I pensionati esclusi dalla Quattordicesima 2024: tutti i casi

Paolo Ballanti 27/06/24
Scarica PDF Stampa Allegati

L’Inps ha reso noto con il messaggio 2362 del 25 giugno 2024 che con la mensilità di luglio 2024 viene accreditata d’ufficio la quattordicesima 2024 ai soggetti che rientrano nei limiti reddituali stabiliti e che, alla data del 30 giugno o del 31 luglio 2024 (a seconda del tipo di pensione), hanno un’età maggiore o uguale a 64 anni.

La presenza stessa dei requisiti anagrafici e di reddito, oltre al fatto che non tutte le prestazioni pensionistiche rientrano nella platea dei beneficiari, fa sì che la somma aggiuntiva non venga garantita alla totalità dei pensionati.

Analizziamo in dettaglio chi sono i titolari di pensione esclusi dalla quattordicesima 2024.

Leggi anche > Pensioni di luglio 2024: data accredito e pagamento Quattordicesima

Indice

Pensionati esclusi dalla Quattordicesima 2024 per l’età

La quattordicesima 2024 è riservata ai pensionati di età pari o superiore a 64 anni. Di conseguenza, sono esclusi dalla somma aggiuntiva coloro che non rispettano il citato requisito anagrafico.

Come in parte anticipato, a quanti sono in possesso del requisito reddituale e che:


– alla data del 31 luglio 2024 per le pensioni gestite nei sistemi integrati (Gestione privata, ex Enpals, Gestione pubblica liquidate con il sistema IVS, giornalisti gestione ex INPGI 1 liquidate con il sistema IVS);
– alla data del 30 giugno 2024 per le pensioni gestite nei sistemi proprietari della Gestione pubblica;

hanno un’età maggiore o uguale a 64 anni, la quattordicesima è attribuita d’ufficio sulla mensilità di pensione di luglio 2024.

Pagamento posticipato a dicembre 2024

Si precisa che coloro i quali perfezionano il requisito anagrafico richiesto dal 1° agosto 2024 (per le pensioni gestite nei sistemi integrati) ovvero dal 1° luglio 2024 (pensioni gestite nei sistemi proprietari della Gestione pubblica ed ex INPGI 1) al 31 dicembre 2024, nonché quanti diventano titolari di pensione nel corso dell’anno corrente (in possesso dei requisiti di reddito e anagrafici) riceveranno la quattordicesima (sempre d’ufficio) con la rata di dicembre 2024.

Pensionati esclusi dalla Quattordicesima 2024 per il reddito

Sono esclusi dal diritto alla quattordicesima quanti possiedono un reddito superiore a due volte il trattamento minimo del Fondo Pensione Lavoratori Dipendenti (FPLD) pari, per l’anno corrente, ad euro 598,61 mensili, corrispondenti a 7.781,93 euro annui (598,61 * 13).

Il tetto massimo reddituale, oltre il quale il beneficio non spetta, viene incrementato dell’importo della stessa quattordicesima, diverso per ciascuna fascia contributiva, come descritto in tabella:

Anni di contribuzioneTrattamento minimo annuo * 2QuattordicesimaTetto massimo reddituale
DipendentiAutonomi
Minori o uguali a 15 anniMinori o uguali a 18 anni15.563,86336,0015.563,86 + 336,00 = 15.899,86
Maggiori di 15 anni e pari o inferiore a 25 anniMaggiori di 18 anni e pari o inferiore a 28 anni420,0015.563,86 + 420,00 = 15.983,86
Maggiori di 25 anniMaggiori di 28 anni504,0015.563,86 + 504,00 = 16.607,86

In merito all’erogazione della quattordicesima opera la cosiddetta clausola di salvaguardia, tale per cui, a fronte di un reddito complessivo individuale annuo:

– superiore a 1,5 volte o a 2 volte il trattamento minimo;
– inferiore a 1,5 / 2 volte il trattamento minimo incrementato della somma aggiuntiva spettante;

la quattordicesima stessa viene corrisposta fino a concorrenza del predetto limite maggiorato.

Per più info sui requisiti leggi > Quattordicesima pensionati: i requisiti di reddito e contributi 2024

Pensionati esclusi per irreperibilità

L’Inps ha reso noto con il già citato Messaggio del 25 giugno 2024 che non sono state elaborate le quattordicesime di quanti, alla data dell’operazione di calcolo, risultavano in condizione di irreperibilità.

Fanno eccezione i pensionati con pagamento localizzato all’estero tramite Citibank NA, in considerazione dell’attività di verifica dell’esistenza in vita svolte dalla medesima banca.

Qualora i soggetti irreperibili presentino domanda per il riconoscimento della quattordicesima, prima di ricevere la somma è necessario sanare la condizione di irreperibilità, seguendo le indicazioni già fornite dall’Istituto con i Messaggi del 4 luglio 2018 numero 2702 e del 6 dicembre 2018 numero 4567.

Scarica allegato

Messaggio Inps numero 2362 del 25-06-2024 72 KB

Iscriviti alla newsletter per poter scaricare gli allegati

Grazie per esserti iscritto alla newsletter. Ora puoi scaricare il tuo contenuto.

Quali sono le pensioni escluse dalla Quattordicesima?

A prescindere dal possesso dei requisiti anagrafici e di reddito, la quattordicesima non spetta con riguardo alle prestazioni 044 (INVCIV), 077 (PS), 078 (AS), 030 (VOBIS), 031 (IOBIS), 035 (VMP), 036 (IMP), 027 (VOCRED), 028 (VOCOOP), 029 (VOESA), 010 (VOSPED), 011 (IOSPED), 012 (SOSPED), 043 (INDCOM), 127 (CRED27), 128 (COOP28), 143 (APESOCIAL), 198 (VESO33), 199 (VESO92), 200 (ESPA).

Restano fuori dalla somma aggiuntiva anche:
– le pensioni interessate da sostituzione Stato o rivalsa Enti locali;
– i trattamenti pensionistici ai lavoratori extracomunitari impatriati;
– le pensioni della ex SPORTASS.

Pensionati ingiustamente esclusi dalla quattordicesima 2024, come fare?

Come chiarito nel Messaggio numero 2362/2024 quanti non ricevono la quattordicesima ma ritengono comunque di averne diritto, possono presentare apposita istanza di ricostituzione all’Istituto, collegandosi a “inps.it – Pensione e Previdenza – Quattordicesima” in possesso delle credenziali SPID, CIE o CNS.

In alternativa è possibile rivolgersi agli Istituti di Patronato che assicurano assistenza gratuita per la proposizione della domanda telematica.

Per sapere se si beneficia o meno della quattordicesima 2024 è sufficiente prendere visione del cedolino di pensione, dove la somma aggiuntiva viene evidenziata con una voce apposita.

In ogni caso l’Inps si preoccupa di comunicare ai pensionati il diritto alla somma aggiuntiva grazie ai seguenti canali:


– apposita sezione del certificato di pensione, il modello Obis/M;
– comunicazione nella sezione My Inps dell’interessato su “inps.it” ed invio di una comunicazione a mezzo posta elettronica al contatto telematico – certificato del pensionato, se disponibile;
– notifica sull’app IO.  
 

Per restare aggiornato sulle novità in tema di pensioni e welfare Inps, puoi iscriverti gratis alla Newsletter LeggiOggi, compilando il form qui sotto:

Iscriviti alla newsletter aoqzlwlnnk1v21gh
Iscrizione completata

Grazie per esserti iscritto alla newsletter.

Seguici sui social