PA Digitale Channel

Il rapporto tra Pubblica Amministrazione e cittadini sta cambiando in modo radicale.

Con l’entrata in vigore della riforma del CAD – Codice dell’Amministrazione digitale (decreto legislativo 26 agosto 2016, n. 179) è stata delineata la road map per digitalizzare la PA , con indicazioni di metodo per trasformare i processi, ma soprattutto l’interazione tra cittadino e pubbliche amministrazioni.

La dematerializzazione dei flussi documentali non rappresenta soltanto un percorso per raggiungere livelli di maggior efficienza, efficacia, trasparenza, semplificazione e partecipazione, ma costituisce un’improrogabile scadenza normativa.

Per supportare gli Enti nel processo di adeguamento giuridico, tecnologico e organizzativo, garantire la legittimità degli atti e procedimenti e, conseguentemente, evitare azioni di responsabilità, è nato PA Digitale Channel.

PA digitale channel PA digitale Channel è il nuovo canale di formazione on line dedicato alla digitalizzazione della Pubblica Amministrazione.

CLICCA QUI per tutte le informazioni sulle modalità di adesione al servizio e su come funzionano le videoconferenze

PA digitale, cosa fare entro il 31 dicembre 2017

Adempimenti e scadenze per la PA digitale entro il 31 dicembre, segui tutte le indicazioni nel nuovo podcast di Ernesto Belisario

Ddl Concorrenza, fotografie libere in biblioteche e archivi

Sarà possibile scattare liberamente fotografie con fotocamere o altri mezzi che non comportino il contatto diretto con i documenti

Foia: pubblicata la Circolare con le indicazioni per l'attuazione delle norme…

Foia: in una Circolare importanti indicazioni per l'attuazione delle norme sull'accesso civico generalizzato

Il Tar del Lazio sancisce il diritto di accesso all'algoritmo

Tar Lazio: il diritto di accesso all'algoritmo usato dal Miur per il procedimento di mobilità dei docenti. Video di commento alla pronuncia

Social media policy: cosa sono e perché sono importanti?

Nel corso di questo breve video Ernesto Belisario spiega cos'è una social media policy, i suoi principali contenuti e le principali regole

Settimana dell’amministrazione aperta: il senso della partecipazione

E' nata l’azione della Settimana dell’Amministrazione Aperta, un progetto da ripetersi annualmente e che si terrà dal 4 all’11 marzo 2017.

Regolamento Privacy: una nuova sfida per le pubbliche amministrazioni

Le principali novità: Trasparenza, Oblio, Valutazione d’impatto e registro dei trattamenti, Adeguamento e sanzioni

Perché serviva una consultazione sulle consultazioni

«Ogni individuo ha diritto di partecipare al governo del proprio paese, sia direttamente, sia attraverso rappresentanti liberamente scelti.»

Originali informatici: quali obblighi per le amministrazioni?

Originali informatici: cosa è successo con la Riforma della Codice dell’Amministrazione digitale?

Amministrazione digitale: cosa ci aspetta nel 2017?

Quello appena finito è stato un anno molto importante per la digitalizzazione della pubblica amministrazione: ecco le novità

Codice dell'Amministrazione Digitale: oggi entrano in vigore le modifiche

Cosa cambia? Cosa si prevede? Ce lo spiega in questo breve video l'Avvocato Ernesto Belisario

Pubbliche amministrazioni e documenti informatici: cosa succede dal 12 agosto?

Gli obblighi del Codice dell’Amministrazione Digitale

Cos'è davvero un FOIA? Freedom of information Act

Il video che spiega cos'è concretamente un FOIA. In Italia le informazioni della pubblica amministrazione non sono conoscibili da tutti i cittadini, perchè?

Freedom of Information Act: più trasparenza, meno corruzione

Cos'è, a cosa serve e come dovrebbe essere il Freedom of Information Act in Italia: i benefici per la pubblica amministrazione e i cittadini nella legge in arrivo

Continuità operativa e disaster recovery nella PA: il terremoto non concede…

Il recentissimo sisma in Emilia deve rappresentare l'occasione per riflettere sulle disposizioni normative in materia di sicurezza dei dati e dei sistemi informatici delle pubbliche amministrazioni

PA Digitale: governo nuovo, errori vecchi?

Nel decreto semplificazione alcune norme sulla digitalizzazione. Ma, nel complesso, non arriva il “cambio di passo” che tutti si aspettavano dal Governo Monti.

