L’Agenzia delle entrate sta preparando i contribuenti ad affrontare il nuovo obbligo della fattura elettronica, che scatterà dal prossimo 1° gennaio 2019. “Fatture e Corrispettivi”, il servizio on line dell’Agenzia dedicato è pronto a rinnovarsi ed ad offrire una serie di servizi per facilitare la compilazione, l’invio, la conservazione e la consultazione delle proprie fatturazioni.

Sono pronti per essere utilizzati la nuova sezione del sito dedicata alle fatture “Fatture e corrispettivi”, una guida all’utilizzo e due video-tutorial per spiegare ai contribuenti come adempiere agli obblighi senza incappare in errori.

Leggi anche “Decreto dignità: le misure fiscali

Il tutto è stato presentato gli scorsi giorni – il 27 settembre – in occasione di un incontro con rappresentanti dell’Agenzia dell’Agenzia e i consulenti del lavoro, in attesa del prossimo 1° gennaio.

L’Agenzia delle Entrate ha predisposto un’area tematica sul proprio sito interamente dedicata alla fattura elettronica che – anche grazie ad una guida in pdf – illustra tutta la procedura da seguire. Inoltre, sul canale Youtube dell’Agenzia sono stati caricati due video-tutorial.

Vediamo in dettaglio gli adempimenti e i servizi che le Entrate mettono a disposizione dei cittadini sul proprio sito.

Consulta lo speciale Decreto dignità 

Fattura elettronica: cosa prevede l’obbligo

Secondo quanto prevede la Legge di Bilancio 2018, dal 1° gennaio 2019 gli operatori Iva, soggetti residenti o stabiliti in Italia, dovranno emettere e ricevere le proprie fatture per cessioni di beni e prestazioni di servizi esclusivamente in modalità elettronica, sia con riferimento agli altri operatori Iva (operazioni B2B, cioè Business to Business), sia con riferimento ai consumatori finali (operazioni B2C, cioè Business to Consumer).

Fattura elettronica 2019: chi è esonerato

Sono esonerati dall’emissione della fattura elettronica solo gli operatori che rientrano nel “regime di vantaggio” (art. 27, commi 1 e 2, Dl 98/2011) e quelli che rientrano nel “regime forfettario” (art. 1, commi da 54 a 89, L. 190/2014). Esclusi anche i “piccoli produttori agricoli”, esonerati dall’emissione di fatture già prima dell’introduzione dell’obbligo di fatturazione elettronica.

Fattura elettronica: il portale “Fatture elettroniche e corrispettivi”

Per tutto ciò che riguarda la fatturazione elettronica, è possibile accedere al nuovo portale “Fatturazione elettroniche e corrispettivi”, all’interno del quale sono presenti:

  • La guida alla fatturazione elettronica;
  • I servizi gratuiti per predisporre, inviare e conservare le fatture elettroniche (software e app);
  • La normativa, la prassi e le regole;
  • Il link vero e proprio per accedere al portale Fatture e Corrispettivi e compilare le proprie fatturazioni in formato elettronico.

Fattura elettronica: la guida in pdf 

Pensato con un taglio pratico “pronto all’uso”, il vademecum pubblicato spiega cosa cambia dalla carta al formato elettronico e fornisce un quadro a 360 gradi sulla nuova modalità di fatturazione:

  • chi ricade nell’obbligo
  • chi è esonerato,
  • quali sono i vantaggi,
  • come funziona il Sistema di interscambio, il “postino” che si occupa di far viaggiare le e-fatture.

Un apposito capitolo illustra tutti i servizi messi a punto dall’Agenzia per gli operatori: la procedura web, il software scaricabile su pc e l’app Fatturae, scaricabile dagli store Android o Apple, per emettere, inviare e conservare i documenti fiscali.

Scarica la guida in pdf 

Fatturazione elettronica: i video tutorial

Tutte le informazioni sulla novità in arrivo sono illustrate in un video-tutorial, ora disponibile sul canale istituzionale YouTube dell’Agenzia delle Entrate.

Per sapere, invece, cos’è il QR-Code e come utilizzarlo per emettere e ricevere in modo ancora più semplice le e-fatture, basta guardare il secondo video-tutorial, che spiega come ottenere il proprio codice a barre digitale tramite il Cassetto fiscale o il portale “Fatture e corrispettivi”.

Fonte: Agenzia delle entrate

Ecco un un video-tutorial dell’Agenzia sulla Fattura elettronica

Potrebbe inoltre interessarti:

Decreto dignità

Decreto dignità

Cinzia De Stefanis, 2018, Maggioli Editore

Con il cosiddetto Decreto dignità (Decreto Legge 12 luglio 2018, n. 87, convertito nella Legge 9 agosto 2018, n. 96) si interviene su quattro macro aree: lavoro, gioco d’azzardo, delocalizzazioni e fisco. In questa breve guida vengono analizzate e commentate le più importanti novità...



© RIPRODUZIONE RISERVATA


SCRIVI UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento!
Inserisci il tuo nome