Continua alla Camera l’esame del disegno di legge Delrio, malgrado il doppio rallentamento dovuto, da una parte, all’arrivo in Commissione Bilancio della legge di stabilità e, dall’altra, al voto di fiducia al governo chiesto in mattinata dal premier Enrico Letta.

Ieri, nel corso dell’esame in svolgimento a Montecitorio, sono stati dichiarati inammissibili 15 emendamenti, proprio dalla commissione deputata all’analisi delle coperture finanziarie alla riforma istituzionale. Con queste modifiche bocciate dall’organo in sede referente, è saltata anche la previsione secondo cui, nel passaggio tra Province e Città metropolitane, lì dove sono previste, gli oneri commissariali sono a carico dei Comuni che abbiano manifestato la volontà di rimanere sotto la Provincia di provenienza.

Le ipotesi di commissariamento a carico dei Comuni erano state avanzate da Scelta civica, Lega nord e Forza Italia, ma ieri hanno ricevuto l’imprevisto stop in commissione.


Modifica importante introdotta dalla stessa commissione, è quella che, al contrario, prevede l’istituzione di ulteriori città metropolitane “nelle Province individuate come metropolitane nell’ambito delle Regioni a statuto speciale Sicilia, Sardegna e Friuli Venezia Giulia, nonché nelle Province con popolazione superiore a un milione di abitanti”.

Ieri, nel corso dell’esame in commissione sono stati approvati i primi sei articoli, poi l’iter è stato interrotto per via delle incombenze in arrivo, tra ddl stabilità e la discussione sul voto di fiducia al governo Letta.

Già oggi, in aula, potrebbe arrivare l’ok al testo modificato, un punto importante sia per il ministro agli Affari regionali Graziano Delrio, primo sostenitore del progetto di eliminazione delle province, nonché al suo preferito Matteo Renzi, che dell’abolizione degli enti provinciali ha fatto una bandiera delle sue campagne elettorali.

L’approvazione definitiva del ddl, secondo i tempi tracciati alle Camere, non dovrebbe avvenire prima di febbraio, ma indubbiamente un primo ok al testo corretto, ormai vicino alla sua versione finale, potrà segnare l’avvio della nuova fase dell’esecutivo Letta.

Vai al testo del ddl Delrio


CONDIVIDI
Articolo precedenteLe società partecipate: un sistema al collasso del quale non si vuole fare a meno
Articolo successivoGoverno, voto di fiducia: il discorso completo di Letta alla Camera

1 COOMENTO

  1. sulle città metropolitane senza sapere cosa sta dietro questa miracolistica etichetta. Sarà una nuova proliferazione di enti tale e quale a quella delle province dal 1990 in poi. Interessa solo il prestigio dei capoluoghi.
    Snelliamo finché si vuole l’ente provincia, ma non tocchiamo i confini se non vogliamo un’interminabile guerra civile. E meglio non eliminare il nome provincia, se i Comuni c’erano nel Medioevo e ci sono tuttora, pur non essendo certo la stessa cosa.

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here