Home PrimoPiano Reddito di cittadinanza, integrazione domande di marzo 2019: come fare, scadenza

Reddito di cittadinanza, integrazione domande di marzo 2019: come fare, scadenza

Integrazione domande Rdc: e Pdc: chi deve farla, entro quando, come va effettuata

integrazione domanda reddito di cittadinanza 2019

Ancora novità in tema Reddito di cittadinanza 2019 e Pensione di cittadinanza 2019. Questa volta in tema di integrazione domande di marzo 2019. A comunicarle è stata l’Inps con un messaggio pubblicato sul sito web dell’Ente, per chiunque abbia presentato la propria domanda nel mese di marzo. Gli interessati dovrebbero aver già ricevuto un avviso via sms o email, ma il motivo di questa integrazione e le modalità da seguire per effettuarla sono riportati in maniera dettagliata in questo articolo.

Anticipiamo che solo chi farà l’integrazione entro il 21 ottobre sarà certo di garantirsi la liquidazione della rata di ottobre del Reddito. In caso contrario si dovrà attendere.

Perché questa integrazione? Chi deve effettuarla? Come va effettuata? Ecco di seguito tutti i dettagli

Integrazione domande reddito di cittadinanza 2019: le novità Inps

Chi ha presentato domanda Rdc e Pdc nel mese di marzo 2019 deve fare molta attenzione a questa novità e al messaggio Inps, in cui viene spiegato che questi beneficiari possono integrare la domanda precedentemente inviata, per garantirsi la continuità nella percezione del sussidio e non dover ripresentare una nuova istanza. Questo succede perché dopo il 6 marzo (data di inizio procedure di domanda) il modello utilizzato ha subito delle modifiche, e i richiedenti successivi si sono serviti di un nuovo modello per trasmettere le proprie istanze all’Inps.

Ecco perché i richiedenti di marzo potranno procedere all’integrazione della domanda precedentemente inviata. Di seguito tutti i dettagli sul sussidio e modalità integrative.

Reddito di cittadinanza 2019: integrazione delle domande di marzo

Come ben specificato nel messaggio Inps (l numero 3568 del 2 ottobre 2019), dal 4 ottobre i beneficiari di Reddito di Cittadinanza o Pensione di Cittadinanza che hanno presentato la domanda a marzo 2019 possono integrarla online.

Le prime domande di RdC e PdC, infatti, sono state presentate a partire dal 6 marzo, utilizzando un modello successivamente cambiato, il 2 aprile, a seguito delle modifiche apportate dalla legge di conversione (legge 28 marzo 2019, n. 26) del decreto-legge 28 gennaio 2019, n. 4.

La legge di conversione ha previsto un regime transitorio di salvaguardia delle richieste presentate prima della sua entrata in vigore, stabilendo che il beneficio potesse essere erogato per un periodo non superiore a sei mesi anche in assenza della nuova documentazione richiesta. Le domande presentate a marzo e accolte sono state così poste in pagamento fino a settembre 2019. Da ottobre occorre però allineare il contenuto delle dichiarazioni al nuovo modello in vigore.

Per evitare che i beneficiari di RdC e PdC con domanda presentata a marzo, e quindi con decorrenza aprile, debbano nuovamente presentare domanda e per garantire la continuità nell’erogazione del beneficio economico, i nuclei familiari interessati potranno integrare le dichiarazioni di responsabilità e prendere atto delle informative aggiornate collegandosi al link https://serviziweb2.inps.it/RedditoCittadinanza/autocertificazione., per il quale non è richiesto il PIN e che è anche indicato nel messaggio loro inviato (Fonte Inps).

Reddito di cittadinanza 2019: come fare l’integrazione domanda

Ma cosa occorre fare in concreto per procedere all’integrazione delle domande di marzo 2019 e garantirsi il reddito di cittadinanza senza dover ripetere ex novo la domanda?

Il beneficiario deve collegarsi al link https://serviziweb2.inps.it/RedditoCittadinanza/autocertificazione senza dover inserire alcun Pin.

Il richiedente dovrà inserire:

  • il protocollo della pratica RdC/PdC (esempio: INPS-RDC-2019-xxxxx);
  • il codice fiscale
  • il codice alfanumerico ricevuto via email o sms.

Reddito di cittadinanza 2019: quando si deve fare l’integrazione della domanda 

Il collegamento alla pagina rimarrà sempre attivo. Solo per le domande aggiornate fino al 21 ottobre, però, sarà possibile l’elaborazione nei tempi utili per la liquidazione della rata spettante per la mensilità di ottobre. Per chi effettuerà l’aggiornamento dopo il 21 ottobre, la prestazione resterà sospesa sino all’acquisizione della dichiarazione.

La Guida completa al Reddito di cittadinanza 

Reddito di cittadinanza 2019: chi può chiederlo

Prima di entrare nel dettaglio dell’integrazione domanda, riepiloghiamo le regole base del sussidio. Innanzitutto chi può accedere al beneficio e fare domanda Rdc, sicuramente per questo 2019, e quasi certamente anche per il 2020.

Possono richiederlo tutti coloro che dimostrano il possesso di questi requisiti.

REQUISITI GENERALI

In linea generale, per chiedere il Reddito sono necessari questi requisiti:

  • cittadinanza o residenza (riferito a chi all’interno del nucleo chiede il sussidio).

In particolare:

  • cittadino italiano o dell’Unione europea,
  • cittadino di paesi terzi con permesso di soggiorno Ue di lungo periodo, apolide o con protezione internazionale,
  • cittadino di paesi terzi, titolare del diritto di soggiorno o diritto di soggiorno permanente, e familiare di un cittadino italiano o dell’Unione europea.

È inoltre richiesta una residenza di almeno 10 anni in Italia, di cui gli ultimi 2 continuativi.

REQUISITI ECONOMICI

  • Isee in corso di validità inferiore a 9360 euro,
  • Patrimonio immobiliare non superiore a 30 mila euro,
  • Patrimonio mobiliare non superiore a 6 mila euro per un solo componente, 8 mila euro per due componenti, 10 mila euro per tre o più componenti + 1000 euro per ogni figlio a partire dal terzo. Massimali incrementati di 5 mila euro per ogni componente con disabilità

Per accedere alla misura è inoltre necessario che nessun componente del nucleo familiare possieda:

  • autoveicoli immatricolati la prima volta nei 6 mesi antecedenti la richiesta, o autoveicoli di cilindrata superiore a 1.600 cc oppure motoveicoli di cilindrata superiore a 250 cc, immatricolati la prima volta nei 2 anni antecedenti (sono esclusi gli autoveicoli e i motoveicoli per cui è prevista una agevolazione fiscale in favore delle persone con disabilità);
  • navi e imbarcazioni da diporto

Sui nuovi requisiti necessari è intervenuta l’Inps con una circolare esplicativa: la numero 100 del 5 luglio 2019, in cui vengono specificate le modifiche introdotte con la conversione del Decreto Pensioni e Reddito di cittadinanza.

L’articolo 2 del decreto-legge stabilisce i requisiti per essere ammessi al beneficio di Rdc/Pdc, riconosciuto ai nuclei familiari che ne siano in possesso, al momento della presentazione della domanda e per tutta la durata dell’erogazione del beneficio.

Per la definizione del nucleo familiare, viene integrata la normativa Isee sulla composizione del nucleo in materia di:

  • coniugi separati o divorziati
  • figli maggiorenni non conviventi, a carico IRPEF dei genitori.

In particolare, i coniugi separati o divorziati fanno parte dello stesso nucleo familiare qualora continuino a risiedere nella stessa abitazione. Questi continuano a far parte dello stesso nucleo anche nell’ipotesi in cui risiedano nella stessa abitazione, ma risultino in due stati di famiglia distinti. Pertanto, affinché i coniugi separati o divorziati costituiscano due nuclei diversi, è necessario che abbiano due diverse residenze.

