Martone, serenata ai mercati

Scarica PDF Stampa
Avevamo chiesto (?) ai tecnici di aiutarci a riconquistare i mercati, e loro, i Cyrano apartitici, ci dettano la serenata: diventare competitivi. La competizione, si sa, esige dei vincitori e degli sconfitti. Se la gara consiste nel fare tutto, presto, e bene, allora chi tarda a laurearsi ha evidentemente perso. O, come ha fatto giovanilisticamente notare Martone, è uno sfigato.

È questo il senso delle parole del viceministro, né più né meno. E, piaccia o no, ha ragione: il meccanismo su cui si regge la tanto gentil e onesta economia globale ha bisogno di ingranaggi che girano presto e bene. Se si vuole concupirla, bisogna studiare presto e bene, e poi lavorare presto e bene. Chi non lo fa, è fuori dal meccanismo.

Tra tutti i vati possibili di questa autoevidente verità tecnica, a noi è sicuramente toccato in sorte il più sgraziato: il buon Martone è riuscito a trasformare uno sprone alla competitività in salsa liberal-meritocratica in un insulto gratuito a chi, magari, alla gara del “farlo prima e meglio” non vuole o non può partecipare: amanti della cultura (i tecnici leggano: settore turismo) in sé e per sé e prescelti da destini malevoli.

Ai veri destinatari delle parole di Martone –a quelli che sì, volevano proprio competere, e hanno perso – non è sembrato vero di potersi far scudo dei disagi oggettivi di queste persone per poter nascondere –ancora una volta – le loro sconfitte. E così, chi mascherandosi da defensor cruscae (“che linguaggio poco istituzionale!”) chi da paladino dei buoni sentimenti (“che insensibilità!”), tutti i veri sfigati hanno dato addosso al viceministro, reo di aver ricordato loro che all’università non è sufficiente essere entrati per essere fighi. Quello è il Billionaire.

Scrivi un commento

Accedi per poter inserire un commento