Moltissimi residenti in condomini e unità abitative confinanti con altre, quando non in condivisione degli spazi comuni, si trovano spesso ad avere a che fare con vicini di casa e di pianerottolo troppo rumorosi. Alle volte, il rumore diventa così forte e insopportabile da suscitare gravi liti tra dirimpettai, al punto che, spesso e volentieri, si finisce in tribunale.

La causa di mancato riposto e di disturbo della quiete dei vicini, infatti, può essere sufficiente a portare la vicenda di fronte al giudice, per capire se gli inquilini più confusionari si siano macchiati di qualche reato ed, eventualmente, cercare di capire i giusti provvedimenti da prendere.

Dopo la riforma del condominio dello scorso anno, sono arrivate sentenze a ruota a dare una stretta di non poco conto contro gli stalker condominiali, che si disinteressano del diritto a riposare delle altre persone e si rendono protagonisti di rumori molesti nella struttura di residenza comune. Addirittura, agli inquilini più rumorosi veniva imposto di lasciare la struttura, in caso le loro colpe fossero state certificate dall’autorità giudiziaria.

Negli ultimi tempi, però, il vento sembra leggermente cambiato. Complice, forse, la nuova normativa che ha debuttato negli ultimi tempi, con l’attuazione del piano del governo sulla morosità incolpevole, rendendo di fatto molto più complicati gli sfratti nei confronti di chi ha subito oggettive difficoltà economiche a causa della crisi degli ultimi anni, ora allontanare dall’abitazione i vicini molestatori sarà molto difficile, se non impossibile.

A stabilirlo, la Corte di Cassazione con un nuova sentenza che va a riscrivere le sanzioni di cui si deve preoccupare l’imputato per disturbo della quiete condominiale. Nell’ultima pronuncia di piazza Cavour, infatti, viene sancito come, sì, la normativa anti stalking vada applicata in caso di vicini rumorosi, ma solo in caso di unità abitative distinte e non nell’eventualità di residenza in condominio.

La Cassazione ha stabilito che, sebbene il marito che perseguiti la moglie possa essere allontanato dall’abitazione secondo la normativa antistalking, la medesima disposizione non si debba applicare per via analogica anche alla condizione di rumore creata da un inquilino indifferente alle proteste dei vicini. La ragione è che manca una norma specifica in tal senso: non si può essere allontanamento del vicino rumoroso in assenza di minaccia diretta alla persona.

 

Casi di condomini molesti

Casi di condomini molesti

Cassano Giuseppe, 2014, Maggioli Editore

L'opera, aggiornata alla recente giurisprudenza, riporta la casistica delle controversie che si verificano con maggior frequenza nei rapporti condominiali. Partendo dalle problematiche che generano le liti tra condomini e che poi finiscono nelle aule giudiziarie si arriva all'estrapolazione...




CONDIVIDI
Articolo precedenteAnnullati avvisi di accertamento per un milione e mezzo di euro
Articolo successivoNomine dei dirigenti a contratto, a tirare troppo la corda pericolo abuso d’ufficio?

1 COOMENTO

  1. Vorrei vedere quel Giudice che ha stabilito quanto sopra avere di fianco un inquilino che alle 5 e mezza di mattina inizia ad adoperare una pressa per fare delle molle fino a sera inoltrata!? poi ci meravigliamo se qualcuno perde la pazienza e ne ammazza cinque o sei! dove cazzo sta la giustizia? nelle chiacchiere? devono esserci delle regole da far rispettare come e comunque perché esistono degli “animali” che il buon senso civico lo ritengono un optional.

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here