Prima il clamore per i tagli verticali adesso la richiesta quasi come una preghiera degli stessi tagli, le Regioni rischiano di perdere la faccia su tutta la linea  ma, certamente, il proliferare degli scandali non aiuta il tempismo delle scelte. Le luci della ribalta, e che ribalta, sono puntate sul Lazio, sulla giunta Polverini e i suoi stravizzi gentilmente omaggiati dalle tasche dei contribuenti, ma il punto non è la regione Lazio, o meglio non è solo la Regione Lazio; infatti a ben guardare la lista di Regioni inseribili all’interno di un ipotetico libro nero di gestione delle spese sono tante, troppe.

Il mese scorso era toccato alla Lombardia, l’affaire Formigoni aveva rivelato come certi fondi pubblici fossero finiti nelle tasche di privati, dell’uso improprio del denaro pubblico; Agnelli sosteneva che i ricchi non sanno quanto i poveri siano poveri ma i poveri non sanno quanto i ricchi lavorano e, ci prendiamo la libertà di aggiungere, rubano.

Nemmeno il neo candidato alle primarie del PD, Matteo Renzi, il simbolo della politica giovane e nuova, è passato indenne a questo ciclone scandalistico; ci sono gli alberghi di lusso e i ristoranti, le enoteche e le pasticcerie, i mazzi di fiori e il marketing nell’ammontare di 2 milioni di euro delle spese di rappresentanza collezionate dal sindaco fiorentino quando era alla guida della Provincia di Firenze, tra il 2004 e il 2009. Renzi, ovviamente si difende, smentisce e rilancia come non siano tutte spese imputabili a lui, forse ha ragione, forse no, certo sarebbe eclatante se il paladino della trasparenza dei conti della politica si trovasse invischiato in questa storia in modo così pesante come sembra.


Passando al Sud, che purtroppo non fa eccezione, ci sono ad esempio i conti della Sicilia che tutto sembrano fuorché in regola. Lombardo, presidente della Regione, in estate ha rassegnato le dimissioni, invitato, anzi sollecitato, dal presidente della Repubblica Napolitano; l’isola, causa gli sperperi dei suoi politici, ha rischiato il baratro economico, il default. Adesso piove un’altra tegola sul Palazzo dei Normanni, i salari dei dipendenti sono stati bloccati perché alcuni ex dipendenti hanno agito per vie legali.

I conti di Palazzo dei Normanni, quindi,  sono stati pignorati dai legali di un gruppo di 76 dipendenti ai quali il giudice del lavoro ha riconosciuto scatti di anzianità a partire dal 2005. Il decreto ingiuntivo, che ha congelato i conti correnti, è stato presentato per 24,5 milioni di euro, una cifra piuttosto alta; i cittadini hanno diritto di conoscere queste cifre, perché sono cifre che indicano denaro pubblico, proveniente dai contribuenti, non dovrebbero essere le regioni ad invocare i tagli, ma i cittadini stessi.


CONDIVIDI
Articolo precedenteIl diritto al tempo dei social network: Facebook e la privacy
Articolo successivoSallusti, la Cassazione spiega la condanna. Il comunicato

6 COMMENTI

  1. […] e di tanti, troppi enti locali coinvolti in scandali o inchieste. Su tutti, naturalmente, i recenti casi delle Regioni Lazio e Sicilia e le conseguenti dimissioni dei due rispettivi governatori, Renata Polverini e Raffaele Lombardo […]

  2. […] Lazio – Gate, il caso Fiorito, chiamatelo come meglio credete, però di sicuro ha insegnato qualcosa; il consiglio dei ministri […]

  3. […] Dunque, si stringono i tempi per l’esame delle assemblee parlamentari al provvedimento più atteso, dopo la successione di scandali che negli ultimi tempi hanno colpito sia i partiti più longevi – come la Lega Nord – che le Regioni, come Sicilia e Lazio. […]

  4. […] a due mesi di distanza dall’approvazione del taglio di 64 Province e in corrispondenza degli scandali emersi in diverse Regioni d’Italia, restano forti perplessità sul beneficio che questo accorpamento potrà […]

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here