La legge di stabilità 2014 passerà alla storia per essere la finanziaria dove è stata inclusa la prima web tax in salsa italiana: il tentativo messo in pratica dallo Stato di fare cassa tramite le transazioni svolte su internet. Dopo anni di speculazioni, ipotesi e proposte cadute nel vuoto, dunque, finalmente si è arrivati in sede politica all’accordo su un balzello che penda anche sulle tante imprese che generano profitti su internet. Ma è davvero una buona notizia?

Non proprio, almeno dalle prime analisi “a caldo”. A raccontare le possibili evoluzioni della web tax inserita nel testo presentato alla Camera della legge di stabilità, Guido Scorza nel suo blog personale sul fattoquotidiano.it

Tanto per cominciare, la versione originale della web tax è stata sensibilmente ridotta: della proposta iniziale, solo il seocondo comma è stato inserito nel testo approdato in aula.


Ora, infatti, la norma verrà applicata solo ai servizi promozionali, e non a tutte le attività commerciali presenti sulla rete, di modo che solo chi acquisterà spazi pubblicitari sarà obbligato a detenere regolare partita Iva.

Una modifica, spiega Scorza, che ridurrebbe l’impatto della tassa senza portare benefici di sorta all’erario. Ma quel che più preme, è l’arrivo di una legge “anti-europea, di dubbia legittimità costituzionale, sostanzialmente inapplicabile ed anacronistica.

C’è il problema della territorialità, denuncia l’esperto, che potrebbe causare all’Italia l’apertura dell’ennesima infrazione in sede comunitaria: “La legge – continua Scorza nel suo intervento – è interamente costruita su un’idea di web che non esiste“, dove sarebbe valido un regime fiscale separato solo per i contenuti accessibili sul nostro Paese. Un’iniziativa, attacca, “da regimi autoritari come quello cinese”.

Insomma, per i clic sui banner pubblicitari, sarà necessario disporre di una partita Iva italiana per le aperture delle pagine in territorio italiano, mentre dall’estero resteranno valide le fatture emesse senza partita Iva. Un circolo vizioso che testimonia come, con la web tax, potrebbe complicarsi parecchio la vita degli inserzionisti digitali.

 

LEGGI LA VERSIONE UFFICIALE DEL MAXIEMENDAMENTO ALLA LEGGE DI STABILITA’ 2014

VAI ALLO SPECIALE LEGGE DI STABILITA’

VAI AL DOSSIER PUNTO PER PUNTO DELLA LEGGE


CONDIVIDI
Articolo precedenteLegge di stabilità 2014, salta la piena rivalutazione delle pensioni
Articolo successivoLegge di stabilità 2014, disoccupati: ecco il contratto di ricollocazione

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here