Il testo della legge di Stabilità 2016 (VAI AL TESTO), domani al Senato, ammette la proroga anche per il 2016 dello sgravio contributivo per i datori di lavoro che stipulano assunzioni a tempo indeterminato con dei limiti, però, rispetto all’esonero previsto per il 2015. Il nuovo ddl di Stabilità 2016, con riferimento ai nuovi contratti di lavoro a tempo indeterminato stipulati dall’1° gennaio al 31 dicembre 2016, stabilisce uno sgravio dei contributi Inps a carico dei datori di lavoro della durata di 24 mesi.

Viene invece ridotta la soglia massima di esonero ammesso, che scala dagli 8.060 euro del 2015 ai 3.250 euro. La diminuzione dello sgravio sulle assunzioni a tempo indeterminato, stipulate nel 2016, rimette sul tavolo del confronto le agevolazioni contributive che ad oggi operano. Le imprese, ai fini dell’accesso ai benefici contributivi, sono tenute ad avere un documento, con validità di 120 giorni (DURC), attestante la regolarità contributiva rispetto agli obblighi normativi e contrattuali.

Per la stipula di nuove assunzioni a tempo indeterminato, con decorrenza dal 1° gennaio al 31 dicembre 2016, viene concesso ai datori di lavoro l’esonero per la durata di 24 mesi dal versamento dei complessivi contributi previdenziali, ad eccezione dei premi e dei contributi dovuti all’Inail. Tali assunzioni devono riguardare, però, lavoratori che durante i 6 mesi che hanno preceduto l’instaurazione del rapporto di lavoro non hanno avuto occupazioni a tempo indeterminato presso qualsiasi altro datore di lavoro.


Tali lavoratori, inoltre, non devono essere stati già assunti dal medesimo datore di lavoro beneficiando dello stesso incentivo; infine non devono essere stati occupati a tempo indeterminato presso la stessa azienda nei 3 mesi precedenti la data di entrata in vigore del procedimento. Entro uno preciso massimale (3.250 euro annui) si configura uno sgravio totale, poi da riconsiderare in relazione alla durata temporale del rapporto di lavoro valutato. Sono esclusi dall’incentivo i contratti di lavoro domestico.

La legge 92/2012, a decorrere dal 1° gennaio 2013, ha stabilito alcuni incentivi che prevedono una contrazione pari al 50% dei contributi Inps e Inail posti a carico del datore di lavoro, per un massimo di 12 mesi con le assunzione a termine, e di 18 mesi in caso di assunzione a tempo indeterminato o di trasformazione contrattuale da tempo determinato a tempo indeterminato.

Tale agevolazione viene applicata per le assunzioni di lavoratori con più di 50 anni, disoccupati da almeno 12 mesi, con contratto di lavoro dipendente; per le assunzioni di donne che sono sprovviste di un impiego sistematicamente retribuito da almeno 6 mesi e che risiedono in Regioni ammissibili ai finanziamenti dei fondi strutturali UE (quali Basilicata, Campania, Calabria, Puglia, Sicilia e alcuni territori del Centro-Nord).

L’agevolazione si applica anche, indipendentemente dal luogo di residenza, alle assunzioni di donne a cui manca un impiego regolarmente retribuito da almeno 24 mesi; donne senza un’occupazione regolarmente retribuita da almeno 6 mesi, per tutti quegli ambiti professionali che, così come stabilito dal Decreto ministeriale dello scorso 13 ottobre, rivelano un elevato tasso di disparità tra uomo e donna, quali agricoltura, costruzioni, trasporti, energia, industria manifatturiera e comunicazioni.

Specifici incentivi, infine, ai sensi della legge n. 99/2013, sono stati previsti per i datori di lavoro che stipulano contratti a tempo pieno e indeterminato per i lavoratori che beneficiano della Nuova Assicurazione sociale per l’impiego (NASpI). Per ogni mensilità retributiva che viene corrisposta al lavoratore, l’importo del beneficio equivale ad un contributo mensile pari al 50% dell’indennità mensile di NASpI residua che sarebbe stata corrisposta al lavoratore.

L’opzione che, tuttavia, risulta più favorevole al datore di lavoro nel 2016 è l’apprendistato. Per l’intera durata dell’apprendistato, infatti, i datori di lavoro possono fruire di una contribuzione pari all’11,61%. La facilitazione contributiva, una volta terminato il periodo di apprendistato, viene riconosciuta per altri 12 mesi. Se poi il datore di lavoro assume un numero di addetti pari o inferiore a 9, l’agevolazione contributiva è totale, fatta eccezione per l’applicazione dell’ 1,61% riguardante l’assicurazione sociale per l’impiego per i periodi contributivi maturati nei primi 3 anni di contratto. L’agevolazione si applica a tutti i contratti di apprendistato che sono stati stipulati successivamente al 1° gennaio 2012 ed entro il 31 dicembre 2016.

LEGGI ANCHE:

Legge di Stabilità 2016: tutti i contenuti

Legge di Stabilità 2016: tutto sul pacchetto fiscale che riduce le tasse

Stabilità 2016: tutte le novità per imprese e professionisti


CONDIVIDI
Articolo precedenteTrofeo Rally Terra, 2015, vince Trentin della Power Car Team
Articolo successivoLegge di Stabilità 2016: tutte le novità per gli statali

2 COMMENTI

  1. Ho bisogno di sapere a chi rivolgermi mi hanno fatto un contratto di prova a tempo indeterminato e io non lo sapevo non ho firmato nulla,dopo 25 giorni di lavoro ho dato le dimissioni perché non stavo bene per niente,adesso ho trovato un lavoro che mi piace e mi da tante soddisfazioni ma il mio attuale datore di lavoro non può usufruire degli sgravi fiscali del jobsact per quel contratto che va dal 2luglio al 7 agosto e le dimissioni io le ho date verbalmente il 27 luglio e scritte il primo agosto ,per godere degli sgravi l’azienda di prima ha storpiato tutto e adesso il mio attuale capo non può usufruire degli sgravi entro il 2015

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here