Se la separazione o il divorzio sono avvenuti successivamente alla data del 1° settembre 2018, il cambio di residenza deve essere certificato da apposito verbale della polizia locale.

Altra novità introdotta sempre in sede di conversione del decreto-legge, prevede che i componenti già facenti parte di un nucleo familiare come definito ai fini ISEE, o del medesimo nucleo come definito ai fini anagrafici, continuino a farne parte ai fini ISEE anche a seguito di variazioni anagrafiche, laddove continuino a risiedere nella medesima abitazione.

Affinché quindi i coniugi separati o divorziati costituiscano due nuclei diversi, è necessario che abbiano due diverse residenze.

La Guida completa alla pensione di Cittadinanza 

Reddito di cittadinanza 2019: come funziona

Il reddito di cittadinanza è una misura di assistenza e inclusione sociale e lavorativa e per questo motivo non può esaurirsi in una semplice erogazione di denaro. Ecco perché prevede due fasi obbligatorie e consequenziali per i suoi beneficiari:

  • la fase 1 con l’erogazione di una somma fino a 780 euro (in base ai requisiti certificati)
  • la fase 2 con il progetto di reinserimento lavorativo e la sottoscrizione del patto per il lavoro con il Centro per l’impiego e l’assistenza dei tutor nella ricerca del lavoro. Fase cominciata a settembre 2019, con 5 mesi di ritardo rispetto all’erogazione delle somme.

La cosiddetta “fase 2” prevede il coinvolgimento dei beneficiari il Reddito in tutta quella serie di attività che gli stessi si sono impegnati a svolgere nel momento in cui hanno sottoscritto il Patto per il lavoro.

L’erogazione del Reddito di cittadinanza è subordinata a:

  • Dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro (Did);
  • Sottoscrizione del Patto per il lavoro e l’inclusione sociale.

L’obbligo coinvolge tutti i componenti il nucleo familiare beneficiario del Reddito che siano maggiorenni, non già occupati e non frequentanti un regolare percorso di studi o di formazione.

Inoltre, il pagamento del sussidio viene effettuato sulla famosa Carta Rdc, che consente di:

  • effettuare prelievi di contante entro un limite mensile di 100 euro per i nuclei familiari composti da un singolo individuo (incrementato in base al numero di componenti il nucleo);
  • effettuare un bonifico mensile SEPA/Postagiro in Ufficio Postale per pagare la rata dell’affitto, in favore del locatore indicato nel contratto di locazione, o la rata del mutuo all’intermediario che ha concesso il mutuo;
  • pagare tutte le utenze domestiche ed altri servizi quali, a titolo esemplificativo, le mense scolastiche, presso gli Uffici Postali (con bollettini o MAV postali) e presso tutti gli esercizi commerciali abilitati (tabaccai, i supermercati, bar, ecc.).

Reddito di cittadinanza 2019: come richiederlo

La domanda per ottenere il Reddito di cittadinanza può essere presentata:

  • online sul sito redditodicittadinanza.gov.it
  • presso i Centri di Assistenza Fiscale (CAF) o,
  • dopo il quinto giorno di ciascun mese, presso gli uffici postali

Questo il nuovo modello da utilizzare per la domanda

Reddito di cittadinanza: novità su conferma 2020

Ovviamente, in tutte le indicazioni fornite, ci riferiamo all’anno di introduzione in Italia del sussidio, ma si prevede che il Reddito di cittadinanza verrà confermato anche nel 2020, con la prossima Legge di bilancio.

Potrebbe interessarti il volume:

Reddito di cittadinanza

Reddito di cittadinanza

Nicoletta Baracchini - Emilio Gregori - Giovanni Viganò, 2019, Maggioli Editore

L’introduzione del Reddito di Cittadinanza ha dato corpo e struttura alla svolta intrapresa dal nostro Paese nelle politiche di contrasto alla povertà avvenuta con l’avvio del Reddito di Inclusione. Più che di una svolta, si è trattato di una vera e propria rivoluzione epocale,...



© RIPRODUZIONE RISERVATA


SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome