Gomme termiche e obbligo di catene a bordo, il countdown è agli sgoccioli. Da sabato 15 novembre, infatti, scatta l’obbligo di pneumatici invernali su tutta la rete stradale e autostradale italiana, incluse le grandi città.

Ogni automobilista, dunque, dovrà attrezzarsi per non trasgredire questa norma molto precisa che, dall’anno scorso, sancisce il periodo entro cui ogni veicolo deve essere in grado di affrontare la stagione invernale, con le possibilità di neve e ghiacciate anche in pianura.

Chi riguarda l’obbligo


La normativa che costringe tutti i proprietari e conducenti di autoveicoli riguarda tutti i veicoli a quattro ruote, ivi incluse auto, tir e mezzi pesanti, purché non abbiano montati gli pneumatici quattro stagioni, quelli, cioè, adatti ad affrontare sia la stagione estiva che quella invernali. Una soluzione che oggi molte auto ni vendita sembrano prediligere, anche per un fatto di risparmio.

Come mettersi in regola

Per rispettare la normativa vigente in fatto di gomme da neve, allora, sarà necessario dotare il proprio mezzo di pneumatici dallo spessore di almeno 1,6 millimetri, anche se la legge consiglia a tutti gli utenti della strada almeno 4 millimetri di battistrada. In generale, le gomme idonee sono quelle omologate dalla Direttiva 92/23/CEE del Consiglio delle Comunità Europee, e successive modifiche, oppure secondo il corrispondente regolamento UNECE. In questi casi, saranno munite del previsto marchio di omologazione.

La data indicata dal governo si riferisce all’intero territorio nazionale, ma è possibile che i Comuni abbiano adottato delle disposizioni diverse a seconda del rischio neve o gelate che si incorre. Dunque, è consigliabile verificare con il proprio ente di riferimento se e quando l’obbligo potrebbe essere già entrato in vigore.

QUI LA SPIEGAZIONE SULLE GOMME DA UTILIZZARE E LE SANZIONI

Quali sono le opzioni

Come al solito, è bene ricordare che l’alternativa più pratica alle gomme da neve, specie nei contesti a bassa altitudine con relative probabilità di massicce nevicate, è quella di avere le catene a bordo. In tal caso, però, è necessario che il conducente sia capace di installarle in maniera completamente autonoma e potrebbe essere richiesto dalle forze dell’ordine anche un esempio dimostrativo per non incorrere nella sanzione.

 


CONDIVIDI
Articolo precedentePapa Francesco, la catechesi all’udienza del 12 novembre 2014
Articolo successivoIl reclamo del cliente alla banca: termini, modalità ed effetti

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here