I concorsi parzialmente riservati ai dipendenti a termine, che abbiano totalizzato almeno tre anni negli ultimi cinque, si potranno effettuare fino al termine del 2016. Va ricordato che il conteggio dei 36 mesi sarà valido anche se i contratti sono stati attivati da amministrazioni diverse. Dunque sono queste le due principali novità presentate dal relatore al disegno di legge di conversione del Dl 101 in discussione alla Commissione Affari costituzionali del Senato per la prima lettura.

In merito alle selezioni mirate al 50% per l’assorbimento di una parte dei precari della Pa (sono 122 mila ; 10 mila in più di quelli in forza ai tempi della stabilizzazione di Prodi) il confronto all’interno della “strana maggioranza” ha permesso un passo in avanti che lunedì potrebbe ricevere la conferma con la votazione finale, anche se al momento manca ancora l’ok della Bilancio.

La logica, ha dichiarato il senatore Giorgio Pagliari (Pd), è quella di dare più tempo e margini assunzionali, a risorse invariate, ad amministrazioni che scegliessero di muoversi impiegando questo canale di reclutamento. In base alla legislazione attuale nel 2016, tra l’altro, vengono meno i vincoli attuali al turn over; 20% nel 2014 e 50% nel 2015 sui rimpiazzi.


Fra gli emendamenti del relatore c’è anche l’allargamento di un altro anno  (fino al 2016) per la maturazione dei requisiti di pensionamento pre-riforma Fornero per i soprannumerari delle amministrazioni centrali che hanno effettuato il taglio delle dotazioni organiche previsto dalla spending review. Ci sono novità anche per la Civit: cambierà nome prendendo quello di Autorità nazionale anticorruzione (Anac) conservando i compiti anche nell’ambito della trasparenza e valutazione  delle performance, che in prima versione venivano trasferiti all’Aran.

L’Anac avrà un presidente e 4 componenti che, in via di prima applicazione, resteranno in carica fino al termine del 2016, data entro la quale sono prorogati il presidente dell’attuale Civit e gli altri due componenti. Per esercitare le sue funzioni, previste dalla legge 190/2012, potrà contare su un organico di 30 dipendenti e 20 consulenze esterne, nonchè un budget annuo di 4,5 milioni di euro.

Vai allo speciale precari nella pubblica amministrazione.


1 COOMENTO

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here