SCIA Edilizia, Riforma Madia: quali interventi si potranno realizzare. Guida alle novità

Redazione 20/06/16
Scarica PDF Stampa
La Riforma Madia della Pubblica Amministrazione, in base al decreto SCIA 2, semplifica la scelta del titolo abilitativo per tutti gli interventi edilizi.

Per maggiori approfondimenti si consiglia lo

SPECIALE RIFORMA MADIA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: ECCO COSA CAMBIA

Il via libera al decreto è arrivato mercoledì scorso: sono state apportate alcune variazioni al Testo unico dell’edilizia (Dpr 380/2001).

Con la Riforma Madia arriva anche una tabella di sintesi dove, corrispondentemente all’intervento da attuare, sarà possibile consultare l’iter amministrativo che si deve seguire. Il decreto, infatti, stabilisce che venga adottato un glossario unico allo scopo di assicurare procedure omogenee su tutto il territorio.

Le Amministrazioni, pertanto, fino alla sua definizione e pubblicazione, saranno tenute a mettere online una sorta di glossario provvisorio utile ad identificare sia la tipologia dell’intervento, sia il titolo abilitativo che tutti i documenti richiesti. Qualora l’intervento da realizzare non dovesse comparire nel glossario, le Amministrazioni dovranno fornire in via del tutto gratuita l’attività di consulenza necessaria.

Leggi anche: Riforma Madia, ecco cosa cambia per gli Statali con i decreti attuativi

Di seguito si riporta una breve guida contenente tutti gli interventi che verranno sottoposti a SCIA dopo la Riforma Madia.

Potrebbe interessarti il seguente eBook

COME CAMBIA LA DISCIPLINA DEL LAVORO NELLA PA

Questo nuovo ebook, integrando ed ampliando gli interventi di approfondimento apparsi in Gazzetta, prende in esame l’articolo 17 della legge 124/2015, evidenziando le principali azioni necessarie per ridefinire la disciplina del lavoro nella PA:1. superare il concetto di “dotazione organica” per sottolineare l’idea che la PA sia equiparabile ad un’impresa che eroga servizi, facendo dei suoi vertici veri e propri professionisti dell’organizzazione:2. intervenire in materia di assunzioni, razionalizzando le modalità di accesso all’impiego e svecchiando il relativo comparto;3. potenziare la valutazione del personale, mantenendo e riordinando i sistemi di performance management;4. ridefinire il regime delle forme di responsabilità, in particolar modo dei dirigenti;5. riservare particolare attenzione alla tutela della disabilità in ambito lavorativo anche in attuazione dei trattati internazionali e dei principi della legislazione comunitaria in materia.   Riccardo Nobile Esperto di Diritto del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni e autore di libri e pubblicazioni in materia di pubblico impiego. Svolge regolarmente attività di docenza in master universitari in Pubblica Amministrazione presso l’Università degli Studi Ca’ Foscari di Venezia ed in corsi di formazione professionale riservati a pubblici dipendenti. È membro di nuclei ed organismi di valutazione. Svolge un’intensa attività divulgativa in qualità di giornalista pubblicista. È stato segretario generale del Comune di Belluno, della Provincia di Monza e della Brianza e, da ultimo, del Comune di Cologno Monzese.

RICCARDO NOBILE | 2016 Maggioli Editore

5.90 €

Vuoi aprire una nuova attività e hai bisogno di un commercialista esperto? Scopri il nuovo servizio

SCIA: quali interventi si potranno realizzare

Trovi tutto nel seguente volume

Ampliamenti sopraelevazioni e recupero sottotetti

Questa nuova Guida affronta le problematiche degli interventi realizzabili sul patrimonio edilizio esistente, a seguito delle norme di rilancio che il Governo ha varato per far fronte alla profonda crisi economica del Paese, dando la possibilità alle regioni di favorire le opere di sopraelevazione e di ampliamento degli edifici esistenti, nonché il recupero, a fini abitativi, di sottotetti esistenti.Le Regioni hanno approvato le norme relative al recupero sottotetti a fini abitativi, nonché al Piano Casa, sulla base dell’intesa raggiunta nella Conferenza Stato-Regioni ed enti locali del 31 marzo 2009, per disciplinare le relative procedure e modalità attuative del proprio territorio, in particolare a definire i seguenti obiettivi:regolamentare interventi che possono realizzarsi attraverso piani/programmi definiti tra Regioni e Comuni, al fine di migliorare anche la qualità architettonica e/o energetica degli edifici entro il limite del 20% della volumetria esistente di edifici residenziali uni-bi familiari o comunque di volumetria non superiore ai 1000 metri cubi, per un incremento complessivo massimo di 200 metri cubi, fatte salve diverse determinazioni regionali che possono promuovere ulteriori forme di incentivazione volumetrica;disciplinare interventi straordinari di demolizione e ricostruzione con ampliamento per edifici  a destinazione residenziale entro il limite del 35% della volumetria esistente, con finalità di miglioramento della qualità architettonica, dell’efficienza energetica ed utilizzo di fonti energetiche rinnovabili e secondo criteri di sostenibilità ambientale, ferma restando l’autonomia legislativa regionale in riferimento ad altre tipologie di  intervento;introdurre forme semplificate e celeri per l’attuazione degli interventi edilizi di cui sopra, in coerenza con i principi della legislazione urbanistica ed edilizia e della pianificazione comunale. La Guida è così strutturata: interventi edilizi; ampliamento; sopraelevazione; recupero abitativo sottotetti; deroghe alla disciplina urbanistica; incentivi del piano casa; procedure degli interventi; titoli abilitativi necessari (modulistica di riferimento); schede tecniche di ogni singola  regione.Mario Di Nicola, architetto, opera presso gli uffici tecnici del Comune di Roseto degli Abruzzi (TE), per i settori di Edilizia e Urbanistica; ha redatto numerosi piani urbanistici e progetti di opere pubbliche. È, altresì, noto autore di molteplici pubblicazioni in materia di edilizia e urbanistica. 

Mario Di Nicola | 2016 Maggioli Editore

28.00 €

Questi ultimi riguardano:

1) manutenzione straordinaria sulle parti strutturali degli edifici;

2) restauro e risanamento conservativo sulle parti strutturali degli edifici;

3) ristrutturazione edilizia che non comporti modifiche alla volumetria, cambio di destinazione d’uso degli edifici nel centri storici e cambio di sagoma degli edifici vincolati.

Si consiglia lo speciale su BONUS RISTRUTTURAZIONI 2016

SCIA alternativa al permesso di costruire

Al posto della Superdia, vale a dire Dia alternativa al permesso di costruire, sarà adoperata la SCIA alternativa al permesso di costruire in caso di:

a) interventi di ristrutturazione che implicano modifiche sostanziali come: variazioni alla volumetria e ai prospetti, cambio di destinazione d’uso degli edifici nei centri storici, cambio di sagoma degli edifici vincolati;

b) interventi di nuova costruzione o ristrutturazione urbanistica disciplinati da piani attuativi e accordi negoziali che hanno al loro interno precise disposizioni plano-volumetriche, tipologiche, formali e costruttive;

c) interventi di nuova costruzione che attuano strumenti urbanistici generali recanti precise disposizioni plano-volumetriche.

Quali interventi invece si potranno realizzare con edilizia libera? Vai allo speciale

Redazione
Tag