Il Senato ha dato l’ok al testo della Legge di Bilancio sul quale il Governo Gentiloni ha chiesto e ottenuto il voto di fiducia il 30 novembre scorso. Il provvedimento confluito in un maxiemendamento passa ora al vaglio della Camera dei Deputati per essere approvato definitivamente entro fine anno. Nelle ultime ore Montecitorio ha dato l’ok sul decreto Fiscale, provvedimento collegato alla Legge di Bilancio che ora è legge.

Tra le misure inserite nella prossima Manovra analizziamo più nel dettaglio le novità che riguardano le pensioni e il lavoro.

Adeguamento età pensionabile

Non sarà ritoccato il meccanismo di adeguamento dell’età pensionabile alla speranza di vita: dal 2019 è previsto quindi l’innalzamento della soglia dai 66 anni e 7 mesi attuali, che sarà determinata dopo l’aggiornamento Istat. Nel caso in cui non ci fossero variazioni, dal 2021 l’età salirà a 67 anni, secondo la Legge Fornero.

Ape social donna e Rita

Sconto di 6 mesi per ogni figlio, fino a un massimo di 2 anni,alle donne lavoratrici per accedere all’Ape social. Nel 2018 il beneficio sarà esteso anche in caso di scadenza di un contratto a tempo determinato, a condizione che il lavoratore, nei 3 anni precedenti abbia  avuto un lavoro come dipendente per almeno 18 mesi. Sarà inoltre semplificata e resa stabile RITA, la “Rendita integrativa temporanea anticipata”.

Consulta lo Speciale Riforma Pensioni

Più fondi per il Reddito di inclusione

Dal 2018 aumenterà il numero di famiglie interessate dal Reddito di Inclusione, da 490mila di inizio gennaio si arriverà a fino ad un massimo 650mila. Ai fondi iniziali di 1,7 miliardi di euro si aggiungeranno altri 300 milioni per il 2018, 700 milioni per il 2019 e 900 milioni per il 2020. In aumento anche l’assegno per le famiglie con più di 5 componenti: da 480-490 euro si arriverà a 530-540 euro.

Resta aggiornato con il nostro speciale Legge di Stabilità 2018

Incentivi per l’assunzione dei giovani

Come annunciato nelle settimane scorse la Legge di Bilancio 2018 prevede anche una riduzione del 50% dei contributi per 3 anni per le assunzioni a tutele crescenti fino a 29 anni, con limite a 3mila euro. Solo per il 2018 lo sconto riguarderà l’assunzione di giovani fino a 35 anni di età. Lo sgravio diventa del 100% se si assume nelle regioni del Sud Italia e si applicherà anche ai giovani provenienti dall’alternanza scuola-lavoro, dall’apprendistato o ai Neet.

Saranno stanziati per questo intervento 300 milioni per il prossimo anno, 800 nel 2019 e 1,2 miliardi nel 2020.

Pubblico Impiego, rinnovo contratti

Stanziati 2,6 miliardi di euro per il rinnovo dei contratti dei lavoratori del pubblico impiego che garantiranno un aumento di 85 euro in busta paga, compresi gli insegnanti. Aumenti in vista anche per i dirigenti scolastici. Annunciato anche l’assunzione di 1500 ricercatori universitari e lo sblocco degli scatti di anzianità dei docenti universitari.

Resta aggiornato sulle novità della Legge di Bilancio 2018 con la Guida in formato Ebook

Legge di Bilancio 2018: tutte le novità per i professionisti

Legge di Bilancio 2018: tutte le novità per i professionisti

2017, Maggioli Editore

Guida pratica in forma ebook che illustra tutte le novità contenute nel testo definitivo della Legge di Bilancio 2018 presentato in Parlamento lo scorso 31 ottobre.La Manovra vale complessivamente 20,4 miliardi di euro e punta alla crescita con il sostegno agli investimenti e all’occupazione,...




SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here