E’ stato pubblicato nella Gazzetta del 1° settembre il DPCM recante “Disposizioni per la tutela amministrativa  del  segreto  di  Stato  e delle informazioni classificate”.

Il regolamento entrerà in vigore 180 giorni dopo la pubblicazione, tranne il Capo IV (Nulla osta di sicurezza per le persone fisiche), che entra in vigore il prossimo 16 settembre.

Il sommario


Capo I  Principi di sicurezza delle informazioni
Capo II  Autorita’ nazionale per la sicurezza. Organizzazione nazionale per la sicurezza
Capo III  Classifiche di segretezza e qualifiche di sicurezza
Capo IV  Nulla osta di sicurezza per le persone fisiche
Capo V  Tutela delle informazioni classificate nel settore industriale
Capo VI  Sicurezza delle comunicazioni
Capo VII  Sicurezza dei sistemi per l’elaborazione automatica dei dati classificati
Capo VIII  Sicurezza fisica
Capo IX  Tutela amministrativa delle informazioni coperte da segreto di Stato e degli atti relativi al segreto di Stato
Capo X  Disposizioni finali 

Il testo

Il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 22 luglio 2011
Disposizioni per la tutela amministrativa  del  segreto  di  Stato  e delle informazioni classificate

 


CONDIVIDI
Articolo precedenteTutto il mondo ruota
Articolo successivoManovra bis, approvato il testo con emendamenti dalla Commissione Bilancio del Senato

1 COOMENTO

  1. […] “E’ l’unica legge – ha ammesso con palese soddisfazione D’Alema – approvata all’unanimità in tutta la legislatura. Nel campo della sicurezza dello Stato non possono esistere pregiudiziali contrapposizioni di schieramento”. Il provvedimento si articola in 12 punti, i quali mirano a consolidare i poteri di controllo del Parlamento, ad ottimizzare le strutture dei servizi, con l’obiettivo, in linea con la spending review, di limitarne le spese e, a livello decisionale, sono state attribuite nuove competenze di coordinamento in materia di minaccia cibernetica. Come dicono i latini però, dulcis in fundo, sono gli articoli 11 e 12 quelli di maggior attenzione e importanza in quanto intervengono sul segreto di Stato. […]

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here