Questa settimana, infine, è davvero quella in cui andrà in Parlamento la legge elettorale. Annunciata da diversi anni, la proposta di sostituzione del Porcellum ha puntualmente mancato l’appuntamento con le assemblee parlamentari. Stavolta, però, ci siamo davvero, con il testo che subirà i primi ritocchi, per poi venire esaminato dai deputati in assemblea.

Decisivo, per adesso, l’incontro avvenuto sabato 18 gennaio tra Matteo Renzi e Silvio Berlusconi, servito a mettere sul tavolo il nuovo patto per le riforme: legge elettorale, riforma del Titolo V e trasformazione del Senato in Camera delle Autonomie.

Punto di partenza, naturalmente, dopo la bocciatura da parte della Corte costituzionale, il nuovo sistema di elezione in Parlamento, che ha ricevuto, lunedì 20, l’ok anche della direzione Pd, dopo una turbolenta assemblea che ha portato Gianni Cuperlo a dimettersi dall’incarico di presidente del primo partito di maggioranza.


Martedì scorso, poi, l’arrivo alla Commissione Affari Costituzionali di Montecitorio, a seguito di un rischio rinvio per la cosiddetta clausola “salva-Lega”, poi eliminata dalla bozza arrivata alla Camera.

Oggi e domani, la Commissione, voterà gli emendamenti alla bozza di legge elettorale, per presentare in aula un testo approvato, probabilmente già mercoledì.

Del resto, l’assenza di una legge elettorale approvata dal Parlamento – la sentenza della Corte ha lasciato un sistema proporzionale in vigore, ma che non accontenta nessuno così com’è – impone di accelerare i tempi.

Il testo arrivato alla Camera, al momento, presenta le seguenti caratteristiche: l’Italicum è un sistema elettorale proporzionale, con premio di maggioranza per chi raggiunge il 35% dei consensi e che prevede il doppio turno di coalizione in caso nessuno dei contendenti abbia incamerato così tanti voti.

Possibile che le richieste di modifica riguardino soglie di sbarramento, così come il tema delle preferenze, che continua a dividere l’arco politico. Soprattutto i piccoli partiti, che con questa legge troverebbero vita difficilissima, dovrebbero portare all’attenzione della Camera le modifiche più importanti.

Vai al testo dell’Italicum

Vai allo speciale Italicum di Leggioggi


CONDIVIDI
Articolo precedenteBerlusconi, 26 gennaio 1994: i vent’anni in politica del “ragazzo Coccodè”
Articolo successivoTutela dei consumatori In vigore la direttiva 2011/83/ue

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here