ,ORMAI….

    ANCHE UN ASINO SENZA CODA FAREBBE MEGLIO DI VOI..

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here