Sospensione l’assicurazione auto: come funziona e cosa sapere

Redazione 23/09/22
Scarica PDF Stampa
Sospendere l’assicurazione auto: introduzione

In tema di assicurazioni uno degli aspetti oggetto di valutazione è sicuramente quello relativo al risparmio: poiché non tutti gli automobilisti utilizzano i propri veicoli per l’intera durata del periodo di copertura assicurativa, è possibile sospendere l’assicurazione auto, a patto che sussistano determinati requisiti. Compagnie come Zurich Connect o tutte quelle che stipulano un’assicurazione auto online e in filiale cercano di prevedere soluzioni alternative alle polizze temporanee, in modo da soddisfare le esigenze di un numero sempre più grande di clienti.
Cos’è la sospensione dell’assicurazione auto Quando gli automobilisti decidono di tenere fermo il proprio veicolo per un determinato periodo durante l’anno assicurativo, possono ricorrere alla sospensione, congelando la polizza e riattivandola al termine del periodo di fermo.
Durante i mesi di interruzione, il pagamento del premio alla compagnia assicuratrice non è previsto e tali mesi non saranno neanche considerati nel conteggio totale riguardante la durata complessiva del contratto.
In caso di sospensione, inoltre, l’auto è priva di copertura assicurativa: in questo caso è vietata la circolazione e non può essere lasciata in sosta in luoghi pubblici. Qualora il proprietario decida di circolare nonostante la copertura assicurativa sia stata sospesa, egli potrebbe andare in contro a delle sanzioni: è prevista, infatti, una multa che ammonta tra 868 e 3.471 euro, ma in caso di reiterazione nell’arco di un biennio può essere prevista la sospensione della patente per un periodo di due mesi, oltre alla disposizione del sequestro del veicolo.
Come funziona la sospensione dell’assicurazione auto Le compagnie assicurative stabiliscono in maniera autonoma e arbitraria i vincoli e le condizioni da soddisfare per poter sospendere l’assicurazione, ad esempio, disciplinando tutti gli aspetti relativi al numero massimo di interruzioni e alla loro durata, che di solito è prevista per un periodo minimo di trenta giorni. La sospensione ha anche una durata massima da non superare, che può essere conosciuta in sede di stipula della polizza.

Alcune compagnie tendono a concedere maggiore libertà ai propri clienti per quel che riguarda alcune opzioni previste, ma solo previo pagamento di piccole cifre di denaro (generalmente comprese tra 20 e 30 euro). Quindi, occorre tenere bene a mente che l’istituto della sospensione è regolato dalle condizioni contrattuali che sono accettate in sede di stipula della polizza, dunque prima di attivarla è opportuno visionare il set informativo a disposizione per capire come funziona nello specifico e come poterla richiedere.

Inoltre, non è necessario che l’assicurazione sospesa sia poi riattivata sul veicolo coperto prima dell’attivazione dell’opzione: è possibile richiedere l’attivazione su un nuovo mezzo purché quello vecchio sia stato venduto, rottamato, demolito o esportato all’estero, purché esso appartenga alla stessa tipologia di quello utilizzato in precedenza per stipulare l’assicurazione.
I requisiti per sospendere l’assicurazione auto Per poter sospendere l’assicurazione auto, l’automobilista deve rispettare alcuni requisiti determinati dalla compagnia assicurativa, che possono essere specifici per ognuna di esse, e quindi, differire in maniera abbastanza netta, tra cui:
  • La sospensione dell’assicurazione auto è esercitabile solo qualora la polizza sia di durata annuale. Questa opzione non è attivabile in caso di polizze temporanee;
  • Per poter sospendere l’assicurazione auto è necessario essere in regola con il pagamento del premio assicurativo e se è previsto il pagamento a rate è necessario aver pagato per tempo tutte le rate previste;
  • La sospensione non è prevista se si è in presenza di contratti di finanziamento o di leasing sul veicolo assicurato.
  • Come sospendere l’assicurazione auto Sospendere l’assicurazione auto non è un procedimento complicato, anzi è piuttosto facile, in quanto l’automobilista interessato è chiamato semplicemente a comunicare alla compagnia assicurativa, presso cui ha stipulato la polizza, la volontà di sospenderla per un determinato periodo di tempo. Tale comunicazione può avvenire secondo diverse modalità, ossia telefonicamente, tramite fax, e-mail e PEC, con raccomandata con ricevuta di ritorno, recandosi presso un’agenzia presente sul territorio, via web accedendo all’area privata presente sul sito dell’assicurazione o tramite l’app ufficiale, qualora disponibile.

    Per poter procedere con la sospensione, generalmente, è sufficiente la compilazione di un apposito modulo, dove è richiesto di inserire tutti quei dati riferibili sia al mezzo assicurato sia all’automobilista intestatario della polizza. In tale occasione è opportuno specificare in modo chiaro tutte le date relative all’inizio e alla fine del periodo di sospensione dell’assicurazione auto.

    Una volta terminata la fase di compilazione, il cliente dovrà solo attendere che la compagnia assicurativa confermi l’avvenuta attivazione della sospensione dell’assicurazione. É dunque necessario che l’attivazione di tale opzione sia prevista nel contratto precedentemente stipulato, soprattutto poiché in alcuni casi è lo stesso assicuratore a decidere, a sua discrezione, se concederne l’esercizio.
     

    (Foto di copertina: iStock/BrianAJackson)


    © RIPRODUZIONE RISERVATA
    Redazione