Ape social aperto ai lavori usuranti e sconto per donne lavoratrici

Redazione 15/12/17
Scarica PDF Stampa
Ape social aperto a 15 categorie di lavoratori addetti a attività usuranti e possibilità di sconto sui requisiti di 1 anno per ogni figlio per le donne lavoratrici. Sono queste le misure relative all’anticipo pensionistico contenute nell’emendamento alla Legge di Bilancio 2018 presentato dal Governo Gentiloni alla Commissione Bilancio della Camera. Vediamo cosa prevede nel dettaglio il testo dell’emendamento.

Ape social per 15 lavori usuranti

Le 15 categorie di lavori usuranti, esenti dall’innalzamento dell’età pensionabile, potranno accedere anche all’Ape social.
Riportiamo di seguito le categorie:

  • addetti alla concia di pelli e pellicce;
  • addetti ai servizi di pulizia;
  • addetti spostamento merci e/o facchini;
  • conducenti di camion o mezzi pesanti in genere;
  • conducenti treni e personale viaggiante in genere;
  • guidatori di gru o macchinari per la perforazione nelle costruzioni;
  • infermieri o ostetriche che operano su turni;
  • maestre/i di asilo nido e scuola dell’infanzia;
  • operai edili o manutentori di edifici;
  • operatori ecologici e tutti coloro che si occupano di separare o raccogliere rifiuti;
  • chi cura, per professione, persone non autosufficienti;
  • braccianti agricoli,
  • operatori marittimi,
  • pescatori,
  • operai siderurgici.

Sconto di 1 anno per ogni figlio per le donne lavoratrici

Le donne lavoratrici avranno diritto ad una riduzione di 1 anno per ogni figlio sui requisiti contributivi per accedere all’Ape social, come previsto dall’accordo tra Governo, Cisl e Uil di alcune settimane fa.

Resta aggiornato con il nostro Speciale Pensione Anticipata

Domande accolte per Ape social e Lavoratori Precoci

Nella relazione tecnica all’emendamento sono riportati alcuni dati sull’accoglimento delle domande di Ape social e Lavoratori Precoci. Per l’Ape social si stima che nel 2017 saranno accolte circa 22mila domande, a fronte delle quasi 26 mila potenziali, mentre nel 2018 si ipotizza saranno circa 16 mila quelle accettate.

Per l’anticipo pensionistico dei Lavoratori Precoci si prevede nel 2017 16.400 domande accolte, a fronte delle 19.320 potenziali, mentre nel 2018 si ipotizza l’accoglimento di 15.000 domande.

Redazione
Tag