Carta risparmio spesa 2023 dal 18 luglio in Posta: istruzioni per ritirarla

Scarica PDF Stampa Allegati

E’ partita il 18 luglio la distribuzione in Posta della Carta risparmio spesa 2023 o nuova Carta acquisti 2023. Si potrà ritirare direttamente negli uffici postali, ma solo presentando la comunicazione ricevuta dal proprio Comune di residenza.

I Comuni infatti faranno partire proprio dal 18 luglio le comunicazioni ufficiali ai beneficiari, con le istruzioni sul ritiro di “Dedicata a te” in Posta. E’ questo infatti il nome dato al card per gli acquisti dei beni di prima necessità, presentata in conferenza stampa dal governo.

L’invio delle comunicazioni era inizialmente previsto per i primi giorni del mese, ma l’esigenza da parte dei Comuni di rendere più flessibili le modalità di gestione delle liste dei potenziali beneficiari del contributo ha reso necessaria una proroga. A confermare la proroga è stata l’Inps con il Messaggio numero 2373 del 26 giugno.

Dopo la pubblicazione, nella Gazzetta Ufficiale del 12 maggio scorso, del decreto attuativo che contiene tutte le regole per il funzionamento della Carta, con il Messaggio numero 1958 del 26 maggio l’Inps aveva fornito anche le istruzioni operative, ricordando che per ricevere la Carta i cittadini non dovranno inviare alcuna domanda. I nuclei beneficiari della misura, con ISEE inferiore a 15mila euro potranno ritirare in Posta la carta prepagata con un importo di 382,50 euro.

Beneficeranno del contributo circa 1,3 milioni di cittadini appartenenti a nuclei familiari, residenti nel territorio italiano, in possesso di un Isee non superiore a 15 mila euro.

Ma come funzionerà nello specifico la Carta risparmio spesa, o carta solidale? Nei prossimi paragrafi vedremo tutti i dettagli della misura, dai requisiti a cosa si potrà acquistare, anche alla luce delle ultime novità.

Indice

Carta risparmio spesa 2023: beneficiari e requisiti

Al comma 450 dell’articolo 1 della Legge 29 dicembre 2022 numero 197 si legge che:

È istituito, nello stato di previsione del Ministero dell’agricoltura, della sovranità alimentare e delle foreste, un fondo, con una dotazione di 500 milioni di euro per l’anno 2023, destinato all’acquisito di beni alimentari di prima necessità da parte dei soggetti in possesso di un indicatore della situazione economica equivalente non superiore a 15.000 euro, da fruire mediante l’utilizzo di un apposito sistema abilitante.


Dal testo si evince quindi che i beneficiari della misura saranno i soggetti con ISEE fino a 15mila euro. La manovra, come anticipato, rimanda però a un apposito decreto attuativo firmato dal Ministro dell’agricoltura, della sovranità alimentare e delle foreste, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, la definizione di tutte le regole per poter richiedere la Carta.

Il decreto è stato firmato il 18 aprile scorso ed è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 12 maggio 2023. Ciò che si evince dal provvedimento è che per poter accedere alla misura occorrerà, oltre a un ISEE non superiore a 15mila euro, anche l’iscrizione di tutti i componenti del nucleo familiare nell’Anagrafe della Popolazione Residente (Anagrafe comunale).

Per approfondire il tema del sostegno alle persone invalide e disabili in difficoltà consigliamo due libri: “La tutela dei soggetti disabili” (una guida a supporto dei familiari e ai professionisti che si occupano dell’assistenza e della tutela di un soggetto disabile; e “Agevolazioni fiscali e adempimenti per i soggetti disabili 2023” (dedicato esclusivamente alla Legge 104/1992 e agli adempimenti di natura amministrativa e fiscale previsti per i soggetti disabili)

Non potranno invece richiedere la Carta risparmio spesa 2023 i titolari di:

  • Reddito di Cittadinanza;
  • Reddito di inclusione o qualsiasi altra misura di inclusione sociale o sostegno alla povertà
  • Nuova Assicurazione Sociale per l’Impiego – NASPI
  • Indennità mensile di disoccupazione per i collaboratori – DIS-COLL;
  • Indennità di mobilità;
  • Fondi di solidarietà per l’integrazione del reddito;
  • Cassa integrazione guadagni-CIG;
  • qualsivoglia differente forma di integrazione salariale, o di sostegno nel caso di disoccupazione involontaria, erogata dallo Stato.

I Comuni riceveranno dall’INPS l’elenco di tutti i nuclei beneficiari in base alle DSU presentate, seguendo il seguente ordine di priorità decrescente:

  • nuclei familiari, composti da non meno di tre componenti, di cui almeno uno nato entro il 31 dicembre 2009, priorità è data ai nuclei con indicatore ISEE più basso;
  • nuclei familiari, composti da non meno di tre componenti, di cui almeno uno nato entro il 31 dicembre 2005, priorità è data ai nuclei con indicatore ISEE più basso;
  • nuclei familiari composti da non meno di tre componenti, priorità è data ai nuclei con indicatore ISEE più basso;

Ai Comuni sarà distribuito un numero di Carte che sarà così calcolato:

  • una quota pari al 50% del numero totale di carte, è ripartita in proporzione alla popolazione residente in ciascun Comune;
  • una quota pari al restante 50%, è distribuita in base alla distanza tra il valore del reddito pro capite medio di ciascun Comune ed il valore del reddito pro capite medio nazionale, ponderata per la rispettiva popolazione.

L’elenco completo del numero di carte che verranno assegnate a ciascun Comune è disponibile nell’Allegato 2 al Decreto, scaricabile tramite il box in basso.

Scarica allegati

Decreto attuativo 18 aprile 2023 Carta risparmio spesa 576 KB
Allegato 1 – Elenco beni acquistabili 79 KB
Allegato 2 – Numero di Carte per ogni Comune 5 MB
Messaggio Inps numero 1958 del 25 maggio 2023 85 KB
Messaggio Inps numero 2373 del 26 giugno 2023 120 KB

Iscriviti alla newsletter per poter scaricare gli allegati

Grazie per esserti iscritto alla newsletter. Ora puoi scaricare il tuo contenuto.

Carta risparmio spesa 2023: importo

I fondi stanziati per la misura permetteranno l’erogazione di 1.300.000 Carte risparmio spesa, che saranno consegnate ai Comuni in base alle regole sopraccitate. Sarà consegnata una carta per ogni nucleo beneficiario dell’importo di 382,50 euro.


Le carte che non saranno utilizzate entro il 15 settembre 2023 saranno bloccate e la somma che non è stata spesa sarà redistribuita a tutti gli altri beneficiari. Per questo motivo l’importo potrebbe aumentare a partire dal mese di ottobre.

Carta risparmio spesa 2023: come ottenerla

Come anticipato, i cittadini non dovranno inviare alcuna domanda. I beneficiari, il cui nominativo è presente all’interno degli elenchi che l’INPS invierà ai comuni, saranno contattati dal Comune di residenza che fornirà anche le modalità di ritiro presso l’ufficio postale. Le carte, fornite dalla controllata di Poste, Postepay, saranno attive a partire da luglio 2023.

Carta risparmio spesa 2023: cosa si potrà comprare

La norma prevede che le risorse che saranno erogate con la Carta risparmio spesa 2023 potranno essere utilizzate esclusivamente per beni alimentari di prima necessità, con l’esclusione di bevande alcoliche di qualsiasi tipo. Come spiegato in conferenza stampa e dal Ministero dell’economia, Con la card “Dedicata a te”, del valore di 382,5 euro, i cittadini beneficiari potranno ottenere il 15% di sconto – aggiuntivo rispetto alle promozioni regolarmente attuate – negli esercizi commerciali che aderiscono alla convenzione MASAF-GDO-Confesercenti.

L’Allegato 1 al Decreto contiene l’elenco degli alimenti acquistabili, riportato di seguito:

  • carni suine, bovine, avicole, ovine, caprine, cunicole
  • pescato fresco
  • latte e suoi derivati
  • uova
  • oli d’oliva e di semi
  • prodotti della panetteria (sia ordinaria che fine), della pasticceria e della biscotteria
  • paste alimentari
  • riso, orzo, farro, avena, malto, mais e qualunque altro cereale
  • farine di cereali
  • ortaggi freschi, lavorati
  • pomodori pelati e conserve di pomodori
  • legumi
  • semi e frutti oleosi
  • frutta di qualunque tipologia
  • alimenti per bambini e per la prima infanzia (incluso latte di formula)
  • lieviti naturali
  • miele naturale
  • zuccheri
  • cacao in polvere
  • cioccolato
  • acque minerali
  • aceto di vino
  • caffè, tè, camomilla

La Carta potrà essere utilizzata solo presso gli esercizi commerciali che aderiranno a un’apposita convenzione per il contenimento dei prezzi dei beni in questione.

Carta risparmio spesa Dedicata a te: elenco negozi

È possibile consultare liberamente la lista delle Associazioni aderenti alla promozione della misura, e degli esercizi commerciali che si sono impegnati all’applicazione della scontistica del 15% alla seguente pagina:
Convenzione MASAF / Associazioni del Commercio

Come utilizzare la Carta risparmio spesa Dedicata a te

Le carte saranno operative a partire dal mese di luglio 2023: per attivarle è necessario effettuare un primo pagamento con la carta assegnata entro il 15 settembre 2023. 

Nota bene: la mancata attivazione entro il 15 settembre 2023 comporta la non fruibilità della carta e la conseguente decadenza dal contributo.

Carta risparmio spesa 2023: fondi e durata

Alla misura sono destinati 500 milioni di euro ma solo per il 2023. Non è escluso che possa essere riproposta con la prossima finanziaria, ma in questo momento è riconosciuta come misura temporanea per l’anno in corso.

Carta risparmio spesa 2023: quando arriva

A causa di alcune difficoltà, da parte dei Comuni, nel consolidare le liste dei beneficiari che dovranno ricevere la Carta, l’Inps ha prorogato i termini per la definizione delle liste. Di seguito sono riportati i nuovi termini comunicati dall’Istituto con il Messaggio numero 2373:

  • pubblicazione entro il 7 luglio nell’applicazione web delle graduatorie rielaborate per ciascun Comune;
  • invio entro l’8 luglio delle liste da parte dell’INPS a Poste Italiane per le attività di competenza;
  • restituzione entro il 15 luglio da Poste Italiane all’INPS delle liste complete dei codici identificativi delle carte associate a ciascun beneficiario;
  • pubblicazione entro il 18 luglio nell’applicazione web delle liste definitive e complete dei codici carte assegnati;
  • invio da parte dei Comuni, a decorrere da quest’ultima data, delle comunicazioni ai beneficiari del contributo, contenenti le indicazioni per il ritiro delle carte presso gli Uffici postali.

Per restare sempre aggiornato su tutte le novità in tema di welfare e bonus iscriviti alla nostra Newsletter cliccando sul box in basso.

Iscriviti alla newsletter

Si è verificato un errore durante la tua richiesta.

Scegli quale newsletter vuoi ricevere

Autorizzo l’invio di comunicazioni a scopo commerciale e di marketing nei limiti indicati nell’informativa.

Cliccando su “Iscriviti” dichiari di aver letto e accettato la privacy policy.

Iscriviti

Iscrizione completata

Grazie per esserti iscritto alla newsletter.

Seguici sui social


Carta risparmio spesa “Dedicata a te”: conferenza presentazione

In questo video ufficiale viene presentata in conferenza stampa “Dedicata a te”, la carta prepagata distribuite da Poste italiane,  attraverso la quale verrà erogato un contributo governativo per l’acquisto di generi alimentari di prima necessità. 

Carta risparmio spesa Dedicata a te: i moduli di ritiro

Poste italiane ha messo a disposizione anche due moduli di ritiro. Sono disponibili negli uffici postali, ma LeggiOggi li mette a disposizione dei lettori in questo articolo. Si tratta di due moduli di ritiro:

  • il modulo di delega per il ritiro della carta spesa Dedicata a te;
  • il modulo di domanda per la consegna o per la sostituzione in caso di smarrimento, furto o deterioramento.