Oggi, poco prima di mezzogiorno, il Ministro dell’Economia Giovanni Tria, ha inviato al Vice Presidente della Commissione europea, Valdis Dombrovskis, e al Commissario Ue agli affari economici e Monetari, Pierre Moscovici, la risposta alla loro dura lettera dello scorso fine settimana, in cui chiedevano chiarimenti sulla Manovra, in particolare sul Documento Programmatico di Bilancio (DPB) 2019.

Scarica qui la lettera del ministro Tria 

Il Ministro Tria ribadisce il quadro macroeconomico contenuto nel DPB e i termini della politica economica del governo, finalizzata a stimolare crescita per favorire la riduzione del debito pubblico. Un sostegno importante alla crescita economica è atteso dal rilancio degli investimenti, sia pubblici che privati che in capitale umano, e dalle riforme strutturali che il governo intende mettere in atto.

Manovra: la risposta di Tria alla Commissione europea

“Il governo italiano è cosciente di aver scelto un’impostazione della politica di bilancio non in linea con le norme applicative del Patto di Stabilità e crescita”, si legge nelle parole di Tria, “ma è fiducioso che la manovra di bilancio non esporrà a rischi la stabilità finanziaria né degli altri paesi membri dell’Unione Europea”.

“Una decisione difficile ma necessaria alla luce del persistente ritardo nel recuperare i livelli di Pil pre-crisi e delle drammatiche condizioni economiche in cui si trovano gli strati più svantaggiati della società italiana”, ha spiegato il ministro.

Una risponda che lascia intendere come il programma di finanza pubblica, contestato dalla Commissione Ue, resti invariato.

Invece del taglio da 10 miliardi (-0,6% del Pil) al deficit strutturale, il Documento programmatico di bilancio prevede per l’anno prossimo un aumento calcolato intorno ai 14,4 miliardi (+0,8%), e che Bruxelles stima addirittura vicino ai 18 miliardi.

La ragione di questo cambio di rotta, insiste la risposta firmata da Tria, è nell’esigenza di evitare una stretta fiscale che avrebbe l’effetto di frenare ulteriormente un ritmo dell’economia già fortemente rallentato rispetto alle previsioni. Per puntare all’obiettivo di una crescita all’1,5%, il Governo rilancia quindi gli stanziamenti aggiuntivi e lo sblocco delle procedure per gli investimenti pubblici, e un programma di riforme che poggia su un lungo elenco di interventi dalla riforma della giustizia civile alle semplificazioni per Codice appalti e attività della Pubblica amministrazione.

Manovra: le parole del Premier Conte

Nella lettera all’Ue vogliamo spiegare la nostra manovra. Già in questa lettera abbiamo spiegato perché l’abbiamo impostata in questi termini, abbiamo spiegato la direzione della nostra politica economica, gli obiettivi che intendiamo raggiungere. Ma siamo disponibili a metterci a un tavolo per proseguire una interlocuzione con la Commissione europea”. Lo ha affermato il presidente del Consiglio Giuseppe Conte incontrando la stampa estera. “Abbiamo ribadito nella lettera che è stata spedita poco fa che noi siamo assolutamente in Europa, vogliamo dialogare con le istituzioni Ue, vogliamo che quest’interlocuzione si svolga nello spirito di un dialogo costruttivo, non mettiamo in discussione i ruolo della commissione Ue”.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA


1 COMMENTO

  1. Come persona comune, ho letto attentamente tutta la manovra. Pensare io credo sia una buonissima maniera di provare le proprie azioni e pratiche nel tempo. Da quando sto attenta più che mai a ciò che viene detto nei palazzi della “Polis Civitas”, mi rendo sempre più conto e comprendo fino in fondo il concetto chiave: “L’Unità passa attraverso la distintività”. Ora se andiamo avanti assieme come paese, il Governo dovrà ribadire sempre con parole nuove e comprensibili il suo avvicinamento alla gente facendo crescere ogni settore, senza sprechi di denaro inutili ed incentivando la Scienza in casa nostra e la Conoscenza Totale e multidisciplinare: (vedi edilizia scolastica e non, Università, tecnologia, attenzione ai disabili gravissimi e lotta ai pregiudizi con avanzamento del digitale semplice e accessibile a tutti coloro che si vogliono impegnare per un Mondo più vivibile e sereno.

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome