Enrico Letta ha incassato la fiducia in Senato a termine del dibattito svoltosi in mattinata a palazzo Madama: a favore dell’esecutivo ha votato anche il Pdl. Il governo, dunque, potrà continuare nel suo operato, con una maggioranza ancor più ampia di quella che lo ha visto nascere, grazie all’appoggio di nuovi eletti, tra cui i transfughi del MoVimento 5 Stelle.

Alla fine, dunque, Berlusconi ha ceduto al pressing dei ministri Pdl – Alfano, Lorenzin, Lupi, Quagliariello – più altri esponenti che avevano dichiarato di voler votare la fiducia. I distinguo all’interno della forza politica del Cavaliere erano emersi subito dopo il doppio diktat del leader sulle dimissioni dei deputati, senatori e poi anche dei ministri del governo, che lo stesso premier ha infine respinto.

Ad accordare la fiducia al governo Letta, i gruppi parlamentari del Pd, Scelta civica, Autonomie locali e Pdl. Dunque, la pattuglia di una trentina di dissidenti tra Pdl e Gal emersi in mattinata è risultata vincitrice nel braccio di ferro interno alla coalizione. Una fazione che, a sentire uno dei membri più noti, Roberto Formigoni, avevagià assunto il nome di “Popolari”.


Alcuni passaggi concitati hanno acceso la discussione in Aula sotto l’osservazione vigile del presidente del Senato Piero Grasso, che è dovuto intervenire più volte a calmare gli animi di un dibattito molto acceso, in particolare dopo il primo intervento del presidente del Consiglio.

Momenti intensi, nei quali sono state diramate le liste degli “eversivi” del centrodestra, con tanto di foglio firmato nominalmente dagli esponenti Pdl in fuga dal gruppo di appartenenza e dalla linea dettata dal leader Berlusconi. In un primo momento, pareva confermata posizione ufficiale del Pdl per il no alla fiducia, coerentemente a quanto dichiarato nei giorni scorsi dai fedelissimi dello stesso Berlusconi. Poi, però, alla luce di un tira e molla che avrebbe visto il partito andare incontro a una scissione, il Cavaliere ha dovuto frenare i propri impulsi distruttivi sul governo e accettare di votare sì alla fiducia.

Leggi il discorso completo di Enrico Letta al Senato


CONDIVIDI
Articolo precedenteCompensi Avvocati: previsti aumenti fino al 40%
Articolo successivoRiforma geografia giudiziaria: 9 regioni per il referendum

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here