La riforma delle Province arriva allo stadio conclusivo. Ieri è arrivato il via libera della Conferenza unificata dell’accordo tra Stato, Regioni e Autonomie e, parallelamente, è arrivato l’ok al decreto attuativo collegato che realizzerà le disposizioni del ddl Delrio.

Anche se due mesi in ritardo rispetto al calendario inizialmente prefissato in stesura del disegno di legge, si avvia dunque a compimento la chiacchieratissima, e altrettanto contestata, riforma delle province italiane, erroneamente indicata, talvolta, come quella di “abolizione”.

In realtà, le province rimangono esattamente al loro posto, senza modificare il proprio raggio territoriale e, in buona parte, anche i propri organici. Cambieranno nome in “enti di area vasta” ma, al di là di questo, a modificare, infatti, saranno specialmente alcune funzioni, così come la composizione e la formazione dei consigli provinciali, che saranno eletti dai sindaci e da consiglieri comunali.

Sicuramente, di portata storica l’introduzione delle Città metropolitane, che andranno a sostituire le amminisitrazioni provinciali nelle zone dei maggiori centri urbani: in questo caso, a presiedere sarà il sindaco della città con più abitanti.

I nuovi obblighi versi i dipendenti

Entro il 31 dicembre prossimo, toccherà alle Regioni prendere il timone della riforma e procedere alla redistribuzione delle funzioni demandate. Ciò, ovviamente, comporterà delle conseguenze anche per i dipendenti delle strutture coinvolte nel riordino.

Innanzitutto, andranno evidenziate le direzioni e le risorse che saranno coinvolte negli spostamenti relativi all’attuazione della riforma, quindi entro due settimane dall’uscita del Dpcm in Gazzetta saranno le province a dover stilare una “mappatura dei beni e delle risorse connesse a tutte le funzioni, fondamentali e non”. 

In seguito, ai nascituri enti di area vasta saranno cedute le responsabilità in fatto di pianificazione territoriale, sull’assistenza agli enti locali, e la promozione delle pari opportunità nel mondo del lavoro.  Le altre attività di cui saranno spogliate le province, finiranno in capo a Comuni o Regioni.

In ogni caso, ogni spostamento dei lavoratori sarà collegato a un accordo raggiunto con le organizzazioni sindacali e, contestualmente, al riconoscimento del trattamento fondamentale e accessorio, così come previsto dai contratti attualmente in vigore che non saranno ritoccati anche nei termini temporali.

Vai al testo del Decreto attuativo del ddl Delrio

Vai al testo finale del ddl Delrio

 

Città metropolitane, province, unioni e fusioni di comuni

Città metropolitane, province, unioni e fusioni di comuni

Luciano Vandelli, 2014, Maggioli Editore

La legge Delrio, 7 aprile 2014, n. 56, introduce nel sistema delle autonomie novità fondamentali: istituisce effettivamente, in tempi certi, le città metropolitane. cambia profondamente l'organizzazione, il funzionamento, le competenze delle province. guida e sostiene i processi di unione e di...




CONDIVIDI
Articolo precedenteDecreto Sblocca Italia, ci siamo. Ultime novità sul Codice appalti
Articolo successivoAlcol alla guida, no all’accertamento sintomatico

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here