2012: la PA dice addio ai certificati

E’ entrata in vigore la disposizione che prevede che le pubbliche amministrazioni non possano più chiedere certificati a cittadini e imprese

Guarda l'estratto del video del 9 Gennaio 2017
"Documenti informatici: quali obblighi in attesa delle regole tecniche?"

Desideri avere la registrazione integrale del primo appuntamento? Acquista online

Guarda l'ultima video conferenza gratuita:

"Il nuovo responsabile per la transizione digitale: nomina, compiti e responsabilità"


Inserisci la tua Email per guardare la video-conferenza del 5 dicembre 2106, "Il nuovo responsabile per la transizione digitale: nomina, compiti e responsabilità"

La tua email (richiesto)

Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati (richiesto)

12 COMMENTI

  1. E per quanto riguarda i privati? Loro possono richiedere certificati agli utenti o sono costretti a prendere l’autocertificazione? Mi è capitato personalmente che non sono stato assunto(come infermiere) perchè avevo l’autocertificazione dell’iscrizione all’albo anziché il certificato rilasciato dal collegio! Grazie in anticipo per l’attenzione.

  2. Un Pubblico Ufficiale che deve fare delle indagini per accertare i dati anagrafici di una persona può ancora rivolgersi presso un Comune per richiedere un certificato di residenza o uno stato di famiglia di un probabile soggetto che ha commesso un reato amministrativo? (per esempio abbandono di rifiuti dove si trovano alcuni indizi del trasgressore) Fino al 31.12. 2011 ciò era consentito, dopo sono emersi difficoltà per via di questa legge. Ogni volta che si presenta un caso simile è una discussione a non finire con i responsabili degli uffici anagrafe! Al massimo loro appongono su una richiesta con tutti i dati, il timbro SI CONFERMA! Ma se io conoscevo tutti i dati non certamente mi sarei rivolto ad un ufficio anagrafe.

  3. Si evidenzia il discorso solo sui certificati, ma mi pare che il campo di applicazione sia estendibile anche ai singoli dati (“… nonché tutti i dati e i documenti…”), a prescindere da dove essi siano.

    In base a ciò, la PA non può più nemmeno pretendere che l’utente produca certe dichiarazioni, se ha (o dovrebbe avere) a disposizione gli strumenti per poter ricavare autonomamente i dati che dovrebbero essere in esse contenute.

    Esempio concreto (che mi riguarda): Dichiarazione ICI. Sulla base di una norma di qualche anno fa, i Comuni non dovrebbero più pretenderla per via della disponibilità di un apposito servizio di consultazione fornito dall’Agenzia del Territorio. Mi sono recato in Comune per faglielo presente, ma mi hanno risposto che la vogliono comunque perchè “non sono in grado di collegarsi a quel servizio”.
    “Chi se ne frega, problema vostro!” gli ho risposto io…

    Sbaglio oppure no?

  4. […] Un esempio su tutti: è dai tempi di Bassanini che si fanno annunci sull’imminente fine dei certificati e le norme in materia ci sono già (addirittura dal 1° gennaio 2012 è iniziata l’era della “decertificazione”). […]

  5. Non sempre si gioisce. Per il certificato antimafia, quando potevo chiederlo io, me ne occupavo per tempo e sostituivo – poco prima della scadenza del termine di validità – il vecchio certificato con uno nuovo, presso gli uffici della P.A. che dovevano liquidarmi somme entro date (più o meno) certe. Oggi lo chiedono loro quando vogliono e il ritardo lo pago io! Molte pratiche di liquidazione bloccate per questo quando finalmente sarebbero liquidabili.
    Riassumendo: un tempo potevi farti parte diligente perché la pratica fosse già pronta al momento delle liquidazione: ora la pratica diventa liquidabile e POI l’ufficio se ne interessa dal punto di vista dei certificati!

    Elio

  6. in sostanza se vado a fare una cosa presso un ufficio della PA non mi può richiedere altri certificati da fare presso altri uffici della PA visto che già ne sono a conoscenza??? ho capito bene? scusa se sono un pò inceppatello :D

  7. un bell’esempio di quello che io, modestamente, intendo per “open data”. Certo lascia l’amaro in bocca verificare che ci sono voluti circa 12 anni perché qualcuno, là dove si dovrebbe già sapere cosa fare, capisse cosa fare.

  8. La norma ha portata generale e si applica a tutti i certificati (un esempio rilevante può essere quello dei certificati anagrafici)

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome