Dichiarazione Tassa di soggiorno: invio online dall’ 8 maggio. Modello, istruzioni e scadenze

Chiara Arroi 08/05/23
Scarica PDF Stampa Allegati

A partire da lunedì 8 maggio proprietari e gestori di strutture ricettive possono inviare al Fisco la dichiarazione della tassa di soggiorno (o, più tecnicamente, imposta di soggiorno). Si può fare tutto online, collegandosi al sito dell’Agenzia entrate, nell’area riservata e mediante il servizio telematico dedicato.

Un avviso pubblicato lo scorso 2 maggio sul portale del Dipartimento delle finanze ha chiarito scadenze e istruzioni per dichiarare le imposte riscosse.

Attenzione perché l’imposta in questione è quella dell’anno precedente, o meglio, la tassa riscossa da tutti i turisti e visitatori ospitati nel 2022. Rispetto all’anno scorso resta invariato il modello da utilizzare così come le istruzioni per farlo.

Vediamo in breve chi deve trasmettere la dichiarazione dell’imposta di soggiorno riscossa nel 2022 e come fare

Indice

Cos’è l’imposta o tassa di soggiorno

Le istruzioni per l’invio della dichiarazione dell’imposta di soggiorno è rivolta perlopiù a proprietari e gestori di strutture ricettive e di ospitalità. Si tratta infatti di un tributo locale, istituito, in primis dal Dl n. 78/2010 e poi esteso dall’articolo 4 del Dlgs n. 23/2011. Questa imposta può essere introdotto dai Comuni capoluogo di provincia, dalle unioni di Comuni e dai Comuni inclusi negli elenchi regionali delle località turistiche o città d’arte. L’imposta viene pagata dagli ospiti delle strutture ricettive situate nel territorio che visitano.

Per approfondire tutta la normativa su affitti brevi e strutture di ospitalità consigliamo questi libri, che fungono da guida per l’apertura, la tassazione e la gestione di b&b, affitti brevi, Airbnb:

La sua introduzione è stata voluta come salvadanaio, per finanziare interventi in tema di turismo, compresi quelli a sostegno delle strutture ricettive, interventi di manutenzione, fruizione e recupero dei beni culturali ed ambientali locali e dei relativi servizi pubblici locali.

Chi deve dichiarare la tassa di soggiorno

I gestori delle strutture e i soggetti che incassano canoni e corrispettivi per locazioni brevi sono tenuti a riscuotere l’imposta dai loro clienti e a presentare la relativa dichiarazione. In sostanza chi gestisce un hotel, b&b, casa vacanze e qualsiasi struttura è tenuto a riscuotere dai loto clienti la tassa di soggiorno stabilita e a dichiararla all’Agenzia delle entrate.

La dichiarazione, come spiegato su Fiscooggi.it, può essere presentata anche da un soggetto diverso dal gestore della struttura, ad esempio, il rappresentante, il curatore fallimentare, l’erede. In caso di locazioni brevi l’adempimento spetta al “mediatore della locazione”, ossia al soggetto che incassa il canone o il corrispettivo o che interviene nel pagamento dei predetti canoni o corrispettivi. 

l modello può essere inviato, inoltre, da un intermediario abilitato all’accesso al “Cassetto fiscale” dell’interessato o al servizio di “Consultazione e acquisizione delle fatture elettroniche o dei loro duplicati informatici” del portale “Fatture e Corrispettivi”.

Dichiarazione tassa di soggiorno: come inviarla

La dichiarazione dell’imposta di soggiorno deve essere trasmessa solo in via telematica entro il 30 giugno dell’anno successivo a quello in cui si è verificato il presupposto impositivo.

Vediamo ora come inviare online la dichiarazione della tassa riscossa nel 2022. Per farlo l’utente dopo aver effettuato l’accesso sull’area riservata del sito dell’Agenzia delle entrate, può accedere al servizio all’interno della scheda “Servizi”, nella categoria “dichiarazioni” (in alternativa può ricercarlo con parole chiavi, per esempio “imposta di soggiorno” nella casella di ricerca).

Libri consigliati

FORMATO CARTACEO

Guida alle agevolazioni e al business plan per l’apertura e la gestione di un bed & breakfast

Il volume è una guida completa e affidabile sugli aspetti normativi, amministrativi, contabili e fiscali che è indispensabile padroneggiare per avviare e condurre al successo un B&B o un affittacamere. Le regole per aprire un B&B o un affittacamere variano da regione a regione: per ognuna di esse sono riportate le necessarie informazioni e gli opportuni suggerimenti. Un capitolo è dedicato alle agevolazioni e ai finanziamenti del settore, argomento che non può prescindere dalla realizzazione di un adeguato business plan, un documento in grado di fornire dati fondamentali sulla fattibilità dell’idea imprenditoriale. Altrettanto decisiva è la promozione dell’impresa, a cominciare dalla creazione di un sito Web: il testo infatti insegna anche a fare marketing, a fidelizzare al meglio la clientela, a presentare il B&B su social network e portali, ad aumentare vendite e profitti. Grande attenzione è riservata alla gestione del B&B, anche in riferimento a salute e sicurezza e alle strategie da attuare per ridurre i rischi di inattività, nonché ai requisiti strutturali e alle nuove forme di ospitalità. Questa edizione è aggiornata con le disposizioni dettate per il superamento delle misure di contrasto alla diffusione del COVID-19, in conseguenza della cessazione dello stato di emergenza, e con le nuove regole relative al regime delle locazioni brevi non soltanto in riferimento ai limiti oltre i quali l’attività si presume svolta in forma imprenditoriale, ma anche a proposito della nuova banca dati delle strutture ricettive. Contiene, inoltre, le regole, le istruzioni e il modello per la presentazione della dichiarazione dell’imposta di soggiorno. Un intero capitolo, infine, è dedicato al programma Next Generation EU e alle risorse del PNRR. Questa sesta edizione è aggiornata inoltre con: › le più recenti possibilità di finanziamento per l’attività ricettiva anche in riferimento alle misure e alle risorse previste dal PNRR Turismo; › le ultime Leggi Regionali. A chiusura, due sezioni online di carattere ancor più operativo: un formulario con facsimile e modelli di comunicazioni, istanze e domande, personalizzabili e stampabili e una serie di schede informative, con dati e statistiche che potranno rivelarsi di grande utilità per le opportune valutazioni di sviluppo commerciale e di marketing. Nicola Santangelo Ragioniere, scrittore e blogger con esperienza in ambito contabile e fiscale, nella comunicazione d’impresa e nella redazione di business plan. Lavora presso Agenzia Fiscale del Ministero dell’Economia e delle Finanze. È autore di pubblicazioni su fisco, economia, finanza e imprenditoria per primarie testate e riviste di settore. Sui medesimi temi è relatore in convegni per professionisti.

Nicola Santangelo | Maggioli Editore 2022

Questo il percorso preciso da seguire:

  • accedere all’area riservata sul sito Agenzia delle entrate
  • cliccare sulla categoria “servizi”
  • cliccare poi sulla scheda “dichiarazioni”
  • cliccare su servizio “imposta di soggiorno”

Una volta entrati nel servizio e compilati tutti i riquadri precedentemente indicati, l’utente, selezionato il pulsante “Conferma”, atterra su una nuova schermata che permette la visualizzazione del riepilogo dell’intera dichiarazione, compresi gli eventuali riquadri non compilati.

Se l’utente seleziona il pulsante “Trasmetti”, procede all’invio della dichiarazione ottenendo, in caso di buon esito della trasmissione, un messaggio di conferma contenente gli estremi della trasmissione ovvero il protocollo informatico che individuerà univocamente la trasmissione.

La ricevuta di trasmissione sarà sempre consultabile e scaricabile dall’area riservata del portale dell’Agenzia delle Entrate utilizzando le credenziali Fisconline/Entratel e sarà visibile solo a chi ha trasmesso la dichiarazione. Viceversa, in caso di esito negativo, l’utente visualizzerà un messaggio con cui viene indicato il problema che ne ha pregiudicato l’invio.

Dichiarazione tassa di soggiorno: scadenza invio

La dichiarazione deve essere presentata cumulativamente ed esclusivamente in via telematica entro il 30 giugno dell’anno successivo a quello in cui si è verificato il presupposto impositivo. Per quest’anno quindi le date da ricordare sono queste

  • lunedì 8 maggio 2023: data da cui si può inviare la dichiarazione
  • venerdì 30 giugno 2023: data entro cui si deve inviare la dichiarazione

Dichiarazione tassa di soggiorno: il modello da allegare

Ricordiamo che in data 12 maggio 2022 è stato pubblicato in GU n 110 il Decreto MEF del 29 aprile 2022 relativo alla approvazione del nuovo modello e istruzioni di dichiarazione dell’imposta di soggiorno da presentare entro il 30 giugno dell’anno successivo a quello in cui si verifica il presupposto impositivo

Scarica Modello

Modello definitivo Imposta di soggiorno 58 KB
Istruzioni dichiarazione imposta di soggiorno 55 KB

Iscriviti alla newsletter per poter scaricare gli allegati

Grazie per esserti iscritto alla newsletter. Ora puoi scaricare il tuo contenuto.

(Foto copertina: istock/Charday Penn)