Oggi è il giorno del Consiglio dei ministri che dovrebbe segnare la ripartenza dell’esecutivo. All’ordine del giorno, infatti, figurano alcuni provvedimenti cardine, di argomenti insieme delicati e di fondamentale importanza. Corruzione, riforma della PA e dichiarazione dei redditi: dall’assemblea di governo oggi dovrebbero uscire novità fondamentali per questi tre ambiti che riguardano milioni di persone e, insieme, il buon andamento della cosa pubblica.

Tutto ciò, avverrà nello sfondo di un passaggio politico molto delicato. Con il presidente del Consiglio assente da una settimana per il tour in Asia, che ha toccato Vietnam e Cina, la situazione a Roma sembra sfuggita di mano, con l’autosospensione di 13 senatori del Partito democratico, solidali con Corradino Mineo e Vannino Chiti, i due esponenti democratici ostili al ddl di riforma costituzionale promosso dal ministro Boschi.

 

Vediamo, intanto, cosa è in programma nel Consiglio dei ministri di oggi, 13 giugno 2014.

 

Riforma della Pubblica amministrazione. Dopo l’incontro con i sindacati di ieri, sembra che la bozza circolata nelle ultime ore verrà modificata a ridosso del Cdm di approvazione. Il ministro Madia si è affrettata, infatti, a sconfessare la possibilità di trasferimento entro i 100 chilometri per i dipendenti pubblici; dall’altra parte, i sindacati chiedono 100mila assunzioni, ma niente esuberi né prepensionamenti. I tecnici del ministero sono al lavoro per limare gli ultimi dettagli da un disegno di legge che potrebbe avviare una nuova era nella pubblica amministrazione.

 

Anticorruzione. Lo hanno chiamato decreto Cantone, dal nome della nuova Guida dell’Autorità nazionale, nonché Commissario speciale sull’Expo 2015, dopo i primi scandali che hanno rischiato di impantanare l’organizzazione dell’evento milanese del 2015. Si prevede un innalzamento delle pene per i reati di corruzione e si valuta la possibilità di introdurre una sorta di Daspo per i politici o gli imprenditori corrotti. Attesa anche per la nomina dei componenti dell’Authority che affiancheranno Cantone.

 

Unico 2014. Secondo le indiscrezioni trapelate nei giorni scorsi, il Consiglio dei ministri dovrebbe dare l’ok anche a un decreto che rinvierà il pagamento previsto per lunedì 16 giugno, di Unico 2014, il modello di denuncia dei redditi che devono presentare partite Iva e autonomi, invece del solito 730 previsto per i dipendenti. L’ufficialità dovrebbe arrivare al termine dell’incontro del governo.

 


CONDIVIDI
Articolo precedenteBankItalia o BankUsura? Cosa c’è dietro l’indagine di Trani
Articolo successivoE-commerce, in vigore le nuove regole per i negozi online

3 COMMENTI

  1. LA CATEGORIA DEI COMMERCIALISTI DOVREBBE INIZIARE A RIBELLARSI IN MODO UNITO ED AGGREGATO A QUESTO TRATTAMENTO DA SERVI DELLA GLEBA! NON SI PUO’ ACCETTARE DI RICEVERE “LA PROROGA” IL GIORNO DELLA SCADENZA O ADDIRITTURA SUCCESSIVO… COME E’ STATO CON I 730!
    NON SI PUO’ ACCETTARE CHE NON SI POSSA FAR FIRMARE IL DECRETO AD UN DELEGATO O COMUNQUE UN ADDETTO CHE NON SIA IL PCM IN PERSONA!
    E SOPRATTUTTO… ANZICHE’ ANDARE A DIRE AI 4 VENTI CHE L’ANNO PROSSIMO MANDA LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI A TUTTI… POTREBBE COMINCIARE CON IL FARE LE COSE PER BENE QUEST’ANNO! E NON SEMPRE PENSARE AL PROSSIMO ANNO! SE PROPRIO VOLEVA FARE QUALCOSA DI BUONO INTANTO AVREBBE ANCHE POTUTO OBBLIGARE I COMUNI CHE VOLEVANO INCASSARE LA STRAMALEDETTA TASI A MANDARE GLI F24 PRECOMPILATI AI CONTRIBUENTI E NON ANCORA UNA VOLTA FAR SCLERARE I COMMERCIALISTI!
    QUESTO PAESE E PROPRIO UNO SCHIFO! TUTTI CHE PARLANO, PARLANO, PARLANO…
    ABBIAMO BISOGNO DI RISPETTO, CONCRETEZZA, VELOCITA’ E PRECISIONE. BASTA PAROLE, PRESAPPOCHISMI E PERDITE DI TEMPO!

  2. …….vai figlio di La Pira perchè l’Italia è con te e te lo ha ampiamente dimostrato ..il resto ””E’ NOIA ”” DEI ”PERDITEMPO E FUORI TEMPO” in bocca al lupo.pino

  3. oltre agli impegni esteri il Governo dovrebbe ricordarsi degli italiani e delle persone che lavorano per far pagare le tasse ai cittadini!!! oggi venerdì 13 prorogare i versamenti da modello unico al 7 luglio vi sembra corretto?????
    Tanto non siete voi a dover elaborare dichiarazioni dei redditi in 15 giorni perché studi di settore e software escono all’ultimo giorno! Proroghe al venerdì per il lunedì?!
    Dovremmo smettere di pagare le tasse così nelle vostre tasche entrano meno soldi e forse scendete con i piedi sul pianeta terra!!

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here