Chi l’ha detto che al Sud le cose non funzionano, che la burocrazia è ancora più lenta di quella del resto del Paese? Sfatiamo questo luogo comune fra i più bugiardi che ci siano, perché si è scoperto che gli stipendi dell’Assemblea Regionale Siciliana sono sempre stati consegnati con puntualità svizzera. Ma di svizzero non c’è solo la puntualità; infatti è stato reso noto che il guadagno netto di chi è inquilino nel Palazzo dei Normanni è di 13.000 euro al mese, uno stipendio in media con la qualità della vita svizzera appunto. E’ stato il segretario generale aggiunto dell’Ars, Paolo Modica, a rendere noto, in una nota, che “ il pagamento delle competenze relative al mese di luglio non potrà essere onorato nei tempi ordinariamente previsti”.

Lo stesso trattamento lo riceveranno anche i dipendenti dell’Assemblea dal momento che “ la Regione non ha ancora provveduto al trasferimento dei fondi richiesti a titolo di dotazione ordinaria annuale spettante all’Assemblea regionale siciliana”. Il mal di pancia da ritardo dei pagamenti è dietro l’angolo, immaginiamo che sia davvero complicato per chi guadagna 13.000 euro al mese vedersi dilazionati i propri stipendi, a loro va tutto il nostro sostegno per una condizione difficile, anzi difficilissima, praticamente insostenibile. Ciò che realmente preoccupa però gli occupanti degli scranni dell’Assemblea è che questo “vizio di forma” del ritardo possa protrarsi e diventare una cattiva abitudine, la Svizzera, pardon, la Sicilia non era abituata così, almeno non i suoi funzionari che ritiravano con grande precisione i loro facoltosi compensi, mentre il buco finanziario si allargava e la regione, intesa come la somma dei siciliani, si inginocchiava per l’ennesima volta alla dabbenaggine dei suoi rappresentanti.

E’ emerso che sono 162 i milioni di spesa del Parlamento siciliano, 21 dei quali destinati alle larghe tasche dei deputati, un gettito enorme per una regione che si è vista, non più tardi di qualche giorno fa, privare di finanziamenti nell’ordine di 600 milioni di euro. Forse però una giustizia divina, perché in quella umana di recente si fa fatica a crederci, c’è, e così la pesante scure della spending review, per una volta, ruberà ai ricchi per dare ai poveri. Sono previsti, infatti, per il prossimo futuro un taglio di 15 milioni a quei 21 suddetti: allora sì che il mal di pancia diventerà una colica, ma è chiaro che qualcuno dovrà pagare per questa situazione penosa che ha afflitto l’isola più grande del Mediterraneo.


 


CONDIVIDI
Articolo precedenteIngroia, sì del Csm a collocamento fuori ruolo
Articolo successivoInail e operai, il prezzo della vita tra palco e realtà

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here