Oggi inizia ufficialmente la stagione estiva nell’universo dei veicoli a motore. E’ il 15 aprile e, come d’abitudine da ormai un paio di anni, è possibile dare l’arrivederci alle gomme da neve, che dovranno tornare sui veicoli solo il prossimo 15 novembre.

Si tratta, è bene specificarlo, di una previsione facoltativa per gli utenti della strada. Viene infatti consentito il montaggio delle gomme invernali anche nel periodo estivo, poiché non ci sono disposizioni di legge che ne vietino espressamente l’utilizzo.

Dunque, diventa una libera scelta degli automobilisti quella di continuare a circolare con gli pneumatici invernali anche nei mesi più caldi, con l’avvertenza che elevate temperature possono deteriorare le gomme e ridurre il loro funzionamento quando tornerà il freddo. Nonché, aspetto da non sottovalutare, accorciare la loro durata e rendere obbligato l’acquisto di un nuovo set di gomme in tempi brevi.


Insomma, sostituire le gomme da neve non è obbligatorio per legge, ma è caldamente consigliato da tutte le associazioni, da qualsiasi rivenditore e dalle stesse case automobilistiche, che sottolineano l’importanza degli pneumatici termici nei mesi indicati mettendo in guardia dal loro abuso nella stagione calda, a causa della mescola morbida che rischia di rovinarsi a contatto con l’asfalto rovente.

A definire l’obbligo che decade a partire da oggi 15 aprile, non solo la normativa nazionale ma anche le direttive degli enti locali, a cominciare da Comuni, Regioni e le Province anche se in stato di dismissione. La norma generale, comunque, prevede che dal 15 novembre al 15 aprile le auto in circolazione su tutta la rete stradale a autostradale debbano montare gomme termiche oppure, in alternativa, avere a bordo le catene da installare in caso di neve o ghiaccio.

C’è un’eccezione sulla legge, che indica cioè il ritorno obbligato alle gomme estive, e riguarda quanti abbiano installato le gomme invernali con codice di velocità inferiore a quanto dichiarato sulla carta di circolazione, cioè rispetto all’indicazione di massima velocità del libretto, che in inverno consente di fermarsi uno step prima del consentito. In tal caso, la scadenza è fissata al prossimo 15 maggio: entro quella data, tutti i soggetti interessati dovranno provvedere alla rimozione degli pneumatici invernali.

 


CONDIVIDI
Articolo precedenteNon è dovuta la doppia contribuzione Inps per l’amministratore di Srl che sia anche commerciante o artigiano
Articolo successivoSe litigare sui partiti è questione di democrazia (e di simboli)

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here