Canone Rai

La Legge di Bilancio 2018 è attualmente all’esame del Senato e tra le varie misure, contiene anche il contributo per il nuovo digitale terrestre. Nell’articolo 89 del testo della Manovra 2018 presentato a Palazzo Madama viene previsto un contributo per le famiglie per l’adeguamento degli apparecchi televisori in vista del passaggio dal 1° luglio 2022: 100 milioni di euro in 4 tranche entro il 2022 che saranno inseriti negli esercizi finanziari 2019-2022. Vediamo nel dettaglio cosa cambierà con il nuovo digitale terrestre e cosa prevede il contributo contenuto nella Legge di Bilancio.

 

Cosa cambia con il nuovo digitale terrestre

Un’ordinanza di qualche mese fa della Commissione Europea impone entro il 2020 con proroga al 2022, il cambio delle frequenze del digitale terrestre da 700 Mhz (che saranno assegnate alle telecomunicazioni mobili 4g e 5g) a 470-694 mhz. Previsto lo switch off totale dal 1° luglio 2022.


I nuovi apparecchi televisori dovranno avere in dotazione:

  • nuovo standard Dvb-T2;
  • il codec Hevc (High efficiency video coding) al posto degli attuali Mpeg2/Mpeg4 per la compressione dei dati senza alterare la qualità dell’immagine.

Dal 1° Gennaio 2017 vige l’obbligo per i negozianti di vendere i televisori già dotati di entrambe queste caratteristiche, quindi chi ha comprato un apparecchio pochi mesi fa non dovrà cambiarlo, mentre chi ha effettuato l’acquisto anche solo un paio di anni fa, molto probabilmente, dovrà cambiare la propria tv.

Per restare aggiornato su tutte le novità della Manovra 2018 consigliamo l’ebook

Legge di Bilancio 2018: tutte le novità per i professionisti

Legge di Bilancio 2018: tutte le novità per i professionisti

2017, Maggioli Editore

Guida pratica in forma ebook che illustra tutte le novità contenute nel testo definitivo della Legge di Bilancio 2018 presentato in Parlamento lo scorso 31 ottobre.La Manovra vale complessivamente 20,4 miliardi di euro e punta alla crescita con il sostegno agli investimenti e all’occupazione,...



Il contributo per la nuova tv nella Legge di Bilancio 2018

In vista della scadenza, il Governo ha deciso di prevedere un contributo economico per agevolare le famiglie ad adeguarsi ai nuovo standard europei: un incentivo statale ai costi a carico degli utenti per l’acquisto di nuovi televisori, come previsto dal d.l. 16/2012,

Il contributo, 100 milioni di euro in 4 tranche entro il 2022 che saranno inseriti negli esercizi finanziari 2019-2022, sarà destinato a chi è esonerato dal pagamento del canone Rai, ovvero chi ha più di 75 anni ed è in condizioni economiche disagiate. Ogni famiglia potrà ottenere il contributo per un solo televisore.

In caso di insufficienza dei fondi stanziati, il Governo deciderà di effettuare un nuovo stanziamento.

Leggi anche Legge di Bilancio 2018: ecco il testo definitivo della Manovra

 


CONDIVIDI
Articolo precedenteConferma e nomina del segretario comunale e provinciale: costituzionalità dello spoil system
Articolo successivoConcorso Polizia Penitenziaria, come compilare la domanda

1 COOMENTO

  1. Ma perché dovrei cambiare TV, comprata 2-3 anni fa. Io il digitale terrestre non lo guardo mai. È tutta Tv spazzatura, a parte qlc canale Rai. Mi devono pagare per vedere il DT. Altro che rottamare Tv…. Dovrebbero rottamare le trasmissioni che molte emittenti TV fanno.

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here