Tari rifiuti

Chi ha pagato la Tari “gonfiata” ha diritto al rimborso delle somme pagate in eccedenza e deve chiederlo entro 5 anni dalla data di pagamento. Ecco come capire se si è pagato di più e come chiedere il rimborso.

Come si calcola la Tari?

La Tari si calcola sommando la quota fissa e la quota variabile, stabilita dai Comuni. La quota fissa si calcola moltiplicando i metri quadrati dell’unità immobiliare per il numero di persone che la occupano, mentre la quota variabile è invece collegata solo al numero degli occupanti.

L’errore alla base del calcolo della Tari è dovuto al fatto che alcuni Comuni hanno applicato a ogni unità immobiliare sia la quota fissa sia quella variabile, mentre quest’ultima va collegata all’utenza intera. Nell’avviso di pagamento della Tari vengono indicati i dettagli relativi all’utenza: i dati catastali, la superficie immobiliare, il numero dei componenti e le 2 quote, fissa e variabile, quest’ultima deve essere presente per l’abitazione principale ma non per le pertinenze.


Leggi anche TARI 2016, Tassa sui Rifiuti: chi la paga, come va calcolata, riduzioni e esenzioni

Diritto al rimborso della Tari

Secondo la Legge Finanziaria 2007 il contribuente può richiedere il rimborso delle somme versate e non dovute entro 5 anni dal giorno del versamento e il Comune (o l’ente incaricato) dovrebbe effettuare il rimborso entro 180 giorni dalla data di presentazione dell’istanza.

In caso di diniego del rimborso il contribuente può presentare ricorso alla commissione tributaria provinciale entro 60 giorni di tempo per proporre ricorso alla commissione tributaria provinciale territorialmente competente.

È necessario inviare la richiesta con raccomandata a.r. o posta elettronica certificata, firmata dal titolare dell’utenza e citando gli estremi dell’interrogazione parlamentare n. 5-10764 del 18 ottobre 2017.

Alla richiesta vanno allegati gli avvisi di pagamento della Tari che contengono:

  • il riepilogo dell’importo da pagare e il dettaglio delle somme,
  • i dati catastali dell’immobile,
  • la superficie tassata,
  • il numero degli occupanti,
  • la quota fissa e variabile distinta per ogni unità immobiliare.

Consigliamo la lettura di

La Tassa Rifiuti: aspetti economici, ambientali e tributari a carico delle imprese e dei cittadini

La Tassa Rifiuti: aspetti economici, ambientali e tributari a carico delle imprese e dei cittadini

Marco Fosco, Emiliano Limiti, Simone Covino, 2017, Maggioli Editore

Il volume si propone un’agile analisi dell’imposizione collegata al servizio di smaltimento rifiuti nei Comuni italiani: dietro acronimi come TARSU, TIA, TARES e TARI si nasconde l’ambiguità di un esborso di denaro che il legislatore qualifica talvolta come...




CONDIVIDI
Articolo precedenteTerzo Settore, cosa cambia con il nuovo Codice
Articolo successivoLegge 104, tutti bonus fiscali per i disabili nel 2018

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here