Home Economia Addio al Totocalcio: dopo 72 anni il gioco del 13 sarà sostituito:...

Addio al Totocalcio: dopo 72 anni il gioco del 13 sarà sostituito: ecco perché

La legge di bilancio 2019 si occupa anche di Totocalcio, il gioco-concorso sportivo più famoso d’Italia, che ha riunito al tavolo la sera milioni di famiglie italiane alla ricerca del famigerato 13 in schedina. Anche se, di pari passo coi tempi, si era evoluto dalla tradizionale schedina da compilare a pallini, ha resistito sino ad oggi. Fino a un emendamento proposto dei relatori Paolo Tosato (lega) e Gianmauro Dell’Oglio (M5S) depositato in commissione Bilancio al Senato.

Il Totocalcio se l’emendamento sarà approvato, dirà quindi addio agli italiani. Vediamo cosa accadrà in concreto

Addio al Totocalcio: ecco perché

Dopo 72 anni di vita un emendamento alla Manovra potrebbe mandare in pensione la schedina e il numero vincente 13 (anche a dire il vero il gioco ha subito negli anni parecchi cambiamenti rispetto a come lo ricordiamo).

L’emendamento proposto prevede una riforma dei concorsi pronostici sportivi attraverso la sospensione e chiusura di specifici giochi compresi nel palinsesto dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli, tra cui proprio il Totocalcio, Il9 e il Totogol.

I motivi sono due:

  • Diminuire i rischi legati al fenomeno del gioco d’azzardo (anche se il totocalcio non rientra tra i giochi a rischio ludopatia);
  • Il trend negativo nella raccolta che il gioco riporta da oltre un decennio a causa dell’aumento dei giochi offerti, la bassa percentuale di payout rispetto ad altri giochi, il fatto che la formula tutto sommato è rimasta invariata, a fronte della crescita di nuove tipologie di gioco.

Una raccolta che nel 2017 si è attestata a 17.197.488,00 euro, per un totale di imposta unica accertata di 5.819.629.,32. Questo a fronte di 273.949.733,00 di raccolta e 92.704.589,65 di imposta unica del 2006. Un vero e proprio crollo nella raccolta.

Addio al Totocalcio: il nuovo concorso

Per tutti questi motivi, l’emendamento propone una riformulazione della proposta dei concorsi con una sostituzione del Totocalcio con un nuovo gioco che, oltre a ridurre l’offerta in termini di prodotti disponibili, potrà garantire un aumento della raccolta per giochi con un livello di compulsività basso. Il prodotto sarà promosso e potrà essere pubblicizzato, in deroga ai divieti del decreto dignità sulla pubblicità del gioco d’azzardo, dalla nuova Spa pubblica dello sport che potrà contare anche dalle entrate erariali sui concorsi pronostici sportivi.

Rispetto al vecchio Totocalcio dal 1° luglio 2019 cambiano anche le percentuali di ripartizione della raccolta e la quota destinata a montepremi:
• il 75% sarà restituito in vincite rispetto all’attuale 50%;
• il 5% sarà riconosciuta come compenso del concessionario;
• l’8% a titolo di aggio per il punto vendita;
• il 12% destinata alla società Sport e Salute Sp per le attività di promozione del gioco e a forme di integrazione del nuovo concorso con attività sociali, sportive, culturali, nonché a proposte di sviluppo.

Sarà poi eliminata dal 1° luglio 2019 l’imposta unica sui concorsi pronostici sportivi e sulle scommesse a totalizzatore sportive e non e il diritto fisso.



© RIPRODUZIONE RISERVATA


CONDIVIDI

1 COMMENTO

  1. SONO UN VECCHIO GIOCATORE DEL CONCOSO TOTOCALCIO,VORREI SAPERE IL MOTIVO PER IL QUALE IL NUOVO CONCORSO TOTOCALCIO DEL 1 LUGLIO 2019 NON VIENE DIVULGATO LA MODALITA’ E IN CHE MODO E’ STRUTTURATO.SPERO CHE OLTRE AL 12,13,14 E 9 NON VENGONO SOPPRESSI I SEGNI 1X2 DA QUESTI GENI CHE HANNO FATTO UN CAMBIAMENTO EPOCALE .SAREBBE UN COLPO AL CUORE PER MILIONI E MILIONI DI GIOCATORI CHE COME ME SI ENTISIASMAVANO ATTRAVERSO SISTEMI MATEMATICI PER POTER AMBIRE A IMPORTANTI VINCITE
    G.RIZZITANO

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome