Home Politica Referendum 12 giugno 2022: spiegazione semplice dei 5 quesiti

Referendum 12 giugno 2022: spiegazione semplice dei 5 quesiti

Cosa viene chiesto al Referendum sulla giustizia del 12 giugno, quesito per quesito

Chiara Arroi
referendum 12 giugno

Ben 51 milioni di italiani sono chiamati al voto per il Referendum 12 giugno sulla giustizia ma, a conti fatti, in pochi hanno capito che cosa si vota, perché, e soprattutto, come. I 5 quesiti referendari sono espressi in modo incomprensibile ai più, impedendo di capire le conseguenze di un Si o un NO.

Coloro che voteranno anche per le Elezioni amministrative saranno già in cabina elettorale per eleggere i propri rappresentanti quel giorno: a loro quindi verrà consegnato un bel malloppo di schede (sia per le elezioni sia per il referendum).

Elezioni e Referendum giugno 2022: guida completa al voto

Tra leggi strane, commi e vocaboli in burocratese, il rischio di non raggiungere il quorum necessario affinché il referendum venga validato è molto alto, e rischia di vanificare tutto.

In questo articolo cerchiamo quindi di fare un po’ di chiarezza, di elencare quali sono i 5 quesiti, riportandoli prima nel linguaggio burocratico in cui sono scritti, per poi sviscerarne il significato concreto con una spiegazione semplice.

Cos’è il Referendum 12 giugno 2022

Partiamo dal punto comune: domenica 12 giugno (dalle 7 alle 23) le cittadine e i cittadini italiani sono chiamati alle urne per esprimere il proprio voto su un Referendum costruito su più domande. Il tema centrale è la giustizia, e i temi sono molto specifici e tecnici, ad esempio:

  • l’esclusione delle elezioni politiche per persone che sono state condannate. Si tratta della Legge Severino;
  • l’eliminazione o meno dell’istituto della “reiterazione del reato” (quindi il ripetersi continuo da parte di un individuo della commissione di reati) dall’insieme delle misure cautelari che consentono l’arresto della persona;
  • la separazione delle carriere all’interno della magistratura. Quindi la questione dell’impedire o meno a magistrati (chi decide) e pubblici ministeri (chi accusa) di avere la stessa carriera, scegliendo all’inizio se si vuole lavorare come magistrato oppure come pm;
  • le pagelle ai magistrati, cioè si chiede all’elettore se vuole che l’operato del magistrato possa essere valutato dai membri di Consiglio direttivo della Cassazione e dei consigli giudiziari, avvocati compresi;
  • le nomine dei membri del Consiglio superiore della magistratura (l’organo di governo della magistratura italiana), con riguardo all’obbligo o meno di raccogliere da 25 a 50 firme per potersi candidare al Csm.

> Referendum 12 giugno: i 5 quesiti da votare e Fac-simile schede di voto <


Sarà un Referendum abrogativo, cioè una consultazione popolare per capire se gli italiani vogliono mantenere alcune norme già presenti o le vogliono abrogare (quindi cancellare) dal nostro ordinamento:

  • Chi le vuole mantenere in vigore deve rispondere NO ai quesiti
  • chi le vuole cancellare deve rispondere SI ai quesiti posti nelle schede

Chi vota al Referendum del 12 giugno 2022

Dai dati del Ministero dell’interno, emerge che il corpo elettorale comprensivo anche degli elettori residenti all’estero, desunto dalla rilevazione semestrale 31 dicembre 2021, è pari a 51.533.195 cittadini di cui: 25.039.273 uomini e 26.493.922 donne. Più di 51 milioni di cittadini quindi potranno recarsi in cabina elettorale.

Hanno infatti diritto di partecipare al referendum tutti i cittadini chiamati ad eleggere la Camera dei deputati (dai 18 anni in su).

Elezioni e Referendum giugno 2022: guida completa al voto

IL QUORUM. Per essere valido, il Referendum deve raggiungere il cosiddetto Quorum: cioè la partecipazione di almeno il 50%+1 degli elettori. Inoltre, per andare in porto e abrogare le norme contenute nei quesiti, il SI deve raggiungere la maggioranza dei voti (il 50%+1). In caso contrario (se vincono i NO) restano in vigore le leggi attuali.

Vediamo ora la spiegazione semplice dei 5 quesiti del Referendum 12 giugno.

Referendum 12 giugno: spiegazione semplice Quesito 1

Inserito nella scheda rossa, il quesito 1 del Referendum sulla giustizia di giugno pone questa domanda:

«Volete voi che sia abrogato il decreto legislativo 31 dicembre 2012, n. 235 (Testo unico delle disposizioni in materia di incandidabilità e di divieto di ricoprire cariche elettive e di Governo conseguenti a sentenze definitive di condanna per delitti non colposi, a norma dell’articolo 1, comma 63, della legge 6 novembre 2012, n.190)?»

Niente paura, in parole semplici la domanda è questa: volete abrogare la legge che prevede incandidabilità, ineleggibilità e decadenza automatica per parlamentari, rappresentanti di governo, consiglieri regionali, sindaci e amministratori locali in caso di condanna? Per chi è in carica in un ente territoriale, è sufficiente una condanna in primo grado non definitiva per la sospensione.

  • chi vuole abrogare la legge deve votare SI: e quindi vuole che persone condannate per reati non colposi tornino a ricoprire o mantengano cariche politiche;
  • chi vuole mantenere in vigore la legge deve votare NO: in questo modo si conferma l’incandidabilità e decadenza per queste persone.

Si chiede quindi se si vuole eliminare l’automatismo dell’incandidabilità o decadenza dal ruolo, lasciando la facoltà di decidere in merito0 ai giudici.

Referendum 12 giugno: spiegazione semplice Quesito 2

Passiamo al quesito 2 sulla scheda arancione, quello che chiede:

«Volete voi che sia abrogato il decreto del Presidente della Repubblica 22 settembre 1988, n.447 (Approvazione del codice di procedura penale) risultante dalle modificazioni e integrazioni successivamente apportate, limitatamente alla seguente parte: art.274, comma 1, lettera c), limitatamente alle parole: “o della stessa specie di quello per cui si procede. Se il pericolo riguarda la commissione di delitti della stessa specie di quello per cui si procede, le misure di custodia cautelare sono disposte soltanto se trattasi di delitti per i quali è prevista la pena della reclusione non inferiore nel massimo a quattro anni ovvero, in caso di custodia cautelare in carcere, di delitti per i quali è prevista la pena della reclusione non inferiore nel massimo a cinque anni nonché per il delitto di finanziamento illecito dei partiti di cui all’art.7 della legge 2 maggio 1974, n.195 e successive modificazioni.”?»

In questo caso la domanda posta ai cittadini è: volete abrogare la norma sulla “reiterazione del reato” dall’insieme delle motivazioni per cui i giudici possono decidere la custodia cautelare in carcere o i domiciliari per una persona durante le indagini (prima del processo).

  • Chi risponde SI vuole eliminare questa motivazione dalle ragioni per cui si può disporre la custodia cautelare, lasciando la custodia solo per questi motivi: pericolo di fuga, inquinamento delle prove e rischio di commettere reati di particolare gravità, con armi o altri mezzi violenti.
  • chi vota NO vuole mantenere in vigore la legge che consente l’arresto o i domiciliari anche per la motivazione del pericolo della ripetizione del reato.

Oggi infatti il giudice può adottare come misura cautelare, l’arresto o i domiciliari in alcuni casi di accusa per una persona: ad esempio in caso di pericolo di fuga, inquinamento delle prove e rischio di commettere reati di particolare gravità e, in caso di pericolo di reiterazione del reato: cioè il rischio che il soggetto in questione commetta ancora quel reato.

Il quesito referendario punta a limitare questa azione, anche alla luce del sovraccarico di arresti nel nostro Paese. Il referendum punta quindi a mantenere il carcere preventivo solo per chi commette i reati più gravi, abolendo la presunzione di una reiterazione degli stessi.

Referendum 12 giugno: spiegazione semplice Quesito 3

Il quesito 3 è riportato nella scheda gialla. Clicca sull’immagine sotto per leggere la domanda per esteso:

E’ una domanda molto lunga, che può essere riassunta così:

Volete abrogare la norma che oggi consente di saltellare, nel corso della propria carriera, dal ruolo di giudice a quello di pubblico ministero (accusatore) e viceversa? La domanda nasce perché oggi le carriere tra chi giudica (giudice) e chi accusa (pm) non sono separate. Capita spesso che quindi una persona lavori per anni come pm in funzione di accusa e poi, improvvisamente, diventi giudice. Ciò potrebbe in alcuni casi porre un freno al requisito di terzietà e imparzialità dei procedimenti.

  • Chi vota Si al referendum sceglie quindi di abrogare la norma, optando per l’obbligo di scelta tra essere pm o giudici all’inizio della propria carriera.
  • Chi vota NO invece non ha problemi a consentire la stessa carriera per pm e giudici.

Referendum 12 giugno: spiegazione semplice Quesito 4

Nella scheda grigia c’è il quesito 4, che parla delle pagelle ai magistrati. Chiede all’elettore:

«Volete voi che sia abrogato il decreto legislativo 27 gennaio 2006, n.25, recante «Istituzione del Consiglio direttivo della Corte di cassazione e nuova disciplina dei consigli giudiziari, a norma dell’art.1, comma 1, lettera c) della legge 25 luglio 2005, n.150», risultante dalle modificazioni e integrazioni successivamente apportate, limitatamente alle seguenti parti: art.8, comma 1, limitatamente alle parole “esclusivamente” e “relative all’esercizio delle competenze di cui all’art.7, comma 1, lettera a)”; art.16, comma 1, limitatamente alle parole: “esclusivamente” e “relative all’esercizio delle competenze di cui all’art.15, comma 1, lettere a), d) ed e)”?».

La domanda da evidenziare in questa complicata catena di articoli e commi è:

Volete che l’operato del magistrato possa essere valutato dai membri di Consiglio direttivo della Cassazione e anche dai membri laici dei consigli giudiziari, come professori universitari e avvocati? Al momento ciò non avviene perché la Legge del 2006 lo impedisce.

Infatti i membri laici dei Consigli (avvocati, professori, ecc) sono esclusi dal dibattito e dalla votazione delle decisioni del CSM sulla competenza dei magistrati. In sostanza i giudici del Csm si giudicano tra loro. Anche qui è a rischio l’imparzialità.

  • chi vota SI vuole abrogare la legge e consentire che i magistrati vengano valutati anche dai membri laici come avvocati e professori universitari;
  • chi vota NO vuole continuare a escludere la valutazione laica per i magistrati

Referendum 12 giugno: spiegazione semplice Quesito 5

L’ultimo quesito è riportato nella scheda verde:

«Volete voi che sia abrogata la legge 24 marzo 1958, n.195 (Norme sulla costituzione e sul funzionamento del Consiglio superiore della magistratura), nel testo risultante dalle modificazioni e integrazioni ad esso successivamente apportate, limitatamente alla seguente parte: art.25, comma 3, limitatamente alle parole “unitamente ad una lista di magistrati presentatori non inferiore a venticinque e non superiore a cinquanta. I magistrati presentatori non possono presentare più di una candidatura in ciascuno dei collegi di cui al comma 2 dell’art.23, né possono candidarsi a loro volta”?»

E’ il quesito sulla Riforma del CSM e l’elezione dei membri togati. Chiede all’elettore se vuole cancellare la norma che impone al magistrato di raccogliere da 25 a 50 firme per candidarsi al Consiglio Superiore della Magistratura. L’obiettivo è eliminare il sistema delle correnti nella magistratura.

  • Chi vota SI fa sparire l’obbligo di procurarsi delle firme,
  • chi vota NO lo vuole mantenere.

>> Referendum giustizia 12 giugno: la video-guida semplice per il voto

(Foto copertina: iStock/bizoo_n)




© RIPRODUZIONE RISERVATA


CONDIVIDI

2 COMMENTI

  1. E’ verissimo che i quesiti sono scritti in maniera da risultare incomprensibili. Per la verità, mi pare che alcuni risultino incomprensibili anche a chi tenta di darne un chiarimento. Ad esempio, con riferimento al quesito n°3, la “spiegazione” in termini di separazione delle carriere tra Magistrato giudicante e Pubblico Ministero è decisamente falsa e fuorviante. Il quesito riguarda sole le funzioni e non le carriere. La carriera è e rimane una sola così come rimane unica la modalità di reclutamento delle due figure. Un Magistrato rimane sempre un Magistrato e nulla cambia. La domanda concerne solo le funzioni attribuibili ad un Magistrato. E si vorrebbe che una volta che ad un Magistrato è stata assegnata la funzione di Pubblico Ministero lo stesso non possa essere riassegnato alla funzione Giudicante. Il perché non si capisce dato che le competenze richieste non sono diverse (tant’è che i Magistrati vengono assunti attraverso un unico concorso e seguono comunque un’unica carriera) . A me sembrerebbe che l’alternanza degli incarichi possa solo rappresentare un arricchimento culturale, a tutto vantaggio dell’utente. In ogni caso mi pare un quesito tecnico (come anche altri) che il Parlamento avrebbe fatto bene a dirimere evitando il coinvolgimento popolare.

    • La ringraziamo per la sua ulteriore spiegazione Signor Francesco. Il suo commento è pubblicato qui, a disposizione di chi voglia saperne di più. Saluti.
      Chiara Arroi, Autrice di LeggiOggi

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome